Tu sei qui

Eliminare la scabbia

9 Dicembre 2015

Confesso che ritengo la Scabbia una delle patologie più semplici e facili da curare. Non è una provocazione!

Il problema è che spesso, e fatico a comprenderne le ragioni, c'è grande confusione in merito. 

Capito la preoccupazione nel momento in cui il dermatologo comunica la diagnosi di Scabbia ma non escludo da quel momento in poi subentra una grande confusione che interferisce con la guariogione o con l'esecuzione correttamente del trattamento. Tutto ciò comporta che le persone si portino dietro il problema per tanto tempo, a volte mesi quando normalmente la guarigione è possibile dopo solo 1 settimana.

  • Enrica

    Salve..oggi mi é stata diagnosticata la scabbia..sono in Australia da due mesi ho fatto tanti traslochi e nel penultimo penso di averla contratta,ora abito in una camera di motel con un ragazzo,che per il momento si é spostato ma tornerá tra 2 giorni.Non lo conosco x me é un estraneo non condividiamo troppo ma comunque in questa situazione,lontani da casa si fa amicizia con molte persone che ,soprattutto,danno baci sulla guancia quando ti presenti.La mia preoccupazione é,posso avere contagiato gli altri?e per le pulizie come devo fare?ho avvertito la receptionist ma nn ha ben capito la gravitá secondo me..nel frattempo ho pulito meglio che potevo comprando detergenti disinfettanti ma la paura di non aver fatto abbastanza é tanta...domani chiedo la pulizia della camera accurata...visto che al momento dormo sul materasso dell'altro ragazzo ricoperto da buste...ho iniziato il trattamento ma ho troppa paura che le cose attorno nn mi permettano di guarire...purtroppo non posso fare troppo non ho tutte le armi per combattere questa cosa come posso fare nelle mie condizioni per dare il meglio...putroppo nn ci sono altre camere libere. Grazie

    • alessandro martella - Myskin

      Enrica, 

      ho letto con attenzione la tua preoccupazione per quanto riguarda la pulizia ambientale ma non fai riferimento alla terapia e al trattamento che dovresti eseguire per guarire dalla scabbia. 

      Un semplice bacio non è sufficiente per contagiare qualcuno perchè serve un contatto diretto e prolungato pelle-pellle oppure è necessario dormire in un letto dove precedentemente l'ha fatto uno con la scabbia oppure indossare gli stessi abiti oppure accudire una persona con la scabbia. 

  • rosy

    questa crema di cui parlavi nell'articolo la trovo in farmacia? abbiamo fatto la cura con la pomata scabiacid tutta la famiglia...pulizie accurate vestiti sterilizzati coperte e lenzuoli cambiate giornalmente,ma da quasi una settimana dalla cura il mio prurito sembra sempre uguale e i puntini non diminuiscono soprattutto su mani e polsi

    • alessandro martella - Myskin

      Rosy, non è detto che quanto descritto sia una persistenza della scabbia perchè potrebbe essere ad esempio anche un'irritazione dovuta al trattamento eseguito. Ad ogni modo per la crema descritta nel post è necessaria la prescrizione del dermatologo che consiglio di consultare per le sue manifestazioni

  • Francesco

    Gentile Dottore, a scuola nella classe di mio figlio si è verificato un caso di scabbia. Questo bambino alcuni giorni prima è anche venuto a casa qualche ora per giocare con mio figlio. Ora sono estremamente preoccupato e vorrei capire il da farsi per tutti i membri della mia famiglia. L'USL locale ha emesso un comunicato assurdo che sostanzialmente dice di non fare nulla ma solo controllare. Non sono affatto convinto, anche leggendo le info sul suo blog. Dovremmo rivolgerci ad un dermatologo immediatamente? Non abbiamo nessun sintomo ne segni. Se chiudessi casa per 4/5 gg la cosa si risolverebbe o devo disinfestare tutto comunque? Spero in una sua risposta. Grazie

    • alessandro martella - Myskin

      Francesco, 

      se non si sono verificati contattati diretti (pelle-pelle) e prolungati il comunicato che vi è stato recapitato è corretto. 

      Poi, non serve a nulla chiudere casa per 4/5 giorni. L'atteggiamento corretto è monitorare la situazione. 

  • Riccardo

    Buongiorno Dottore, in seguito ad un viaggio nei Caraibi e dopo alcune settimane di intenso prurito, mi sono recato dal medico di base, che mi ha diagnosticato scabbia in seguito all'osservazione a occhio nudo del mio rash cutaneo. Il medico non é stato in grado di identificare alcun cunicolo ma sulla base di un'analisi differenziale dei sintomi si é detto ragionevolmente certo della diagnosi e mi ha prescritto una cura con perimetrina. Ho eseguito cura e pulizia degli ambienti secondo manuale e ripetuto il trattamento ieri per la seconda volta. L'eruzione cutanea ha effetivamento subito un rallentamento ma é ancora presente e continuo a notare nuove vescicole pruriginose nelle zone tipiche (avambracci, gomiti, interno coscia) che mi provocano fastidio specialmente notturno. Proprio questa caratteristica mi preoccupa: ho letto che il prurito notturno é dovuto al calore delle coperte che stimola l'attivitá degli acari. Siccome il mio prurito post trattamento continua a essere prevalentemente notturno, devo concludere che la cura sia stata inefficace e che alcuni acari possano essere sopravvisuti?

    • alessandro martella - Myskin

      Riccardo, 

      i tupi dubbi e le tue domande sono legittime però in tutta la tua storia c'è un problema: la presunta diagnosi di scabbia formulata dal tuo medico. In altre parole manca una conferma quindi se manca ogni nosra discussione è vana perché potrebbe essere tutt'altro e di conseguenza richiedere un approccio differente. 

      Cosa fare? Chiedere il consulto del dermatologo per una conferma della diagnosi e poi tutto il resto

  • Martina

    Sono 8 mesi che tratto la scabbia!!!!!! 8 mesi di inferno, il mio ragazzo mi ha lasciata e sono caduta in depressione. Tratto la scabbia con la permetrina al 5% ,ho usato anche rimedi naturali e benzil benzoato al 10% come prescritto dal pronto soccorso. Miglioro ma poi continui ad avere bolle d'acqua sulle mani e le mie gambe ora sono sempre piene di pustole piene di pus. Ad oggi posso dire di aver speso 1500€ di medicinali che non sono serviti a nulla. Mi aspetto solo di perdere il lavoro!

    • alessandro martella - Myskin

      Martina, 

      mi spiace molto leggere la tua storia però sinceramente qualcosa non torna. Non metto in dubbio che tu non abbia avuto la scabbia ma otto mesi sono ben tanti!!! 

      La scabbia è un'infezione che se trattata correttamente si risolve nel giro di poco tempo! Durante tutti questi mesi il dermatologo ha sempre evidenziato la persistenza dell'acaro della scabbia nella tua pelle?

  • Stefania

    Salve Dottore, ho contratto la scabbia e sono in cura con risultati al momento positivi. Vorrei sapere quanto a lungo l'acaro può vivere e persistere nei tessuti senza il contatto umano? Mi riferisco soprattutto al divano in stoffa, cuscini non sfoderabili e sedie in pelle, ai fini del debellamento totale anche in casa. Grazie mille

  • anna L.

    salve! dunque dopo un mese di martirio in cui credevo di essere diventata pazza mi è stata diagnosticata la scabbia ieri mattina. circa un mese fa ho iniziato ad avere prurito prima su braccia e petto che piano piano si è esteso a tutto il corpo. non avevo nessun segno visibile. quindi ho pensato di tutto, nervosismo, allergia, rosolia(?), tumori al fegato (questo si legge cercando prurito diffuso), insomma stavo impazzendo, ho contrastato il prurito con oli di lavanda, gel d'aloe, creme di calendula, antistaminici (dati dal medico curante), talco mentolato e zolfo.. qualche giorno fa mi sono spuntati dei puntini tra le dita delle mani e sui polsi e mi sono ricordata di un'epidemia di scabbia a cui ho assistito senza esserne contagiata circa 10 anni fa a lisbona. quindi sono andata in pronto soccorso per malattie infettive e una dermatologa mi ha visto con il dermoscopio il puntino più grande che ho 8comunque piccolissimo) e ha detto si, scabbia. mi ha prescritto il veralga zolfo BB, ho ringraziato pensando ok, sarà un'odissea da almeno il nemico è chiaro. in 3 farmacie diverse mi hanno detto che il veralga zolfo bb non è più in produzione. ho ritelefonato alla dottoressa che mi ha allora detto di prendere il PAF anche un pò incredula sul fatto che l'altro fosse introvabile. sono tornata in farmacia, in 2 farmacie mi hanno detto che anche il paf non è più in produzione, quindi esasperata da questo ping pong ho chiesto a loro di dirmi cosa possono procurarmi in breve tempo. mi hanno dato la crema antiscabbia 50 grammi della candioli dicendomi comunque di chiedere al dermatologo. io l'ho presa ugualmente perché stasera DEVO iniziare a fare qualcosa, quindi il mio piano è fare una prima applicazione e domani mattina risentire la dottoressa. comunque, secondo lei basta una sola applicazione da ripetere dopo una settimana come scritto sul foglietto o è necessario ripeterla per 3 giorni consecutivi come scritto in internet? altra domanda: in camera ho la moquette, è una tragedia, non posso né incelofanarla come fatto con cuscini e materasso, né metterla fuori al gelo, né lavarla a 90°... come si fa a bonificare la moquette? non ho trovato prodotti specifici, non ho la vaporella.. la devo buttare? grazie

    • alessandro martella - Myskin

      Ciao Anna, 

      dubito fortemente che con una sola confezione da 50 gr tu possa trattare tutta la tua superficie corporea. E poi, vivi da sola o con qualcuno? Se vivi con qualcuno oppure hai un partner è molto propabile che anche loro, pur in assenza di sintomi, debbano eseguire un trattamento di profilassi.

      Di sicuro chiedi chiarimenti al tuo dermartologo per quanto riguarda il tratttamento anti-scabbia.

      Invece, per quanto riguarda la pulizia da seguire a casa, mi riferisco alla moquette, è necessario trattarla con un sistema simile alla vsaporella perché impensabile di usare solo prodotti per poterlo fare.

  • Jada C.

    Salve Dottore,
    Comincio col dire che quasi 16 anni e il 13 gennaio (ovvero venerdì) mi è stata diagnosticata la scabbia dopo due mesi di pruriti e bolle su tutto il corpo e in maggioranza nelle zone genitali e addominali e stranamente anche una sul collo e una sulla guancia.
    Mi è stata prescritta una cura da preparare in farmacia e la sera stessa l'ho subito iniziata.
    Ieri sera (16 gennaio) ho terminato il primo ciclo e mi è stato detto di farne un altro dopo 8 giorni.
    Ora il problema qual'è:
    Da oggi pomeriggio mi sono accorta che continuano a crearsi nuove bolle uguali alle prime ed alcune delle prime si sono seccate ma altre ancora prudono. Le nuove bolle sono palesemente di scabbia, la mi preoccupazione è che la cura non abbia avuto effetto, eppure la pulizia della casa è come indicata.
    Che devo fare? Devo continuare il primo ciclo il quale era di 4 giorni oppure aspettare il secondo?
    Aspetto con ansia una sua risposta cordiali saluti.

    • alessandro martella - Myskin

      Ciao Jada, 

      difficile appurare ad occhio nudo e con rispeto se non si è esperti chje le nuove manifestazioni sono "palesemente di scabbia". 

      Possono essere simili certo ma porebbero essere delle manifestazioni irritate della scabbia trattata oppure della manifestazioni attive, sempre che fossero di scabbia, perché il trattamento non è stato eseguito in maniera corretta. Così come potrebbe essere una reazione irritativa allla cura. 

      Consiglio nel suo interesse di seguire le indicazioni del suo dermatologo e poi ovviamente di ripresentarsi al controllo per accertare la guarigione

Partecipa alla conversazione.

Condividi su

Dermaforum: Scopri le conversazioni correlate

  • Ti è stata diagnosticata la Scabbia? Questa discussione nasce per capire, confrontarsi e condividere le esperienze di ognuno e avere le...

    585
  • Fermo resta che la diagnosi deve essere sempre confermata dal dermatologo quando ci si trova di fornte ad un prurito persistente e...