L’Herpes Zoster, più comunemente detto fuoco di S.Antonio, provoca dolorose eruzioni cutanee, prurito e bruciore della pelle, e nella maggior parte dei casi dura da 3 a 5 settimane. Le persone di solito sperimentano l’herpes zoster una sola volta nella vita, ma l’infezione può ripresentarsi.

L’Herpes Zoster è un’infezione virale che colpisce circa 1 adulto su 3.
Circa la metà di tutti i casi di Herpes Zoster si verificano negli adulti  con oltre 60 anni.
Può verificarsi in chiunque abbia avuto la varicella , poiché sia ​​l’herpes zoster sia la Varicella sono causate dal virus Varicella-Zoster (VZV). Questo virus rimane nel corpo dopo la guarigione dalla varicella e può riattivarsi in qualsiasi momento, causando l’herpes zoster.
I sintomi dell’Herpes Zoster tendono a svilupparsi su un lato del viso o del corpo. Spesso colpiscono solo una piccola area. La posizione più comune è sul fianco, anche se possono verificarsi ovunque.

Cronologia dei sintomi

Un’eruzione cutanea di solito si forma dopo diversi giorni dai primi sintomi.
Diversi giorni prima che compaia un’eruzione, l’herpes zoster può causare ipersensibilità o dolore alla pelle. Ulteriori sintomi includono:

  • disagio generale
  • pelle calda
  • irritazione
  • pizzicore
  • intorpidimento
  • formicolio
Herpes-Zoster-Rash-cutaneo
Herpes Zoster: rash cutaneo

Entro i successivi 1-5 giorni, un’eruzione cutanea rossa si formerà normalmente intorno all’area sensibile. Alcuni giorni dopo, vesciche piene di liquido si svilupperanno nel sito dell’eruzione cutanea.
Le vesciche trasudano prima di asciugarsi, in genere entro 10 giorni dalla comparsa.
A questo punto, si formeranno delle croste sulla pelle che tendono a guarire entro 2 settimane.
Ci possono essere altri sintomi che accompagnano l’ ipersensibilità della pelle e l’eruzione cutanea, tra cui:

  • brividi
  • fatica
  • febbre
  • mal di testa
  • malessere o sensazione di malessere
  • nausea
  • sensibilità alla luce

La vista può essere influenzata se l’Herpes Zoster si manifesta vicino agli occhi.
Va notato che i sintomi di herpes zoster vanno da lievi a gravi, con alcune persone che manifestano prurito e lieve disagio e altri dolore intenso.

Fuoco di sant’antonio senza eruzione cutanea

L’herpes zoster senza eruzione cutanea è anche conosciuto come “zoster sine herpete”. Queste parole provengono dal greco antico, e significano “zoster senza herpes”. Si riferisce alla condizione del fuoco di Sant’Antonio senza la comparsa delle tipiche eruzioni cutanee che caratterizzano questa malattia.
In alcuni casi, le eruzioni cutanee possono comparire dopo tre o quattro settimane dalla riattivazione del virus e dall’inizio e sviluppo dell’infezione.

L’assenza di questi segni può rendere difficile la diagnosi. Può essere confermato solo dopo un test del fluido che indica la presenza del virus varicella-zoster nel corpo. Una diagnosi e un trattamento tardivi portano a pericolose complicazioni associate al fuoco di Sant’Antonio.

L’herpes zoster senza eruzione tende a manifestarsi in persone con un sistema immunitario debole o con più di 50 anni.

Potenziali complicazioni

La maggior parte dei casi di herpes zoster si risolvono senza causare effetti a lungo termine. Tuttavia, le potenziali complicazioni includono:

Nevralgia post-erpetica (PHN)

La nevralgia post-erpetica (PHN) è una complicazione comune del fuoco di Sant’Antonio. Si riferisce ai danni ai nervi con conseguente dolore e bruciore che persiste dopo che l’infezione da fuoco di Sant’Antonio è scomparsa.
Alcune fonti suggeriscono che fino al 20% delle persone che sviluppano l’herpes zoster sviluppano la PHN, con gli anziani che si ritiene siano particolarmente a rischio.
Trattare la PHN è difficile e i sintomi possono durare per anni . Tuttavia, la maggior parte delle persone guarisce completamente entro 12 mesi.
Non è noto il motivo per cui alcune persone che hanno l’herpes zoster sviluppano la PHN.
I fattori di rischio per la PHN includono:

  • un sistema immunitario indebolito
  • avere dolore durante le prime fasi di un’infezione da herpes zoster
  • età avanzata
  • l’interessamento di ampie zone di pelle da parte dell’ herpes

Secondo alcune ricerche, le donne anziane che soffrono di forti dolori e sintomi cutanei possono avere una probabilità del 50% di sviluppare la PHN.

Altre complicazioni

Altre potenziali complicanze dell’ herpes zoster includono:

  • infezioni batteriche della pelle
  • paralisi facciale
  • perdita dell’udito
  • epatite
  • perdita di gusto
  • polmonite
  • acufeni
  • vertigini
  • problemi di vista

Trattamento del fuoco di Sant’Antonio

È importante consultare un medico o dermatologo non appena una persona nota i sintomi del fuoco di Sant’Antonio.
Il National Institute on Aging raccomanda alle persone di cercare cure mediche entro 3 giorni dall’eruzione cutanea. Il trattamento precoce può limitare il dolore, aiutare l’eruzione a guarire più velocemente e può ridurre le cicatrici.
Una volta che un medico conferma l’Herpes Zoster, possono essere suggeriti i seguenti trattamenti:

Farmaci antivirali

Questi accelerano il recupero e possono prevenire complicazioni.
Un ciclo di farmaci antivirali viene solitamente prescritto per 7-10 giorni.
Le scelte di solito includono:

  • Acyclovir
  • Famciclovir
  • Valacyclovir

I farmaci antivirali sono più efficaci se assunti entro 3 giorni dall’esordio dell’eruzione cutanea, sebbene possano ancora essere prescritti entro i primi 7 giorni dalla comparsa dell’eruzione.

Antidolorifici e antistaminici

I farmaci da banco (OTC) o prescritti dal medico possono ridurre il dolore e l’irritazione della pelle.
Le opzioni includono:

  • farmaci anti-infiammatori, come l’Ibuprofene
  • antistaminici per il prurito, tra cui la Difenidramina
  • Corticosteroidi o anestetici locali per il dolore severo
  • prodotti anestetizzanti, compresa la Lidocaina

Antidepressivi

Alcuni farmaci antidepressivi si sono dimostrati efficaci nel ridurre il dolore dovuto al fuoco di Sant’Antonio, così come i sintomi della PHN.
Gli Antidepressivi triciclici (TCA) sono i più comunemente prescritti per il dolore di fuoco di Sant’Antonio, tra cui:

  • Amitriptilina
  • Imipramina
  • Nortriptilina

Possono essere necessarie diverse settimane o mesi prima che gli antidepressivi agiscano sul dolore nervoso.

Farmaci anticonvulsivanti

Anche se tipicamente usati per trattare l’epilessia , alcuni farmaci anticonvulsivanti possono ridurre il dolore ai nervi. Anche questi, come gli antidepressivi, possono richiedere diverse settimane affinchè agiscano in modo concreto sul dolore. Gli anticonvulsivanti comunemente prescritti per l’herpes zoster includono:

  • Gabapentin
  • Pregabalin

Gestione dei sintomi dell’ herpes zoster

Oltre alle classiche cure mediche, le persone possono mettere in atto altre misure per alleviare i sintomi e ridurre il disagio. Tra questi:

  • dormire abbastanza e riposare
  • usare un impacco umido sulla pelle pruriginosa e infiammata e sulle vesciche
  • ridurre lo stress attraverso uno stile di vita sano, meditazione e esercizi di respirazione profonda
  • indossare abiti larghi fatti di fibre naturali, come il cotone
  • utilizzare prodotti detergenti a base di farina d’avena
  • applicare una lozione a base di calamina sulla pelle

Le persone dovrebbero, il più possibile, evitare di graffiare l’eruzione cutanea e le vesciche. Far scoppiare le vesciche può causare infezioni e ulteriori complicazioni.

L’Herpes Zoster è contagioso?

L’Herpes Zoster non è contagioso ma è la riattivazione di un virus già presente nel corpo.
Tuttavia, una persona con l’herpes zoster può trasmettere varicella a soggetti che non l’hanno mai contratta prima.
Pertanto, le persone con l’herpes zoster dovrebbero evitare il contatto con coloro che non hanno mai avuto la varicella fino a quando la loro eruzione cutanea non sia completamente guarita. Per trasmettere il virus, si deve avere un contatto diretto con l’eruzione cutanea.
Per evitare di diffondere la VZV, le persone con l’herpes zoster dovrebbero quindi:

  • Evitare il contatto ravvicinato con persone che non hanno mai avuto la varicella o che non sono state vaccinate.
  • Evitare il contatto ravvicinato con i neonati con basso peso alla nascita e le persone con un sistema immunitario compromesso, o che hanno subito un trapianto di organi.
  • Tenere l’eruzione coperta con indumenti ampi e naturali per evitare che altri vengano a contatto con essa.
  • Lavarsi spesso le mani, soprattutto dopo aver toccato l’eruzione cutanea o aver applicato lozioni sulla pelle.

Vaccinare contro l’Herpes Zoster

Le persone sopra i 60 anni dovrebbero effettuare una vaccinazione contro l’herpes zoster
al fine di ridurre il rischio di sviluppare il fuoco di Sant’Antonio e sperimentare complicanze a lungo termine, come la PHN.
Le persone che hanno già avuto l’herpes zoster possono vacinarsi per prevenire ricadute. Ogni vaccinazione protegge per circa 5 anni.

Conclusioni

Un’elevata percentuale della popolazione è ogni anno colpita dal fuoco di Sant’Antonio. I sintomi variano nella loro gravità e durata. L’intervento precoce è fondamentale per ridurre la gravità dei sintomi ed evitare complicazioni, come la PHN.
Pertanto, le persone dovrebbero consultare il proprio medico o dermatologo, il prima possibile, se notano una ipersensibilità della pelle o lo sviluppo di rash cutanei o vesciche.

Consulto online

Risposta entro 5 ore

LASCIA UN COMMENTO!
Nel rispetto della tua privacy ti invitiamo ad evitare la pubblicazione di informazioni sensibili che possono ricondurre alla tua persona e/o al tuo problema.
Per chiedere un parere personale e riservato ti segnaliamo il CONSULTO ONLINE CON IL DERMATOLOGO.

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome