Scabbia: cosa fare e non fare, diagnosi e cura

La diagnosi era chiara: scabbia. Il silenzio e l'incredulità si presentarono in studio: «non è possibile, ci deve essere un errore. Forse è un'allergia che ha interessato tutta la famiglia. E poi ci laviamo sempre, non siamo sporchi. Come è potuto succedere? Dottore, ne è sicuro?»

L'osservazione al microscopio ottico delle squame cutanee, prelevate da alcune lesioni sospette, cancellavano ogni dubbio. La presenza dell'acaro Sarcoptes scabiei e delle sua uova confermava la diagnosi di scabbia che giustificava l'intenso prurito, prevalentemente serale o notturno, comune a tutti i componenti della famiglia e le lesioni, localizzate alle mani, alle ascelle e intorno all'ombelico sia ai genitori sia ai figli.

La scabbia è stata una malattia molto comune in passato e che oggi, in un mondo in cui i patogeni sembrano annidarsi solo dietro i tasti del Pc, si ripresenta come se fosse un capo vintage. Uno di quei vestiti degli anni settanta, dimenticato nell'armadio e che ritorna a fare tendenza.

Ma le parassitosi non sono una moda, sono malattie contagiose responsabili di epidemie che non interessano solo le persone considerate pietre di scarto, perché vivono ai margini della nostra società.

Oggi la scabbia vive anche tra i colletti bianchi, tra i guanti di lattice non indossati oppure tra le lenzuola di coloro che pensano di comprare un affetto.

Il parassita è un micro-organismo che ha sempre bisogno di un ospite, in questo caso dell'uomo, per vivere, deporre le uova e riprodursi. L'uomo lo porta con sé anche se è solito fare due o tre docce al giorno. L'acaro della scabbia si annida sotto pelle, scava i suoi tunnel, i suoi «bunker biologici» a prova di bagnoschiuma e spugna e accompagna l'uomo al lavoro, in palestra, in piscina oppure nella struttura dove è ricoverato l'anziano parente al quale deve fare assistenza.

Ai nostri figli doniamo quotidianamente il nostro amore, giochiamo con loro e se il fragore dei tuoni di notte li spaventa li facciamo dormire con noi nel nostro letto, e così anche loro inizieranno a portare nelle scuole e negli asili l'acaro che frequenterà insieme a loro la struttura e si affezionerà a nuovi compagni.

Un solo paziente affetto da scabbia è in grado di innescare un effetto domino incredibile, di creare un fenomeno «Facebook parassitario» che rapidamente è in grado di farti conoscere nuovi amici, amici degli amici, reclutare nuovi iscritti, dove ognuno di loro ne può reclutare altri ancora.

Le epidemie non viaggiano più a piedi oppure a cavallo ma si spostano in auto, in treno e in aereo e facilmente possono creare nuovi focolai a macchia di leopardo che rischiano di confluire in un'unica macchia d'olio.

Cosa fare e non fare per trattare con successo la scabbia? Si guarisce?

Valutazione del sintomo

Prurito, prurito e ancora prurito, descritto come intenso, che si scatena elettivamente durante le ore serali o di notte. E' un sintomo comune a diverse altre patologie sia dermatologiche sia internistiche. Ma quando lo stesso sintomo è comparso prima in uno e poi in tutti i componenti della stessa famiglia forse c'è stato un contagio.

Il sintomo è il suono della campanella del coprifuoco, è un segnale, non la malattia. Non assumere anti-istaminici se non è stata formulata una diagnosi. Il fai da te potrebbe peggiorare il quadro clinico e se fosse veramente scabbia favorire il contagio di altre persone.

Osservazione della pelle

Il cunicolo è la manifestazione tipica della scabbia ma difficilmente si riesce ad apprezzarlo ad occhio nudo. Le superficie laterali delle dita, i polsi, le ascelle, l'addome, il seno, i genitali sono le aree maggiormente a rischio. A volte, possono essere presenti dei piccoli segni tipo quelli di una puntura d'insetto associati sempre ad evidenti segni di grattamento.

cunicolo, una lesione molto piccola che appare serpiginosa sulla cute

Cunicolo, lesione molto piccola che appare serpiginosa sulla cute

Diagnosi di scabbia

Solo l'identificazione dell'acaro e/o delle uova osservando le squame cutanee al microscopio ottico, dopo aver allestito un vetrino, conferma la diagnosi di scabbia.

Lo specialista dopo aver osservato la cute, preleva le squame per eseguire l'indagine strumentale, che richiede circa 20-60 minuti. Se la prima osservazione al microscopio è negativa ma è presente un forte sospetto clinico, bisogna ripetere il prelievo e solo dopo avere eseguito tre indagini microscopiche negative, prelevando le squame da aree differenti del corpo si può escludere la scabbia.

Quando il quadro clinico è poco rappresentativo la tecnica dell'epiluminescenza consente di individuare più facilmente e rapidamente quelle piccole e nascoste manifestazioni cliniche al cui interno si nasconde l'acaro. Individuate tali lesioni, il loro grattamento con una lama da bisturi permette il prelievo di squame per l'identificazione delle tracce o del colpevole, ovvero dell'acaro.

Utilizzando l'epiluminescenza è possibile anche osservare «in vivo» la presenza dell'acaro e/o delle uova all'interno del cunicolo evitando di prelevare le squame cutanee per l'esame al microscopio ottico. In questo modo, è possibile in pochi minuti confermare o smentire un sospetto clinico evitando nel modo più assoluto incertezze e terapie inutili che possono irritare e far peggiorare un eventuale prurito, indotto da altre cause.

cunicolo con alla sua estremità acaro che appare grigistro e di forma ovalare

In questa immagine dermatoscopica si vede il cunicolo e alla sua estremità l'acaro, che appare grigistro e di forma ovalare

Terapia della scabbia

La guarigione della parassitosi è sempre garantita attenendosi scrupolosamente alle indicazioni dello specialista. La terapia è molto semplice e consiste nell'applicazione sulla pelle di farmaci specifici che servono ad eliminare l'acaro e le sue uova.

Il trattamento deve essere eseguito contestualmente dal paziente, dai suoi familiari e da coloro i quali hanno avuto un contatto diretto e prolungato con la persona affetta. Pertanto, il trattamento deve essere eseguito anche da chi non ha sintomatologia ma potrebbe incubare la scabbia. Il periodo di incubazione può durare dalle 3 alle 6 settimane.

I farmaci per la scabbia una volta applicati, irritano la pelle per favorire la penetrazione del principio attivo all'interno del bunker e uccidere l'acaro. Tutte le aree del corpo devono essere trattate senza esagerare nell'applicazione del farmaco per evitare di irritare aree delicate quali le pieghe. Di solito il trattamento si ripete dopo una settimana per eliminare eventuali acari sfuggiti durante il primo ciclo di terapia.

Una doccia calda prima dell'applicazione del farmaco favorisce l'assorbimento del principio attivo.

Evitare assolutamente il fai da te perché le spiacevoli irritazioni pruriginose, causate da trattamenti incongrui potrebbero innescare un circolo vizioso e cronico con ulteriori ritardi diagnostici e terapeutici.

Idratazione della pelle

E' assolutamente normale che durante un ciclo di terapia antiscabbia si avverta un prurito diffuso, conseguente all'irritazione dei farmaci applicati. L'idratazione costante e continuativa ripristina lo strato esterno cutaneo.

Profilassi domestica

L'acaro della scabbia è un parassita e lontano dalle nostre squame vive al massimo per 2-3 giorni. I falò di materassi, lenzuola, divani e tappeti non sono necessari.

Semplici e mirate le indicazioni:

  • lavare ad alta temperatura tutta la biancheria, i tappeti, i copridivani, le lenzuola, i coprimaterasso e le federe dei cuscini
  • lavare ad alta temperatura tutti i capi di vestiario, compresi asciugamani e accappatoi

  • chiudere ermeticamente in un sacco di plastica i materassi per alcuni giorni

  • eseguire un'accurata pulizia della casa

Valutazione finale

Alla fine del ciclo di terapia lo specialista deve confermare la guarigione clinica del paziente. Dopo un trattamento efficace il prurito scompare nel giro di qualche giorno, raramente entro 2-4 settimane.

A volte l'esperienza della scabbia potrebbe sviluppare un'acarofobia che si manifesta con prurito in assenza del Sarcoptes scabiei.

di Alessandro Martella

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con gli amici

Approfondimenti

Vuoi saperne di più? Consulta l'approfondimento: Scabbia

Vuoi mettere alla prova le tue conoscenze? prova il test di autovalutazione: Scabbia

Commenti

Tutti i commenti sono moderati: può passare qualche tempo fra l'inserimento e la pubblicazione.

23 gennaio 2009 - 14:15 | di Pedro

Eccellente descrizione la tua. Una specie di piccola wikipedia delle malattie dell'epidermide, che troppo spesso sono di difficile definizione (molto spesso anche per i dermatologi... mio fratello ai tempi ne visitò 4 per avere 4 diagnosi differenti). continua così! ;)

24 settembre 2009 - 10:40 | di seno

Grazie per l'articolo, molto interessante. Ho avuto un contatto diretto con questa malattia in occasione di un'attività di volontariato presso un campo profughi: tutti avevano la scabbia, e subito noi giovani volontari ne siamo stati contagiati, ma in modo lieve (per fortuna!)

04 ottobre 2009 - 17:33 | di Paolo

Ottimo articolo

07 novembre 2009 - 18:16 | di barbara

Ottimo articolo! La descrizione è accurata! Purtroppo ho provato sulla mia pelle, anzi su quella di mia figlia di due anni questa... rogna! Non riconosciuta per tempo ha causato notevoli fastidi alla bimba e a me che ho dovuto disinfettare tutto il mio mondo! PS in più non è proprio carino dire in giro che hai la scabbia... è chiaro che le mie tre docce quotidiane non servono a tenere lontane odiose malattie come questa! La pulizia non c'entra... tutti possono essere contagiati!

12 novembre 2009 - 18:36 | di Anna

Articolo molto chiaro. L'ho stampato per darlo ai clienti della mia farmacia: famiglie intere in questi giorni ne sono affette. Terribile!!! Credo però che il contagio avvenga tramite stretto stretto contatto, vero?

12 novembre 2009 - 19:29 | di Alessandro Martella

@Anna
Il contagio può avvenire principalmente dopo un contatto diretto pelle-pelle oppure tramite le lenzuola o asciugamani, ecc.

Distribuisca tranquillamente il post magari indicando la fonte (www.myskin.it) qualora qualche cliente fosse interessato ad approfondire la tematica. Grazie

30 dicembre 2009 - 15:36 | di Daniela

L'articolo contiene informazioni chiare e precise; quando i medici descrivono una patologia, malattia, conseguenza, ecc. le persone come me ignoranti in materia non capiscono nulla... Quindi apprezzo anche la semplicità dell'articolo.

19 gennaio 2010 - 16:28 | di Fifi Mauceri

WWWwwwoooowwww !!! Splendida esposizione !!! più lineare e semplificato di così... si muore! Forse qualche foto avrebbe coronato l'eccellente stesura... ma non chiediamo... TROPPI costi!

12 aprile 2010 - 18:45 | di Marco

E' da un anno che me me ne sono liberato. Ho vissuto un piccolo incubo, speso centinaia di euro da dermatologi che, nonostante continuassi a suggerir loro cosa potesse essere, si mettevano a ridere e continuavano a prescrivermi creme idratanti e cortisonici...

Finalmente una dermatologa competente me la ha riconosciuta, era scabbia in forma lieve, ma erano ormai passati 4 mesi da quando avevo cominciato a girar per dottori che mi davano dell'ipocondriaco che ormai era presente in varie parti del corpo.

Questo ha comportato una fastidiosa conseguenza, dopo essermi liberato dall'acaro con una pomata prescritta, mi sono comparsi alcuni noduli (post-scabbiosi) in varie parti del corpo che mi son durati per 3 stagioni... e contro quelli non si può far niente se non aver tanta pazienza.

01 giugno 2010 - 12:32 | di Alessandro Martella

@Marco,
l'anamnesi, ovvero la raccolta delle informazioni, ascoltando il paziente e interrogandolo, deve essere parte integrante della visita specialistica e spesso fornisce indizi importanti per sospettare una determinata patologia da indagare mettendo in atto tutti i mezzi e gli strumenti necessari.

Nel caso specifico sarebbe stato sufficiente utilizzare l'epiluminescenza oppure scarificare un pò di cute e osservarla al microscopio.

31 luglio 2010 - 12:23 | di Marzia

salve. In poche parole mia madre " forse " ha la scabbia (dico forse perkè la dermatologa non ne era sicura al 100% ) e quindi la dottoressa le ha consigliato di utilizzare due creme, una la sera prima di andare a dormire e un'altra da utilizzare tutti i giorni per due volte al giorno. Naturalmente ha consigliato questo trattamento per tutti i membri della famiglia , quindi anche la sottoscritta :D mi domandavo se, durante la settimana , utilizzando queste creme si potesse andare a mare normalmente oppure la crema deve rimanere intatta per tutta la giornata ?? lo so, sarà una domanda stupida però ho bisogno di saperlo subito !!!

05 agosto 2010 - 11:38 | di Alessandro Martella

@Marzia,
forse prima di chiedersi se può andare al mare sarebbe opportuno accertare se effettivamente è presente la scabbia. Il "forse" mi sta un pò stretto perché ci sono i mezzi per confermare la presenza dell'acaro e delle uova e non capisco perché allarmare un'intera famiglia solo con una diagnosi di probabilità.
Tuttavia, per rispondere esaurientemente al suo quesito sarebbe interessante conoscere che tipo di crema state applicando sulla pelle.

19 agosto 2010 - 02:22 | di Chris

L'articolo descrive molto bene la malattia, ne sono rimasto contagiato da parte di un amico che l'ha avuta mesi fa e io solo due settimane fa mi sono deciso ad andare al pronto soccorso dell'ospedale formulando subito l'ipotesi di tale che è stata confermata dai specialisti, mi hanno somministrato delle pastiglie e da allora mi lavo regolarmente tutti i giorni con un sapone ad azione disinfettante e in seguito mi devo cospargere con una crema per il prurito. Nel corpo è migliorato nettamente ma restano per il momento dei pruriti alle mani. Spero che anche quello passi presto ma sono fiducioso. Nei prossimi giorni devo tornare dal medico per un controllo. Tutte le persone che mi stanno attorno sono andate anche a loro volta in ospedale per partecipare a una cura preventiva.

24 agosto 2010 - 13:02 | di Patty

Ciao a tutti,
purtroppo anch'io l'ho presa, ma non so chi me l'ha attaccata, anche perché sono rimasta tra le mura di casa, nessun famigliare o amico aveva questi disturbi. C'entra magari lo stress quotidiano del lavoro? Buona giornata :-)

25 agosto 2010 - 16:26 | di Alessandro Martella

@Patty,
non è possibile contrarre la malattia in seguito allo stress. E' necessario il contatto diretto e prolungato con una persona affetta oppure come descritto attraverso indumenti o lenzuola "infette".

E poi, la scabbia nel tuo caso è stato diagnosticata evidenziando chiaramente l'acaro o le uova.

28 agosto 2010 - 12:06 | di Aurelio

Ciao a tutti, volevo avere un vostro parere: è da un mesetto che credo di aver contratto la scabbia, me ne sono accorto passando per caso davanti allo specchio e notandomi delle bolle rosse sulla zona pubica...

Realizzando che 1) ho già avuto la scabbia in passato con le prime bolle apparse proprio su pube e glutei, e 2) lavoro in ospedale a contatto con i malati, ho comprato subito la pomata allo zolfo e potassio carbonato, che ho letto essere una delle migliori terapie contro questo acaro.

Dopo un mese di applicazioni, vestiti lavati a 60° e facendo attenzione a non contagiare nessuno, le bolle ogni tanto continuano a spuntarmi 3 alla volta, ma non mi danno prurito notturno, solo qualche volta di giorno... potrebbe essere ancora scabbia? Oppure è una semplice ipersensibilizzazione all'unguento usato sulla pelle? Io ho fissato un appuntamento dal mio medico tra 2 giorni, ma se potessi avere un parere da qualcuno intanto... Grazie in anticipo!

01 settembre 2010 - 18:04 | di elisa

Il mio medico mi ha diagnosticato la scabbia, guardando con una lente un solo pezzetto di pelle. O meglio prima ha detto che erano insetti, quando io gli ho chiesto se non fosse scabbia (ho dovuto pulire una casa schifosamente sporca), mi ha detto che era scabbia.
Mi ha dato una crema (Antiscabbia CM Candioli) e non so se devo metterla 1 volta e ripetere dopo 1 sett (come dice il bugiardino) o tutti i giorni per 1 sett (come dice il medico); sul bugiardino c'è scritto di metterla solo sulle lesioni, ovunque nel web che va messa su tutto il corpo tranne viso e capo. Che fò?

Inoltre non ho segni su ombelico, piedi, mani, glutei e parti genitali ma solo su polpacci, caviglie, avambracci (sotto ai gomiti), un paio sui polsi (parte interna) e un paio all'altezza dei reni.

Il prurito prima era sulle gambe, ora è passato ai soli avambracci. Mi chiedo: oltre a prudere, queste cosine provocano pure un pò di dolore? (le mie sì).
Alcune hanno 1 puntino, altre 2, altre 0. E' scabbia?

06 settembre 2010 - 14:07 | di giorgia

Salve, sono stata in vacanza una settimana con un'amica (dormendo sullo stesso letto) e al nostro ritorno a lei sono comparse delle bolle con molto prurito, dopo circa 10 giorni le hanno diagnosticato la scabbia e prescritto olio benzyl-benzoato da applicare di notte.
Ora vorrei sapere: la scabbia è contagiosa anche nel periodo di incubazione? In tal caso quale dovrebbe essere la mia terapia per prevenirla? Lo stesso olio per 3 notti? Grazie!

06 settembre 2010 - 15:34 | di Alessandro Martella

@giorgia,

la scabbia è contagiosa anche in quello che definisci periodo d'incubazione, ovvero quando un soggetto ha già l'infezione pur non manifestando nessun sintomo. Proprio, per questo motivo tutte le persone che hanno avuto un contatto diretto e prolungato oppure che, come nel tuo caso hanno condiviso lo stesso letto possono essere dei soggetti ad alto rischio.

In questo caso, è necessario chiedere il consulto dermatologico, spiegando quanto accaduto, per valutare se ci sono manifestazioni iniziali che necessiterebbero di un trattamento adeguato oppure solo di una profilassi terapeutica.

06 settembre 2010 - 16:43 | di carmelo

ho contratto la scabbia circa 2 mesi fa. Mi sono rivolto al medico curante il quale mi ha diagnosticato un' allergia alimentare o da sapone etc. prescrivendomi delle pillole, dopo una settimana visto che non c'erano sintomi di miglioramento mi sono rivolto al medico il quale ha pensato potessero essere funghi e mi ha prescritto una crema accompagnata da una polverina, ma dopo qualche settimana visto i risultati negativi anche con questa terapia, il medico mi ha consigliato di fare una visita dermatologica (me lo poteva dire prima!). Il dermatologo mi ha prescritto una crema "scabiacid 5% permetrina consigliandomi di applicarla una prima volta in tutto il corpo e i giorni successivi sulle parti interessate, e una seconda volta dopo una settimana in tutto il corpo per poi interrompere per una settimana fino a un altro suo controllo. E' passata quasi una settimana e il prurito continua e spuntano altri punti rossi. Non è meglio cospargere la crema in tutto il corpo da subito?

06 settembre 2010 - 17:34 | di Alessandro Martella

@carmelo,
appunto, poteva dirtelo prima di rivolgerti da un dermatologo, perché improvvisare?

E poi, spero che il dermatologo abbia eseguito la ricerca acaro oppure l'epiluminescenza per evidenziare la presenza dell'acaro e/o delle uova, altrimenti si tratta solo di una presunta diagnosi.

Infine, in caso di scabbia il trattamento va eseguito su tutto il corpo e non solo dove sono presenti i puntini rossi!!!

18 ottobre 2010 - 16:41 | di perla

Salve, dove sto lavorando io c'è un caso - per ora presunto - di scabbia; gli hanno dato la scabianin per "precauzione", a quanto hanno detto a me, che sono tirocinante, ma io nella mia "ignoranza" mi chiedo: se è presunta perché gliela danno? Mi dovrei preoccupare? Rispondete, grazie.

09 novembre 2010 - 20:23 | di federica

Ciao, è davvero brutto sapere che si è infettati da questo parassita, è una cosa che porta uno stato d'animo non bello. Ho letto il vostro articolo e devo dire grazie, siete stati molto chiari, ma sapere che addosso a noi vive un animale, anche minuscolo, che non si vede, manda il tuo umore ancora più giù.

Cosa si può fare x evitarlo in futuro? E si può usare qualche cosa che si possa spruzzare sugli indumenti? Noi abbiamo preso il contagio, non so da cosa o da chi, ma entrambi - sia io che il mio bambino ne siamo infetti. Ho seguito la cura che mi ha prescritto il mio dermatologo, ma invece di diminuire vedo i brufoli sempre più numerosi, anche se il mio medico mi ha assicurato che la cura procede bene; rimane la paura che possano riprodursi, come fare x essere sicura e sapere che è tutto finito? Vi prego rispondetemi, grazie anticipatamente

09 novembre 2010 - 21:35 | di Claudia

Salve, da qualche settimana ho una ferita lieve alla mano, credevo fosse infezione ma prudeva... dopodiché ho cominciato ad avere qualche rialzamento cutaneo, anche piccolo, sulle braccia, sulle cosce, sulla schiena, sulla pancia. Ma quelle sulle braccia ed all'interno del polso (solo al lato sinistro) oltre a prudere provocano anche un po' di dolore? E' normale nel caso fosse scabbia? Alcune hanno un puntino, altre 2, altre niente, sembra irritazione. Che cosa mi consiglia? Grazie

13 novembre 2010 - 19:37 | di Nunzia

Salve, ho scoperto di avere la scabbia circa un mese fa, ho cominciato subito la terapia con Antiscabbia Candioli per quasi 5 gg, ho fatto la terapia anche ai miei familiari, ho disinfettato tutto e tutti, dopo una settimana ho ripetuto tutto perché avevo avuto un peggioramento infatti credo si siano aperte le uova, però questa volta oltre ai 5 gg di Candioli ho associato anche l'Eurax, anche ai miei familiari; dopo altri 7 gg ho avuto la sensazione di un'altra schiusa di uova: è possibile secondo lei? O sto impazzendo veramente? Comunque ho ripreso con il Candioli anche ai miei familiari e disinfetto tutto e tutti.

Può essere che abbia avuto una reinfestazione perché non ho chiuso il materasso e i cuscini, ma li ho passati solo con il ferro a vapore? Mi aiuti per piacere perché sto perdendo la testa. Adesso però il prurito è lieve e associato solo a piccole parti.

Grazie in anticipo e grazie per quello che fate.

16 novembre 2010 - 11:52 | di Alessandro Martella

@perla,

sono d'accordo, se la scabbia è solo presunta non è corretto somministrare una determinata terapia.
Sono del parere che nei casi dubbi sarebbe meglio isolare la persona ma solo per chiedere il consulto del dermatologo affinché possa valutarla nello specifico ricercando ed evidenziando l'acaro o le uova

16 novembre 2010 - 11:58 | di Alessandro Martella

@federica,

prima di tutto spero che la diagnosi di scabbia non sia presunta ma confermata dalla presenza dell'acaro e/o delle uova per evitare di eseguire, invano, il trattamento.

Penso che non sia possibile debellare la scabbia perché esisterà sempre un portatore uomo o animale che potrebbe infestare gli altri.

Il problema, a mio avviso, è la mancata informazione e sensibilizzazione sull'argomento. Ancora oggi quando viene formulata la diagnosi di scabbia si pensa che sia colpa della mancata igiene e la malattia viene vissuta con vergogna e si rischia di essere isolati.

Sarebbe molto diverso se nelle scuole, nelle comunità per anziani e negli ospedali ci fosse una collaborazione aperta e attenta al problema. Sarebbe sufficiente non trascurare ad esempio il prurito di una persona, evitando trattamenti sintomatici e richiedendo, invece, la consulenza del dermatologo per una diagnosi precoce e tempestiva.

16 novembre 2010 - 12:07 | di Alessandro Martella

@Claudia,

mi spiace ma non è possibile diagnosticare la scabbia tramite internet. Ti consiglio di chiedere un consulto dermatologico per frugare ogni dubbio. Tienici aggiornati

@Nunzia,

da quanto hai scritto, ho l'impressione che ci sia un po' di confusione. Prima di tutto, spero che i trattamenti elencati siano stati indicati da un dermatologo per evitare il fai da te che soprattutto per il trattamento della scabbia può essere deleterio.

Il mio consiglio, per quanto possa sembrare scontato è quello di chiedere il consulto del vs dermatologo di fiducia per fare il punto della situazione, ovvero capire se è presente ancora il problema perché il trattamento non è stato condotto correttamente oppure perché è presente solo un'irritazione cutanea dovuta ai topici applicati sulla pelle.

29 novembre 2010 - 11:42 | di Dario

Salve, mi è stata diagnosticata la scabbia circa 2 settimane fa e mi è stata prescritta dal dermatologo l'utilizzo della crema dermo base TS ma senza aver alcun risultato positivo così, senza alcun parere medico, ho cosparso un preparato farmaceutico a base di permatrina utilizzato dalla mia ragazza circa 1 mese fa, ottenendo risultati nn totali in quanto sui genitali, mani e ascelle noto ancora delle pustole fastidiose e ora nn so proprio cosa è meglio fare. Mi aiuti, grazie

29 novembre 2010 - 13:12 | di Dario

Ho dimenticato di scrivere che il trattamento a base di permatrina l'ho applicato per 5 sere consecutive dopo una doccia calda e di conseguenza tutte le mattine mi lavavo per liberarmi dell'unguento.

Ho eseguito questo trattamento fai da te in quanto la crema prescritta dal dermatologo cosparsa per 3 sere nn ha avuto alcun esito favorevole e per evitare ulteriori perdite di tempo.

Ho letto che una crema a base di benzoato di benzene è più efficace: può essere?

30 novembre 2010 - 03:20 | di Gianluca

Ciao, ho preso la scabbia due volte nello scorso mese e mezzo (l'una a distanza distanza di una settimana dall'altra).

Ma la mia preoccupazione risiede nel fatto che diversi mesi fa venni morso da una zecca sulla caviglia e col passare del tempo si è venuta a creare intorno al morso un'infezione piuttosto larga.

Ho un discreto numero di escoriazioni sul corpo ma in particolare sulle gambe dove sono più numerose e grosse (e dopo un mese e mezzo di cure il loro aspetto non è cambiato affatto).

Possono il morso della zecca e la scabbia essere correlate? Grazie

30 novembre 2010 - 06:52 | di Federica

Buongiorno, al mio compagno è stata diagnosticata la scabbia e per profilassi, sia lui che mia figlia di tre anni ed io, abbiamo usato per 4 gg benzoato benzile, al 20% noi adulti e al 10% la bambina, da ripetere il tutto tra 1 settimana.

Durante questa settimana con la biancheria da letto, comprese le trapunte e gli abiti, come bisogna comportarsi ? Vanno lavati tutti i gg sempre ad alte temperature?

30 novembre 2010 - 14:39 | di Alessandro Martella

@Dario,
sia la permetrina sia il benzoato di benzile sono ugualmente efficaci per il trattamento della scabbia se utilizzati correttamente, spalmandoli su tutta la superficie corporea. Inoltre, la presenza di lesioni anche dopo il trattamento non necessariamente sono da imputarsi ad una persistenza della malattia, magari potrebbero essere degli esiti o altro. Consiglio sempre la valutazione dermatologica per fugare ogni dubbio.

@Gianluca,
non c'è nessuna correlazione tra la puntura della zecca e la scabbia, sono due cose completamente differenti. Per quanto riguarda la recidiva della scabbia sarebbe interessante valutare se la terapia è stata condotta adeguatamente se tutti i familiari e il partner hanno eseguito la terapia e se ci sono stati rapporti a rischio o stili di vita tali da favorire la reinfezione.

@Federica,
va benissimo il lavaggio ad alta temperatura per eliminare ogni dubbio. :)

30 novembre 2010 - 16:57 | di Federica

Mi scusi ancora se le faccio altre domande, ma anche per piumoni e trapunte già lavate ad alte temperature bisogna procedere nel lavaggio quotidiano? O basta lasciarle all'aria tutto il giorno? Ed inoltre gli indumenti indossati quotidianamente come jeans o pantaloni di altro tipo devono essere anche essi lavati tutti i giorni?

Il problema è che poi subentra una sorta di paranoia...

30 novembre 2010 - 23:02 | di Federica

Un ultima domanda per chiarire ogni dubbio... Io a casa ho un gatto, sano e in buona salute. La scabbia umana può essere contagiosa per lui? Lo devo trattare con qualche prodotto? Grazie

01 dicembre 2010 - 16:15 | di Alessandro Martella

@Federica,

va benissimo lasciare i capi citati all'aria. Inoltre, nessun problema per il gatto. ;)

02 dicembre 2010 - 15:25 | di Adriana

Sono molto contenta delle risposte date, però ho cercato di capire quella giusta per me ma non mi ha soddisfatto completamente, ora spiego: da circa un mese è stata diagnosticata la scabbia alla mia famiglia, siamo tre, dopo due mesi di grattamento che il mio medico non ha riconosciuto come scabbia. Ora dopo la cura a base di pomata allo zolfo, ripetuta due volte, dopo due giorni c'è stata una esplosione di bolle, curate un'altra volta per tre giorni tutti e tre con dermo base ts, il quarto giorno cambio e lavaggio di tutto, credevo fosse tutto finito e che il problema fosse risolto invece dopo 4 giorni sono ricomparse le bolle a mia figlia io e mio marito di più.

Come può capire sto esaurendomi, non so più cosa devo ancora fare, stiamo rimettendo la crema per tre giorni poi ricambierò tutto; il dermatologo per telefono senza la visita di controllo dice che è perché era molto invasiva, ma la prego come mai ancora bolle? La crema non dovrebbe agire anche su quelle in incubazione? Dove sbaglio?

07 dicembre 2010 - 21:01 | di Guido

Salve, io ho preso la scabbia e dopo una maree di visite, dopo circa 3 mesi di patimento mi hanno detto che era scabbia. Ho applicato la pomata scabianil, e devo dire che mi è passata, però oggi dopo circa 7 mesi a volte ho ancora un po' di prurito... come mai? Non si è tolta del tutto? Poi intorno all'ombelico ho ancora qualche nodulo... ma bisognava prendere solo la pomata o c'è qualche altro farmaco da somministrare? Vi ringrazio

09 dicembre 2010 - 19:44 | di Alessandro Martella

@Adriana,

se di scabbia trattasi la pomata allo zolfo non è la sua terapia. Qualcosa non quadra...

@Guido,

spero vivamente che dopo il trattamento consigliato tu abbia eseguito la visita di controllo dal dermatologo che doveva accertare la guarigione. Se così fosse, potrebbe trattarsi di una reinfezione, oppure tranquillamente di un altro problema. Ti consiglio di chiedere nuovamente un consulto dermatologico.

10 dicembre 2010 - 21:43 | di Laura

Buonasera, in cerca di chiarimenti sul web mi imbatto in questo articolo che mi chiarisce le idee e quindi ringrazio. Il mio dubbio è questo: alla mamma del mio compagno hanno detto oggi che probabilmente ha contratto la scabbia (senza farle nessun esame particolare ma dicendole solo "presunta scabbia").

Lui è preoccupato perché non sa se può averla contratta ed inoltre non sappiamo se possiamo frequentarci visto che abitiamo in case diverse e vorremmo evitare di allargare a macchia l'infezione (soprattutto verso i miei figli).

Lei cosa consiglia? Grazie.

11 dicembre 2010 - 09:35 | di Nunzia

Salve le volevo chiedere una cosa importante: penso di aver debellato l'acaro già da un mese, però ancora oggi avverto prurito nelle zone lese ma sul mio corpo non c'è nessun puntino, nessuna traccia: allora perché il prurito? Avendo fatto un uso sconsiderato di antiscabbia Candioli oggi ancora la mia pelle, quando mi vesto, non sopporta alcun indumento. Ho forse di nuovo la scabbia in incubazione? Grazie in anticipo.

15 dicembre 2010 - 14:50 | di Alessandro Martella

@Laura,
il suo dubbio è anche il mio! Non capisco perché una persona e i suoi familiari devono vivere con il sospetto di avere la scabbia quando l'esame al microscopio oppure la dermatoscopia permettono di fugare ogni dubbio. Consiglio una nuova valutazione specialistica per la conferma o smentita diagnostica.

@Nunzia,
forse potrebbe essere una conseguenza del trattamento eseguito che tende ad irritare la pelle e di conseguenza a scatenare il prurito. Sarebbe opportuna una valutazione dermatologica di conferma.

22 dicembre 2010 - 00:45 | di Giuseppe

Salve, mi è stata diagnosticata acariasi animale e dato un sapone Pantaskin e una crema eurax... Due mesi e niente, sono tornato dal medico e ha detto che era scabbia; ho usato lo scabiacid 5% e vedrò se migliorerò... Il punto è che ho avuto un rapporto occasionale 1 settimana fa con una ragazza (senza rapporto sessuale ma solo baci e dormito assieme).
Dovrei dirglielo (è una collega)? Un po' mi vergogno perché non è certo bello dirlo e magari potrebbe dirlo in giro.

10 febbraio 2011 - 22:41 | di cinzia

Scusate il mio è uno sfogo perché dopo aver letto i commenti precedenti, mi accorgo che non è solo la mia pediatra ad essere superficiale e il dermatologo che ha visto mio figlio, ma molti sono i medici che fanno con difficoltà una diagnosi di scabbia, facendo trascorrere del tempo prezioso per la guarigione.

MI chiedo se non ci sia una sorta di diniego collettivo verso questa scocciante malattia.
Che non mi sembra proprio di così facile e rapida risoluzione, anzi è lunga e quando ti sembra tutto finito, alè ecco che si ricomincia. Ma come se ne esce, definitivamente?

10 febbraio 2011 - 23:14 | di Lorenzo

Salve, leggendo questo articolo il mio timore di avere la scabbia cresce.

Infatti è da un mese che mi ritrovo punture di insetti composte da crosticine di pelle morta sulle gambe, tendini, caviglie che mi creano prurito. Non gli ho mai dato peso perché pensavo che fosse una reazione allergica dovuta alle calze lunghe. Ma non saprei. Aiutooo!!!

11 febbraio 2011 - 09:57 | di Alessandro Martella

@Giuseppe,

se effettivamente hai avuto la scabbia, per correttezza dovresti dirlo alla collega anche perché se dovesse averla contratta si chiederà come sia potuto succedere e non c'è peggior cosa del sospetto.

@cinzia,

diniego o forse paura. Forse ci sono dei colleghi che di fronte al sospetto di trovarsi in studio un paziente con scabbia lo liquidano con la terapia senza approfondire le indagini diagnostiche per confermare o smentire il sospetto stesso.

E poi per debellarla, se la terapia è corretta serve solo una settimana!

@Lorenzo,
strano che la scabbia si localizzi solo agli arti inferiori e poi la semplice osservazione clinica, così come tu hai fatto non è sufficiente a formulare la diagnosi. Ti consiglio il consulto dermatologico per evitare inutili perdite di tempo e di inutili preoccupazioni.

28 febbraio 2011 - 01:43 | di simona

Ciao purtroppo ho preso la scabbia e anche mio figlio e il mio compagno. Volevo sapere, se invece di chiudere il materasso nel cellofan lo sterilizzo con la Vaporella va bene o non risolvo niente? Un'altra cosa: è normale anche se sto facendo il trattamento avere più prurito di prima?

07 marzo 2011 - 11:40 | di Alessandro Martella

@simona,

sinceramente non ho esperienza sull'efficacia della vaporella e per questo non rischierei di perdere tempo.

Invece, per quanto riguarda il prurito è probabile che sia una conseguenza della terapia anti-scabbia che per uccidere l'acaro e le sue uova deve "sgretolare" la pelle per arrivare all'interno del cunicolo.

Pertanto, se ad esempio stai applicando una gran quantità di prodotto, il prurito potrebbe essere un piccolo effetto "collaterale"

13 marzo 2011 - 16:34 | di Ale

Ciao... ho letto tutti i vostri commenti... un po' mi rivedo nelle vostre situazioni... da 3 settimane ho delle puntine nell'addome, nei fianchi, nel collo... mi hanno dato 3 versioni: intolleranza alimentare, allergia e malattia esentematica... di tutto... mi hanno fatto prendere cortisone e antistaminici... il prurito continuava e adesso un secondo dermatologo mi ha detto di aver preso la scabbia... l'imbarazzo e' troppo... penso di aver preso la scabbia perché per lavoro sono stata fuori... e magari negli hotel... lenzuola e tovaglie da bagno non venivano lavate bene... può essere?

Oggi sono al secondo giorno di trattamento ed ho ancora prurito... e' normale? Quando ne uscirò? Dovrò fare il trattamento con benzonato solo stasera e poi basta. Ma non sarà poco? Andrò a controllo fra 2 settimane... ma non dovrò mettere nulla fino ad allora? Potrò lavarmi normalmente? Grazie.

15 marzo 2011 - 23:16 | di Jacopo

Buona sera, è da circa un mese che provo un forte prurito in zone quali l'interno dei polsi, delle cosce, intorno all'ombelico, sui gomiti, nelle ginocchia e in modo più diffuso sulle gambe e sugli avambracci.

Su tutte queste zone sono comparse bollicine identiche a quelle descritte nel suo accurato articolo. Da una settimana inoltre il mio partner presenta gli stessi sintomi. Si tratta di scabbia?

Purtroppo sono uno studente trasferitomi di recente a Londra pertanto non ho un medico di base a cui fare riferimento, tanto meno un dermatologo di fiducia, e non so come affrontare il problema.

Ho intenzione di andare al pronto soccorso domani stesso ma leggendo di come in tanti altri casi, anche in presenza di un dermatologo, non è stata effettuata una corretta diagnosi temo che verrò liquidato senza aver prima ricevuto una visita da uno specialista.

Se così dovesse capitare, cosa mi consiglia di fare? Quanto deve essere rigida la disinfestazione dell'ambiente domestico? Grazie in anticipo

16 marzo 2011 - 20:32 | di Ale

Ciao, ho già inserito il commento del 13/03, volevo aggiungere... ho finito il trattamento che ho fatto per 3 mesi. Ho ancora prurito e le puntine sono arrossate, irritate... la mia pelle sembra carta vetrata ma questo già dalla comparsa delle prime puntine... da ieri sono spuntate delle puntine anche nella braccia, nello specifico nella parte interna del gomito... è normale? Il prodotto al benzene l'ho messo in tutto il corpo... per il prurito sto prendendo l'antistaminico, è corretto? Un'altra cosa... io non ho puntine né nelle mani né nei polsi... è possibile che non sia scabbia? Un'altra cosa: che differenza c'è tra scabbia e acariosi? Vi ringrazio anticipatamente.

30 marzo 2011 - 00:18 | di paolo

Che dire... il sospetto mi ha portato qui... sono d'accordo con il dott Martella. Dopo tutto quello che ho letto, domani il dermatologo non me lo leva nessuno :)

31 marzo 2011 - 09:47 | di Alessandro Martella

@Ale
spero che prima di iniziare la terapia sia stata confermata la presenza dell'acaro o delle uova per evitare trattamenti inutili che irritano la pelle e di conseguenza far peggiorare il prurito.
Di solito, il benzoato viene eseguito per una settimana e poi dopo una di riposo ripetuto ancora per 7 giorni altri.
Acariasi e scabbia sono sinonimi. ;)

@Jacopo,
per una diagnosi di certezza è necessario il consulto dermatologico per documentare la presenza dell'acaro e delle uova. Per maggiori informazioni ti consiglio di rileggere questo post.

@Paolo,
ok! se ti fa piacere potresti aggiornarci ;)

11 aprile 2011 - 01:27 | di letizia

Cavolo... credo di aver contratto la scabbia.

Puntini sulle mani e da qualche giorno anche sulle dita e qualcuna sul polso destro!
L'anno scorso avevo una cosa simile sul collo del piede, ma erano bolle più grandi e acquose, che poi si sono affievolite con il tempo, diciamo quasi da sole, a parte averci messo creme come gentalin beta e canesten, se non ricordo male...

Comunque ora ho delle screpolature anche tra le dita dei piedi, ma sembrano diverse da quelle che ho sulle mani, che sono più bollicine. Comunque sta di fatto che domani vado a farmi vedere per bene...

La cosa che mi preoccupa è la facilità di trasmissione. Non posso pensare di aver contagiato tutte le persone con cui sono in contatto quotidianamente. Ma la trasmissione è assicurata?!?! Aiutooooo

11 aprile 2011 - 22:22 | di letizia

Il medico ha confermato... scabbia!!! Ma ho dimenticato di chiedergli una cosa... prima di avere queste bollicine sulle mani credo di avere avuto la tigna sullo stesso punto dove ora ho la scabbia, che ho curato con il canesten. Possono essere legate le due cose?

13 aprile 2011 - 19:53 | di Alessandro Martella

@letizia,

nessun nesso di connessione tra la tigna e la scabbia. ;)

28 aprile 2011 - 22:18 | di Ale

Rieccomi... avevo scritto il 13 e il 16 marzo... da qualche giorno ho dei puntini sotto il seno... e avverto prurito sotto il seno, schiena e addome... E' ritornata la scabbia? E' scabbia? Io nn ho nulla né alle mani né ai piedi...

29 aprile 2011 - 20:55 | di Alessandro Martella

@Ale,
scabbia? e' passato molto tempo e poi dovresti essere guarita da un pezzo1 ;)
E se fosse qualcos'altro?

Comunque, chiedi un consulto per sicurezza! ;)

10 maggio 2011 - 05:51 | di Pedro M

Salve, volevo sapere se durante il periodo di incubazione la patologia è comunque infettiva, io sono un infermiere e dove lavoro si è verificato un caso di scabbia, è il caso che io faccia un ciclo di Decar e Scab preventivo? Non ho ancora nessun sintomo ma posso infettare altri? Se il periodo di incubazione è di 2-3 settimane conducendo una vita normale ogni persona potrebbe contagiare centinaia di persone, ma basta una stretta di mano o un abbraccio prolungato per il contagio??? Grazie :-D

12 maggio 2011 - 06:18 | di bruno

Noi siamo in sei membri familiari e la dermatologa ha detto che è scabbia quella che ci assillava da 2 settimane. Ora volevo chiedere: ho un fratellino di 15 mesi, se lui prenda la scabbia cosa possiamo fare?

12 maggio 2011 - 12:39 | di Alessandro Martella

@Pedro M,

anche durante la fase di incubazione è infettivo ed è questo il motivo per cui viene indicata la terapia di profilassi per coloro i quali non hanno i sintomi ma hanno avuto un contatto diretto e prolungato con un soggetto al quale è stato diagnosticata la scabbia.

Durante la fase di incubazione è sempre necessario un contagio diretto e prolungato per trasmettere la scabbia e non solo una stretta di mano

@bruno,
se effettivamente vi è stata diagnosticata la scabbia anche il fratellino piccolo di 15 mesi, anche se asintomatico, dovrebbe eseguire la terapia di profilassi

16 maggio 2011 - 21:13 | di niko

Salve, la mia ragazza ha la scabbia le hanno dato come crema Scabiacid 5%. La mia domanda era se si può spalmare anche sul viso. Grazie

19 maggio 2011 - 09:35 | di Alessandro Martella

@niko,

di solito il viso non viene interessato dalla malattia. Tuttavia, non è una regola assoluta. Nel caso specifico è importante valutare se la scabbia della sua ragazza è presente anche al volto e quanto è estesa

19 maggio 2011 - 16:21 | di gio 73

è stato un trauma per me sapere che la mia bambina ne era infetta ,tutta la mia pulizia maniacale non era servita o le sue attenzioni per tutti gli animali di ogni genere le erano state dannose ? bè ora la curerò ,e dimenticheremo questo brutto incidente.

19 maggio 2011 - 17:24 | di Alessandro Martella

@gio73,

se la diagnosi è corretta la scabbia deve averla presa necessariamente da qualcuno...

Spero che la diagnosi sia stata confermata dall'evidenza dell'acaro, osservato al microscopio ottico oppure in dermatoscopia per evitare errori diagnostici

28 maggio 2011 - 21:53 | di Incredulo

Ho letto l'articolo... In famiglia, il compagno di mia madre ha contratto molto probabilmente la Scabbia, sto eseguendo una terapia precauzionale, usando una pomata che "uccide" gli acari... Faccio bene? Se si per quanto dovrei farlo?! Attendo risposta, Grazie!
Complimenti per l'articolo :D

02 giugno 2011 - 17:21 | di Vietcong

Buongiorno e complimenti per l'articolo!

Abbiamo appena adottato un bimbo vietnamita, che probabilmente ha avuto la scabbia in istituto. Il pediatra che lo ha visitato in Viet Nam ha escluso la malattia... ma prima di incontrarlo avevamo comunque fatto (compresi noi genitori e nostra figlia) un trattamento con la permetrina al 5%.

Al rientro in Italia sono comparse bollicine di sudore SOLO su mani e piedi del bimbo (11 mesi di età), poi peggiorate in vescicole rosse. Nessun prurito (il bimbo di tanto in tanto si gratta, ma sembra quasi più per curiosità che per fastidio). Effettivamente il bimbo suda moltissimo da testa, mani e piedi. La dermatologa è in dubbio e per ora ci ha prescritto una crema cortisonica. Ho fatto alcune foto a mani e piedi, pubblicate qui.

Le sarei grato se riuscisse a darci un'occhiata e un parere. Grazie in anticipo e cordiali saluti.

09 giugno 2011 - 15:05 | di Alessandro Martella

@Incredulo,
se la profilassi è sufficiente anche solo una settimana di trattamento.

@Vietcong,
prima di tutto complimenti per le foto che ho osservato con attenzione, sinceramente non mi convincono per una manifestazione legata al sudore. Consiglio il consulto del dermatologo perché, anche se è strano che sia assente il prurito, quel tipo di lesioni è possibile riscontrarle nella scabbia. In alternativa, mi viene da pensare alla malattia virale mani-piedi-bocca.

13 giugno 2011 - 14:33 | di asia

Salve, sono tornata dopo 6 mesi dal Messico con un forte prurito... dopo una settimana mi hanno diagnosticato la scabbia. Ho fatto un ciclo di scabiacid. L'ho applicato una volta e poi ho ripetuto l'applicazione dopo 7 giorni. Ora a distanza di 12 giorni mi sembra che mi stiano ricomparendo quindi presumo di non aver debellato bene l'acaro e le sue uova. Posso ripetere il trattamento? E un'altra cosa: viso e capelli non sono a rischio contagio? Esistono prodotti da poter applicare anche in quelle zone? Grazie.

19 giugno 2011 - 13:27 | di Vietcong

Buongiorno dottore e grazie della risposta!

Dopo un paio di settimane di cura con crema al cortisone FUCICORT 20mg/g + 1mg/g le bolle (che non hanno mai causato prurito, né si sono estese ad altre parti del corpo) si sono asciugate e sono scomparse. Di conseguenza la dermatologa ha ritenuto di non procedere con ulteriori esami, prescrivendo una crema al 10% di urea, che stiamo applicando mattina e sera. Per ora tutto bene.

Grazie ancora, cordiali saluti.

03 luglio 2011 - 08:09 | di Franco

Buongiorno, volevo sapere se è possibile convivere per un lungo periodo (circa 2 anni) con questa malattia senza avere un peggioramento netto e visibile dei sintomi. Grazie

06 luglio 2011 - 10:15 | di Alessandro Martella

@asia,

per avere la conferma della guarigione è sempre indicato il controllo specialistico da parte del proprio dermatologo di fiducia. In alcuni casi anche il viso e meno il cuoio capelluto possono essere interessati dalla patologia. In questo casi, mi riferisco al viso il topico che hai già usato può essere un valido rimedio.

@Vietcong,

grazie a te! ;)

@Franco,

è un strano quello che scrivi, perché trattandosi di una parassitosi un peggioramento progressivo, anche se lento, è la regola.

07 luglio 2011 - 18:17 | di Alessandro

Gentile dottore, dallo scorso Ottobre io e la mia ragazza abbiamo contratto la Scabbia probabilmente durante un soggiorno all'estero, purtroppo ci è stata diagnosticata solo a marzo e ci siamo sottoposti ad una cura con permetrina al 5% 3 cicli con due applicazioni settimanali e sterilizzazione di abiti e biancheria.

A seguito il fastidio su entrambi si è ridotto fino a quasi sparire, soltanto qualche sfogo di dermatite che sto curando con semplice crema idratante. L'unica preoccupazione che mi rimane è che ogni tanto in zona genitale mi riappaiono delle bolle che non sono fastidiose come prima della cura ma comunque "noiose". Il dermatologo mi ha parlato di noduli da scabbia, volevo sapere se ha qualche informazione in + in merito e di solito dopo quanto i sintomi scompaiono definitivamente. Grazie

12 luglio 2011 - 07:04 | di Operatore

Ho tutti i sintomi di questa malattia, da giovedì ad oggi si è anche espansa in molte parti del corpo: dalle caviglie, polpacci, coscie, anche su pancia, braccia da vicino le ascelle, sino alle mani. Purtroppo non posso permettermi un dermatologo privato e quelli convensionati sono congestionati per cui il primo appuntamento disponibile me l'hanno dato tra 40 gg. Il medico di base visti i tempi biblici mi ha segnato una pomata, l'eurax, da mettere x tutto il corpo tranne viso e testa,la sera dopo bagno caldo a corpo asciutto, e al mattino per 5 gg, una settima di stop, poi stesso trattamento per altri 3-4 gg. Vorrei sapere se, vista "l'emergenza" questa "terapia" puo' cmq risultare efficace, o, in caso non si dovesse trattare di scabbia, cosa comportebbe questo trattamento con la succitata crema. Grazie e mi scusi per la prolissità.

12 luglio 2011 - 09:55 | di Alessandro Martella

@Alessandro,

i noduli post scabbiosi sono semplicemente delle reazioni infiammatorie che si manifestano e persistono anche per alcuni mesi dopo il trattamento eseguito per eliminare l'acaro.

Scompaiono lentamente e spontaneamente senza che sia necessario un nuovo trattamento anti-scabbia.

I noduli post-scabbiosi, generalmente, si presentano di colore rosso o ramato e sono pruriginosi.

12 luglio 2011 - 10:41 | di Alessandro Martella

@Operatore,

se trattasi di scabbia il trattamento è corretto e se non lo fosse? Molto probabilmente irriterebbe inutilmente la cute già interessato dal problema dermatologico e in aggiunta potrebbe contribuire a "camuffare" la vera malattia.

Non è possibile un'attesa di 40 giorni!!!

14 luglio 2011 - 01:10 | di Operatore

Purtroppo Dottor Martella, nelle grandi città (RM) è spesso così.
Cmq volevo chiedere anche: le crosticine "da grattamento" (alcune anche di 1 cm nel mio caso sulle caviglie/polpacci) vanno rimosse prima del trattamento con la crema? E se sì, quale metodo migliore? Ho notato anche un leggero gonfiore sul collo del piede destro (quello maggiormente "colpito") coincidenza? Sarebbero opportuno prendere anche qualche antibiotico (quale?) visto che di notte, anche senza accorgermi, mi gratto energicamente, a volte ferendomi ed esce del sangue.

Certo che è quasi incredibile che una dozzina di parassiti invisibili possano generare lesioni del genere e in tutto il corpo o quasi... ma come diavolo si spostano per esempio dal collo del piede al gomito? Grazie e buon lavoro.

14 luglio 2011 - 12:33 | di Operatore

Altra domanda: la malattia è trasferibile sui cani? La mi cagnetta (yorkshire) da ieri si mordicchia la coda... uff

04 agosto 2011 - 15:01 | di Alessandro Martella

@Operatore,
spero che nel frattempo sia guarito. Per rispondere alla sua domanda non sono tanto sicuro che si tratti solo di una dozzina di parassiti i quali non si spostano dal collo al piede, in altre parole non saltano da una parte all'altra del corpo. Vivono sotto pelle scavando cunicoli, piccole trincee dove depongono diverse uova. L'antibiotico non è necessario se non è presente un'infezione dovuta al grattamento.

Infine, teoricamente possibile il passaggio della parassitosi dall'uomo al cane anche se per esperienza ho notato, invece, il contrario.

24 agosto 2011 - 12:03 | di Alessandro

Grazie dottor Martella.
Purtroppo i sintomi di cui le accennavo sopra continuano a persistere solo in zona genitale (maggiormente sui testicoli). Dopo un periodo di mare mi erano scomparsi, ora che sono tornato al lavoro, probabilmente con caldo, sudore e sfregamento degli abiti sono ricomparsi.

Ho fatto un trattamento con aventan emulsione che mi abveva portato benefici prima delle ferie, ora non vorrei abusarene, in attesa di vedere un dermatologo c'è qualcosa che mi permette di ridurre il fastidio? Qualche crema idratante particolare o prodotti simili...

Grazie

25 agosto 2011 - 23:19 | di marco

Salve, io 2 settimane fa sono stato in viaggio all'estero, dove ho dovuto pulire una casa terribilmente sporca e dove poi abbiamo anche trovato dei topi - subito uccisi con l'apposito veleno.

La mia domanda è: visto che sono tornato da 2 settimane e da una settimana soffro di prurito inguinale, sulle braccia, sul collo, sulle gambe e sulla pianta di mani e piedi, è possibile che abbia preso la scabbia? E dimenticavo su alcune parti del corpo vedo quelle specie di tunnel sotto la pelle. Se sì come faccio a curare la cosa? Grazie, cortesemente Marco.

11 settembre 2011 - 23:20 | di luisa

Gentile dottore, mi è stata diagnosticata la scabbia, e ci sono delle cose che ancora non capisco bene. Durante un viaggio di una settimana in Kenya, al 6° giorno mi sono comparse delle macchioline rosse sui polsi che durante la giornata si sono estese agli avanbracci. Il giorno seguente erano molto più visibili e in quantità maggiore sulle braccia, ascelle, ecc. presente il forte prurito.

Il dermatologo dopo 4 giorni dai primi sintomi ha confermato che si tratta di scabbia e mi ha dato una cura per 3 giorni con sapone ts dermo detergente e crema lenirax da ripetere dopo una settimana. Ho terminato da 2 giorni il primo ciclo e ora ho un forte prurito nelle stesse zone e delle bollicine come morsi di insetti rialzati che prudono e macchioline come al principio. Vuol dire che il trattamento non ha funzionato? Cosa devo fare? Attendere una settimana e poi ricominciare? La domanda più importante: se l'acaro ha un incubazione di 2/3 settimane vuol dire che sono stata contagiata in Italia? Grazie, Luisa

11 settembre 2011 - 23:54 | di Luisa

Un ultimo quesito: in tutto ciò durante la settimana in Kenya ho sempre dormito con il mio ragazzo e al rientro anche lui ha fatto la cura per 3 giorni anche se non ha mai dimostrato nessun sintomo della malattia. E' possibile che lui sia portatore anche senza avere i sintomi? Come è possibile che io abbia sviluppato la malattia in cosi poco tempo e lui non abbia contratto nulla nonostante 7 giorni nello stesso letto? Grazie mille, Luisa

20 settembre 2011 - 23:04 | di Silvia

Da tre mesi sto lavorando quasi tutti i giorni con un gruppo molto numeroso di profughi. Un paio di settimane fa sono stati diagnosticati 3 casi di scabbia. Il mio lavoro non prevede un grande contatto fisico, però condividiamo sedute in stoffa e si scambiano numerose strette di mano. Ultimamente avverto prurito su tutto il corpo che però potrebbe anche essere solo effetto di suggestione. Crede che dovrei seguire una terapia o una profilassi? Di che tipo? Dovrei anche prendere precauzioni particolari per non contagiare il mio compagno?
Grazie

21 settembre 2011 - 10:08 | di Marco

Salve, dopo diverse diagnosi di allergia farmacologica o alimentare mi è stata diagnosticata la scabbia dai dermatologi dell'ospedale di via Pace (giovani, probabilmente tirocinanti). Non mi è stato fatto alcun esame, unica cosa è stato usato un piccolo oculare ingranditore. I medici non avevano molti dubbi dati i sintomi e anch'io tenderei ad essere d'accordo.
Per farla breve mi è stata prescritta la crema di permetrina 5% su tutto il corpo per 3gg e applicazione 2gg dopo 1 settimana.

Ho fatto le 3 applicazioni ma ho la sensazione che gli acari non siano stati debellati, vista la ricomparsa di nuove bolle e il permanere di un prurito su alcune zone (collo, gambe e mani).
Mi domando se a causa del fatto che sono piuttosto peloso l'applicazione della crema possa non risultare efficace e se vi sono altri prodotti da associare o consigli da fornire per debellare la parassitosi. E già + di un mese che me la porto dietro e sono davvero sfinito.
Grazie per l'eventuale consiglio.

21 settembre 2011 - 10:29 | di Marco

@Alessandro Martella
"Non è possibile 40 gg di attesa"

Caro dottore a Milano mi hanno previsto ben 60gg di attesa... poi per fortuna chiamando più volte si è liberato un posto, ma ultimamente i tempi sono questi, specie se i medici che prescrivono le ricette non si ricordano di barrare la bella casellina che denota il carattere di urgenza della visita.

22 settembre 2011 - 23:06 | di ale

Salve, sono Ale... avrei bisogna di alcune informazioni... ho delle puntine piccole e rosse sulla parte laterale del seno che ogni tanto mi fanno un po' prurito. Ho cambiato tessuto del reggiseno ma sembra persistere... cosa potrebbe essere? Le puntine sono anche quasi sotto il seno... mi può dire cosa posso fare?

23 settembre 2011 - 16:05 | di Anna M

Ciao a tutti, per ora ho dei problemi: mia madre l'ha presa da circa un mese, abbiamo lavato le lenzuola, l'intimo i vestiti e tutto il resto; mi ha fatto usare una crema al 5% e l'ho fatto ieri sera. Ho molto prurito nelle parte interna delle cosce e sotto le ascelle, cosa devo fare?

27 settembre 2011 - 11:14 | di Alessandro Martella

@Alessandro,

spero che nel frattempo il problema si sia risolto. Dalla tua descrizione non credo si possa trattare di scabbia. Se il fastidio persiste, l'applicazione di un lenitivo sarebbe solo un sintomatico. Molto meglio una visita dermatologica.

@Luisa,

sicuro che la diagnosi è esatta? In altre parole è stato identificato l'acaro o le sue uova oppure la diagnosi è stata solo clinica? Se fosse vera l'ultima ipotesi, non si può escludere una diagnosi non corretta! E poi, per quanto riguarda la scabbia non esiste il portatore sano...

@Silvia,

è difficile che sol con una stretta di mano si possa contrarre la scabbia. E poi, mi auguro che nella "gestione" dei profughi vengano rispettate le più elementari norme igieniche tipo l'uso dei guanti. Potrebbe essere tranquillamente una suggestione ma per sciogliere ogni dubbio richiedi un consulto al tuo dermatologo di fiducia.

27 settembre 2011 - 11:14 | di Alessandro Martella

@Alessandro,

spero che nel frattempo il problema si sia risolto. Dalla tua descrizione non credo si possa trattare di scabbia. Se il fastidio persiste, l'applicazione di un lenitivo sarebbe solo un sintomatico. Molto meglio una visita dermatologica.

@Luisa,

sicuro che la diagnosi è esatta? In altre parole è stato identificato l'acaro o le sue uova oppure la diagnosi è stata solo clinica? Se fosse vera l'ultima ipotesi, non si può escludere una diagnosi non corretta! E poi, per quanto riguarda la scabbia non esiste il portatore sano...

@Silvia,

è difficile che sol con una stretta di mano si possa contrarre la scabbia. E poi, mi auguro che nella "gestione" dei profughi vengano rispettate le più elementari norme igieniche tipo l'uso dei guanti. Potrebbe essere tranquillamente una suggestione ma per sciogliere ogni dubbio richiedi un consulto al tuo dermatologo di fiducia.

27 settembre 2011 - 11:28 | di Alessandro Martella

@Marco,

i 40 giorni d'attesa non è possibile giustificarli in alcun modo. Mentre, per quanto riguarda il mancato risultato terapeutico penso sia doveroso un consulto dermatologico.

27 settembre 2011 - 11:31 | di Alessandro Martella

@ale,

molto semplice, richiedi un consulto al dermatologo. Internet non è lo strumento per formulare diagnosi basandosi solo sulla descrizione di un problema. ;)

@Anna M,

forse è conseguente all'applicazione della crema consigliata.

29 settembre 2011 - 22:33 | di milena

Al mio bimbo, che oggi ha 4 mesi, l'ennesimo dermatologo consultato ha riscontrato la scabbia. Volevo sapere se le cure vanno effettuate dai 2 anni in su, allora che faccio?

Lo stesso dermatologo mi ha prescritto scabiacid crema da applicargli x adesso una volta sola; purtroppo tutto è iniziato 2 mesi fa quando vidi i primi puntini rossi, ma nessuno dei medici consultati l'aveva capito, tant'è che me l'hanno curato come la sudamina con gentalin beta e betadine sapone x 1 mese e senza nessuna miglioria.

inoltre volevo sapere: oltre a me, mio marito e la sorellina, in casa anche i nonni e le zie devono eseguire il trattamento medico pur non avendo dormito insieme ma coccolato solamente e pur non avendo nessun sintomo? Grazie, mi aiuti.

14 ottobre 2011 - 22:47 | di pea

Gentile dottore, il mio ragazzo ha la scabbia... quanto tempo dura il ciclo di cura? Io anche devo farlo? Inoltre lui si sente i sintomi anche sul viso, la lozione va messa oppure no?

16 ottobre 2011 - 16:57 | di D&D

Salve,
per lavoro ho contatto con i senza fissa dimora. L'altro giorno ho stretto la mano ad uno di loro che mi ha mostrato un certificato medico con una diagnosi di probabile scabbia o parassitosi. Subito dopo mi sono disinfettata con acqua e amuchina.
Ieri ho cominciato ad avvertire prurito ma ho letto che c'è un'incubazione di almeno una settimana. Cosa mi consiglia di fare? C'è una terapia preventiva? Se mi ricapita faccio bene a disinfettarmi in quel modo? E le seggiole ricoperte di stoffa che sono in ufficio dove si è seduta la persona affetta da presunta scabbia devono essere eliminate? Grazie

17 ottobre 2011 - 11:59 | di Alessandro Martella

@milena,

scabbia al piccolo di 4 messi? Possibile, però è molto strano che nessuno dei familiari abbia la stessa patologia. Quale la fonte del contagio e poi la diagnosi è stata formula isolando l'acaro o le sue uova? Se non è stato fatto molto meglio una concreta conferma prima di iniziare la terapia

17 ottobre 2011 - 11:59 | di Alessandro Martella

@milena,

scabbia al piccolo di 4 messi? Possibile, però è molto strano che nessuno dei familiari abbia la stessa patologia. Quale la fonte del contagio e poi la diagnosi è stata formula isolando l'acaro o le sue uova? Se non è stato fatto molto meglio una concreta conferma prima di iniziare la terapia

17 ottobre 2011 - 11:59 | di Alessandro Martella

@milena,

scabbia al piccolo di 4 messi? Possibile, però è molto strano che nessuno dei familiari abbia la stessa patologia. Quale la fonte del contagio e poi la diagnosi è stata formula isolando l'acaro o le sue uova? Se non è stato fatto molto meglio una concreta conferma prima di iniziare la terapia

17 ottobre 2011 - 12:03 | di Alessandro Martella

@pea,

di solito la terapia dura solo una settimana che poi viene ripetuta dopo 7 giorni di riposo.

Per quanto riguarda il prurito al viso, prima di applicare la lozione sarebbe meglio capire se il sintomo è dovuto alla parassitosi oppure ad un'altra causa, chiedendo il consulto dello specialista

17 ottobre 2011 - 12:05 | di Alessandro Martella

@D&D,

la scabbia non si contrae con una semplice stretta di mano o sedendosi sulla stessa sedia, serve un contatto diretto e prolungato, quindi credo che il suo prurito sia solo una conseguenza psicologica. ;)

Infine, l'amuchina non è assolutamente efficace come antisettico a prevenire un'eventuale parassitosi tipo la scabbia

17 ottobre 2011 - 12:05 | di Alessandro Martella

@D&D,

la scabbia non si contrae con una semplice stretta di mano o sedendosi sulla stessa sedia, serve un contatto diretto e prolungato, quindi credo che il suo prurito sia solo una conseguenza psicologica. ;)

Infine, l'amuchina non è assolutamente efficace come antisettico a prevenire un'eventuale parassitosi tipo la scabbia

20 ottobre 2011 - 22:18 | di P.

Ho chiesto ad un dermatologo di farmi un esame dermatoscopico perché temevo di avere la scabbia, si è servito di siero preso da alcune "bollicine" presenti sulle mie mani e di frammenti di pelle presi sempre da quella zona.

Volevo chiedere se il prelievo di campioni dalle mie mani e solo dalle mie mani, può dire con certezza che non ho la scabbia, perché egli mi ha assicurato che né il siero, né la pelle contenevano acari, ma soltanto delle ife fungine che ho debellato facilmente con una cura di quasi un mese. Tuttavia ho sentito telefonicamente un mio amico (da cui ho dormito due mesi fa) che dice di avere la scabbia e potrebbe avermela passata.

Inoltre pare io sia allergico a gomma, cromo e anolina, ma dubito fortemente giustifichino i miei sfoghi cutanei in quanto in vent'anni non ne ho mai avuti di simili.

Grazie mille!

21 ottobre 2011 - 16:31 | di dani

C'è un disinfettante adatto per eliminare la scabbia?

21 ottobre 2011 - 16:39 | di dani

Ciao, io e i miei familiari abbiamo fatto 1 ciclo di trattamento preventivo. Io lavoro in RSA dove ci sono diversi casi di scabbia trattati ma non chi non ha manifestato i sintomi. Posso infestarmi? Quanto mi protegge lo scabiacid 5% e poi lo stesso è efficace?

21 ottobre 2011 - 18:04 | di milena

Gentile dottore anche noi famigliari abbiamo fatto un ciclo di tre applicazioni ma a oggi abbiamo ancora prurito e pizzichio sotto pelle. E che cosa intende lei x isolare l'acaro? Mi scusi ma sono disperata. Grazie.

25 ottobre 2011 - 09:32 | di Alessandro Martella

@P.

da quanto hai scritto presumo che il collega abbia eseguito un'indagine al microscopio ottico anche se il siero per questa valutazione non serve a nulla e potrebbe essere la conseguenza del grattamento della pelle. L'indagine è stata eseguita solo sulle mani perché la sede che presentava le lesioni dubbie e poi se effettivamente con la cura anti-micotica hai risolto il problema non vedo di che preoccuparsi. Tuttavia, per ogni dubbio non esitare a chiedere nuovamente un consulto al tuo dermatologo di fiducia

25 ottobre 2011 - 09:43 | di Alessandro Martella

@dani,

non esiste un disinfettante più efficace se contestualmente non viene curata anche la pelle. L'acaro in qualità di parassita dell'uomo preferisce la sua pelle e non l'ambiente.

@milena,

il pizzicore potrebbe essere una conseguenza della terapia. Per isolare, intendo che il dermatologo deve identificare, visualizzare, scovare l'acaro sottocute nel paziente usando la dermatoscopia oppure, dopo aver prelevato delle squame, con il microscopio otticoc

26 ottobre 2011 - 10:39 | di alessandra

Quanto è il tempo di incubazione della scabbia?

27 ottobre 2011 - 22:24 | di arian

Caro dottore sono contagiato dalla questa malattia da due mesi; mi sono curato e per un po' di tempo non l'ho più avuta. Quanto ho finito la cura stretta che ho fatto come mi ha indicato il mio dottore (7 giorni per la prima volta e poi altri 7 per la seconda dopo 2 settimane) ce li ho ancora questi piccoli animali, ma non come prima.

Che ci posso fare? Vorrei continuare ancora la cura ma ho paura di fare qualcosa alla pelle. Che cosa mi indica lei? Con tutto il rispetto aspetto una risposta, grazie.

31 ottobre 2011 - 12:17 | di dany

Ciao, in casa abbiamo fatto 2 trattamenti preventivi xchè io lavoro in una RSA. Può ancora ricomparire o posso stare tranquilla? Quanto ci protegge lo scabiacid 5%? Rispondetemi sto impazzendo all'idea di poterla aver attaccata a mio figlio di 8 anni.

03 novembre 2011 - 02:41 | di Giulia

Gentile Dott. mi è stata diagnosticata la scabbia il 13 ottobre insieme al mio compagno; abbiamo fatto quattro trattamenti di Paf in una settimana e eurax sino ad oggi ma abbiamo di nuovo puntini ovunque e prurito. Lo specialista dice che siamo guariti e che mio figlio che vive con noi solo 3 giorni a settimana non c'è l'ha: è possibile?

Abbiamo lavato tutto ma i materassi non li abbiamo sigillati: se lasciamo la casa per tre giorni l'acaro muore? Mi sento molto esaurita, ho paura che mio figlio possa ammalarsi. Spero possa aiutarmi. Grazie

07 novembre 2011 - 09:09 | di Alessandro Martella

@alessandra,

come scritto nel post anche di 3-6 settimane.

@arian,

qualcosa non quadra anche perché scrive che dopo la terapia sono ancora presenti i parassiti ma non come prima. Cosa intende esattamente?

@dany,

se effettivamente si tratta di un trattamento preventivo vuol dire che, fino a prova contraria, non avete la malattia, quindi state tranquilli! ;)

@Giulia,

se il suo dermatologo ha confermato la guarigione non c'è da preoccuparsi e quanto descritto potrebbe essere la conseguenza temporanea della terapia eseguita.

Tuttavia, richiedete una rivalutazione clinica e strumentale al vostro dermatologo di fiducia.

08 novembre 2011 - 22:10 | di gabriele

Buonasera dottore mi è stata diagnosticata la scabbia il 25 giugno 2011,il giorno dopo ho fatto scabbiacid per 2 volte a distanza di 3 giorni. DOPO Visita da 2 dermatologi,scabbia sparita,ma mi resta ancora prurito, e prendo 4 compresse di ZIRTEK alla settimana per dormire (se no mi gratto ),oltre che EURAX in crema,sto IMPAZZENDO!! anche la testa ci sta andando a dietro,sembra di non guarire MAI.SONO PASSATI 5 mesi e il prurito spesso ricompare molto intenso.LA PREGO MI AIUTI

11 novembre 2011 - 16:20 | di Alessandro Martella

@gabriele,

perché continuare ad usare Eurax se sei guarito?
Ricordo che tutti i trattamenti topici per la scabbia irritano volutamente la pelle e il loro usato sconsiderato e non opportuno può favorire la comparsa di prurito.

Vada per l'antistaminico ma non per l'Eurax che consiglierei di sospendere e di iniziare un adeguato trattamento lenitivo e idratante.

20 novembre 2011 - 13:37 | di Andrea

Salve, circa due settimane fa ho trascorso la notte con una ragazza conosciuta la sera stessa. All'incirca 4/5 giorni dopo ho cominciato ad avvertire un prurito diffuso in tutto il corpo, concentrato in particolare in prossimità dei peli pubici, nel perineo, sotto le ascelle, sulla barba, sulle cosce e, di tanto in tanto, tra i capelli.

Essendo uno studente fuori sede, mi sono recato al pronto soccorso all'incirca una settimana dopo l'accaduto. La dermatologa mi ha ispezionato dappertutto e, in assenza di segnali evidenti, mi ha prescritto un antistaminico e una crema idratante. Col passare dei giorni il prurito continua, specialmente di notte. Ad oggi sono trascorsi 12 gg e ancora non noto macchie rosse o cunicoli. Dovrei aspettare o tornare dal dermatologo? E' normale avvertire i sintomi della scabbia quando ancora non vi sono tracce evidenti? Sono un po' in apprensione principalmente per il fatto che vivo in un appartamento di studenti.

22 novembre 2011 - 17:51 | di Andrea

Salve, circa un mese fa ho avuto il timore di aver contratto la scabbia, l'avevo avuta già 2 anni fa e ho riconosciuto i sintomi, infatti dopo l'uso di scabiacid il prurito è passato. Ho ripetuto l'applicazione della crema più volte a distanza di una settimana e lavato bene tutti i vestiti e biancheria. Credevo di aver risolto ma da ieri mi sono comparse due eruzioni sulle dita di una mano, anche se il prurito ed altri segnali tipici sembrano essere spariti. Cosa devo fare? Grazie

22 novembre 2011 - 21:30 | di Virgi & Cri

Siamo mamma e figlia.

Io, Virginia nonchè figlia, dopo un'estate a Tenerife sono tornata a casa a fine settembre con vari puntini davanti ai quali la dermatologa ha appurato che "io ho la scabbia nel cervello", ho continuato a grattarmi per ancora 1 mese e mezzo fino a quando, dopo che mi hanno consigliato una psicologa perché "possono essere sfoghi da stress", anche a mia mamma sono venuti fuori i puntini... perciò il giorno dopo sono andata al pronto soccorso e TA TAN è scabbia.

Abbiamo iniziato la cura da 2 settimane lavando tutto, ogni giorno lenzuola pulite, vestiti puliti, io che ovviamente avevo una forma molto più avanzata ho ancora qualche puntino visibilmente migliorato. Il nostro punto interrogativo sta nel perché ogni tanto abbiamo ancora prurito e fastidio! Siamo consapevoli che le nostre fobie e paranoie ci condizionano, e che dopo il trattamento il fastidio resta per un po' causa anche la permetrina. A volte capita che spunti un nuovo puntino... e lì parte l'ansia.

27 novembre 2011 - 21:27 | di Alessandro Martella

@Andrea,

penso sia opportuno un consulto dermatologico per indagare meglio il prurito sebbene non creda che si possa trattare di scabbia., forse potrebbe essere una pediculosi.

@Andrea,

inziar un trattamento per la scabbia senza che ci sia stata la diagnosi di un dermatologo non è corretto. Inoltre, nel tu caso specifico non ha risolto nulla e, molto probabilmente, potrebbe signficare che la causa del prurito è dovuto ad altro.

@Virgi & Cri,
in corso di trattamento se è presente un dubbio è lecito chiedere il consulto del dermatologo senza esitare. :)

28 novembre 2011 - 15:44 | di Joanna

Salve dottore. Ho letto nel suo articolo che "a volte l'esperienza della scabbia potrebbe sviluppare un'acarofobia che si manifesta con prurito in assenza del Sarcoptes scabiei"
Io ho avuto la scabbia da bambina, non mi ricordo esattamente di quanto è accaduto. Oggi, da adulta 45 (anni), ogni tanto mi appaiono le pustole o la pelle 'screpolata' sulle ditta delle mani, con tanto disturbo pruriginoso. poi scompaiono, poi si manifestano di nuovo, dopo mesi. Devo fare esame sulla presenza del parassiti? Miei famigliari non hanno mai presentato nessun disturbo.
Altrimenti esiste un rimedio per acarofobia ?
Grazie mille Joanna

29 novembre 2011 - 19:05 | di Virgi&Cri

Sono andata venerdì e mi ha detto che non c'è di che preoccuparsi e che la permetrina può irritare un pò ed il prurito persiste (speriamo bene visto e considerato che a prima dermatologa mi ha detto che ho la scabbia nel cervello )

01 dicembre 2011 - 20:16 | di Virgi

Torno a fare una domanda: ho dei puntini e sono stata dal dermatologo, che ovviamente senza appuntamento non mi ha nemmeno guardata in faccia e me l'ha messo per il 13 dicembre! Visto che sono abbastanza stressante qnd mi fisso ho fatto vedere i puntini alle infermiere del reparto che mi hanno detto che potrebbe essere sta cavolo di permetrina che fa irritazione... Ma fa venire i puntini anche quella? Puntini per curare puntini!

11 dicembre 2011 - 21:50 | di nenè

Circa un mese fa mi è stata diagnosticata la scabbia, presa dal mio compagno che lavora in barca. Ho fatto tutta la profilassi, messo materasso dentro un sacco, tutti i vestiti dentro il sacco per una settimana e quelli bianchi lavati a 90°. X cinque ho fatto la doccia con il dermamid oil e mettere la dermobase ts emulsione su tutto il corpo collo compreso, familiari compresi. Nel mentre ho anche avuto mia madre all'ospedale. Dopo 5 giorni il dermatologo mi ha controllato dicendomi che stavo guarendo e di continuare con la cura a giorni alterni per 3 giorni e poi basta. A dire il vero io ho continuato si a giorni alterni ma non solo per 3 giorni. Ora da qualche giorno ho qualche, e dico qualche, puntino rosso ai piedi qualcuno sulle gambe, fianchi e mani. Nulla su schiena o addome, non mi dà prurito se non ai piedi, ogni tanto le gambe. Prurito sporadico. Può essere una irritazione da uso continuo? Visto che a Natale vedrò il mio compagno che precauzioni dobbiamo avere?

25 dicembre 2011 - 12:26 | di chiaraAng

Dopo 3 dermatologi e tre diagnosi diverse e cure con antistaminici ho scoperto di avere la scabbia... sto aspettando la crema dall'Italia in quando vivo a Pechino... ho delle bolle rosse in zona pancia sotto il seno, e tipo delle eruzione cutanee sui genitali esterni, sotto le ascelle e tra le dita delle mani.

Mi sto lavando tutti i gg con il sapone allo zolfo: aiuta vero? Inoltre lascio ammollo in acqua calda la biancheria e lenzuola e tutti i vestititi e li lavo due volte in lavatrice con antibatterico.

Ora, siccome ho questa sensazione da un paio di mesi la mia dottoressa mi ha prescritto la permetrina per due cicli... ora siccome ho la malattia da molto tempo sarà sufficiente? Ho spesso fastidio dietro le ginocchia e a volte tra le dita dei piedi.... grazie

02 gennaio 2012 - 20:53 | di danilo

Salve alla mia ragazza è stata diagnosticata la scabbia.., il dermatologo le ha dato della crema scab emulsione, da mettere per 3 sere dopo aver fatto il bagno, e ripetere dopo una settimana... premetto che dopo aver usato la crema le piaghe sono asciugate e il prurito è sparito, oggi la mia ragazza mi ha chiamato dicendomi che sono comparsi altre macchie rosse su tutto il corpo, è disperata perché sono arrivate fino al collo... le chiedevo se ha messo troppa crema oppure il trattamento è stato sbagliato... grazie.

04 gennaio 2012 - 22:18 | di Alessandro Martella

@Joanna,

non credo che il disturbo descritto sia dovuto all'acarofobia che, di solito, è solo un problema psicologico e in assenza di manifestazioni demratologiche. E' molto probabile che lei abbia un problema dermatologico ben differente per il quale è indicato il consulto dermatologico per un corretto inquadramento.

@Virgi,
non mi fiderei del parere delle infermiere/i. Nel frattempo credo che tu abbia avuto modo di consulare un dermatologo e vorrei chiderti quale è stato il suo parere in merito.

@nenè,

effettivamente non è da escludere una manifestazione dovuta all'irritazione della cura eseguita. Infine, quando rivedrai il tuo compagno se entrambi avete eseguito il trattamento e siete guariti non c'è nessuna precauzione da seguire.

@chiaraAng,
il sapone allo zolfo è inefficace. Non serve così come il lavaggio con antibatterico. Curiosità: ma la diagnosi di scabbia come è stata formulata? Sei stata visitata? E se sì come e dove? In Cina o in Italia?

04 gennaio 2012 - 22:52 | di Alessandro Martella

@danilo,
potrebbe essere ad un'applicazione eccessiva. Comunque, suggerisco un consulto dermatologico di conferma.

05 gennaio 2012 - 05:21 | di chiaraang

me la hanno diagnosticata a pechino, sono stata in una clinica internazionale e mi hanno fatto il test con il vetrino, in italia ero stata da 4 dermatologici che mi avevano nell ordine detto: eczema, dermatite, reazione psicologic e dermatite. Comunque qui mi hanno preiscritto il lindano crema (ho gia fatto due cicli canonci di applicazione) e antistaminico
e sembra che le reazioni si siano assiopite, ho solo la pelle molto secca e delle bollcine bianche che si seccano tra le dite delle mani, ho del prurito specialmente sotto le ascelle ed in zona genitale e ho dei puntini scuri che spesso mi danno prurito significa che c e ancora l acaro? il prurito qui e sporadico inoltre continuo la cura lavaggio biancheria in acqua calda e detersivo ... per quanto persisteranno e normale aver prurito dopo l applicazione delle creme e la pelle molto secca? quando potro definirmi guarita e quando scomparira il prurito in zona genitale ascelle grazie mille

10 gennaio 2012 - 13:48 | di chiaraang

Visto che il prurito si faceva piu persistente sono stata da un dermatologo, purtroppo nonostante due cicli di lindano non ho debellato l'acaro maledetto, ora ne devo fare altri tre, oltre all'antistaminico mi hanno prescritto la crema agli steroidi per le zone piu irritate (inguine, ascelle) da mettere tra un ciclo e l'altro ho qualche fastidio.

Continuo a disinfettare tutto: lenzuola coperte ecc ed ho spruzzato materesso cuscini e coperte con insetticida... ora sono esasperata, quando potrò dirmi guarita? Me la porterò ancora a lungo la malattia? Grazie mille

13 gennaio 2012 - 05:07 | di tiziana

Buongiorno, le scrivo da Shanghai, a mia figlia è stata diagnosticata la scabbia da una dermatologa cinese. Ha iniziato la cura: una doccia calda giornaliera, lavaggio con Selenium Sulfide lotion, applicazione su tutto il corpo di Crotamiton Cream, da tenere 24 ore e alla sera 1 pastiglia di cetirizine dihydrochloride. Il giorno dopo ripetere il tutto, per tre giorni di seguito e poi settimana prossima una nuova visita di controllo. Ovviamente cambio letti e indumenti con lavaggi a 90 gradi per tutta la famiglia.

Può essere sufficiente o e meglio richiedere in Italia medicine piu efficaci? (ovviamente è impossibile per me leggere i bugiardini cinesi, le ho scritto l'equivalenza in inglese) grazie.

16 gennaio 2012 - 11:06 | di Alessandro Martella

@chiaraang,
spero che con il nuovo ciclo di terapia prescritto tu possa risolvere il problema e tuttavia per una conferma della guarigione è sempre indicato il controllo dello specialista che ha formulato la diagnosi iniziale.

@tiziana,

il crotamitone è uno dei principi attivi usati nei preparati per il trattamento della scabbia. Suggerisco di seguire il trattamento indicato e poi richiedere il consulto del dermatologo che ha formulato la diagnosi per accertare la guarigione clinica.

17 gennaio 2012 - 16:03 | di rosa

vi prego di darmi un consiglio, ho ospitato la mia amica per una settimana e i suoi bambini erano infetti con la scabbia. io non ho ancora niente ma per sicurezza ho disinfettato tutta la casa e ho preso lo skab plus che ho usato 2 volte al giorno. Va bene questo trattamento oppure no? A spetto la vostra risposta, grazie!!!!!

18 gennaio 2012 - 20:08 | di Christian

ciao.. purtroppo ce l'ho anch'io e anche la mia ragazza. Abbiamo già fatto la prima terapia con la crema. La mia domanda è POSSIAMO STARE VICINI TRANQUILLAMENTE VISTO CHE CE L'ABBIAMO TUTTI E 2? O PER IL TEMPO DELLA CURA DOBBIAMO STARE LONTANI??
grazie mille.

21 gennaio 2012 - 13:25 | di Alessandro Martella

@rosa,
se non ci sono stati contatti diretti e prolungati non ci dovrebbe essere nessun pericolo anche se, in questi casi, sono sempre favorevole ad un trattamento i profilassi che non deve essere eseguito con il fai da te perché è indicato prima il consulto del dermatologo di fiducia.

@Christian,
se entrambi avete la scabbia e siete in trattamento non vedo perché non dobbiate stare vicini-vicini. ;)

24 gennaio 2012 - 18:34 | di patti

E' possibile che la scabbia dia pochi segni sulla pelle ma solo tanto formicolio e movimenti sotto pelle? Io sono stata curata circa un anno fa ma controllata da diversi dermatologi: mi dicono che i sintomi che manifesto non sono dovuti alla scabbia ma a reazione della pelle, è possibile che duri da tanto tempo? E poi il tutto parte dal cuoio capelluto, è mai possibile?

A volte mi ritrovo delle crosticine una dietro l'altra ma quando ho la visita dal dermatologo sono già guarite.

Di notte non è il prurito che mi affligge ma questo formicolio pazzesco; e scusi ancora, un'altra domanda: è possibile che i miei familiari non manifestino prurito dopo così tanto tempo?

25 gennaio 2012 - 23:56 | di Laura

Ho scoperto oggi dal dermatologo che purtroppo mia figlia, di 4 anni, ha preso la scabbia
probabilmente da un cugino universitario; anch'io ho qualche puntina sulle mani e nella pancia, inoltre sono un insegnante. Cominciamo domani la terapia con Dermo base TS per 3 giorni seguita da 4 giorni di Gentalin Beta, va bene questa cura? Quanti giorni devono passare prima di poter tornare a lavoro e mia figlia scuola? La ringrazio e complimenti per l'articolo :-)

26 gennaio 2012 - 22:45 | di Alessandro Martella

@patti,
molto semplicemente non hai la scabbia ma qualche altro problema non ancora correttamente diagnosticato.

@Laura,
grazie per i complimenti che fanno sempre piacere, soprattutto quelli di un insegnante. ;)
Il trattamento consigliato può andar bene, specie se sono presenti poche manifestazioni sulla pelle.

Tuttavia, dopo il ciclo di terapia prescritto è fondamentale la visita di controllo dello specialista affinchè confermi l'avvenuta guarigione clinica

28 gennaio 2012 - 00:24 | di Lollo

Mi sono sati prescritti Scabiacid 5% crema e un sapone allo zolfo. In quanto tempo devo aspettarmi che il prurito passi dall'inizio della terapia? Grazie in anticipo ;)

28 gennaio 2012 - 10:04 | di patti

E' possibile la scabbia sul cuoio capelluto? Io presento brufoletti rossi e crosticine che curate con gentalin beta passano in un posto ma si ripresentano in un altro. Mi prude tanto e il prurito si presenta la sera e la notte ed ho la sensazione di pelle che pulsa.

Ho girato tanti dermatologi ma non sanno farmi una diagnosi e i problemi peggiorano: non riesco più a dormire, a chi mi posso rivolgere? E' possibile che tutti i medici che mi hanno visitata non sono preparati sul problema o sul cuoio capelluto non c'e' cura? Perché l'ultimo dermatologo mi ha fatto capire che devo tenermelo, ma non è altamente infettiva?

Cosa posso fare? La prego mi dia un consiglio prima che mi riempiano di psicofarmaci inutili.

30 gennaio 2012 - 17:33 | di Alessandro Martella

@Lollo,
Il prurito dovuto alla scabbia migliorerà progressivamente nei prossimi giorni quando però potrebbe persistere un sintomo pruriginoso dovuto alla pelle "rovinata" dal trattamento eseguito.

@patti,
tutto è possibile anche se la scabbia localizzata al cuoio capelluto è tipica dei lattanti o dei bambini molto piccoli.
Per quanto riguarda il tuo problema non credo si tratti di scabbia perché questa malattia non migliora con il gentalyn beta. Mi spiace ma è necessario un consulto dermatologico, anche se sarà l'ennesimo, per formulare una diagnosi certa.

01 febbraio 2012 - 17:20 | di EMY

e'possibile che la scabbia dia poco prurito ma solo manifestazioni sulla pelle come tante crosticine io sono stato curato ma sulla pelle continuano aformarsi dei puntini che poi diventano crosticine ma non mi danno prurito e di notte dormo cioe' non e' come prima che avevo un prurito insopportabile sono guarito?

05 febbraio 2012 - 22:17 | di Daniele

anni fa mi è stata diagnosticata la scabbia. Sono stato trattato in clinica per 3 giorni bendato con pomata a base di zolfo. Dopo il trattamento l'intenso prurito che non mi faceva neanche dormire è scomparso. Al suo posto pero' compaiono di tanto in tanto delle bollicine pruriginose, soprattutto sui sugli arti superiori, inferiori e sui fianchi; poi a contatto con il freddo la pelle reagisce come se fosse orticaria, escono furoi bollicine pruriginose. E' come se avessi la pelle sensibilizzata da una forma allergica. E' ipersensibile a tutto ora, mentre prima della scabbia non era cosi'. Possibile che mantenga ancora qualche acaro della scabbia che ipersensibilizzi la cute? Ho controllato accuratamente la pelle e non ho trovato i classici cunicoli che ben ricordavo sulle mani quando avevo la scabbia.

05 febbraio 2012 - 22:42 | di Daniele

Aggiungo al post precedente: Con un piccolo microscopio USB ho fatto questi scatti di alcuni punti che ho rinvenuto nella cute in prossimità delle bollicine. possono essere conseguenza della scabbia?
sul braccio
http://img696.imageshack.us/img696/6536/20120205220055.jpg

sui fianchi
http://img163.imageshack.us/img163/1741/20120130231057.jpg
http://img138.imageshack.us/img138/4947/20120130224406.jpg

07 febbraio 2012 - 02:34 | di Serena

Sono a rischio di scabbia. La mia amica con cui vivevo fino a un mese fa mi ha comunicato di aver avuto una diagnosi di scabbia (lavora come assistente agli anziani, una sua assistita l'aveva) e io ho una dermatite da qualche tempo che avevo sottovalutato non essendo particolarmente irritante. il giorno che dovevo andare dal dottore, venerdì scorso, è venuta la neve a roma. quindi in assenza di una diagnosi certa ho cominciato a trattarmi con tea tree oil. posso considerarlo un trattamento valido?

11 febbraio 2012 - 14:28 | di Alessandro Martella

@Emy,
non è possibile pensare aalla scabbia senza il prurito!

@Daniele,
come scritto in dermaforum sembrano nevi però solo il consulto di un dermatologo risolverà ogni dubbio.

@Serena,
il tea tre oli non è assolutamente un trattamento idoneo per la scabbia. Appena possibile rivolgiti al tuo specialista di fiducia per un consulto

14 febbraio 2012 - 17:06 | di antonio

Salve, ho preso la scabbia, sto facendo il trattamento per la scabbia da 2 settimane, ma ancora non mi passa e ho tutta la pelle rovinata, il prurito si è calmato ma la pelle e molto rovinata, come posso fare? Aiutatemi x favore, non ne posso più.

15 febbraio 2012 - 10:33 | di Pupa

Salve, siamo una piccola famiglia a cui è stata passata la scabbia proveniente da mia zia che lavorava in una casa di riposo la quale a sua volta l'ha contratta mia nonna... ora noi abbiamo fatto il primo trattamento consigliato da un dermatologo che ci ha detto che i familiari, quelli meno a rischio, lo devono fare solo una volta e poi ci ha detto che dobbiamo lavare tutto a 90 gradi... ma come faccio? Tutte le coperte, i maglioni, tappeti scarpe non posso lavarli a questa temperatura quindi come faccio? E' sbagliato lasciare le coperte e cuscini furori con questo freddo? E poi è possibile che la scabbia possa ritornare? Ho una paura bestiale... per favore datemi delle risposte!!! Grazie!

20 febbraio 2012 - 21:39 | di diana

Salve, il mio fidanzato ha lavorato in Lituania per un mese e già da li ha iniziato ad avere queste pustole e tanto prurito specialmente la notte... tornato in Italia il prurito è diventato piu intenso e era pieno di piccole pustole sulla schiena, sotto le ascelle, sulle cosce, gambe e braccia.

Andando al pronto soccorso glia hanno diagnosticato la scabbia con una probabilità del 90%. Premetto che non gli hanno prelevato pezzettini di pelle ed altre cose. Gli hanno dato scabbiacid da mettere una volta e poi dopo 12 ore doveva lavarsi. Solo che dopo 6 giorni gli è venuta una forte irritazione in faccia e non sappiamo a cosa sia dovuta. Io ho messo per prevenzione anche la scabbiacid ma vorrei sapere visto che lavoro in un negozio di alimentari se devo avvertire i miei colleghi e il mio titolare. Grazie tante

25 febbraio 2012 - 01:13 | di Tere

Reduci da un viaggio in indonesia, a mio marito è stata diagnosticata la scabbia. Dal certificato: "esame microscopico positivo per acaro. Si pone diagnosi di scabbia".

E' stata prescritta a lui (e a me) una pomata con permetrina al 5%. Tendenzialmente preferisco curarmi con farmaci naturali e temo gli effetti collaterali che mi pare siano, per questa permetrina, parecchi. Ci sono delle alternative? Quali sono gli effetti collaterali?
Inoltre, abbiamo un gatto. Ho letto che la permetrina è mortale per i gatti. E' vero? Come facciamo ad evitare che stia male se per caso lecca la pomata dalle nostre mani?

27 febbraio 2012 - 11:57 | di Anas

salve, circa 24 giorni fa ho iniziato ad avere un prurito allucinante e quindi il giorno dopo sono subito andato dal medico che mi ha detto di avere una allergia alimentare forse dovuta ai crostacei.. mi ha prescritto delle medicine per allergie... dopo una nottata in bianco sono andato al prontosoccorso che anche loro hanno dubitato su una allergia alimentare e mi hanno cambiato le medicine e ho seguito una dieta generale allergologica.. dopo un ennesima nottata in bianco ieri sono andato a un altro prontosoccorso (molinette torino) e dopo la visita dal medico di base mi hanno mandato dal dermatologo dell' ospedale perchè dubitavano sulla scabbia... il dermatologo ha messo un affare sulle pustoline con del liquido e ha guardato sulla lente (scusi ma non so il come si chiami)... mi ha confermato la scabbia lieve volevo sapere se questo è il giusto modo per capire se la scabbia è presente o no grazie

29 febbraio 2012 - 18:11 | di ARTURO

Buona sera Dr Martella dopo una diagnosi di scabia effettuata 12 giorni fa, ho appena finito la di mettermi per gli ultimi 3 giorni la seconda fase di scabianil al 5% mi sembra che vadi meglio infatti la notte adesso reisco a dormire

ma nell'addome e nella gior vita ho notato che o qualche bollicina ma senza prurito, invece ogni tanto ho come delle pizzicate un po generalizzate, e un pochino di prurito sulla spalla destra dove vi è una bollicina...le confermo che ho fatto una pulizzia maniacale sia del corpo che della casa che dei vestiti e cambio le lenzuola e i vestiti tutti i giorni

sono molto stressato e deluso cosa posso fare ancora....ps. per la visita di controllo del dermatologo devo aspettare al tri 15 giorni con la USLL...MOLTE GRAZIE DEL SUO AIUTO...

28 marzo 2012 - 18:49 | di Vincenzo

Gentile Dottore, in caso di contatto prolungato (pelle su pelle) con un soggetto che mostra diffusamente segni sulla pelle (bolle simil varicella, segni di grattamento essenzialmente agli arti superiori ed inferiori e fianchi) e che racconta di avere prurito, può giustificarsi un trattamento "profilattico" (a distanza di sole 24 ore dal contatto) senza cioè attendere le 3-4 settimane per vedere se insorgono sintomi? E se si, è ugualmente efficace o risente del periodo troppo breve dal contatto? Parliamo di un trattamento ad es. con uso di crema al 5% di permetrina o 2,5% di permetrina associata a benzile di benzoato al 5%.
La ringrazio
PS: So che può sembrare strana la domanda posta, ma mi è successo proprio questo presso un centro massaggi orientale. Mi sono accorto delle bolle sulle braccia dell'operatrice solo quando mi sono girato a pancia in sù dopo che aveva già ampiamente massaggiato la schiena e le gambe. L'operatrice mi ha detto di aver una intollerranza farmacologica.

11 aprile 2012 - 23:47 | di Maurizio

La scabbia l'ha fatta entrare in casa mia figlia che lavora in una casa di riposo. Diagnosi giusta. Cura con pomate specifiche per tre giorni come prescritto. Non abbiamo risolto nulla. Altro dermatologo. Cura con pomate specifiche per cinque giorni. Profilassi igienica con lavaggi ad alte temperature e quanto previsto. Dopo circa 40 giorni nuova diagnosi di scabbia da parte dello specialista. Che accidente dobbiamo fare? Abbiamo in casa un bimbo di un mese. Non ha sintomi. Dobbiamo trattarlo? C'è una pomata adatta? Grazie

18 aprile 2012 - 01:36 | di Peppe

Salve, vedendo il video e leggendo i vari commenti ... HO LA SCABBIA insieme a mia moglie Incinta e con una bimba di 3 anni che ancora non mostra segni di scabbia (xchè non si gratta e cmq non ha puntine) Come si prende questo Acaro?? Si può uscire da casa? o la gente che tocchiamo si contagia?? quanto tempo si può stare con le persone e evitare il contagio?
Com'è che mi trovo in questa situazione ... cavolo?? Non lo capisco!!

21 aprile 2012 - 15:56 | di Alessandro Martella

@antonio,
possibile che il tuo dermatologo non ti abbia dato tutte le indicazioni a riguardo? A volte, il problema descrittopotrebbe essere la conseguenza della terapia eseguita ed è necessario applicare un idratante/lenitivo sulla pelle.

@Pupa, nel post puoi trovare tutte le risposte alle tue domande. Ti invito a leggerlo!

@diana, la diagnosi di scabbia deve essere certa e non probabile... rivolgetevi ad un dermatologo per una valuatazione corretta!

@Tere, non esistono rimedi naturali e la preoccupazioni mi sembrano eccessive. L'uso di tale trattamento potrebbe indurre una desquamazione che potrebbe causare un prurito, motivo per cui è indicato applicare un idratante sulla pelle.

@Arturo,
se ha eseguito il tutto così come descritto non dovrebbero esserci problemi e dovrebbe essere guarito e magari le lesioni ancora presenti sono solo degli esiti.

21 aprile 2012 - 16:07 | di Alessandro Martella

@Vincenzo, domanda legittima ma suggerisco una visita dermatologica per evitare trattamenti inopportuni che potrebbero irritarle inutilmente la pelle.

@Maurizio,
immagino l'enorme disagio! Teoricamente anche il piccolo dovrebbe eseguire la profilassi visto che non ha sintomi e segni e per farlo esiste un trattamento mirato. Tuttavia, è molto strano che voi adulti non siate guariti e che vi portate dietro ancora questo problema. Vi invito a fare nuovamente il punto della situazione con il dermatologo facendo presente il tutto.

@Peppe,
senza il consulto di un dermatologo il suo rimane solo un dubbio senza risposta. Se pensa che si possa trattare di scabbia chieda il consulto di uno specialista!

30 aprile 2012 - 12:54 | di riele

buongiorno, a me e al mio ragazzo è stata diagnosticata la scabbia 4 gg fa e come cura ci è stato detto di utilizzare durante la doccia DEKAR 2 con il guanto di crine e subito dopo la doccia mettere su tutto il corpo SKAB PLUS EMULSIONE per 4 gg+3 gg di pausa+altri 4 gg di trattamento.
abbiamo provveduto anche a mettere in sacchetti chiusi tutti i vestiti che non si potevano lavare a 90°e il materasso. in più stiamo lavando quotidianamente lenzuola, biancheria, pigiami e asciugamani.
questo è il 3'gg di cura e vediamo miglioramenti solo per il fatto di riuscire a dormire la notte ma il prurito e l'irritazione è la medesima.
è normale che dopo 3 gg non si veda il miglioramento sulla pelle?
e dopo che abbiamo finito il trattamento si può riprendere subito?io ho il terrore.
un'ultima domanda, volevamo sapere quanti gg devono stare i vestiti nei sacchi (c'è chi dice 4 gg, chi 2 settimane, chi 40 gg!!)
rimanendo in attesa di una risposta, ringraziamo per l'attenzione.

04 maggio 2012 - 19:51 | di duro76

ho letto che la scabbia si manifesta anche sui genitali maschili, e per cui la pomata andrebbe applicata anche su di essi...mi chiedo se va applicata interamente sul pene, e cioè glande compreso???

12 maggio 2012 - 02:38 | di Sissy

salve Dottore,dopo 5 mesi di prurito intenso, 8 visite in due paesi e tutti dottori che mi ridevano in faccia ho la diagnosi di scabbia la dermatologa non mi ha fatta test, mia a fatto spogliare dopo di che mi a controllata con un tippo di occhiali e mia a perscritta INFECTOSCAB 5 % CREMA ma non mi ha detto niente per il capelli e viso non so se devo aplicare pure li,ho prorito solo fin collo ma ho paura di non mi rimngano acari sulla testa. Prego gentilmente se mi puo rispondere grazie mille

17 maggio 2012 - 17:27 | di pilota25

Gent. Dottore
Proprio ieri sera il dermatologo mi ha diagnosticato la scabbia a me a a mia moglie, che peraltro è in gravidanza al sesto mese. A me ha consigliato di applicare su tutto il corpo lo scabiacid crema, mentre a mia moglie, forse per lo stato interessante in cui si trova, una miscela di zolfo fiori e vasellina preparata in farmacia, da applicare due volte al giorno per 3 giorni. E' sufficiente la lozione e ci sono richi per il feto?
La ringrazio anticipatamente

25 maggio 2012 - 00:14 | di Alessandro Martella

@riele,
tre giorni di trattamento non sono sufficienti per la guarigione e poi nel post puoi trovare semplici indicazioni sulla gestione degli indumenti e degli effetti letterecci.

@duro76,
teoricamente sì, va applicata anche sui genitali ma attenzione alle irritazioni dovute al trattamento

@Sissy,
il volto e il cuoio capelluto di solito viene interessato solo nei bambini mentre è raro negli adulti. Credo che potresti non applicare il trattamento sul viso e tra i capelli

@pilota25,
il trattamento consigliato per sua moglie non so se riuscirà a risolvere il problema.
Così come indicato in letteratura (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17439567) avrebbe potuto prescrivere tranquillamente topici a bae di benzoato di benzile o permetrina.

02 giugno 2012 - 21:25 | di Akamila

20 giorni fa ho avuto una storia con un ragazzo.Solo dopo la notte passata insieme, mi sono accorta che quello che, nella penombra, al tatto, pensavo fosse acne e imperfezioni della pelle dovuti alla giovane età, erano invece strani e anche grossi brufoli distribuiti su tutto il corpo,piccoli in zona ombelico,grossa screpolatura e abrasioni sulle mani e sopratt in zona pollice/indice, prurito notturno(si è grattato alcune volte durante la notte),etc.
Ora, ho cercato di non pensarci perchè poco avrei potuto fare...ho atteso, volendo dimenticare.Dopo un paio di settimane ogni tanto sopratt la sera/notte sento pizzichii e necessità di grattarmi in punti dove poi avverto dei "puntini"...zona schiena in corrispondenza dei gancetti sulle spalline del reggiseno, qualche volta attorno alle ascelle, forse lungo le braccia....poca roba che dura da una settimana e non sta aumentando,ma stasera cercando in internet sono preoccupata. Attendo manifestazioni più estese ed evidenti o vado subito?

03 giugno 2012 - 19:44 | di Alex

Sono appena rientrato da una visita presso la guardia medica e mi hanno messo l'urgenza domattina per una visita dermatologica per sospetto di scabbia...siamo riusciti a catturare 2-3 ragnetti che abbiamo inserito nel contenitore da portare in ospedale domattina...sono nel panico più totale..e purtroppo lavoro con gente di un'ignoranza assurda che sicuramente mi tratterebbe da appestato. Devo comunque comunicare loro di questo mio problema di salute? Scoprire una problematica del genere per me è stato traumatico..non so per tutti gli altri...anche perchè non riesco proprio a capire dove posso aver contratto la scabbia visto che dormo sempre a casa mia, vivo da solo e non ho la ragazza da circa 6 mesi...Sono davvero in panico...Per favore dottore, mi dia una risposta. La ringrazio

13 giugno 2012 - 12:25 | di Tiziana

Gentile Dottore,
ho letto questo post e l'ho trovato molto utile. Le racconto la nostra storia.

Verso dicembre a mia suocera che vive con noi le è stata diagnosticata la scabbia, ma a quanto pare il suo dermatologo le ha dato la cura senza dirle che dovevamo farla tutti.
Poi tra gennaio e febbraio mia figlia che all'epoca doveva ancora compiere 3 anni dopo due giorni con la febbre ha iniziato ad avere bolle su una mano, precisamente tra l'indice e il pollice. Le bolle hanno continuato ad espandersi, e il pediatra le ha dato per un mese il gentalin beta che non le ha fatto alcun effetto. Siamo tornati dal pediatra e ha pensato ad allergia stagionale, le ha dato quindi l'aerius da prendere per tutto il periodo delle allergie e se fosse continuato il prurito allora avremmo fatto una visita dermatologica. Poi il 31 marzo è nato il nostro secondo bambino. Alla fine di maggio anche io e mio marito abbiamo iniziato ad avere prurito e il 30 maggio il pancino del piccolo si è coperto di bolle. Il pediatra a quel punto ha detto che le bolle sembravano da scabbia e ci ha suggerito un urgente controllo dal dermatologo data l'età del piccolo. Il dermatologo ha confermato la diagnosi di scabbia solo ad occhio nudo e ci ha prescritto scabianil (12 ore per gli adulti, 8 per la bimba e 4 per il piccolo), la mattina dopo poi doccia con decar2. Controllo dopo 5 giorni. La bimba ha avuto da subito un miglioramento incredibile, il piccolo meno, noi avevamo poche bolle, sono migliorate ma il prurito no. A 5 giorni, al controllo, guardandoci appena ci hanno prescritto benzoato di benzile al 10% per i piccoli e antiscabbia cm candioli per noi. Prima bagno caldo con guanto di crine poi applicazione crema, per 3 giorni, al 4 bagno normale e vestiti puliti. Per il resto abbiamo disinfettato tutta la casa. Oggi è il 4 giorno e ieri sono spuntate delle bollicine sia a me che a mio marito piccole, trasparenti e piene di liquido, dobbiamo pensare che il trattamento non abbia avuto successo? Prox controllo lunedì.

18 luglio 2012 - 16:04 | di Alessandro Martella

@Akamilla,
non aspettare! Meglio chiedere il consulto dermatologico!

@Alex,
i ragnetti di cui scrivi non c'entrano nulla con la scabbia. Cosa Le ha poi diagosticato il dermatologo?

@Tiziana,
due osservazioni:
1) quando è presente un problema sulla pelle è indicato chiedere il consulto dermatologico sempre anche se si tratta di bambini

2) il dermatologo non può ipotizzare la scabbia ad occhio nuodo la deve confermare o escludere esaminando la cute con la dermatoscopia digitale ad alto ingradimento oppure con l'esame al microscopio ottico delle squame cutanee

24 luglio 2012 - 11:19 | di jenny

Salve, ieri abbiamo scoperto di avere la scabbia... abbiamo già iniziato la cura. Volevo chiederle: gli indumenti, le lenzuola, ecc. devono necessariamente stare in un sacco x gg o posso lavarli col NAPISAN? E per quanto riguarda il divano, che non è sfoderabile, posso usare qualche prodotto? Grazie

24 luglio 2012 - 16:33 | di Nicola

Gentile Dottore,
circa 7 mesi fa ho contratto la scabbia, e me la sono portato dietro per circa 3 mesi prima che qualcuno me la diagnosticasse e io la curassi. L'ho trasmessa anche alla mia compagna. L'abbiamo curata con un farmaco (preparato appositamente dalla farmacia) composto di permetrina al 5% + crema base cetomacrogol al 95%. la terapia è stata: 3 giorni di applicazione, una settimana di sospensione e poi ancora 3 giorni di applicazione. Sembrava che l'incubo fosse finito ma, verso la metà di Luglio, ho cominciato ad accusare prurito al pene e in prossimità dell'ano, con comparsa di piccoli ponfi sulle dita e alcuni sulle gambe.
Ho trascurato i sintomi che si sono invece protratti fino a quando, l'altro ieri mi sono preoccupato seriamente e sono andato in farmacia, chiedendo un farmaco antiscabbia. Me lo hanno dato senza prescrizione, e il farmaco è Antiscabbia CM Candioli, e le concentrazioni sono le seguenti: benzocaina 2,oog, Benzile Benzoato 5,00g e Permetrina 2,50 g.
Mi rendo conto che è estate e ci sono in giro le zanzare, ma i sintomi sono identici a quelli che ho avuto la prima volta, e in particolare su pene e zone circostanti non ci sono ponfi, come la prima volta.
Così ho iniziato il trattamento. Sul bugiardino c'è scritto che basta una sola applicazione e che poi ci si deve lavare 24 ore dopo. lei è d'accordo? Anche il farmacista mi ha detto di essere perplesso al riguardo, e su internet dicono che in genere bisogna ripetere le applicazioni per almeno 3 giorni. Lei cosa pensa?
Inoltre volevo chiederle: è più efficace il primo farmaco che ho utilizzato o quello che invece sto utilizzando adesso?
Per favore mi risponda, sono nel panico.
Buona Giornata
Nicola

30 luglio 2012 - 11:20 | di Alessandro Martella

@jenny,
in Napisan non serve. Nella sezione Profilassi Domestica del post puoi trovare pratiche, semplici ed efficaci indicazioni.

@Nicola,
sintomi simili non significa stessa malattia! E poi se non fosse scabbia il trattamento che stai esenguendo stai pur tranquillo che contribuirà e non poco a "rovinare" lo strato cutaneo della pelle e quindi a peggiorare la sintomatologia pruriginosa.
Il fai da te, specie in questi casi, non è assolutamente indicato. Urge consulto dermatologico!

30 luglio 2012 - 16:04 | di Tiziana

Caro Dottore,
grazie per la risposta. Nel frattempo noi non ne siamo ancora usciti. La bimba dopo essere sembrata completamente guarita per un mese ha avuto la comparsa di bolle sotto le ascelle e sulle mani, trattate secondo consiglio del dermatologo con un applicazione di 3 ore nella zone interessate di scabianil. Le bolle si sono riassorbite ma da 3/4 giorni la piccola ha prurito su tutto il corpo (senza bolle evidenti se non qualcosa nella zona genitale che sembra più un irritazione da sudore).
Il piccolo (3 mesi) invece è stato trattato con scabianil ogni tre giorni per 3 ore per poi passare a due volte al giorno per tre giorni di fila applicazioni di due ore e poi di nuovo ogni 3 giorni per 3 ore. Il grosso gli è decisamente passato ma a distanza di una decina di giorni dove prima aveva le bolle (e per 10 e più giorni non ha avuto nulla) queste rispontano. Sinceramente non capisco il perché.
Il dermatologo mi ha detto di continuare ancora per un po' sulle zone interessate e se la situazione continua così di ritornare da lui.
Mio marito lotta ancora con una bolla sotto l'ascella che non passa, era molto migliorata, praticamente sparita ma poi la zona si è tutta irritata e non capiamo se è per il sudore o per la scabbia dato che quando mette la crema le cose sembrano addirittura peggiorare.
In tutto ciò, a me che ho sempre a contatto i bambini, soprattutto il piccolo, non mi è tornato nulla.
Sinceramente non sappiamo più cosa pensare, laviamo tutto a 60° e sterilizziamo tutto. abbiamo imballato divani e materassi, ma non riusciamo a vedere una fine. A settembre la piccola dovrebbe cominciare l'asilo e vorremmo avere la certezza della guarigione.
Lei cosa ci consiglia?

06 agosto 2012 - 01:52 | di anna

Buongiorno, ho letto articolo e commenti, sono stata dal dermatologo poichè ho delle brigoline e arrossamenti (interno braccia, interno gambe, pancia, petto e alla notte spuntano dalla schiena) mi ha detto che è forse chissà acariosi, ma non può confermarmi al 100% e mi ha prescritto veralga zolfo colloidale, desamix neomicina,tutto questo rimanendo seduto dietro la scrivania, guardandomi senza maglietta, mentre parlava al telefono.

Ora, non so se ho la scabbia, il trattamento con lo zolfo non ha fatto nulla e neanche la pomatina, le mie domande sono: 1) può essere fatta una visita in sta maniera da un medico? (mutua) 2) l'esame epiluminesceza dev'essere richiesto nello specifico o è il dermatologo che valuta? 3) se uso scabiacid, anche se non è sicuro che abbia la scabbia, non ha controindicazioni, vero? Al limite spendo soldi inutilmente.

07 agosto 2012 - 19:33 | di alex

Salve dottore...sollievo totale..non so se ricorda la mia problematica dei ragnetti...erano una sorta di definiamoli "pidocchi" probabilemente derivanti dalla frequentazione di una palestra non troppo pulita...che sollievo comunque. Grazie comunque per la sua attenzione

09 agosto 2012 - 10:10 | di Alessandro Martella

@Tiziana,
anche se la suocera ha avuto la scabbia su di voi è stata eseguita qualche indagine per confermare la presenza dell'acaro oppure è stata indicata la terapia per profilassi?
Se avete avuto anche voi la malattia è probabile che quanto descritto possa essere una conseguenza, nota come noduli post-scabbia in caso contrario qualcosa non torna...

@anna,
la scabbia non può essere diagnosticata restando seduti dietro una scrivania, Consulta un alro dermatologo per evitare inutili perdite di tempo e soldi in trattamenti non specifici.

@alex,
grazie a te!

21 agosto 2012 - 21:08 | di anna

Buona sera. Noi combattiamo con la scabbia da circa 4 mesi... tanti trattamenti da EURAX, SCABIANIL, SCABIACID e una lozione SCAB PLUS. Tutto va bene ma dopo una setimana iniziamo tutto da capo (prurito, bolle e pomfi grandi tipo orticaria). Adesso io non so più che cosa fare... puo essere qualcos'altro? Aggiungo un'altra cosa... quando noi (io, mia figlia e mia moglie) passiamo la notte fuori di casa non sentiamo piu questi fastidi; e aggiungo un'altra cosa: noi viviamo con miei genitori e 2 fratelli che non hanno nessun tipo di fastidio. Secondo lei può essere che il dottore si sia sbagliato? Grazie mille!

23 agosto 2012 - 03:14 | di Sergio

Buongiorno, mi è stata diagnosticata la scabbia da uno specialista dermatologo a Dakar (io vivo qui), mi sono sottoposto ad una trapia a base di Acaril biol per tre giorni la sera prima di coricarmi, poi, per i successivi quattro giorni un'applicazione di di Eurax 10% crema, ora ho appena riniziato un secondo ciclo di Acaril biol per due giorni, dopo di che una crema Locolid da applicare la mattina solo sulle lesioni. Il mio purito si è decisamente calmato anche se non del tutto, la cosa che mi incuriosisce è che il dermatologo africano non ha dato molta importanza nè alla contagiosità della malattia, nè al lavaggio a 60° dei letterecci e degli indumenti, io, dal canto mio ho cercato di fare del mio meglio anche se non ho la possibilità di lavare gli indumenti ad alte temperature. Lei cosa ne pensa di questa terapia, e la mancanza di attenzione alle temperarure dei lavaggi non potrebbe causarmi eventuali reinfestazioni? La ringazio anticipatemente per la sua cordialità e la sua professionalità. saluti.

28 agosto 2012 - 13:19 | di Tiziana

Caro Dottore, inanzitutto la ringrazio per la sua cortesia. Purtroppo noi siamo ancora qui, le spiego meglio.

Come le ho detto al piccolo (4 mesi e mezzo ormai) continuavano a spuntare le bolle negli stessi posti a distanza di molti giorni, come ne spariva una ne riappariva un'altra e il dermatologo mi ha continuato a dire di mettergli la crema solo sulle bolle per 3 ore ogni tre gg fino alla sparizione.

Ad un certo punto, per una serie di vicissitudini non gli abbiamo messo la crema per diversi giorni e le bolle sono comunque sparite, inizialmente alla sparizione di una ce n'era sempre u'altra che appariva. Poi gli abbiamo rimesso la crema per una sola volta solo sulle bolle che aveva in quel momento. Le bolle ad un certo punto erano tutte sparite, ma ieri dopo quasi 20 giorni ecco che non ce ne erano più ecco che si è rigonfiata una bolla sul pancino.

Sinceramente non so più che fare. Giovedì abbiamo appuntamento con il dermatologo che comunque non non ci ha mai fatto l'esame al microscopio (ci ha solo guardato con una lampada con la lente d'ingrandimento la prima volta). Io vorrei che ci facesse l'esame delle squame di pelle per capire di che stiamo parlando perché anche io come lei penso che ci sia qualcosa che non torna.

Intanto a mio marito una bolla non è mai andata via, il dermatologo ogni volta che lo vede dice "nel dubbio mettiamola la crema" ma a me sembra impossibile che quest'unica bolla abbia deciso di non guarire. Mentre alla piccola, dopo più di un mese è spuntata una bolla sulla nocca (sulle nocche ne ha avuto anche in passato), l'unica nota da fare sulla piccola e che ha sempre avuto prurito, le sono stati prescritti diversi corticosteroidi per rigenerare la pelle ma la situazione non è migliorata, e sicuramente ci si mettono anche il sudore e il caldo a peggiorare lo stato della cosa... ma parte il prurito (e la bolla sulla nocca uscita ieri) non ha altri segni di qualcosa.

So che le chiedo molto, ma vorrei gentilmente un consiglio su come comportarmi, cosa chiedere, soprattutto esami da fare per capire realmente di cosa stiamo parlando.

In tutto ciò a me non è mai più tornato nulla e sono io che tutto il giorno mi occupo dei piccoli) e la casa è stata completamente messa sottovuoto, la piccola non ha avuto i suoi puppazzi per più di due mesi... insomma questa cosa ha stravolto un po' tutto. E la piccola a settembre dovrebbe iniziare l'asilo...

La ringrazio sin d'ora. Tiziana

28 agosto 2012 - 23:37 | di Mario

Buongiorno, da più di un mese è comparso, insieme a bolle rosse, un prurito sullo scroto e nell'interno coscia. All'inizio, per motivi di lavoro, ho tollerato il fastidio, lavandomi semplicemente con più cura e usando detergenti intimi acquistati in farmacia. Ad agosto il prurito è aumentato, soprattutto di notte, in più le bolle si sono estese a tutto il corpo causandomi forti disagi.

Il dermatologo mi ha diagnosticato la scabbia, specificando che le reazioni cutanee sulle braccia e sulla schiena (le aree più colpite escludendo i genitali) erano reazioni allergiche di natura diversa.

In effetti dopo una settimana di lavaggi con Acaros detergente, e applicazioni di Eurax, le bolle si sono ritirate dal corpo, ma sono rimaste sullo scroto e sull'interno coscia (espandendosi leggermente anche sul pene).

Ora sto applicando (da due giorni) l'unguento di Helmerich su tutto il corpo.
Il solo contatto con le aree genitali, però, mi causa dolori lancinanti (forse perché grattandomi i noduli si sono scorticati). In più questa mattina ho un dolore persistente a livello del glande.

Ho consultato il dermatologo anche su questo, ma mi ha rassicurato sulla indispensabilità di questo tipo di cura. Le sarei grato se potrebbe darmi qualche consiglio a riguardo. E' possibile che si tratti di qualcosa di diverso dalla scabbia? (osservando da vicino le eruzioni cutanee non riesco a distinguere i cuniculi di cui si parla, sono visibili ad occhio nudo?
Inoltre, anche dopo l'apparizione delle bolle, ho avuto rapporti sessuali con la mia partner, con la quale condivido il letto, che continua a non riscontrare nessun sintomo.) E se così fosse, è davvero efficace questo unguento a base di zolfo?

La ringrazio anticipatamente per la disponibilità

30 agosto 2012 - 14:08 | di io

buon pomeriggio.voglio chiedere se ad una bambina di 5 anni le bolle della scabbia possono aparire anche sulla pianta del piede.siamo stati diagnosticati con la scabbia dal nostro medico di base . abiamo fatto diversi tratamenti ma si riccomincia tutto da capo dopo qualche giorno .la cosa strana e che l'anno scorso a luglio abbiamo avuto lo stesso problema .. che al epoca abbiamo rissolto tutto con EURAX, aplicando mezzo tubeto tutti 3. in 2 giorni era tutto finito . quest'anno a giugnio si e presentatto lo stesso problema, solo che sono arrivata a agosto e niente d'affare. usando SCABIANIL , E SCABIACID . tra un po iniziano la scuola , ho buttato il letto . il materasso (adesso tutto nuovomesso in plastica)si cambiano le lenzuola ,OGNI SANTO GIORNO.dessinfetazione tutti giorni .. e niente....tutto ricomincia dopo che finisce il trattamento. sono stanca !:(
grazie mille per la sua gentilezza!

02 settembre 2012 - 13:04 | di fabrizio

salve, vorrei complimentarmi per l'articolo molto chiaro e intuitivo. ho contratto la scabbia qualche mese fà, il 14 agosto ho utilizzato scabianil ed il 21 di agosto ho rifatto il secondo trattamento con esito positivissimo. ho passato il vaporetto per tutta la casa o quasi e ho chiuso dentro a sacchi tutto quello che non potevo lavare a più di 60 gradi. oggi ho visto nuovi furungoletti come quelli di prima ed ho paura che l'incubo non sia finito. e possibile che sono tornati con cosi' poco tempo? cosa ho sbagliato? mi conviene nuovamente trattarmi con pomata e ripulire tutta la casa? non sò più che fare. realmente non sò se sono i cunicoli di prima infiammati o se sono nuovamente questi inutili acari che mi assalgono. chiedo cortesemente un consiglio ringraziando in anticipo.

05 settembre 2012 - 22:33 | di Alessandro Martella

@anna,
se durante la visita dermatologica non è mai stato chiaramente isolato e documentata la presenza dell'acaro della scabbia il sospetto che possa trattarsi di altro è legittimo!

@Sergio,
forse il suo medico si è concentrato troppo sull'aspetto medicale e un pò poco per quanto riguarda "la bonifica" ambientale. Segua i consigli riportati nel post!

@Tiziana,
le eventuali indagini non dovete farle voi ma dovrebbe essere il vostro specialista ad eseguirle. "Nel dubbio mettiamo la crema" non fa parte del mio bagaglio professionale...

@Mario,
anche per lei come già scritto in precedenza è importante che la diagnosi di scabbia sia fatta solo dopo avre documentato la presenza dell'acaro e/o delle sue uova. L'occhio poco esperto potrebbe non riconoscere i cunicoli e infine, anche se la sua partner non ha nessun sintomo potrebbe darsi che si trovi nella fase d'incubazione. Infine, i prodotti a base di zolfo non mi convincono appieno circa la loro efficacia terapeutica

@fabrizio,
grazie per i complimenti e siccome conosco l'acarofobia per eviatre ogni dubbio la cosa migliore è il consulto dello specialista! ;)

05 settembre 2012 - 22:46 | di Alessandro Martella

@io,
la scabbia può comparire anche sulla pianta dei piedi però senza nulla togliere al suo medico di famiglia chiederei il consulto di un dermatologo per una conferma. ;)

19 settembre 2012 - 07:38 | di mima

Buon giorno, ho fatto un trattamento a base di benzil benzoato, è andato tutto bene ma dopo 2-3 settimane comincia tutto da capo. In primis mi escono dei pomfi (tipo pizzichi di zanzara) ma 3-4 insieme. Ma è possibile che l'acaro pizzichi nello steso tempo in più posti? Se non mi metto la crema queste bolle continuano a uscire, dopo che la metto tutto si calma. Sono 2 giorni che me ne è uscita una anche una sul viso. Vorrei un consiglio prima di arrivare dal dermatologo visto che i tempi previsti per la visita (tramite ASL) sono lunghissimi (e questi mi mangiano viva :). Grazie, grazie, grazie.

26 settembre 2012 - 19:53 | di Franco

Buongiorno,

In primis, grazie per il suo lavoro e la disponibilità.

Volevo un'informazione facile che non son riuscito a reperire: durante il periodo di incubazione vi è comunque la possibilità di contagio? se si, in misura minore rispetto al manifestarsi della malattia o è ininfluente?

La ringrazio molto!

27 settembre 2012 - 16:26 | di simona

anch'io ho la scabbia dopo un mese di torture mi hanno detto che cosa ho ma non mi hanno detto che attacca che non è niente di grave ho fatto due trattamenti con scabianil e disinfettato tutta la casa e lavato la biancheria a 90 gradi ma non passa adesso ho consultato un altro dermatologo e desso devo fare trattamento con un preparato di crema base e permetrina 5% e un altra cosa spero che vada via non ne posso più.... complimenti e grazie!!!!

28 settembre 2012 - 11:16 | di Alessandro Martella

@mima,
attenzione all'autodiagnosi. Non è detto che le manifestazioni descritte siano dovute sempre alla scabbia. Non condivido l'applicazione di topici, specie quelli per la scabbia se prima non è stata formulata una diagnosi di certezza.

@Franco,
anche durante la fase d'incubazione un soggetto può infettare altri. Grazie per i complimenti! ;)

@simona,
grazie a te per aver condiviso la tua esperienza.

30 settembre 2012 - 18:09 | di daniele

sono proprietario di un locale e con me ci sono mio figlio e dipendenti vari,uno ha preso la scabbia,cosa dobbiamo fare noi?stiamo a contatto perche' siamo insieme dietro al banco,e' possibile contrarre la scabbia?noi non abbiamo nessun sintomo,se dobbiamo fare prevenzione
lei cosa consiglia?in attesa di risposta grazie e complimenti per i consigli che sta dando a tutti noi,persone come lei dovrebbero essere clonate

03 ottobre 2012 - 09:39 | di Francesco Leo

Salve dottore e complimenti per l'articolo. Le scrivo perché ho ricevuto ora la chiamata di mia zia che mi informava che la madre del compagno di mia cugina ha la scabbia. Mia zia (non vive con mia cugina, ma la vede di frequente) tiene spesso mio figlio che ha 2 anni e viene a casa nostra dove incontra mia moglie che è incinta. Praticamente mia zia non ha avuto un contatto diretto con la persona che ha la scabbia, ma solo con mia cugina che, ovviamente, vede a volte la suocera infetta.
Capisco che in questi casi si rischia l'allarmismo, ma con un figlio di 2 anni e una moglie incinta non me la sento di essere superficiale.

Cosa mi consiglia dottore?

Grazie!

03 ottobre 2012 - 11:27 | di Giusi

Ho Contratto la scabbia tramite mio fratello, a sua volta a contatto con una ragazza che se la porta dietro da molto tempo, senza averla mai curata. Adesso ho un dubbio; nella mia famiglia siamo in sie, compreso il cane, ci siamo applicati tutti la crema come da istruzione (antiscabbia). Mio fratello, che era messo peggio di tutti noi in casa, è stato sin da subito il primo a migliorare. Poi è stata la volta di mio padre, mia madre e le altre due mie sorelle. Anche io ho sempre passato la crema, nonostante non avessi ancora sintomi, tranne una bolla sotto l'ascella. A distanza di due settimane, mi sono letteralmente riempita di questi fastidiosi acari. Ieri sera ho fatto un altro ciclo di crema, abbiamo eseguito tutto alla perfezione, abbiamo trattato pure il cane con il medicinale, ma stamattina quando mi sveglio, il mio braccio destro era pieno di bolle. Sulla pancia, sulle gambe, sul sedere e sulla schiena sono di nuovo piena. Le vecchie bolle trattate con la crema si sono seccate o del tutto sparite. Mia madre dice che è impossibile che sia ancora scabbia, lei non ha più nessun sintomo, idem per il resto dei familiari, ma io ho questo mattina ho verificato la presenza di nuove bolle, mostrandole a quest'ultima. Nessuno mi sta credendo, mi sembra di impazzire, come è possibile che dopo aver messo la crema, neanche a distanza di qualche spuntano altre bolle????
Che cosa devo fare? Devo dare retta a mia madre e credere che sia frutto della mia immaginazione? Lei si è sempre vergognata di questa malattia ed è molto reticente su questo argomento.
Ma la mia domanda principale è: perché mi sono comparse queste nuove bolle dopo aver passato la crema? e qualche reazione allergica? anche se non credo, visto che ormai riconosce queste maledette bolle da circa un mese.
Grazie per l'ascolto.

05 ottobre 2012 - 20:40 | di ciro

ho letto con attenzione tutti i commenti. Mi ritrovo con i sintomi elencati. Da un po di tempo sto vicino a mia mamma per accudirla poichè gravemente ammalata. Può la scabbia trasmettersi attraverso le feci dal momento che provvedo a tutte le incombenze, per cambiare pannoloni, la lavo, la sposto, .... etc.

11 ottobre 2012 - 06:37 | di Alessandro Martella

@daniele,
starei tranquillo perchè è necessario un contatto diretto e prolungato, tipo pelle-pelle, per contrarla. Tuttavia, ti consiglio di leggere il post per maggiori chiarimenti sulle situazioni che possono favorire il contagio.

@Francesco,
anche nel tuo caso mi sentireri molto tranquillo.

@Giusi,
solo il dermatologo dopo un'accurata visita individuale potrà accertare la guarigione oppure la presenza ancora dell'infezione. Evitare il fai da te!

@ciro,
il fatto di ritrovarsi con i sintomi non necessariamente significa: scabbia. Chiedi il consulto del dermatologo per una conferma.

14 ottobre 2012 - 22:18 | di ciro

ma il fatto che anche mia moglie ha un fastidioso prurito? Non dice nulla? ..

20 ottobre 2012 - 04:08 | di Leo

E' possibile che, al secondo giorno consecutivo di trattamento con Scabiacid (24h su 24h intervallati da una doccia, su indicazione di un dermatologo, ndr) compaiano - anche se solo due - nuovi ponfi?

Grazie

20 ottobre 2012 - 06:19 | di LeoPaolo

Egregio Dottor Martella, le scrivo ancora per sottoporle questa riflessione:

ovunque, sul web, gli esperti interpellati (anche lei quindi) invitano le persone che lamentano "tutti" i sintomi della scabbia a rivolgersi ad un dermatologo perchè "solo una visita specialistica può accertare che si tratti veramente di scabbia".

Questo significa che i sintomi della scabbia possono essere facilmente scambiati per qualcos'altro, ovvero che sono simili, in tutto e per tutto a qualche altro problema.

Domanda: quali patologie somigliano così tanto alla scabbia da poter essere confusa con essa?
Potrebbe indicarmene qualcuna?

Grazie.

25 ottobre 2012 - 17:09 | di UMBERTO

SONO STATO POCO FA DAL DERMATOLOGO E MI HA DIAGNOSTICATO UN ACARO SOTTO PELLE
MI HA SPIEGATO TUTTO, MA VORREI SAPERE COME MI DEVO COMPORTARE CON I MATERRASSI ,SE VA BENE IL VAPORE X DISTRUGGERE GLI ACARI.
IN PIU HO UN BAMBINO PICCOLO DI MESI 8 GIA LO MANDATO VIA DA CASA,MA VORREI SAPERE SE DOPO IL TRATTAMENTO DI 5 GIORNI ALTERNI SE LO POSSO FAR RIENTRARE A CASA

28 ottobre 2012 - 10:53 | di alessandro

...contatto fisico prolungato....che significa ? Passare due ore tenendo le mani di una persona ancora in incubazione (prurito forte ..il primo...dopo due giorni da quella serata) che grado, livello di preoccupazione puo' avere ? Avrebbe senso una profilassi preventiva per me in questo momento ? ..anche per non infettare altri !!! Che ne pensa ? Se vado dal dermatologo si mette a ridere e, dopo lauto compenso, non aggiunge qualcosa in piu' a quanto scritto qui da Lei ! Meno male che al mondo esistono ancora medici come Lei ... Un abbraccio Alessandro

31 ottobre 2012 - 06:42 | di Alessandro Martella

@ciro,
può essere solo un sospetto ma non una conferma!

@Leo,
è un pò strano...

@LeoPaolo,
quella più banale che mi viene è in mente è la puntura d'insetti, tipo le pulci ad esempio.

@Umberto,
nel post sono scritte chiaramente le indicazioni per l'igiene domestica.
Poi, se effettivamente lei ha la scabbia, anche se suo figlio è asintomatico, personalmente, gli avrei consigliato un trattamento di profilassi.

@alessandro,
il tipo di stretta di mano descritto è da considerarsi prolungato e a rischio rispetto alla stretta di mano fugace di quando, ad esempio, ci si presenta.
Ora, il fatto che dopo quella stretta di mano abbia prurirto non significa che necessariamente lei abbia contratto la scabbia per la quale solo la visita specialistica può confermarlo o meno.

06 novembre 2012 - 00:56 | di Alice

Salve, mio fratello ha appena avuto la scabbia. Sono andata dal nostro medico per chiederle se non dovessimo seguire la cura anche noi della famiglia oltre lui, ma mi ha risposto di no, finchè non ci saranno sintomi visibili. Non sarebbe invece il caso di seguirla, visto che è praticamente sicuro che i membri della famiglia vengano contagiati? Mi può consigliare lei che crema usare? O posso usare la stessa usata da mia fratello? Gli altri membri della famiglia mi danno della paranoica e non mi vogliono ascoltare, secondo me sottovalutano la cosa... E, ultima domanda, se ancora non ho segni visibili di scabbia (tranne il prurito, ma non posso escludere che si tratti di autosuggestione) sono comunque contagiosa per le altre persone? La ringrazio per l'aiuto e per l'attenzione, cordialmente, Alice.

06 novembre 2012 - 13:50 | di candy_77

salve,sono un'ip che lavora in una rsa di III livello, a febbraio di quest'anno ad alcuni pazienti che presentavano eruzioni cutanee è stata diagnosticata dal dermatologo la scabbia. Tutti i pazienti e i dipendenti hanno eseguito i trattamenti dermatologici ed è stata eseguita la bonifica dell'ambiente e dei vestiti e dei materassi e dei cuscini come da disposizioni...ora il problema si ripresenta su alcuni paz con eruzioni differenti ma su tutti è stata fatta la ricerca dell'acaro,ricerca di parassiti attraverso innalzamento eosinofili e basofili e immunoglobuline x eventuali allergie..tutti risultati negativi,di cosa potrebbe trattarsi? inoltre, alcuni pazienti presentano prurito senza lesioni. Possono presentare acarofobia anche se affetti da demenza senile? grazie

07 novembre 2012 - 17:01 | di Alessandro Martella

@Alice,
hai ragione la terapia deve essere eseguita anche dai familiari asintomatici in quanto il tempo d'incubazione della scabbia può essere anche di 7 settimane.

@candy_77
mi sembra d'intuire che siano state fatte troppe indagini ma è stata eseguita un prelievo delle squame cutanee dalla pelle dei pazienti che lamentano prurito, oppure la dermatoscopia per evidenziare la presenza dell'acaro?

07 novembre 2012 - 21:54 | di Maria

Egregio dottore,
circa un anno e mezzo fa ho contratto la scabbia. Avrei bisogno, se possibile, di delucidazioni in merito ai noduli post scabbiosi. Nel mio caso, nei tempi in cui ne ero affetta, oltre ai comuni sintomi, al seno si formarono due soli noduli scabbiosi, abbastanza grossi, che poi andarono lentamente via dopo la cura. Da allora, sino ad oggi, questi due noduli, in prossimità del ciclo mestruale, ricompaiono , sottoforma di pomfi, causando prurito, che va via nel giro di qualche ora, applicando una crema cortisonica. Mi chiedo se sia normale dopo cosi tanto tempo, e se sì, perchè proprio in prossimità del ciclo. RingraziandoLa sin da ora, lascio i miei più cordiali saluti.

07 novembre 2012 - 22:59 | di Valeria Colonnella

Salve, volevo sapere cosa accade in caso di scabbia? Si può continuare la propria vita liberamente o bisogna stare in "quarantena"? Si possono prendere treni e aerei?
Grazie mille

08 novembre 2012 - 12:53 | di Alessandro Martella

@Maria,
la sua è una circostanza un pò strana alla quale non sono in grado di dare una risposta. Haiprovato a chiedere un parere al tuo dermatologo che magari ha avutomodi di visitarti?

@Valeria Colonnella,
prima di tutto è fondamenatale iniziare tempestivamente la terapi adeguata e poi evitare contatti diretti pelle/pelle e prolungati con altri. Iniziata la terapia, teoricamente già dopoi primi giorni non dovrebbero esserci problemi di contagi effettivo

08 novembre 2012 - 15:56 | di candy_77

se per prelievo delle squame cutanee lei intende un esame differente dalla ricerca dell'acaro con vetrino no non é stato eseguito ne tantomeno è stata effettuata la dermatoscopia.le chiedo consiglio...è possibile far fare questi esami diagnostici su richiesta del medico di base e in ambulatori della asl?grazie,cordiali saluti

08 novembre 2012 - 16:08 | di Maria

Salve dottore,
La ringrazio per la risposta tempestiva. Ho già provato a chiedere ad un allergologo al quale mi sono rivolta qualche giorno fa, per delle prove allergiche. Ma non ha saputo darmi una spiegazione ''medico-scientifica'' se non quella, ''forse'', dovuta ad una marcata ipersensibilità, in quella zona, all'aumento del progesterone. Tutto questo a me sembra troppo strano, ed in special modo ora mi preoccupa ancor di più che anche Lei risponda al mio quesito, con la Sua estrema sincerità, dicendomi che non è in grado di darmi una risposta. Possibile che mai nessuno ha avuto questa pseudo sintomatologia dopo cosi tanto tempo? Fisserò quanto prima un appuntamento con il dermatologo che mi diede la terapia anti scabbia, augurandomi di avere qualche certezza in merito. Il mio più grande terrore è sempre quello di ricontrarre di nuovo la malattia, che nella fattispecie è stata alquanto ''traumatizzante'' a livello psicologico, tanto da rendere le relazioni ''umane'' un pò problematiche, facendomi diventare quasi fobica, prediligendo solo le mura domestiche alla stregua quasi ''asettiche''.(non siedo mai sulle sedie o divani altrui, non dormo mai fuori casa, non utilizzo mezzi di trasporto, ecc) So bene che le sembrerà esagerato se non ridicolo, ma la mia vita sociale è cambiata moltissimo da allora, pagandone io sola le conseguenze. Rinnovo i miei ringraziamenti, attendendo comunque notizie, magari da altri utenti che potessero riscontrare lo stesso problema. Le farò comunque sapere il parere del suo collega, qualora si possa evincere, alla prossima visita, qualche dato di fatto. Cordialmente.

13 novembre 2012 - 14:20 | di spartacus

dottore...volevo chiederle se la scabbia nei bambini può far perdere i capelli e se,visto che mia figlia è andatat a scuola nn sapendo che avesse questo problema dovrei far fare la cura a tutta la clesse ...la pego di rispondermi presto...:-(....xchè sono molto esaurita...grazie mille..

15 novembre 2012 - 18:57 | di jona

salve,
finalmente ho trovato un sito dove posso porre il mio problema.

é da un mese che io e il mio ragazzo abbiamo un fastidioso "prurito". Lui si è consultato con la sua dottoressa e secondo lei siamo infettati dalla scabbia. Ma com'è possibile se noi non abbiamo neanche una bolla sul corpo?

Il nostro problema è che sentiamo delle " cose" ( tipo moscerini) che si muovono su tutto il corpo ( sopratutto parte coscia, polpacci) e sono queste che ci creano il prurito, che ci danno fastidio. Ci siamo curati con Nix Permetrina ( applicando il crema una volta alla settimana per un mese)ma sentiamo ancora quelle "cose" che si muovono. é diventato un incubo. Non sappiamo più' cosa fare....cambiamo i vestiti ogni giorno...abbiamo disinfettato tutta la casa, lavato tutti vestiti.

Oggi ho parlato con la dottoressa e mi ha prescritto Eurax.... Ma questa è scabbia?

Aiutatemi :(
Saluti

22 novembre 2012 - 12:29 | di mario

Salve Dottore..Mia madre ha iniziato ad avere prurito addirittura quasi da un anno, però durava più o meno una ventina di giorni e poi passava tutto. All'inizio infatti, gli hanno riscontrato un allergia al nickel e adesso pure all'idrocortisone butirrato..comunque adesso il prurito è tornato da circa un mese ed aumenta notevolmente fin quando il dermatologo gli ha detto che per il 90% poteva essere anche affetta da quest'acaro scabbia..Adesso il dermatologo gli ha prescritto gli esami delle feci e quelli del sangue e gli ha detto di lavarsi, compresi anche i familiari, con una soluzione di benzoato in attesa delle risposte degli esami che purtroppo arriveranno non prima di 2 mesi. Inoltre gli ha somministrato una puntura di Kenacort, ma ancora non ha riscontrato miglioramenti. E' normale che ci voglia tutto questo tempo per la risposta degli esami, e se nel caso fosse così, è possibile che non ci sia un rimedio temporaneo??? In attesa di una sua gentile risposta la ringrazio in anticipo..Mario

26 novembre 2012 - 21:41 | di Alessandro Martella

@candy_77
per esame delle squame intendo proprio quello con il vetrino da Lei citato. Per quanto riguarda il medico di medicina generale, di solito, si limita solo a prescrivere una visita specialistica

@Maria,
non deve preoccuparsi se scrivo di non essere in grado di darle una risposta in quanto non ho modo di fare una visita specialistica ma apprezzare la sincerità con la quale nel suo interesse la invito ad un nuovo consulto. Non corra il rischio di pensare di trovare la sua soluzione in internet senza una mirata visita dermatologica.

@Jona,
se con il termine dottoressa ti riferisci al medico di medicina generale è necessario, prima di tutto, una visita dermatologica per evitare trattamenti inutili e non idonei.

@Mario,
se è presente il sospetto di scabbia con la dermatoscopia bastano solo pochi minuti per confermarlo o meno e quasi una trentina se, invece, si esegue il prelievo delle squame cutanee. Inoltre, per diagnosticare la scabbia non servono esami del sangue e/o delle feci che sicuramente saranno stati consigliati per indagare qualche altra causa differente

26 novembre 2012 - 23:24 | di mario

La ringrazio per la risposta dottore. Mia madre è già abbastanza preoccupata, se adesso le dico che le analisi non servono per individuare l'acaro scabbia sarà ancora peggio. Quindi lei mi consiglia di fare direttamente la dermatoscopia e iniziare subito la cura?? Mi hanno parlato di varie creme, io volevo fidarmi di questo dermatologo ma dopo le cose che mi dice lei inizio a dubitare un pò. L'unica nota positiva è che con la soluzione di benzoato qualcosina è migliorata anche se ancora c'è da aspettare per la cura. E poi per i familiari che precauzioni si devono prendere?? c'è bisogno che prendono qualche medicinale?? Io la ringrazio per la sua gentile pazienza..

30 novembre 2012 - 21:55 | di Sallivan

Salve, la ringrazio anticipatamente per la sua disponibilità. Le spiego la situazione: sono stato nel sud est asiatico per un mese con un amico, al nostro ritorno, più di un mese fa, al mio amico è spuntata una bolla sul collo del piede molto pruriginosa con dei canaletti attorno.

Dopo un mese gliel'hanno visitata e diagnosticato probabile scabbia (o mollusco). Il prurito è localizzato alla bolla e nessun'altra parte del corpo è stata contagiata dopo un mese senza cura. Da un mese non ho più contatti di alcun tipo con lui, ma in vacanza abbiamo dormito sullo stesso letto pur in sacchi a pelo differenti.

Io non ho sintomi di alcun tipo prurito. Devo sottopormi a profilassi? La ringrazio.

04 dicembre 2012 - 19:43 | di Ciro

Egregio dottore, ho tutti i sintomi che Lei descrive, prurito e pizzicotti specialmente notturni, questo già da circa 4- 5 anni, ma solo nella zona pubica.

Ho fatto diverse visite dermatologiche e mi hanno liquidato con delle pomate cortisoniche e detergenti specifici, possibile che a nessuno sia venuto il dubbio? Il prurito arriva sempre puntuale dopo circa un mese dal trattamento cortisonico. Comunque mi sono fatto una cultura sul web, è ho smesso la cura.

La cosa strana è che mia moglie non ha mai accusato prurito. siccome mi lavo sempre accuratamente prima di ogni rapporto, è possibile che non ci sia stato alcun contagio? Premesso che sono convinto della presenza del maledetto sarcopetis, potrebbe suggerirmi (anche privatamente se non può) un dermatologo in campania ? Grazie

04 gennaio 2013 - 23:28 | di luka

salve dottore, per motivi di lavoro ho avuto contatto con un immigrato che mostrava i segni evidenti della scabbia... io durante il contatto che ho avuto con questa persona, soprattutto con le sue mani e braccia, oltre che con gli indumeni( il tutto durato circa 10 minuti), io indossavo dei normalissimi guanti in lattice monouso comprati in un supermercato... appena terminato il contatto con questa persona ho tolto i guanti sfilandoli al contrario come da procedura ed ho pulito le mani con amuchina gel. c'è il rischio concreto che io abbia potuto contrarre la malattia oppure i guanti anche se di tipo commerciale non professionale, sono un ottima barriera per evitare il contagio?? sono passati 5 giorni dall'episodio e per ora non ho alcun sintomo. grazie

08 gennaio 2013 - 22:51 | di Alessandro Martella

@mario,
immagino la preoccupazione ma prima di tutto è necessario appurare se effettivamente si tratta oppure di no di scabbia.

@Sallivan
la scabbia e il mollusco sono due patologie completamente differenti! Se non ha sintomi e visto che manca al suo amico una diagnosi di certezza non mi preoccuperei e solo se dovesse comparire del prurito chiedere il consulto di un dermatologo

@Ciro,
l'autodiagnosi non credo sia la soluzione al suo problema. Mi spiace se i consulti eseguiti fino a questo momento non sono stati all'altezza delle sua aspettative e soprattutto non le hanno risolto il problema. Ribadisco l'importanza di un ennesimo consulto, sperando sia quello definitivo.

@luka,
stia tranquillo! Nessun problema di contagio!

15 gennaio 2013 - 22:47 | di denis

Io l'ho presa dormendo 1 notte sola nel letto di mio fratello. Lui poi ha dormito nel letto di mia madre, poi in quello di mio padre e di un cugino (facendo un giro di visite sotto le feste). Risultato: almeno 15 persone contagiate dopo aver condiviso il letto anche solo per 1 notte. La mia ragazza invece ne é rimasta immune pur dormendo con me per 2 mesi e avendo rapporti sessuali costanti. La dermatologa mi aveva diagnosticato un'allergia ai detersivi. Sto facendo molta fatica a curarla. Credo anche perché facevo abitualmente bagni bollenti e terme ammorbidendo molto la pelle e credo che gli acari siano arrivati molto in profondità. Sono già 6 giorni che applico la crema e continuano a comparire nuove macchie rosse. Il bruciore ed il prurito non cessano benché pare stia diminuendo.

17 gennaio 2013 - 21:54 | di Alessandro Martella

@denis
è un pò strano che tutti l'abbiamo contratta dormendo solo per una notte nello stesso letto di tuo fratello e la tua ragazza invece assolutamente no.

La diagnosi di scabbia è stata formulata evidenziando l'acaro e/o le sue uova?

17 gennaio 2013 - 22:10 | di Denis

alla mia ragazza é venuta diverse settimane più tardi e in forma più lieve. Mio fratello ha comunque da sempre gravi problemi alla pelle (pelle molto secca etc...) ed é molto sensibile a infezioni e malattie. Cmq intanto diversi medici hanno confermato la diagnosi della scabbia. Tutti e ne sono liberati dopo l'applicazione di una crema. Solo io e mia madre abbiamo avuto difficoltà a curarla, credo per via del ritardo nel riconoscerla e per via dei molti bagni caldi e delle cure termali che entrambi facciamo con frequenza.

02 marzo 2013 - 14:39 | di speranza

salve a tutti i medici e pazienti.
in breve la mia storia: sono risalita a roma per votare perche mi sono trasferita a napoli e da natale c'è ospite a casa mia un amico, visto che è vuota (dorme in una stanza ma ovviamente utilizza tutta la casa).la camera ha problemi seri di umidità, ciclicamente viene riputita, ma mi ha raccontato che a gennaio c'era la presenza massiccia di animaletti bianchi da muffa,ora e stato pulito.
il povero ragazzo ha sempre sofferto di problemi alla pelle(ha avuto una orticaria gigante diffusa sul corpo) e da gennaio si sono cominciati a manifestare pruriti bolle squame e quant'altro.in questi giorni di mia permanenza ha visto diversi dottori con diverse diagnosi fino a ieri con la conferma dopo analisi da parte di un dermatologo di scabbia.
ora io come mi devo comportare? nel senso, ho letto che ci vuole un contatto diretto e prolungato, va bene, ma anche se non ho dormito nel suo letto non ho indossato i suoi vestiti non abbiamo avuto rapporti sessuali... però gli asciugamani in bagno erano a contatto, gli accapatoi, la spugna il panno per lavare i piatti,siamo stati sullo stesso divano vicini...tranquillamente perchè chi ci pensava al contagio!!!
che devo fare, lui e il suo compagno hanno iniziato la terapia,e io? consideri che rientrerò a napoli dal mio di compagno e la sua famiglia e lui per giunta fa un lavoro di contatto col pubblico.
rischiamo una epidemia assurda? non sono esagerata solo scrupolosa ho letto tutti i post è ho capito tanto però... aspetto ansiosa il da fare su suo consiglio

11 marzo 2013 - 01:54 | di zuzzu

La dott.ss mi ha diagnosticato la scambia... e mi ha dato una cura.con delle creme... ma nn è funzionata anzi..mi gratto sempre di più... sia nel mettere che nel non mettere crema.. so solo che sono rovinata.. nn ne posso più... :'( sta di fatto che sul come lo presa... forze è stato il mio lui... sinceramente si grattava prima di me.. sennò nn saprei dove è quando.. lui dice che gli è l anno attaccta.

12 marzo 2013 - 12:05 | di Alessandro Martella

@speranza,
non credi ci sia alcun rischio se le cose sono andate veramente così come ha scritto. Mi sentirei tranquillo.

@zuzzu,
per il contagio sicuramente è stata contratta da un altro che aveva il problema. Infine, se ci sono effetti indesiderati dovuti alla terapia in atto è giusto riparlarne con lo specialista per rivedere il quadro clinico e il suo decorso

19 marzo 2013 - 14:33 | di lilly

Egregio dottore, circa un mese fa io e mio marito abbiamo cominciato a soffrire di un fastidiosissimo prurito notturno, localizzato a me su seno, polsi e addome e a mio marito molto più diffuso. A una prima visita dermatologica ci hanno diagnosticato dei "morsi" da acaro non meglio identificati, e ci è stata prescritta la permetrina da tenere addossso la notte e poi al mattino da lavare con la doccia, il tutto per due sere consecutive. Nessun risultato, quindi nuova visita da un altro medico che ci ha diagnosticato la scabbia, facendoci fare un trattamento di quattro giorni con Dekar 2 shampoo doccia e Skab Plus lozione. Abbiamo fatto il primo ciclo, poi una settimana di sospensione lavandoci sempre con Dekar e usando Eurax e Cetaphil io mentre mio marito vaselina e Fucidin, in quanto soffre di psoriasi. Dopo il secondo ciclo la chiazze sono scomparse, ma continuiamo a soffrire di un fastidioso prurito, anche se quello notturno è praticamente scomparso. Sottolineo che abbiamo rivoltato la casa come un calzino e continuo a lavare ogni giorno lenzuola e biancheria a 90 gradi e a spruzzare gli indumenti con l'insetticida. Domani ho il controllo, spero vada tutto bene, altrimenti non so più che fare...

28 marzo 2013 - 09:51 | di maria rosaria

Gentilissimo Dottore,
mi è stata diagnosticata la scabbia e come terapia mi è stata consigliata la crema Candioli da applicare per due giorni soltanto e non mi è stato consigliato, invece, di effettuare profilassi a mio marito che, al momento, non avverte alcun sintomo.
Dato che sono caduta in uno stato di avvilimento inimmaginabile, Le chiedo gentilmente di rispondere al mio quesito: bastano davvero due gg di trattamento?? E' da seguire il consiglio di non far curare anche mio marito preventivamente??
La prego, mi risponda perchè sto impazzendo. Grazie in anticipo per la Sua attenzione.

29 marzo 2013 - 17:59 | di Giorgio

Salve, complimenti per l'articolo. Ho iniziato a grattarmi prima lievemente e poi sempre di più circa 5 mesi fa. Ero in cura da un omeopata che diceva fosse la naturale conseguenza della depurazione che stavo facendo. Dopo circa un mese inizia a grattarsi anche il mio compagno, pure lui in cura dall'omeopata. Dopo due mesi, gli ultimi giorni dei quali passati insonni per colpa del prurito fortissimo, vado da una dermatologa che mi diagnostica la scabbia. Fra l'altro il mio compagno si sottopone ad esami del sangue che risultano sballati per quanto riguarda gli eosinofili e le IGE. Abbiamo iniziato il trattamento con benzoato di benzile in soluzione oleosa al 25% da circa 10 giorni (abbiamo sospeso 4/5 giorni per far respirare la pelle e idratarla). Il mio compagno sembra praticamente guarito, io invece continuo ad avere ancora un po' di prurito, non terribile come all'inizio, ma ugualmente fastidioso. Ci hanno consigliato, terminato il benzoato, di applicare la crema Scabbianil e ripetere il trattamento dopo una settimana. E' il caso oppure no? Abbiamo lavato tutto e non dormiamo assieme da due settimane ormai.
Grazie mille e ancora complimenti

03 aprile 2013 - 00:00 | di Alessandro Martella

@lilly,
l'attuale prurito potrebbe essere una conseguenza solo del trattamento topico eseguito per la scabbia che potrebbe essere risolto applicando per diverse settimane degli idratanti.

@maria rosaria,
il trattamento anche se solo di profilassi dovrebbe essere fatto anche dai soggetti non sintomatici con i quali il paziente con la scabbia ha avuto contatti diretti e prolungati. Invece, per sapere se la scabbia è stata debellata con due giorni dai trattamento è necessario che il suo specialista la riveda e ne accerti la guarigione

@Giorgio,
se il suo specialista ha dato quelle indicazioni di trattamento avrà avuto dei validi motivi che sinceramente non posso giudicare solo sulla base di quanto scritto nel suo commento

03 aprile 2013 - 09:02 | di maria rosaria

Egregio Dottore,
la ringrazio per i consulti efficienti che fornisce. Volevo sapere se è normale che dopo il trattamento con la crema antiscabbia permangano delle bollicine e un leggero prurito. La ringrazio in anticipo per la risposta che vorrà fornirmi.

03 aprile 2013 - 10:48 | di Alessandro Martella

@maria rosaria,
a volte i trattamenti topici per la scabbia possono irritare la pelle e causare i problemi descritti. Tuttavia, per ogni dubbio, non fosse altro anche per il tipo di patologia è sempre indicato un consulto dermatologico per confermare l'avvenuta guarigione e di conseguenza instaurare un trattamento idoneo per ripristinare lo stato della pelle

03 aprile 2013 - 19:53 | di Erasmus

Salve. Ho contratto un mese fa la scabbia, che mi hanno diagnosticato stamattina. Il dermatologo mi ha prescritto Sarcop Permetrina 40g da applicare una volta al giorno per tre notti consecutive, accompagnato da Ebastel 10mg (Ebastina) dopo la colazione e Atarax 25mg (Hidroxina dihidroclouro) dopo la cena. Tuttavia, ho ancora dei dubbi, che spero mi saranno sciolti.

- Innanzitutto, la quantità di Permetrina prescritta (40g) è necessaria e sufficiente per le tre applicazioni? Ovvero, per ogni applicazione uso 1/3 del tubetto fino a terminarlo? Ho notato che dopo pochi minuti della prima applicazione, ho avvertito forti pizzichi brevi e acuti per tutto il corpo, in particolare nella zona perianale, testicoli e pene; ho forse esagerato con la quantità? Le suddette sono zone da preservare?

- Per quanto riguarda invece le pillole, che suppongo siano antistaminici, per quanto devo continuare a prenderle dopo i tre giorni di permetrina?

- Inoltre, vivo in casa con altri sei coinquilini, con i quali però non condivido biancheria, asciugamani o vestiti, ma solo il bagno e la cucina (per intenderci: doccia, sanitari e lavandino). Ad oggi - quindi un mese dopo che io ho contratto l'acaro - nessuno di loro ha prurito o simili; è strettamente necessario che tutti loro facciano il trattamento come lo sto facendo io?

- Un dubbio: se l'acaro sopravvive solamente sul corpo umano e il contagio avviene solo con il contatto, come mai si raccomanda di "quarantenare" i vestiti in sacchi di plastica per 3 giorni? Non è sufficiente che siano lavati e messi in armadio dove nessuno li tocchi? Inoltre, cosa faccio con scarpe, cappelli e giacche?

- Infine, sia Lei che il dermatologo consigliano di idratare la pelle (ad esempio con una Nivea), ma questo va fatto contemporaneamente o successivamente al trattamento?

Spero di essere stato chiaro nella formulazione e che mi sia ricordato tutto. Grazie.

03 aprile 2013 - 22:17 | di Fabrizio

Salve dottore quasi un anno fa sono stato affetto da scabbia!
Ho superato il problema applicando in modo ossessivo un prodotto ad applicazione topica:
lo SCABIANIL.
Durante questo periodo ho notato che il mio fisico accusava problemi di EREZIONE.
Non so se la causa di cio fosse attribuibile ad uno stress psicologico di quel periodo o ad un effetto collaterale dello SCABIANIL.
Due mesi fa ho ricontratto nuovamente la scabbia. Non vi dico la paura nel ripercorrere la stessa strada tortuosa, qual' è la cura.
Ho riapplicato ossessivamente e ripetutamente l'intero tubetto di scabianil.
Il risultato...? Ecco di nuovo ripresentarsi l'IMPOTENZA SESSUALE (risoltasi spontaneamente).
la mia domanda è questa: cosa crea l' impotenza temporanea? Lo scabianil o lo stress psicologico?.

03 aprile 2013 - 22:48 | di Alessandro Martella

@Erasmus
40 g di Permetrina non basteranno per i tre giorni di trattamento ne dovrò acquistare dell'altra e considerato che la superficie cutanea di un adulto è pari a circa 2 metri quadrati ne servirà un bel pò. Inoltre, i fastidi descritti molto probabilmente sono la conseguenza di un'applicazione eccessiva. Meglio non esagerare con l'applicazione dei topici antiscabbia.

Per quanto riguarda gli antistaminici segua le indicazioni del suo dermatologo poiché la durata del trattamento è indicata dallo specialista in base all'entità del prurito.

Sinceramente farei fare la profilassi anche ai coinquilini oltre che al partner.

La quarantena è importante perché al di fuori della pelle non muore immediatamente. nel post puoi trovare maggiori dettagli.

Infine, l'idratazione va fatta dopo il trattamento antiscabbia.

@Fabrizio
nessuna correlazione con il trattamento eseguito

04 aprile 2013 - 09:15 | di rosaria

Egregio Dottore,
ho terminato la cura di 3 giorni a base di crema Candioli 50. Le volevo ora chiedere: è davvero efficace tale cura per soli 3 giorni?? Inoltre, dato che ci sono abiti che non metto da un bel pò, posso tranquillamente indossarli o devo lavare l'intero guardaroba? Mi spiego meglio...Se l'acaro vive lontano dal corpo per pochissimo, gli indumenti non indossati da tempo possono essere contagiosi?? Grazie per la cortese risposta.

04 aprile 2013 - 14:49 | di Lilly

Buongiorno, dottore. Dopo la diagnosi di scabbia, due cicli di trattamento e una disinfestazione della casa con zolfo e lavaggi a temperature vulcaniche, al controllo dallo specialista siamo risultati guariti completamente. Ora, però, continuano ad uscire ogni tanto delle bollicine che causano prurito, ma non nei punti dove di solito si annida l'acaro. Questo avviene sia a me che a mio marito, e il prurito non si manifesta di notte. Potrebbe essere una reazione di tipo psicosomatico, considerato che con noi vive nostro figlio e da qualche settimana è nostra ospite mia figlia col suo bambino di un anno e mezzo, e che loro non manifestano alcun disturbo? L'igiene in casa è scrupolosissima, ancora di più da quando è arrivato il piccolino. Non so più cosa pensare, questo "scherzetto" mi è costato più di mille euro, fra visite e farmaci....

05 aprile 2013 - 11:49 | di Alessandro Martella

@rosaria,
prima di tutto per l'avvenuta guarigione è necessaria una visita di controllo dal suo specialista che, visitandola, deve confermare l'assenza dell'acaro e/o delle sue uova. Nessun problema invece per quanto riguarda gli abiti che non indossava da tempo.

06 aprile 2013 - 21:26 | di Lilly

Buonasera, dottore. Sto perdendo il senno per questo benedetto prurito che non mi dà tregua, anche se il dermatologo ha detto che siamo guariti dalla scabbia. Mi spuntano delle bollicine all'interno braccia e nella piega del ginocchio, molto pruriginose, poi si formano le crosticine e il prurito cessa, ma ne spuntano delle altre. Ogni giorno, dopo la doccia, metto Cetaphil crema idratante, ma il prurito continua e la scorsa notte mi ha tenuta sveglia. Il fatto è che non ho bollicine nei punti dove di solito si manifesta la scabbia, ma solo su braccia, gambe e addome,ma non intorno all'ombelico. Non ce la faccio più, questa cosa mi sta facendo impazzire. Potrei aver ripreso la scabbia? Aggiungo che le bollicine saranno quattro o cinque, non di più, sono molto piccole e non ci sono i cunicoli... AIUTO!

25 aprile 2013 - 10:59 | di Alata

Buongiorno dottore,
Qualche giorno fa ad una mia amica e stata diagnosticata la scabbia. Due settimana fa abbiamo fatto una vacanza insieme dove abbiamo condiviso il letto (lei avvertiva prurito gia da almeno una settimana). La sua dermatologa ha consigliato una cura per 3 giorni di skab plus lozione a tutte le persone che sono state in contatto con lei. Io, ad oggi, non avverto alcun tipo di prurito, ma potrei essere in incubazione. Se fosse cosi, la sola cura con la lozione e gia efficace per debellare la malattia? Inoltre, la malattia potrebbe anche attaccare gli organi interni? Magari tramite passaggio mano bocca?
Grazie mille

29 aprile 2013 - 19:40 | di Lilly

Egregio dottore, dopo la visita di controllo dal dermatoloigo che ci ha detto che siamo guariti, continuiamo ad avere bolle e prurito. Mio marito,inoltre, presenta, soprattutto nella zonadell'interno coscia, dei noduli che se vengono premuti scatenano il prurito. Inoltre le bolle che abbiamo continuano a prudere e hanno le croste. Non sappiamo più che fare... Aspetto la sua risposta. Grazie per il suo aiuto!

23 maggio 2013 - 15:37 | di Erasmus

Salve dottore.

Le scrivo quasi due mesi dopo la guarigione da scabbia, durante i quali mai ho smesso di avvertire comunque un prurito diffuso, ma a quanto pare causato dal trattamento con la permetrina. Il fatto è che da 3-4 giorni il prurito si è intensificato, specie nelle zone critiche (pancia, polsi, glutei, cosce) dove presento anche puntini e rossore. Specifico che non ho avuto nessun tipo di rapporto sessuale in questo periodo, nè ho dormito in altre lenzuola.

Può essere che l'acaro non sia mai definitivamente morto e sia rimasto silente per quasi due mesi? Può essere che sia "solo" acarofobia? Mi tocca tornare dal dermatologo?

Grazie

13 giugno 2013 - 18:45 | di Alessandro Martella

@Lilly,
diverse le ipotesi mancata guarigione oppure secchezza cutanea conseguente al trattamento eseguito oppure di noduli post scabbiosi. In quest'ultimo caso l'acaro è stato debellato ma persiste per diverso tempo il prurito.

@Alata,
corretto eseguire la profilassi e forse la lozione potrebbe essere sufficiente. Tranquilla la scabbia non interessa gli organi interni!

@Erasmus,
meglio tornare dal dermatologo

15 luglio 2013 - 11:06 | di valentina

salve la mia capretta ha una presunta scabbia... il problema non si sa da quando... ma anche il contatto x 10 secondi con l'animale potrei infettarmi? oppure ci vuole un contatto più lungo? perchè mi e venuta la candida con un forte prurito che dopo qualche giorno si è attenuato... potrebbe essere stata lei ad attaccarla? grazie saluti!

17 luglio 2013 - 12:00 | di Alessandro Martella

@valentina,
prima di tutto è necessario appurare se la capretta ha la scabbia e per questo chiedi il consulto del veterinario. Poi per quanto riguarda l'infezione della stessa dall'animale all'uomo è possibile ma non frequente.

Per la candida non è colpa dall'animale

25 luglio 2013 - 03:13 | di marco

buonasera, sono marco e faccio il falegname, mi sono accorto da un mesetto che nella bottega in cui lavoro ho un focolare di acari, suppongo della scabbia, e a causa di questi sono un continuo a grattarmi e con eruzioni cutanee.
all'inizio non erano così violente le eruzioni e non ci facevo caso ma ora mi basta entrare nel locale che mi riempio di bolle.
sono consapevole che potrebbe sembrare una reazione allergica più che una reazione all'acaro ma dato che anche mia moglie c'è passata mi ha confermato che sia la conformazione delle bolle che il forte prurito potrebbero essere dell'acaro della scabbia.
il mio problema è che sono diventato da poco padre e sto evitando di tenere in bracciio mia figlia per paura che la infetti. è contaggiosa come infezione o no.
grazie

28 luglio 2013 - 04:05 | di solange

salve dottore,sono una ragazza ho 24 anni, da 5 anni che soffro di prurito gratto e mi escono sulla pelle bollicine piene di acqua ed a volte se gratto forte piene di sangue, prima tutti pensavano allergia ed ho fatto TUTTI gli esami possibili insieme a una dieta( uova, pesce conservanti, coloranto NO per circa 2 anni non ho mangiato questi cose )ed era tutto NEGATIVO. alla fine la mia dottoressa di base mi ha detto FORSE STRESS, dopo sono andata da un dermatologo che mi ha detto è la scabbia ho fatto un trattamento per 3 gg, lavare tutto con acqua calda 75°C e non andare da nessuna parte, materasso dentro buste di plastica x una settima o 10 gg non mi ricordo bene ... insomma ho fatto tutto come me l hanno spiegato ma NIENTEEEE, sono andata all'estero ed gli l'ho detto che ho già fatto il trattamento per la scabbia ma niente allora anche li mi hanno prescritto un trattamento per 6 mesi, la prima settima non andare da nessuna parte ecc... insomma era un trattamento completo ed ho speso un sacco di soldi, il risultato era ottimo per i primi 20 gg poi dopo di nuovo nessun resultato... FINO ADESSO :( e non so sinceramente cosa devo fare ancora! secondo lei cosa potrebbe essere la causa e cosa devo fare per almeno sapere perché non vanno mai via sia in estate che in inverno? grazie mille doc

30 agosto 2013 - 16:41 | di Tiziana

Salve,
ad Aprile il mio bimbo di 1 anno ha contratto la scabbia, e dopo varie visite dal pediatra e in ospedale con diagnosi sbagliate, finalmente gli è stata diagnosticata all'ospedale Gemelli con successiva terapia a base di Milice schiuma da applicare sul corpo per 2 volte al giorno per 3 giorni sia per lui che per noi famigliari in via precauzionale. In poco tempo il bimbo è guarito, e nessuno di noi accusava sintomi. Ma circa 2 mesi fa mio marito ha cominciato ad accusare anche lui prurito, in principio tra le dita delle mani con relative escoriazioni, e poi nel resto del corpo. Ora anche io presento gli stessi sintomi, anche se rispetto alla scabbia di mio figlio le nostre !bollicine" sembrano piu piccole e rade, ma comunque molto pruriginosa. Mi chiedevo se un'altro ciclo di 3 giorni con Milice schiuma fosse abbastanza per un adulto per annientare definitivamente l'acaro o se converebbe un'altro tipo di trattamento, preciso che tra una settimana abbiamo un'appuntamento con il dermatologo. grazie

11 settembre 2013 - 03:58 | di Federico

Salve, innanzitutto la ringrazio per la chiarezza con cui ha esposto l'argomento.
Per spiegarle il mio problema partirò dall'inizio: un'anno e mezzo fà conosco la mia attuale compagna, nella stessa estate noto delle bollicine nei suoi spazi interdigitali, le chiedo cosa sia e mi dice che il suo medico di famiglia ha diagnosticato "bollicine da sudore" (non so neanche se esistano) il fatto è che lei non suda, mi dice che le vengono tutte le estati. Metta da parte questa premessa per un minuto.
Quest'estate tra gli spazi interdigitali dei miei piedi noto, dopo aver avvertito del prurito una bolla di 4-5 mm di diametro, con all'interno liquido trasparente, il mio medico mi fà prendere antistamicini, la cosa si calma, fino ad arrivare ad ora, sul braccio, prima vicino al polso e ora verso il gomito presento quello che sembra una manifestazione di scabbia, sono 2/3 giorni, ed è molto prurigginosa.
Stamattina andrò dal dottore e gli faro presente la possibilità della scabbia, sperando che non si metta a ridere.
Il mio dubbio è questo: possibile che la mia ragazza sia contagiata, ma che per qualche motivo l'infezione sia "tenuta a bada" dalla temperatura delle sue mani, sempre fredde, e dal fatto che sta sempre in bagno a lavarsi le mani?
Nel frattempo uno dei miei cani, che vivono in libertà in quanto abito in campagna ha manifestato segni di rogna, quindi penso che a livello di probabilità io sia stato contagiato dal cane, ma quelle bollicine simili alle mie cosa potrebbero essere?
Scusi se sono stato prolisso, ma ho preferito essere il più esaustivo possibile.
Grazie mille.

14 settembre 2013 - 11:51 | di tonia

salve dottore,
e difficile iniziare perche' non so nemmeno io dove fare,cerchero' di essere molto chiara,
allora io ho una sorella di 14 anni che nel mese di aprile e' iniziata ad avere prurito tra le mani e tra le gambe, come gia' voi avete spiegato molto molto intenso, l'abbiamo portata dal nostro medico di famiglia e cci dice puo' essere un fattore allergico e gli segna degli anti-staminici ma nulla inzia con questi puntini e inizia pian piano su tutto il corpo... dopo un po la riportiamo sempre dal nostro medico e ci dice che puo essere una dermatite e ci da altre cure, ma nulla.....
arriviamo da aprile ad agosto che inizia mia madre dall'ombelico e ai polsi e mio padre da dietro la schiena allora dopo tanto il nostro medico decide di far vedere mia madre e mia sorella da un dermatologo, ed arriviamo ad adesso settembre e la sua diagnosi appena li ha visti scabbia perche sono arrivati a uno stadio di croste e vesciche in tutto il corpo sopratutto mia sorella, li ha messi in quarantela crema da indossare due volte al giorno e una x la sera e senza potersi lavare x 5 giorni..
il mio problema e questo io non vivo in casa con loro, sono sposata e ho due bambini una di 1 anno e mezzo e uno di 5 che sono stati a contatto fino al giorno della visita sia con la nonna che con la zia i bimbi sono stati fra le loro braccia e la dermatologa a detto che prevenzione non c'e .
la prego lei puo aiutarmi ho molto terrore che siano stati contagiati e che lo sia anch'io , io ho cercato di disinfettare casa con vapore disinfettare capi man mano che li lavo ma nn so veramente cosa fare.e poi ho notato che alcuni puntini tipo morsetti di zanzare mi sn usciti ma nn ho prurito mi sento solo pizzicare.............
grazie x avermi dato attenzione e spero in una sua risposta..
grazie.

14 settembre 2013 - 11:51 | di tonia

salve dottore,
e difficile iniziare perche' non so nemmeno io dove fare,cerchero' di essere molto chiara,
allora io ho una sorella di 14 anni che nel mese di aprile e' iniziata ad avere prurito tra le mani e tra le gambe, come gia' voi avete spiegato molto molto intenso, l'abbiamo portata dal nostro medico di famiglia e cci dice puo' essere un fattore allergico e gli segna degli anti-staminici ma nulla inzia con questi puntini e inizia pian piano su tutto il corpo... dopo un po la riportiamo sempre dal nostro medico e ci dice che puo essere una dermatite e ci da altre cure, ma nulla.....
arriviamo da aprile ad agosto che inizia mia madre dall'ombelico e ai polsi e mio padre da dietro la schiena allora dopo tanto il nostro medico decide di far vedere mia madre e mia sorella da un dermatologo, ed arriviamo ad adesso settembre e la sua diagnosi appena li ha visti scabbia perche sono arrivati a uno stadio di croste e vesciche in tutto il corpo sopratutto mia sorella, li ha messi in quarantela crema da indossare due volte al giorno e una x la sera e senza potersi lavare x 5 giorni..
il mio problema e questo io non vivo in casa con loro, sono sposata e ho due bambini una di 1 anno e mezzo e uno di 5 che sono stati a contatto fino al giorno della visita sia con la nonna che con la zia i bimbi sono stati fra le loro braccia e la dermatologa a detto che prevenzione non c'e .
la prego lei puo aiutarmi ho molto terrore che siano stati contagiati e che lo sia anch'io , io ho cercato di disinfettare casa con vapore disinfettare capi man mano che li lavo ma nn so veramente cosa fare.e poi ho notato che alcuni puntini tipo morsetti di zanzare mi sn usciti ma nn ho prurito mi sento solo pizzicare.............
grazie x avermi dato attenzione e spero in una sua risposta..
grazie.

18 settembre 2013 - 15:03 | di Gianni

Salve,
è da circa una settimana che ho prurito leggero (un pizzicolio) diffuso su tutto il corpo e da domenica anche mia moglie lo avverte. I miei due figli no. Anche in testa ho un pò di prurito. Il problema è che non ho alcun segno evidente in nessuna parte del corpo cioè a prima vista non si vede nessun punto, nessuna escoriazione. Ho il terrore della scabbia (contratta circa 20 anni fa) e non vorrei ricominciare.

06 ottobre 2013 - 12:31 | di Alessandro Martella

@marco,
non credo che il focolaio in bottega è quello della scabbia, non è possibile. Intanto, è necessario una disinfestazione dell'ambiente e una visita dermatologica per una terapia oltre che diagnosi corretta del suo problema.

06 ottobre 2013 - 12:40 | di Alessandro Martella

@solange,
immagino il disagio. In questi casi è necessario che un dermatologo esegua una visita clinica e parassitologica accurata e prescriva una serie di accertamenti mirati. Non condivido la prescrizione di trattamenti senza che venga formulata una diagnosi.

@Tiziana,
evitate il fai da te e rivolgetevi ad un dermatologo per una conferma diagnostica non fosse altro che avete un bimbo piccolo.

@Federico,
sono sicuro che i suoi dubbi saranno chiariti dopo la visita dermatologica! Qual è stata la diagnosi?

@tonia,
la profilassi viene prescritta sono per i soggetti che hanno non sono sintomatici, quindi non hanno la scabbia, ma hanno avuto contatti diretti e prolungati con un soggetto al quale, invece, la scabbia è stata correttamente diagnosticata

@Gianni, è necessario solo una cosa chiedere il consulto di un dermatologo!

07 ottobre 2013 - 13:11 | di tiziana

La ringrazio Dottore per il suo consiglio.
Fortunatamente la diagnosi del dermatologo è stata disidrosi da stress!
Con la dovuta cura, ora è tutto ok! :-)
Grazie

08 ottobre 2013 - 06:35 | di Alessandro Martella

@tiziana,

grazie a te! ;)

15 ottobre 2013 - 09:28 | di Elisa

Salve,
le scrivo perche mi trovo in una situazione abbastanza precaria dalla quale ho dovuto affrontare questa malattia, e da cui mi ci sto ancora relazionando.
Ho viaggiato con un gruppo di amici, e circa un mese fa ho iniziato ad avere bolle bianche e pruriginose su mani, tra le dita, piedi, avambracci, ventre, glutei...
Mi grattavo talmente tanto che mi sono riempita di ferite, le quali, causa le condizioni in cui mi trovavo, si sono tutte infettate.
Avevo un fortissimo prurito ovunque.
In poche parole, era scabbia, tutti i sintomi erano i mecesimi. In seguito ho sentito tutti gli altri, e tutti si trovavano nella medesima situazione, qualcuno aveva anche avuto la diagnosi medica. Sono approdata negli Usa, e ho iniziato a mettere zolfo su tutto il corpo, oltre che tea tree oil e olio di neem.
So che serve una cura con la prementina, ma ero accampata nella foresta, in tenda, senza soldi, senza possibilita di andare da un dottore.
In seguito ho avuto la possibilita di usare la crema, perche una ragazza americana ha finto di essere lei la paziente e si e fatta prescrivere la medicina.
Cosi, ho fatto questo trattamento, che si risolve in una sola applicazione, dopo un lungo bagno termale.
Dopo circa una settimana, dieci giorni, non ho piu bolle, tutte le ferite sono chiuse, pero presento ancora prurito. Oggi ho cercato di riacquistare la crema per ripetere il trattamento e sentirmi sicura, ma in farmacia hanno detto che avrei dovuto andar ein ospedaleee pagare circa 100 dollari per avere la ricetta. Questo mi e impossibile.
Ho pero trovato un rimedio di oli essenziali apposito, e molto forte... cosi mi sono messa l'anima in pace e ho optato per questo, decisamente piu economico.
Effettivamente credo che sia passata, ho eseguito tutto per bene quando ho applicato la crema, ho anche sterilizzato tutto ripetutamente... pero c e chi dice che sarebbe meglio ripetere dopo una settimana...
come capisco se ho debellato la cosa, e se devo ripetere?
grazie

15 ottobre 2013 - 10:12 | di Alessandro Martella

@Elisa,
di sicuro sarà necessaria prima o poi una visita dermatologica che attesti l'avvenuta guarigione e in caso di persistenza dei sintomi descritti della diagnosi di scabbia.

In questo momento il prurito potrebbe essere la conseguenza del trattamento eseguito che potrebbe aver irritato la pelle e se così fosse sarebbe sufficiente utilizzare una crema idratante.

18 ottobre 2013 - 21:39 | di Peramatura

Buonasera. Due settimane fa ho accompagnato mio figlio a una festicciola di compleanno e ora ho sapito da un'altra mamma che i 3 bambini di quella casa hanno la scabbia conclamata. Mi chiedo se l'essere stati 2 ore da loro, averli baciati p gli augiri e i saluti, aver lasciato le nostre giacche nel mucchio di giacche, essere stati seduti tutti vicini sul divano di stoffa possa aver permesso il contagio. Io ho l'aggravante di essere immunosoppressa con azatioprina. Mio figlio, invece, ha l'asma ed è allergico agli acari: mi chiedo con terrore se la scabbia gli potrebbe scatenare anche crisi di asma. Ultima domanda: non abbiamo alcun segno, ma ll'incubazione è lunga: dovrei tenere le altre persone quanto più lontane da noi? Avvisare tutti del rischiootenziale che corrono? Restare a casa da scuola e lavoro? AIUTO, CARO DOTTORE: non dormo più.

25 ottobre 2013 - 13:08 | di Alessandro Martella

@Peramatura,
tranquilla non credo ci possano essere i presupposti per pensare ad un'infezione.

25 ottobre 2013 - 15:29 | di Peramatura

La ringrazio infinitamente, che bella notizia!... I bambini avevano anche i pidocchi e almeno quelli sono certissima di che non li abbiamo presi. Ho saputo, però, che una delle bambine aveva già, il giorno della festa (il 2 ottobre scorso) la malattia piuttosto avanzata, che credevano fosse un eczema. Cioè, non era solo in fase di incubazione: spero che questo elemento non modifichi, caro dottore, il suo parere sul nostro caso... Finora ho evitato il più possibile i contatti con le persone, non solo per non contagiarle, ma anche per risparmiare loro l'angoscia delle 7 settimane di dubbio su come comportarsi, nel malaugurato caso che ci si manifestasse la malattia e fossi stata costretta ad avvisare le persone della nostra cerchia del loro possibile contagio.
Posso abbassare la guardia e invitare a casa gli amici? Se c'è un rischio contagio, starei più tranquilla a fare prima, tutta la famiglia, la profilassi prevista (che non ho capito bene qual è...) La ringrazio infinitamente per la sua pazienza e disponibilità.

25 ottobre 2013 - 19:18 | di mari

Salve.Sono venuta a contatto con una persona affetta da scabbia e ho paura di essere stata contagiata.Ho cominciato,dietro indicazione del dermatologo,la cura e mi chiedevo se,dopo 24 ore dal suo inizio,posso tranquillamente entrare a contatto con altre persone,in particolare con il mio fidanzato.Ho bisogno di saperlo perché per il momento sto "vivendo in isolamento".Grazie mille in anticipo dottore.

30 ottobre 2013 - 19:08 | di Io

Salve dottore.Ho contratto la scabbia e ho usato scabbiacid.Ho letto sul libretto delle istruzioni sull'uso che bisogna tenerla per 8-12 ore per poi rimuoverla con una doccia.Ho letto anche,però,di casi in cui,dopo l'applicazione,non ci si deve lavare per 5 giorni.Cosa devo fare quindi?La ringrazio anticipatamente.

03 novembre 2013 - 17:46 | di Peramatura

Dottore, per favore, ci risponda, per piacere. Siamo ancora asintomatici (dalla festa di compleanno del 2 ottobre) ma autosegregati per evitare preoccupazioni di contagio ad amici che fossimo andati a trovare o che avessimo invitato a casa... Non è che possiamo usare l'emulsione dermo base2 citata da Mari, o qualcosa che le ci possa indicare, e terminare prima le lunghissime 7 settimane di osservazione?
La ringrazio tanto per l'attenzione. Grazie mille.

04 novembre 2013 - 17:01 | di giulia

Salve dottore,ritengo questa pagina molto affidabile e il fatto che lei interagisca con i pazienti è una cosa splendida.
Andai ai tempi dal medico curante per curare una forte emicranea,e mi sbagliò la cura, il mal di testa non passava e mi sono recata al pronto soccorso, dove mi hanno dato degli antibiotici. Subito dopo gli antibiotici accusai i sintomi della scabbia, ma li ho scambiati per un'allergia al farmaco, e sempre il caro medico curante mi diede degli antistamici per il prurito.
Il prurito non si placava e decisi di andare dal dermatologo,che si accorse subito dai sintomi (soprattutto dalle zone che prudevano)e controllando le bolle con una lente di ingrandimento. Non so bene da cosa sia potuta scaturire questa cosa,soprattutto visto che il periodo di incubazione è di 3-6 settimane,e siamo stati al mare e in tantissimi posti diversi,l'ho contratta insieme al mio ragazzo.Il dermatologo ci ha detto di fare la cura insieme.
Ci ha prescritto una soluzione da diluire in acqua dal nome PAF, da mettere senza cambiare abiti x 24 ore e senza uscire di casa,mezzo bicchiere ogni 12 ore in due applicazioni.E poi ci ha dato una crema DERMO BASE TS EMULSIONE FLUIDA da mettere ogni sera.
Al mio ragazzo alla prima applicazione di PAF è cominciato a passare il prurito anche se ancora un pò c'è ma a me no.Quindi ho ripetuto l'applicazione con un'altra fiala in 24 ore.
I sintomi e il prurito sono diminuiti ma sento ancora un pò di prurito ogni tanto e vedo che ho ancora qualche bollicina.Il mio terrore è che non mi sia ancora passata e io non me ne accorgo. E poi guardando il blog noto che questa cura che mi ha dato non è stata minimamente menzionata... Cosa faccio? Io vorrei essere sicura...vorrei comprare una di queste pomate...per sicurezza...ho il terrore che possa tornare..spero che lei possa rassicurarmi in qualche modo

04 novembre 2013 - 18:11 | di maurizio

Salve a tutti, purtroppo anche io ho la scabbia. Ho consultato due dermatologhi e mi hanno entrambi ordinato scabbiacid 5% associato ad antistaminico, e alvaggio con detergente antiacaro ed uno spry a schiuma antiacaro. Uno specialista mi ha detto di applicare scabbiacid 2 tubbi una notte e ripetere il trattamento dopo una sett..., l'altro specialista mi ha consigliato di applicare scabbiacid ogni notte per 10 notti consecutive....quale dei due consigli devo seguire??? se lo uso per una settimana continua posso avere effetti indesiderati???

05 novembre 2013 - 11:32 | di Enrico

Carissimo Dottore,
E' possibile contrarre la scabbia con un massaggio (circa un h di durata)?
ci sono rischi con il petting (masturbazione reciproca)?
La scabbia può dare luogo a pustole simil-acne sul viso o a rugosità sul palmo delle mani?
Grazie mille del preziosissimo aiuto

11 novembre 2013 - 11:56 | di Alessandro Martella

@Peramatura,
abbassi pure il ponte levatoio di casa, abbassi la guardia! :)

@mari,
se ha scoperto molto dopo di essere venuta a contatto con un soggetto con la scabbia e nel frattempo hai avuto contatti con il tuo fidanzato, forse sarebbe opportuno che la terapia di profilassi la facesse anche lui.

@Io
segua le indicazioni del suo dermatologo e se poche chiare gli chieda nuovamente maggiori delucidazioni.

@giulia,
anche per lei l'invito è quello di seguire le indicazioni del suo dermatologo che ha avuto la possibilità di visitarla e di conseguenza consigliarle il trattamento migliore.

@maurizio,
il trattamento, applicato tutti i giorni è irritante per questo si consigliano delle somministrazioni tipo quelle che le sono state indicate. Decida pure quale eseguire e proceda pure. Poi, alla fine del trattamento si faccia nuovamente visitare dal suo dermatologo per appurare la guarigione.

@Enrico,
teoricamente possibile!

14 novembre 2013 - 14:31 | di Caro

Lavoro in un ambulatorio e un pazient era affetto da scabbia. È successo una settimana fa e stamattina mi vedo spuntare due macchioline rosse sull'interno polso,ma al momento non prudono. È possibile che sia scabbia? Soprattutto,è contagiosa durante l'incubazione? Grazie

23 novembre 2013 - 09:58 | di Fiorello

Salve dottore, penso di avere ancora la scabbia.

A gennaio 2013, mio fratello e tornato dal nostro medico di base dicendo che ha la scabbia, dopo un po di giorni io e la mia fidanzata abbiamo avuto gli stessi sintomi, il dottore ci ha prescritto SKAB Plus da usare per 1 settimana il sapone allo zolfo e lavare tutto ad un minimo di 50,60° con un disinfettante (Napisan) . Fatto questo dopo 2 3 settimane sono ricomparsi i sintomi quindi abbiamo ripetuto la terapia e loro sono guariti o cosi sembra.

Dopo tutto questo io avevo ancora un po di prurito, ho usato di nuovo il sapone allo zolfo il prurito sembrava diminuire le bolle sulla pelle anche, era rimasta sempre una bolla grande al ombelico e una sotto il braccio (anche oggi ho queste bolle dopo 10..11 messi) d'estate andavo ai bagni termali con zolfo , al mare sotto al sole, quindi i sintomi sono quasi scomparsi solo qualche piccolo prurito... ma poi a fine settembre ricomincia e si sposta alla mani e sui piedi nella zona del tallone d'achille . Adesso mi ritrovo con prurito e qualche bolla anche tra le gambe.

Sono l'unico in famiglia ad avere i sintomi, la mia fidanzata con la quale convivo e divido il letto non ha niente di tutto questo!
Cosa può essere ? se e scabbia, perché sono l'unico ad avere i sintomi? ho visto qualche immagine e devo dire che non ho tutte quelle bolle solo un po di crosta al tallone d'achille che probabilmente e dovuta al fatto che mi gratto un po di più in quella zona.
La ringrazio anticipatamente.

03 dicembre 2013 - 22:27 | di veronica

ciao, io ho piccola bolla sulla paltebra dell'occhio e volevo sapere maggiori informazioni grazie aspetto una vostra risposta

13 dicembre 2013 - 12:10 | di Giada

Buongiorno, nella mia scuola 4 ragazze sono state contagiate dalla scabbia da un'altra ragazza che frequenta un altro istituto. Ora ci sono 7 persone malate dentro la scuola e l'asl si rifiuta di agire, ci ha detto solo di "pulire la scuola". Per di più il mio compagno di classe ha avuto dei rapporti con una di quelle ragazze, quindi avrà sicuramente contratto anche lui la scabbia. Sono andata dal mio medico e mi ha detto che non c'è niente da fare per prevenire la malattia, solo evitare i contatti. Cosa posso fare per non ammalarmi?

13 dicembre 2013 - 19:21 | di sara

salve dottore
ieri sono andata dal dottore perchè provavo un forte prurito in tuttto il corpo, e mi ha detto ke sono affetta di scarbia mi sono preoccupata molto e lui mi ha detto di non preoccuparmi e mi ha detto di mettermi una crema "scabiacid 5% crema 30 g" e nn mi ha specificato per quanti giorni vi volevo dire per quanti giorni la devo mettere? e mi dia dei consigli da fare,prima e dopo? e come la devo applicare?
grazie in anticipo ;)

19 dicembre 2013 - 15:16 | di Alessandro Martella

@Caro,
si durante l'incubazione è contagiosa. Ad ogni modo se non c'è stato un contatto diretto e prolungato con il paziente affetto da scabbia e se hai usato i guanti non dovrebbe esserci nessun rischio d'infezione.

@Fiorello,
mi sembra strano che lo stesso problema si stia protraendo per così tanto tempo. Difficile formulare un'ipotesi. Credo che la cosa migliore sia quella di rivolgersi ad un dermatologo per un consulto specialistico.

@veronica,
vale anche per te non sono in grado con una semplice descrizione di poter capire il problema. In questo casi è sempre necessaria la visita specialistica.

@Giada,
se non c'è stato nessun contatto con le persone affette non c'è nessun rischio in caso contrario è necessaria la profilassi anche in assenza di sintomi e segni della malattia che, lo ricordo, può avere un'incubazione di anche 6-8 settimane

@sara,
la presenza del solo prurito non è sufficiente per formulare la diagnosi di scabbia. Deve essere identificato con il prelievo delle squame cutanee e l'osservazione al microscopico ottico o con la metodica dell'epiluminescenza l'acaro della scabbia o le sue uova. Se la visita non è stata completa meglio un nuovo consulto prima di iniziare un trattamento antiscabbia

14 gennaio 2014 - 22:35 | di marco

buonasra, dopo aver applicato scabiacid per tre volte nel giro di un mese e mezzo ora mi ritrovo con una secchezza all interno delle natiche ho trattato la zona con idratanti ma niente sicuramente dovuto alla crema ..ora un consiglio cosa faccio?

16 gennaio 2014 - 18:48 | di marco t

salve ! ho avuto un fugace rapporto sessuale a base di petting e baci con un uomo e dopo cio ho scoperto di avere le piattole e l ho scoperto perche toccandomi i capelli ne ho trovata una morta sulla mano e lo stesso giorno dopo la depilazione totale ne ho trovata una nel pube , ho fatto il trattamento e sterilizzato abiti e complementi da bagno e camera , visto che questa persona mi ha attaccato le piattole potrebbe avermi attaccato la scabbia , da questo rapporto sono passato piu di 10 giorni e non avuto pruriti di nessun genere solo 2 bolle come quelle delle zanzare che pero dopo pochi minuti sono scomparse senza lasciare segno a me visibile , lei cosa ne pensa ? Grazi mille !

30 gennaio 2014 - 14:34 | di Alessandro Martella

@marco,
spesso i trattamenti antiscabbia irritano la pelle e inducono desquamazione. In questi casi è necessario solamente usare idratare la pelle quotidianamente con topici adeguati per diversi giorni a volte anche settimane.

@marco t,
sono due patologie differenti e per ogni dubbio sarebbe meglio che ti rivolgessi ad un dermatologo per un consulto.

04 febbraio 2014 - 16:06 | di Lucia

Salve... ho un dubbio che spero lei potrà risolvere.
Un'amica mi ha lasciato il suo cane per una settimana . Al suo ritorno aveva scoperto di essere affetta da scabbia e le è stato detto che il cane potrebbe aver fatto da "portatore sano" per gli acari. E' vero? c'è il rischio che il cane posso aver contagiato anche me (ha dormito sul mio letto ed è stata a stretto contatto con me per tutt'e 5 i giorni) e i miei familiari?
Mi è stato suggerito per togliermi ogni dubbio di usare uno shampoo apposito per un paio di giorni. E' giusto?
E per finire, come comportarsi con vestiti e lenzuola?
Grazie.

08 febbraio 2014 - 16:36 | di Alessandro Martella

@Lucia,
Sebbene siano possibili i casi d'infezione dal cane all'uomo sono possibili ma comunque non frequenti.

Per ogni dubbio sarebbe opportuno consultare un dermatologo per una visita di controllo

09 febbraio 2014 - 02:49 | di mantovano

Gentile dottore cerco di esporle il mio problema. Sono arrivato sabato scorso a londra da un amico che mi ospita e che aveva la scabbia. Lui ha iniziato la cura il giorno prima che arrivassi ma abbiamo condiviso il letto per una settimana. Avendo la doccia rotta e sapendo questa cosa ho mantenuto gli stessi indumenti fino a ieri, giorno in cui finalmente abbiamo avuto a disposizione il benzoato di benzile e dunque da ieri sera ho iniziato il trattamento e cambiato i miei indumenti. Io non ho alcun sintomo naturalmente e lui sta comunque continuando a prendere la crema. Mi chiedevo quante possibilitá ho sia di averla contratta che eventualmente di stare vincendola. Usando la crema muoiono solo gli acari o anche le uova? il mio amico dice anche le uova, ma sinceramente non ci credo... purtroppo avendo pochi indumenti sono costretto a mettere gli stessi (e non potendo mai fare una vera doccia purtroppo). cosa ne pensa?

09 febbraio 2014 - 09:18 | di Angiolina

Buongiorno, nella scuola di mio figlio è stato segnalato un caso di uno studente infetto dalla scabbia.
Come dobbiamo comportarci?Iniziare un profilassi o attendere la conferma che ci possa essere stata una contaminazione?Lo studente non è in classe con mio figlio ma la palestra, gli spogliatoi e i servizi sono comuni.(ci sono 400 studenti circa)
grazie

09 febbraio 2014 - 09:28 | di Alessandro Martella

@mantovano,
avendo condiviso lo stesso letto ci sono probabilità che effettivamente l'abbia contratta. Proprio per questo motivo va benissimo il trattamento di profilassi che sta eseguendo anche se a tutt'oggi non ha sintomi.

Infine, il benzoato è efficace sia sugli acari sia sulle uova.

11 febbraio 2014 - 22:17 | di Alessandro Martella

@Angiolina,
poiché leggendo il suo commento non mi sembra che ci sia stato un contatto diretto e prolungato tra il soggetto con la scabbia e suo figlio mi sento di rassicurarla

11 febbraio 2014 - 22:58 | di Beatrice

Gentile dottore, volevo esporle la mia situazione. Ho 19 anni, vivo in casa con i miei genitori e mio fratello, abbiamo 4 cani di piccola taglia e un gatto, la casa è grande e abbiamo un ampio giardino. Siamo persone molto pulite, facciamo la doccia tutti i giorni e la casa viene giornalmente pulita dalla donna delle pulizie. Una sera di Ottobre mio padre ha notato sulle braccia dei puntini rossi pruriginosi e mia mamma ha provveduto a prendere appuntamento la mattina seguente dal dermatologo, durante la notte però ho cominciato ha sentire molto prurito alla pancia e nn ho dormito. Il giorno dopo siamo andati dal dermatologo che ci ha confermato che si trattava di scabbia e ci ha indicato come procedere per la guarigione, abbiamo lavato e isolato quasi tutti i vestiti, gli asciugamani, le lenzuola ecc... Abbiamo eseguito il trattamento con lo Scabianil sia io è mio papà che presentavano il sintomo, sia il resto della famiglia. Per i mesi seguenti nn ci furono problemi, ma l'altra sera mio padre dopo aver lavorato nel giardino, vide sul braccio gli stessi puntini rossi e pruriginosi della volta precedente, era scabbia e quindi ha fatto subito il trattamento con lo Scabianil e gli passò subito tutto, ma la sera seguente nel giro di pochi minuti avevo la pancia, il seno, la schiena, i polsi e l'inguine pieni di puntini che mi facevano molto prurito, ora sto facendo anche io il trattamento e anche mia mamma e mio fratello; abbiamo lavato e isolato tutti gli indumenti un altra volta e adesso mi sta passando tutto. Abbiamo fatto controllare i cani e il gatto per sapere se fossero loro i "portatori" di questo acaro ma loro stanno benissimo e non hanno nulla.non abbiamo fatto viaggi o visitato posti a rischio.A fronte di quanto le ho detto, riuscirebbe a capire da dove possiamo aver preso due volte nel giro di 4 mesi la scabbia?! E cosa possiamo fare per non prenderla più?! La ringrazio per la disponibilità.

14 febbraio 2014 - 11:18 | di Alessandro Martella

@Beatrice,
prima di tutto non è detto che la seconda volta si sia trattato nuovamente di scabbia e per farlo è necessaria sempre la visita dermatologica perché anche se le manifestazioni cutanee sembrano simili non significa che siano le stesse

27 febbraio 2014 - 16:31 | di Alex

Ci sono passato. Classici sintomi di prurito intorno ai polsi, poi sempre di più tra ombelico, fondo schiena, mani e poi ovunque. Ho perso il sonno per molto tempo, circa tre mesi, ero quasi impazzito, nessuno fu in grado di capire cos'era. Mi dissero di tutto, dandomi creme al cortisone e varie stupidate che non servivano a niente. Alla fine, un dermatologo mi disse che avevo la scabbia. Mi curai con benzoato di benzile in olio di vasellina. La notte, prima di dormire lo mettevo su tutto il corpo. Una settimana e tutto finì. Non devastate casa, lavate lenzuola e asciugamani a 60 gradi, l'acaro muore. Gli indumenti che non potete lavare a quelle temperature metteteli in una busta e chiudeteli in ghiacciaia per tutta la notte. L'acaro muore a 3 gradi. La mattina seguente lavate il tutto a 30 gradi e stirateli con ferro a vapore. alla fine della terapia passate il ferro da stiro anche al materasso.

25 marzo 2014 - 06:39 | di Alessandro Martella

@Alex
grazie per il tuo commento!

Lascia un commento

  • Lascia un commento. Non è consentito l'uso di codice HTML








massimo 2000 caratteri

Si prega di rispondere alla seguente domanda per confermare che il commento non sia spam:



I commenti sono soggetti a moderazione: non saranno pubblicati immediatamente ma dovranno essere approvati dallo staff di Myskin.

Elenco dei post

Cerca nel sito

la newsletter

Per essere sempre aggiornato sulle novità in campo dermatologico (nel pieno rispetto della normativa sulla privacy):


Consulto specialistico

Se hai problemi di salute o hai dubbi sul corretto percorso diagnostico iscriviti al forum e chiedi un consulto informativo gratuito ad un medico specialista, oppure cerca un dermatologo in tutta Italia.

I post del blog più letti
i test di valutazione

Sai come prevenire le più comuni patologie dermatologiche? come abbronzarsi senza rischi? sai tutto sul melanoma? Mettiti alla prova, è utile e divertente!

gli argomenti più cercati
La parola: Autoantigene

Antigene del proprio organismo «self»...