Silenzio rumoroso per la libertà d’informazione in rete

Pubblicato il :

Specialista in Dermatologia e Venereologia

Aggiornato il:

Un nuovo modello di comunicazione sociale, una nuova forza divulgatrice, che arriva direttamente in casa dell’utente, trova il suo spazio in internet. Un canale diretto che, by-passando i tradizionali sistemi, crea istantanei ponti nazionali e internazionali lungo i quali è possibile divulgare informazioni, esprimere il proprio pensiero, condividere, confrontarsi e divulgare attraverso le finestre di un blog o di un social network.

Un fermento nuovo, vivace che grazie a Facebook, per la prima volta nella storia, ha decisamente contribuito all’elezione del presidente degli Stati Uniti Barack Obama. Una rivoluzione che in Iran ha coinvolto tanti singoli e semplici cittadini che tramite Twitter hanno fatto conoscere al mondo i soprusi e le violenze del loro Paese mentre il resto dei media teneva accesi i suoi riflettori solo sui reality, trasmissioni incantatrici che spengono l’attenzione e il senso critico individuale.

Un’informazione democratica che i singoli utenti possono bocciare o approvare, confrontare con diverse fonti per soppesare l’attendibilità e l’affidabilità dei contenuti. Eppure, questa nuova rivoluzione, che mi piace battezzare della coscienza, rischia di essere spenta in Cina, dove molti contenuti in Internet sono stati censurati, in Iran dove gli ayatollah combattono contro Twitter, a Cuba dove Yoani Sanchez tra mille difficoltà testimonia con il suo blog, ormai tradotto in circa 15 lingue in tutto il mondo, il vissuto, le sofferenze e i problemi di una generazione.

E in Italia?

Il disegno di legge Alfano, già approvato alla Camera e in esame al Senato, insidia la libertà e la pluralità della nostra informazione. Una formulazione infelice, riportata al comma 28 dell’art. 1 del suddetto disegno, impone al gestore di un sito informatico, sia esso un blog o un social network, l’obbligo di rettifica con le stesse modalità a carico del direttore delle testate giornalistiche. Il mancato adempimento di rettifica entro 48 ore comporterebbe per il responsabile del sito la condanna a una multa fino a circa 12-13.000 di euro.

L’obbligo di rettifica non deve essere confuso con la responsabilità del blogger, il quale già ora è chiamato a rispondere penalmente per eventuali reati di ingiuria, diffamazione o altro. La nuova sanzione è un furbesco tentativo per porre un bavaglio alla rete.

E’ un alibi per minare il giornalismo partecipativo, quella libertà che è partecipazione come cantava Gaber.

Praticamente, l’obbligo di rettifica impone, entro 48 ore dalla richiesta, la pubblicazione di una dichiarazione su una determinata notizia, pena una sanzione come già scritto fino alla chiusura del sito.

Dermatologia Myskin aderisce alla giornata di «rumoroso silenzio» promossa dai blogger per il 14 luglio per la libertà di informazione in rete e sottolinea l’importanza di promuovere contestualmente la cultura della responsabilità di quanto si afferma o sostiene.

Intanto, nel maggio del 2009 Freedon House declassa l’Italia a Paese semi-libero al 73 posto nella classifica mondiale dei 195 Paesi, una posizione che condividiamo con l’isola di Tonga.

Non rassegnamoci! In questo momento siamo noi i protagonisti della nostra vita, della nostra storia quotidiana, viviamola!

Vi invito a divulgare la notizia.

Per approfondire guarda anche:

Malattie sessuali: a chi rivolgersi?video
Due sono le malattie che il dermatologo non deve sbagliare, diceva sempre il mio Prof: la prima il Melanoma, per ovvi motivi può mettere a repentaglio quella che è la salute e la vita delle persone. La seconda la Sifilide, per motivi storici, perché era il dermatologo che in passato faceva diagnosi di questa malattia fin dai tempi di Cristoforo Colombo. E oggi invece cosa succede quando c'è un...
Dott. Alessandro Martella
Dott. Alessandro Martellahttps://www.alessandromartella.it/
Laureato in Medicina e Chirurgia e Specializzato in Dermatologia e Venereologia presso l'Università di Modena e Reggio Emilia. Sono autore di oltre 50 lavori scientifici in Dermatologia. Ho conseguito il Master in Giornalismo e Comunicazione Istituzionale della Scienza presso l'università di Ferrara. Faccio parte del Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana Dermatologi Ambulatoriali (AIDA). Ricopro il ruolo di Direttore Responsabile della Rivista DA 2.0

Lascia un commento per chiedere maggiori dettagli o chiarimenti! Nel rispetto della tua privacy ti invitiamo ad evitare la pubblicazione di informazioni sensibili che possono ricondurre alla tua persona e/o al tuo problema.

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome