Esistono rimedi fai da te per il piede d’atleta?

Cos’è il piede d’atleta?

Si chiama Tricofitosi ed è un’infezione fungina molto comune. È causata dal fungo Tinea che è altamente contagioso. Chiunque può contrarla anche se alcune persone sono più sensibili di altri come ad esempio coloro con un’immunocompromissione del sistema immunitario e i bambini piccoli. 

Piede d’atleta: come si manifesta

La Tricoftosi si manifesta come una macchia rossa, squamosa e circolare sulla pelle,a  volte possomo esseere interessate anche le unghie. Di solito interessa il cuoio capelluto e le braccia ma può manifestarsi su qualsiasi parte del corpo: il piede d’atleta è una forma comune di tigna.

Esistono molti farmaci per il trattamento di questa infezione fungina e diversi sono i rimedi naturali che nel tempo sono stati utilizzati.

Piede d’atleta: i rimedi naturali

Di seguito 11 rimedi fai da te per la tigna o piede d’atleta:

1. Aglio

Aglio - Rimedi fai da te

La crema d’aglio può essere usata come trattamento topico, sebbene non siano stati condotti studi sul suo uso.

Anche se non ci sono studi che hanno confermato l’efficacia dell’aglio per il trattamento della Tricoftosi sembrerebbe utile nei confronti dei seguneti  gli effetti dell’aglio sulla tricofitosi, si è dimostrato efficace dei seguenti funghi e lieviti: Candida, Torulopsis, Trichophyton e Cryptococcus.

Per usare l’aglio come trattamento, è necessario preparare una crema d’aglio utilizzando gli spicchi schiacciati e un po’ di olio di oliva.

La crema d’aglio così preparata deve essere poi applicata in uno strato sottile sull’area interessata che poi deve essere coprerta con una garza.

Il tutto deve essere lasciato in posa per un massimo di 2 ore prima per poi risciacquare. Tale applicazione deve essere eseguita due volte al giorno fino alla scomparsa della manifestazione.

Qualora la crema d’aglio provocasse bruciore, gonfiore o arrossamento è ncessario sciacquare immediatamente e non riapplicarla più.

2. Acqua saponata

Per impedire alla Tigna di diffondere o infettare altre aree del corpo, mantenere la pelle il più pulita possibile. Per fare questo, sciacquare l’infezione con sapone e acqua calda una o due volte al giorno. Assicurati di asciugare completamente la pelle poiché il fungo prospera nelle zone umide.

Pulisci sempre la pelle in questo modo prima di utilizzare uno degli altri rimedi domestici elencati.

3. Aceto di mele

L’aceto di mele ha dimostrato proprietà antimicotiche contro la Candida, un lievito (impropriamente chiamato fungo) spesso causa di infezioni sia nell’uomo sia nella donna.

In questi casi si può utilizzare un tampone di cotone e immergerlo nell’aceto di mele non diluito. Tamponare la pelle interessata dall’infezione con l’aceto di mele e poi asciugare. Ripetere il trattamento fino a 3 volte al giorno.

4. Aloe vera

L’Aloe vera contiene sei agenti antisettici che, secondo la ricerca , avrebbero attività antifungina, antibatterica e antivirale.

Applicare il gel estratto dalla pianta di Aloe vera su una garza da applicare poi tre o quattro volte al giorno sulla zona interessata.

Le proprietà rinfrescanti del gel possono aiutare a lenire la sensazione di prurito che spesso è presente in questo tipo d’infezione.

5. Olio di cocco

Alcuni acidi grassi presenti nell’olio di cocco possono essere efficaci nei confronti delle cellule fungine in quanto sono in gradi di danneggiare le loro membrane cellulari.

Alcune ricerche suggeriscono che l’olio di cocco può essere un rimedio efficace per le persone con infezioni della pelle da lievi a moderate.

Nel caso della Tigna si consiglia di applicarlo liquido sulla pelle anche 3 volte al giorno.

Inoltre, le persone possono usare l’olio di cocco come una lozione idratante, che può essere un modo efficace per prevenire future infezioni da tigna.

Prove aneddotiche suggeriscono che l’estratto di semi di pompelmo può trattare le infezioni fungine. Per trattare la tigna, i sostenitori raccomandano di mescolare 1 goccia di estratto di semi di pompelmo con un cucchiaio di acqua e applicare sulla pelle due volte al giorno.

7. Curcuma

La Curcuma è una spezia popolare con proprietà anti-infiammatorie. Si ritiene che una parte della Curcuma conosciuta come Curcumina sia responsabile dei benefici per la salute. compresa la capacità antimicrobica.

Si consiglia di prevedere e consumare Curcuma con l’alimentazione per potre giovare dei benefici.

Da un punto di vista topico invece si consiglia di mescolarla con una piccola quantità di acqua o olio di cocco fino a formare una pasta da applicare e lasciare asciugare sulla pelle interessata dall’infezione.

Quando si usa la Curcuma per applicazioni topiche è necesario tener presente che può colorare di gliallo la pelle, una colorazione che poi tende a svanire nell’arco di pochi giorni.

8. Liquirizia in polvere

La polvere di liquirizia può essere usata per fare una crema con proprietà antivirali e antimicrobiche.

Un’erba usata frequentemente nella medicina tradizionale cinese, la liquirizia dimostra proprietà antivirali, antimicrobiche e antinfiammatorie.

È anche usata come rimedio casalingo per tigna e altre infezioni fungine. In questi casi si consiglia di mescolare 3 cucchiai di radice di liquirizia in polvere in una tazza di acqua.

Portare questa miscela a ebollizione, quindi ridurre il calore e cuocere a fuoco lento per 10 minuti. Una volta che il liquido si è raffreddato, dovrebbe formare una crema.

Applica la crema due volte al giorno, lasciandolo riposare per almeno 10 minuti ogni volta prima di pulire o sciacquare.

9.Tea tree oil

I nativi australiani hanno usato Tea tree oil come rimedio per molte condizioni della pelle batterica e fungina per quasi un secolo. Oggi,Tea tree oil è un trattamento popolare per curare la tigna.

Mescolare 12 gocce di olio essenziale di Tea tree oil con olio, quale l’olio di cocco fino a formare un’emulsione al 2% che andrà applicata sulla pelle tre volte al giorno.

Coloro che non hanno la pelle sensibile possono essere in grado di applicare l’olio dell’albero del tè direttamente sulla pelle interessata senza diluirlo prima.

10. Olio di origano

L’olio di origano prodotto con origano selvatico (Origanum vulgare) contiene due forti antimicotici chiamati Timolo e Carvacrolo.

Alcune ricerche hanno dimostrato che l’olio di origano può fermare la crescita del fungo Candida albicans.

In qiuesti casi si consiglia di diluire sempre olio di origano con un olio, come ad esempio l’olio di cocco prima di poterli applicare sulla pelle fino a 3 volte al giorno.

Da tener presente che la maggior parte dell’olio di origano sul mercato contiene origano comune (origano maggiorana) piuttosto che origano selvatico.

11. Olio di citronella

L’olio essenziale di citronella ha dimostrato di ridurre l’attività di diversi tipi di funghi. Per utilizzare l’olio di citronella per tigna, mescolare con un olio e applicarlo alla pelle due volte al giorno con un batuffolo di cotone.

Se le manifestazioni trattate con i rimedi casalinghi non si risolvono entro 2 settimane è necessario consultare il dermatologo.

Il dermatologo prima di tutto, dopo aver valutato la manifestazioni cutanea, pone la diagnosi della manifestazione e di conseguenza consiglia il trattamento famacologico che può essere solo topico o sistemico e che potrebbe prevedere la somministrazione di farmaci quali il Clotrimazolo o la Terbinafina.

Di solito il trattamento topico deve essere eseguito due volte al giorno per due settimane circa, trattamento che in alcuni casi può essere associato anche all’assunzione di farmaci per bocca.

Ad ogni modo per evitare il propagarsi dell’infezione sia sulla propria pelle sia il contagio di altri si consiglia sempre di consultare il dermatologo fin dall’inizio per un trattamento tempestivo ed efficace.

Prevenzione

Mantenere la pelle e le unghie pulite e lavarsi le mani con acqua saponata, può aiutare a prevenire tigna.

Prevenire la tigna è più facile rispetto al trattamento di un’infezione accertata.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) raccomandano quanto segue:

  • mantenendo la pelle pulita e asciutta
  • mai camminare a piedi nudi nelle docce comunali o cambiare le aree
  • indossare scarpe aperte o allentate quando possibile per consentire all’aria di circolare intorno ai piedi
  • cambiare calze e biancheria intima ogni giorno
  • tenere le unghie tagliate e pulite
  • evitare di condividere vestiti, asciugamani o biancheria del letto con una persona che ha una infezione fungina
  • lavarsi le mani con acqua e sapone regolarmente – specialmente dopo il contatto con animali, che possono essere portatori di tricofitosi
  • fare una doccia subito dopo i giochi o le sessioni di allenamento
  • lavare regolarmente gli attrezzi sportivi

Tempi di guarigione

La maggior parte dei casi che si risolvono entro 2 settimane sebbene non tutti i rimedi casalinghi funzionano per tutti i casi di tigna.

Si raccomanda sempre di consultare il proprio dermatologo prima di ogni trattamento per una conferma della diagnosi.


Riferimenti scientifici

Bayan, L., Koulivand, P. H., & Gorji, A. (2014, January–February). Garlic: A review of potential therapeutic effects. Avicenna Journal of Phytomedicine4(1), 1–14.  

Carson, C. F., Hammer, K. A., & Riley, T. V. (2006, January). Melaleuca alternifolia (tea tree) oil: A review of antimicrobial and other medicinal propertiesClinical Microbiology Reviews19(1), 50–62.  

Elmore, L. K, Nance, G., Singleton, S., & Lorenz, L. (2014, May). Treatment of dermal infections with topical coconut oil. Natural Medicine Journal6(5).

Manohar, V., Ingram, C., Gray, J., Talpur, N. A., Echard, B. W., Bagchi, D. & Preuss, H. G. (2001, December). Antifungal activities of origanum oil against Candida albicans [Abstract]. Molecular and Cellular Biochemistry228(1–2), 111–117. 

- Pubblicità -

per il tuo problema

Scrivimi! Sarò lieto di risponderti (il tuo indirizzo email non sarà pubblicato)

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Per approfondire guarda anche:

Perchè asportare i neivideo
I nei possono essere asportati per tre motivi.Motivo numero uno: è l'asportazione di tipo diagnostico o di prevenzione, ovvero quando il dermatologo nota, visitando il paziente, la presenza di aspetti dubbi o francamente maligni, in questi casi ne indica l'asportazione.Motivo numero due: è il motivo estetico. Il paziente riferisce al dermatologo: "questo neo non mi piace" ,  "questo neo mi rende poco attraente". Ecco il neo...