Panniculite : sintomi e cura

Pubblicato il :

Aggiornato il:

La panniculite o pannicolite provoca la comparsa di rigonfiamenti estesi e morbidi sotto la pelle. Di solito si manifesta sulla parte inferiore delle gambe, ma può interessare anche altre parti del corpo.
In questo articolo, esploriamo le cause e i tipi di pannicolite, nonché come viene trattata.

Cos’è la panniculite?

La panniculite è una malattia della pelle relativamente rara. Si manifesta con grosse protuberanze sotto la pelle, di solito sulla parte inferiore delle gambe.
I rigonfiamenti, chiamati anche noduli, sono morbidi al tatto e possono apparire rossi o viola.
I noduli sono causati da un’infiammazione nello strato di grasso sotto la pelle. Questo strato è chiamato pannicolo adiposo.

panniculite
Foto: panniculite alla gamba

Esistono molti tipi di panniculite, compresi quelli causati da infezioni, temperature rigide ed effetti collaterali dei farmaci.
Il tipo più comune è l’eritema nodoso che causa la comparsa di noduli sugli stinchi. Questo tipo è più frequente nelle donne e nei giovani.

Sintomi della panniculite

I sintomi principali della panniculite includono:

  • Grandi rigonfiamenti che sono morbidi al tatto. I noduli, che possono apparire rossi o viola, si trovano in profondità sotto la pelle e possono essere larghi diversi centimetri.
  • Rigonfiamenti su gambe, piedi o braccia. Meno comunemente, si possono sviluppare noduli sui glutei, sull’addome e sul viso.
  • Rigonfiamenti che producono un fluido oleoso.
  • Ecchimosi in alcuni tipi di pannicolite.
  • Macchie di pelle lesionata denominate placche.
  • Segni di infiammazione generale, inclusi febbre, dolori, stanchezza e una sensazione generale di malessere.

Diversi tipi di panniculite possono sembrare simili, ma hanno differenze fondamentali.

La diagnosi esatta dipende da quale parte del corpo è interessata e dalla causa della panniculite.

pannicolite
foto: pannicolite

Durante la diagnosi può essere eseguita una biopsia, che consiste nel prelevare un campione di cellule della pelle dal paziente e inviarlo ad un laboratorio per la valutazione.

Le cause

Le cause più comuni di panniculite sono le infezioni, ma anche le malattie non infettive o le lesioni possono portare a questo disturbo.
Tra le possibili cause abbiamo:

  • infezioni, come mal di gola, tubercolosi e polmonite
  • disturbi autoimmuni, tra cui il morbo di Crohn, la colite ulcerosa, il lupus eritematoso e la sclerosi sistemica
  • cause fisiche, come lesioni o temperature rigide
  • deficit di alfa-1 antitripsina, che è una malattia ereditaria che può causare varie malattie polmonari e del fegato
  • la sarcoidosi è una condizione rara che provoca l’infiammazione degli organi e del tessuto cutaneo
  • alcuni farmaci, compresi i contraccettivi orali e la penicillina
  • la gravidanza
  • disturbi del pancreas

Se la causa è sconosciuta, la condizione verrà definita panniculite idiopatica.

Tipi di panniculite

Anche se esistono molti tipi di panniculite, i sintomi sono simili.Tutti i tipi sono poco comuni o rari.
I tipi di panniculite sono:

  • Eritema nodoso. Questo è il tipo più comune e si riferisce a rigonfiamenti ed ecchimosi sugli stinchi. Sono presenti anche segni di infiammazione generale, come febbre e stanchezza.
  • Eritema indurato. I noduli si trovano sul dorso dei polpacci. Questo tipo di pannicolite è spesso correlato alla tubercolosi.
  • Vasculite nodulare. Noduli e vasi sanguigni infiammati si verificano sui polpacci e sugli stinchi.
  • Necrobiosi lipoidica. Rigonfiamenti e ulcere si sviluppano nella parte inferiore delle gambe. Questo tipo colpisce generalmente le donne con diabete.
  • Lipodermatosclerosi. Un tipo di panniculite che è causata da una scarsa funzionalità delle vene nelle gambe ed è legata all’obesità. Questo tipo è più comune nelle donne e negli anziani.
  • Malattia di Weber-Christian. Una forma relativamente grave di pannicolite che causa infiammazione generale e problemi agli organi. Non c’è attualmente alcuna causa nota.
  • Panniculite pancreatica. Causata da malattie del pancreas, è rara, colpisce solo dallo 0,3 al 3 per cento delle persone con disturbi del pancreas.
  • Panniculite da Lupus eritematoso. Causata dal lupus, colpisce generalmente la fronte, le guance e le natiche, ma raramente colpisce le gambe.
  • Panniculite traumatica. Causata da traumi o lesioni alla pelle.
  • Panniculite da esposizione al freddo. Può verificarsi quando la pelle è esposta a temperature fredde. Questo tipo è più comune nei bambini.
  • Panniculite gottosa. Nella gotta, i cristalli di acido urico possono accumularsi causando pannicolite. Si sviluppa spesso nella parte inferiore delle gambe e dei piedi.

Dal punto di vista medico, i tipi di panniculite possono essere suddivisi in due grandi gruppi in base al tipo di tessuto interessato. Le infiammazioni nei lobuli adiposi sono chiamate lobulari e le infiammazioni nel tessuto connettivo intorno all’adipe sono chiamate settali.
La maggior parte dei tipi sono sia lobulari e settali.

Cura della panniculite

La Panniculite spesso scompare senza nessuna cura, ma alcuni trattamenti possono accelerarne la guarigione.

Il miglior trattamento è affrontare la causa sottostante.

Se non c’è una causa nota, i medici possono trattare la pannicolite riducendo l’infiammazione e, in alcuni casi, rimuovendo chirurgicamente i noduli o le zone della pelle interessate.
I trattamenti usuali comprendono:

  • il trattamento delle cause sottostanti, come l’assunzione di antibiotici per le infezioni
    farmaci anti-infiammatori, come aspirina, naprossene o ibuprofene
  • calze a compressione, che hanno dimostrato di aiutare ad alleviare i sintomi alle gambe
  • riposo a letto per aiutare il corpo a recuperare
  • corticosteroidi
  • intervento chirurgico per rimuovere i noduli, anche se generalmente non è necessario.

Riassumendo

La forma più comune di panniculite, l’eritema nodoso, generalmente guarisce senza trattamento entro 2 o 6 settimane. Il tempo di recupero dipende dalla causa scatenante.
Individuando le cause alla base della panniculite si possono trattare eventuali sintomi correlati. Dopo la prima comparsa della malattia, tuttavia, è possibile che questa condizione si ripresenti.
I noduli spesso scompaiono senza lasciare segni permanenti, ma alcuni tipi possono lasciare macchie o uno scolorimento sulla pelle.
E’ opportuno consultare un dermatologo, se i noduli non scompaiono dopo 6 settimane, se ci sono molti noduli o se i sintomi stanno avendo ripercussioni negative sulla vita quotidiana.

18 Commenti

  1. Da circa 5mesi sono apparsi noduli su ambe due le gambe ..la dermatologa ha fatto 3 prelievi cn biopsia …ma tutti gli esami sono negativi …quindi pannicolite ma nn sappiamo da dove sia partita l infezione ….ora sono più preoccupata di prima …Nn ho una terapia da fare e i noduli continuano a crescere …cosa devo fare mi dica lei …grazie

    • Ciao Silvana,
      possibile che il referto delel biopsie eseguite non riportasse nessuna informazione? Molto strano.
      Se così fosse sarebbe interessante valutare anche se il prelievo è stato adeguato, ovvero profondo fino al tessuto adiposo perchè poi fosse analizzato.

  2. Buongiorno vorrei un chiarimento. Mia madre da più di un anno ha un colorito tendente al giallognolo pallido, ha fatto le analisi del sangue e l’albumina alfa1 ha valore 0,2⬇proprio a limite. Ho letto qualcosina cercando in internet i problemi che può dare, tra cui gonfiore e respiro corto e devo dire che questi problemi li ha già da tanto tempo ma non è mai riuscita a risolvere ma il colorito non era così giallino. Secondo lei il problema del respiro corto e affannoso con il gonfiore alla pancia potrebbe essere causa di questo valore dell’alfa1 basso? C’è da preoccuparsi? La ringrazio per la risposta.

  3. Buonasera, a mia figlia e’ da un anno che si e’ manifestata una panniculite lupica che gli ha devastato un polpaccio e ha diversi buchi nella schiena, perche la panniculite gli ha mangiato il grasso. La terapia e’ Plachenique e cortisone, ma i noduli escono ugualmente. I dottori vogliono rifare la biopsia, per capire meglio la provenienza della pannicolite. Secondo lei potrebbe essere un problema all’intestino che provoca la pannicolite, visto che mia figlia e’ intollerante al lattosio? o cos’altro? Siamo preoccupati. Grazie.

    • Ciao Antonio,
      dubitoche un problema intestinale, tra l’altro non meglio specificato possa essere la causa della panniculite lupica. Concordo con i colleghi che desiderano rifare le indagini diagnostiche se per qualche motivo desiderassero approfondire il quadro clinico.

  4. Buonasera,
    Da mesi presento delle macchie rosse che poi evolvono in lesioni purulente. Una volta che spurgano, spariscono lasciando una grossa cicatrice. Si trovano tutte sulle natiche, fianchi e pancia. Al citologico risulto avere soltanto macrofagi, neutrofili, cellule adipose e moltissimi batteri. All’inizio era soltanto una sulla natica, ma ora sono diventate una ventina e continuano ad apparirne di nuove! Partono non pruriginose ma dolorose (come un pelo incarnito) e poi evolvono da macchiolina rossa ad ascesso. Cosa può essere?

  5. Buona sera sono circa 5 anni che mi uscivano macchie sulle gamba. Ma ad aprile di dell’anno scorso si sono accentuate o fatto tante visite 2 biopsie,e tutte e due sono uscite diverse lultima era uscito che avevo la morfea a chiazze. Ora sono andata da un’altro medico e mi a detto che nemmeno la morfea era. O le gambe piena di macchie ma nessuno mi sa dire coso.

  6. Salve ho una forma di panniculite che non riesco a riscontrare nelle altre persone, produco noduli nel pannicolo in profondità nei glutei, sono sia duri che liquidi e anche vascolarizzati. Hanno una crescita rapida e devo fare interventi chirurgici per risolvere il problema perché comporta dolore e febbre. A livello dermico nn si presenta nessuna manifestazione sono profondi.la mia terapia è Plaquenill e cortisone, sono in cura con reumatologi. Ancora non riesco a capire il motivo perché escono questi noduli, perché continuano a crescere e perché la terapia non ha effetto. Ho dovuto fare 5 interventi per questo motivo. Oltre al reumatologo il dermatologo potrebbe saperne di più? Anche se non coinvolgere la pelle e lo strato del derma/ cute? Lei può darmi alcune indicazioni in più?

  7. Buongiorno, sono alla 12esima settimana di gravidanza e da circa 3 settimane si sono formati degli eritemi nodosi sulle tibie, inizialmente piccoli poi con il tempo dolorosi, gonfi e caldi al tatto. dopo la visita dal dermatologo mi hanno fatto prendere antibiotico e bentelan. il dolore era sparito ma i rigonfiamenti no. Adesso ho finito l’antibiotico da circa 36 ore e sta tornando il dolore e il gonfiore. cosa posso fare? di certo non posso prendere l’antibiotico per tutta la gravidanza…. c’è qualcosa di consigliato anche come esercizi fisici o altro? aggiungo che lavoro e sto seduta dalle 8 alle 10 ore al giorno…. sono molto preoccupata. grazie 1000
    ilaria

    • Ciao Ilaria,
      considerato che sei in gravidanza e che il problema della panniculite si è ripresentato è molto importante che tu ti faccia nuovamente vedere dal dermatologo fermo restando che non puoi fare l’antibiotico per tutta la gestazione ma concorderai con me che è prioritario capire come mai c’è stata una recidiva del problema. Proprio per questo il tuo dermatologo dovrebbe valutare l’opportunità di esegurie delel indagini in tal senso

  8. Salve dottore da qualche giorno mi è comparso un gran bel buco sulla natica destra.. preciso che non ho effettuato iniezioni anzi l ultima risale a 2 anni fa..cosa mi consiglia ? Cosa può essere e a chi dovrei rivolgermi per capire meglio la causa?
    Grazie

Scrivimi! Sarò lieto di risponderti (il tuo indirizzo email non sarà pubblicato)

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Per approfondire guarda anche:

I nei non si toccanovideo
“I nei non si toccano dottore!” E’ vero, è quello che a volte mi sento dire dai miei pazienti quando consiglio loro l'asportazione di un neo, una neoformazione sospetta, una credenza che sussiste ancora oggi che ha delle origini lontane, dobbiamo andare indietro fino agli anni 80 per capire il perché di questa credenza.In quegli anni il dermatologo riusciva...