I ricercatori in Francia hanno scoperto che, sebbene un tatuaggio possa essere per sempre, le cellule della pelle che portano il pigmento del tatuaggio non lo sono. I ricercatori dicono che le cellule possono passare il pigmento a nuove cellule quando muoiono. Lo studio, che è stato pubblicato il 6 marzo 2018 sul Journal of Experimental Medicine, suggerisce alcuni modi per migliorare la capacità della chirurgia laser di rimozione dei tatuaggi indesiderati.

Per molti anni si pensava che i tatuaggi non facessero altro che macchiare le cellule di fibroblasti nello strato dermico della pelle. Più recentemente, tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che i macrofagi – le cellule immunitarie specializzate che risiedono nella pelle – sono attratti dalla ferita inflitta dall’ago del tatuaggio e ne inghiottono il pigmento proprio come se inghiottissero un patogeno invasore o un pezzo di una cellula morente. In entrambi i casi, si presume che la cellula portatrice di pigmenti viva per sempre, consentendo al tatuaggio di essere più o meno permanente.

Pigmenti del tatuaggio
Il pigmento verde del tatuaggio viene assorbito dai macrofagi dermici (a sinistra). Il pigmento viene rilasciato quando queste cellule vengono uccise (al centro) ma, 90 giorni dopo, viene ripreso in nuovi macrofagi che hanno sostituito quelli vecchi (a destra). Credit: Baranska et al., 2018

Un team di ricercatori del Centre d’Immunologie de Marseille-Luminy ha sviluppato un topo geneticamente modificato che gli ha permesso di effettuare dei test per uccidere i macrofagi che risiedono nel derma e in certi altri tessuti. Nelle settimane successive, queste cellule vengono sostituite da nuovi macrofagi derivati da cellule precursori conosciute come monociti.

I ricercatori hanno scoperto che i macrofagi dermici erano l’unico tipo di cellula a inglobare il pigmento quando tatuavano le code dei topi. L’aspetto dei tatuaggi non cambiò quando i macrofagi furono uccisi. Il team ha evidenziato che i macrofagi morti rilasciano il pigmento nei loro dintorni, dove, nelle settimane successive, viene ripreso dai nuovi macrofagi derivati dai monociti prima che possa disperdersi.

Questo ciclo di cattura, rilascio e recupero dei pigmenti si verifica continuamente nella pelle tatuata, anche quando i macrofagi non vengono uccisi in un singolo colpo. I ricercatori hanno trasferito un pezzo di pelle tatuata da un topo all’altro e hanno scoperto che, dopo sei settimane, la maggior parte dei macrofagi portatori di pigmenti erano derivati dal ricevente, piuttosto che dal donatore, animale.

Quando i macrofagi carichi di pigmenti tatuati muoiono durante il corso della vita adulta, i macrofagi vicini recuperano i pigmenti rilasciati e assicurano in modo dinamico l’aspetto stabile e la persistenza a lungo termine dei tatuaggi.

I tatuaggi possono essere rimossi da impulsi laser che causano la morte delle cellule della pelle che così rilasciano il loro pigmento, che può quindi essere trasportato lontano dalla pelle nel sistema linfatico del corpo.

La rimozione del tatuaggio può essere probabilmente migliorata combinando la chirurgia laser con l’ablazione transitoria dei macrofagi presenti nell’area del tatuaggio

Come risultato, le particelle di pigmento frammentate generate usando impulsi laser non saranno immediatamente ricatturate, e questa condizione aumenta la probabilità che vengano drenate attraverso i vasi linfatici.

 

Consulto online

Risposta entro 5 ore

LASCIA UN COMMENTO!
Nel rispetto della tua privacy ti invitiamo ad evitare la pubblicazione di informazioni sensibili che possono ricondurre alla tua persona e/o al tuo problema.
Per chiedere un parere personale e riservato ti segnaliamo il CONSULTO ONLINE CON IL DERMATOLOGO.

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome