Chemioterapia e pelle: gli effetti collaterali

Aggiornato il :

Pubblicato il :

Specialista in Dermatologia e Venereologia

Specialista in Dermatologia e Venereologia

L’attenzione del dermatologo al paziente in terapia per un cancro, è diventata  negli ultimi anni, sempre più una necessità, per la continua introduzione di nuovi farmaci oncologici che, da un lato hanno migliorato la prognosi in termini di sopravvivenza,  e dall’altra hanno fatto emergere nuovi effetti collaterali a carico della cute.

Il cancro  comporta un forte carico emotivo e cambia la percezione del proprio fisico. 

Una nuova branca della Dermatologia, chiamata “Oncosupportive Dermatology” si prende cura  della salute dermatologica del malato oncologico, nella sua globalità, sia sul piano più strettamente medico,  con lo studio e la cura delle ripercussioni  cutanee di radioterapia, chemioterapia, target therapy, immunoterapia, chirurgia, sia con l’attenzione all’aspetto cosmetologico, affinché il paziente si riappropri e ritrovi interesse per il proprio corpo, la cui integrità è stata intaccata dal tumore. 

La pelle, le mucose, le unghie e i capelli,  per la  loro notevole  e rapida capacità di rinnovamento cellulare,  sono un bersaglio preferenziale dei chemioterapici classici. 

Le reazioni avverse muco-cutanee da farmaci citotossici hanno un importante impatto sulla sfera pratica, psicologica e relazionale.

La Sindrome Mano-Piede

- Pubblicità -

Ad esempio, la Sindrome mano-piede,  che insorge in corso di terapia con molti antiblastici di uso comune,  è caratterizzata da gonfiore,  rossore ed intensa desquamazione palmo-plantari,  che comportano turbe della sensibilità, sensazione di aghi nella cute, dolore e bruciore. Pertanto, il paziente, già debilitato dalla malattia di base, e da altri effetti collaterali della chemioterapia, a causa degli eventi tossici sulla pelle,  non può svolgere le normali attività della vita quotidiana, come camminare, vestirsi, preparare da mangiare, prendere oggetti.

La perdita dei capelli da chemioterapia

Il maggiore esempio di discomfort psicologico e relazionale è invece legato alla perdita dei capelli.

In uno studio pubblicato su Cancer Practice nel 2001, il 58% delle donne sottoposte a chemioterapia ha ritenuto l’alopecia l’evento più traumatizzante dell’esperienza oncologica e l’8% avrebbe voluto rinunciare a curarsi per non subire la caduta dei capelli.Le pazienti associavano questo evento a perdita dell’autostima, alterazione della percezione della propria immagine corporea,  e peggioramento della qualità di vita.

La pigmentazione della pelle da chemioterapia

Vorrei inaugurare questa mia pagina di Myskin con un problema che ho visto che allarma i pazienti  in chemioterapia, cioè la pigmentazione della pelle,  che appare più bruna o grigia. E’un evento che insorge progressivamente, in seguito a diversi cicli di terapia e che pone il malato davanti alla sua malattia in maniera immediata e visibile.

La pigmentazione può essere diffusa ed omogenea, come nel caso dei pazienti trattati con busulfano,  o  localizzata nelle sedi di frizione, pressione e sfregamento. Una forma molto particolare di pigmentazione si chiama ‘dermatite flagellata’ ed è associata alla somministrazione di bleomicina;  si presenta con  striature scure  soprattutto sul dorso. 

Una  causa poco conosciuta porta all’aumento della produzione e del deposito di melanina,  che può interessare qualsiasi distretto di cute e mucose.

ipercpigmentazione_cht-ascella
iperpigmentazione ascella

ipercpigmentazione_cht-dorsomani
iperpigmentazione dorso mani

iperpigmentazione unghie
iperpigmentazione unghie

iperpigmentazione plantare
iperpigmentazione plantare

Il fenomeno si realizza maggiormente nei soggetti di carnagione  scura,  e l’esposizione al sole  gioca un ruolo importante. 

La pigmentazione può riguardare anche i capelli e  le unghie,  che possono mostrare bande più scure trasversali o longitudinali.

I chemioterapie che inducono la pigmentazione della pelle, della mucosa e degli annessi (lunghi e capelli)?

I farmaci, molto utilizzati in oncologia medica e maggiormente responsabili sono:

  • ciclofosfamide
  • 5fluorouracile
  • capecitabina
  • busulfano
  • taxani
  • doxorubicina
  • idrossiurea
  • daunorubicina
  • cisplatino
  • tiotepa
  • pemetrexed

Chemioterapia e la comparsa dei nei (nevi)

Infine,  è possibile la comparsa di nevi eruttivi nei pazienti in trattamento con i seguenti chemioterapia:

  • capecitabina
  • 5fluorouracile
  • metotrexate
  • doxorubicina

che non mostrano particolari caratteristiche anomale rispetto agli altri nevi del corpo, né  capacità di acquisire malignità,  evolvendo in melanoma.

Conclusioni

Queste forme di pigmentazione della pelle non devono destare alcuna preoccupazione, benché siano motivo di forte disagio estetico; guariscono spontaneamente a distanza di mesi dalla sospensione della terapia.

L’utilizzo di creme cheratolitiche all’urea al 5-10%,  che facilita la normale e fisiologica desquamazione quotidiana della pelle,  può agevolare la scomparsa.

Il camouflage con correttore beige e fondotinta adatto al proprio fototipo è incoraggiato.

Una buona raccomandazione è l’attenzione all’esposizione solare, sia moderando le attività ricreative o professionali all’aperto nelle ore più calde della giornata, sia applicando dei protettori solari con fattore di protezione 50+

- Pubblicità -

per il tuo problema

Scrivimi! Sarò lieto di risponderti (il tuo indirizzo email non sarà pubblicato)

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Per approfondire guarda anche:

Rosacea: le creme solari migliorivideo
Ciao a tutti, oggi parliamo di ask myskin e rosacea, in...