Il caffè può ridurre il rischio di rosacea

Pubblicato il :

Aggiornato il:

Esiste un’associazione tra rischio di rosacea e assunzione di caffeina, compreso il consumo di caffè?

Questa domanda affligge da sempre chi soffre di rosacea, ma ad oggi possiamo finalmente affermare che anche chi è affetto da rosacea potrà gustare senza sensi di colpa la tanto amata tazzina di caffè.

In questa coorte di 82.737 partecipanti a  Nurses’ Health Study II  con le analisi svolte tra giugno 2017 e giugno 2018, sono stati identificati 4945 casi di rosacea individuando una significativa associazione inversa tra rischio di rosacea e l’aumento dell’assunzione di caffeina, in particolare quella da caffè. Questa associazione non è stata trovata per l’assunzione di caffeina da altre fonti di cibo (tè, soda e cioccolato).

L’assunzione più elevata di caffeina è stata associata a un minor rischio di rosacea dopo aggiustamento per diversi fattori confondenti.

Complessivamente, i partecipanti che hanno bevuto 4 tazze di caffè al giorno avevano meno probabilità di sviluppare una rosacea rispetto ai partecipanti che non bevevano caffè. 

È stata trovata un’associazione dose-risposta sia per aumentare l’assunzione di caffeina che di caffè. Gli autori hanno ipotizzato che gli effetti vasocostrittivi e immunosoppressivi della caffeina potrebbero ridurre il rischio di rosacea.

È noto che la caffeina diminuisce la vasodilatazione e ha effetti immunosoppressivi, che possono potenzialmente ridurre il rischio di rosacea.

Tuttavia, il calore del caffè può essere un fattore scatenante per la riacutizzazione della rosacea. La relazione tra il rischio di rosacea e l’assunzione di caffeina, compreso il consumo di caffè, è poco conosciuta.

L’ aumentato consumo di caffeina da caffè è stato inversamente associato al rischio di rosacea incidente. Lo studio non supporta la limitazione dell’assunzione di caffeina come mezzo per prevenire la rosacea. Sono necessari ulteriori studi per spiegare i meccanismi di azione di queste associazioni, per replicare le nostre scoperte in altre popolazioni e per esplorare la relazione della caffeina con diversi sottotipi di rosacea.


Approfondimento da non perdere

Rosacea: cause, sintomi e terapia


Riferimenti Scientifici

  1. Department of Epidemiology and Health Statistics, School of Public Health, Qingdao University, Qingdao, Shandong, China
  2. Harvard University, Cambridge, Massachusetts
  3. Department of Dermatology, Warren Alpert Medical School, Brown University, Providence, Rhode Island
  4. Division of Dermatology, Department of Medicine and Women’s College Research Institute, Women’s College Hospital, Toronto, Canada
  5. Department of Epidemiology, School of Public Health, Brown University, Providence, Rhode Island
  6. Division of Network Medicine, Department of Medicine, Brigham and Women’s Hospital, Harvard Medical School, Boston, Massachusetts
  7. School of Public Health, Institute for Chemical Carcinogenesis, Guangzhou Medical University, Guangzhou, Guangdong, China
Sourcejama
Redazione di Myskin
Redazione di Myskin
Notizie e aggiornamenti: studi scientifici, tecnologie e dispositivi medici per la rivoluzione digitale in Dermatologia

Scrivimi! Sarò lieto di risponderti (il tuo indirizzo email non sarà pubblicato)

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Per approfondire guarda anche:

Dermatite seborroica: come si manifestavideo
Nell'infanzia la dermatite seborroica può essere localizzata o diffusa e preciso fin da ora che un bambino piccolo con dermatite seborroica non necessariamente la svilupperà anche da grande.Da un punto di vista didattico nel bambino possiamo distinguere quattro condizioni diverse tra loro.La prima condizione si chiama crosta lattea; compare nei primi periodi subito dopo la nascita per poi regredire dopo 3, 5 mesi e si caratterizza per la presenza...