La piattaforma professionale di Salute Digitale dedicata alla Dermatologia

Il ruolo della dieta in dermatologia

Molte condizioni della pelle sono influenzate dalla dieta e recenti studi lo dimostrano.

Ai dermatologi viene spesso chiesto dai pazienti di fornire raccomandazioni dietetiche. In precedenza si pensava che molte condizioni della pelle non fossero influenzate dalla dieta; tuttavia, vengono riconosciute associazioni crescenti tra pratiche nutrizionali specifiche e condizioni dermatologiche.

Il ruolo della dieta nell’acne è stato ben studiato, ma mancano studi rigorosi sugli interventi dietetici per altre comuni condizioni della pelle. Comprendere le attuali strategie nutrizionali impiegate dai pazienti e la letteratura esistente alla base di queste pratiche è fondamentale per i dermatologi per fornire raccomandazioni ai pazienti in merito alla dieta e alle malattie della pelle.

PUNTI PRATICI

  • I pazienti sono sempre più interessati alle modifiche dietetiche che possono influenzare l’aspetto della pelle e aiutare nel trattamento delle malattie cutanee.
  • Sebbene le raccomandazioni dietetiche basate sull’evidenza siano attualmente limitate, è importante che i dermatologi siano consapevoli degli interventi dietetici vari e sfumati impiegati dai pazienti.
  • Rimane una mancanza di studi randomizzati controllati che valutino l’efficacia di vari interventi dietetici in ambito dermatologico.

Nell’ultimo decennio sono stati pubblicati quasi 3000 articoli sul ruolo della dieta nella prevenzione e nella gestione delle condizioni dermatologiche. I pazienti sono sempre più interessati e adottano modifiche dietetiche che possono influenzare l’aspetto della pelle e aiutare nel trattamento delle malattie cutanee. È essenziale che i dermatologi conoscano le prove esistenti sul ruolo della dieta in dermatologia per consigliare i pazienti in modo appropriato. Qui discutiamo le composizioni di diverse diete popolari e la loro utilità proposta per scopi dermatologici. Evidenziamo la letteratura limitata esistente su questo argomento e sottolineiamo la necessità di futuri studi clinici ben progettati che studino l’impatto della dieta sulle malattie della pelle.

Dieta Chetogenica

La dieta chetogenica ha un profilo di macronutrienti composto da ricchi di grassi, proteine ​​da basse a moderate e carboidrati molto bassi. La chetosi nutrizionale si verifica quando il corpo inizia a utilizzare gli acidi grassi liberi (tramite la beta ossidazione) come metabolita primario che guida il metabolismo cellulare. È stato suggerito che la dieta chetogenica possa conferire effetti benefici alle malattie della pelle; tuttavia, esiste una letteratura limitata sul ruolo della chetosi nutrizionale nel trattamento delle condizioni dermatologiche.

La dieta chetogenica riduce la secrezione di insulina e del fattore di crescita insulino-simile, con conseguente riduzione degli androgeni circolanti e aumento dell’attività del recettore del retinoide X. Nell’acne vulgaris, è stato suggerito che la dieta chetogenica può essere utile nel ridurre la produzione di sebo indotta dagli androgeni e l’iperproliferazione dei cheratinociti. La dieta chetogenica è una delle strategie dietetiche più rapidamente efficaci per normalizzare sia l’insulina che gli androgeni, quindi può essere teoricamente utile per altre malattie della pelle metaboliche e ormono-dipendenti, come l’idrosadenite suppurativa.

Le manifestazioni cutanee associate all’iperinsulinemia cronica e all’iperglicemia sono numerose e comprendono acanthosis nigricans, acrochordons, dermopatia diabetica, scleredema diabeticorum, bullosis diabeticorum, cheratosi pilaris e granuloma anulare generalizzato. C’è anche un aumento del rischio di infezioni cutanee batteriche e fungine associate a stati iperglicemici. La dieta chetogenica è uno strumento non farmacologico efficace per normalizzare i livelli sierici di insulina e glucosio nella maggior parte dei pazienti e può avere utilità nelle condizioni sopra menzionate. Oltre a migliorare la sensibilità all’insulina, è stata utilizzata come strategia dietetica per la perdita di peso. Poiché l’obesità e la sindrome metabolica sono altamente correlate con le comuni condizioni della pelle come la psoriasi, l’idrosadenite suppurativa e l’alopecia androgenetica, potrebbe esserci un ruolo nell’impiego della dieta chetogenica in queste popolazioni di pazienti.

Sebbene manchino studi clinici robusti sulle diete chetogeniche nelle malattie della pelle, un recente studio clinico, ha osservato benefici in tutti i 37 pazienti in sovrappeso e naïve ai farmaci con psoriasi cronica a placche che sono stati sottoposti a un protocollo di perdita di peso chetogenico. Sono state riportate riduzioni significative nell’area della psoriasi e nel punteggio dell’indice di gravità (PASI) e nel punteggio dell’indice di qualità della vita in dermatologia ( P <.001). Un altro studio su 30 pazienti con psoriasi ha scoperto che una di 4 settimane, a basso contenuto calorico, dieta chetogenica ha provocato un  miglioramento del 50% dei punteggi PASI, la perdita di peso del 10%, e una riduzione delle citochine proinfiammatorie IL-1 β e IL-2. Nonostante questi risultati, è una sfida scoprire se l’intervento dietetico specifico o la sua perdita di peso associata sia stata la causa principale di questi miglioramenti riportati nelle malattie della pelle.

Esistono prove contrastanti sulla natura antinfiammatoria della dieta chetogenica, probabilmente a causa dell’ampia variazione nella composizione degli alimenti inclusi nelle diete individuali. In molti casi, si ritiene che la dieta chetogenica possieda notevoli capacità antiossidanti e antinfiammatorie. I chetoni sono noti attivatori della via del fattore 2 correlato al fattore nucleare eritroide 2, che sovraregola la produzione di glutatione, un importante antiossidante intracellulare endogeno. Inoltre, i composti alimentari degli alimenti che sono incoraggiati durante la dieta chetogenica, come il sulforafano dei broccoli, sono anche attivatori indipendenti del fattore 2 correlato al fattore nucleare eritroide 2. I chetoni sono utilizzati in modo efficiente dai mitocondri, il che può anche comportare una diminuzione della produzione di specie reattive dell’ossigeno e un minore stress ossidativo. Inoltre, il corpo chetone β -hydroxybutyrate ha dimostrato la capacità di ridurre proinfiammatorie IL-1 beta livelli attraverso la soppressione di dominio-simili proteina recettore attività 3 inflammasome nucleotide-binding. L’attività di IL-1 β è noto per essere elevato in molte condizioni dermatologiche, tra artrite giovanile idiopatica, policondrite recidivante, sindrome Schnitzler, hidradenitis suppurativa, malattia di Behcet, e altre sindromi autoinfiammatorie. È stato anche dimostrato che i chetoni inibiscono il fattore nucleare– κB via di segnalazione proinfiammatoria. sovraespressione di IL-1 β e l’attivazione aberrante di nucleare factor κ B sono implicati in una varietà di patologie cutanee infiammatorie, autoimmuni e oncologici. La dieta chetogenica può rivelarsi un trattamento aggiuntivo efficace per i dermatologi da considerare in popolazioni di pazienti selezionate.

Per i pazienti con carcinoma dei cheratinociti, la dieta chetogenica può offrire i suddetti effetti antinfiammatori e antiossidanti, nonché la soppressione del bersaglio meccanicistico della rapamicina, un importante regolatore del metabolismo e della proliferazione cellulare. È stato dimostrato che l’inibizione del bersaglio meccanicistico dell’attività della rapamicina rallenta la crescita del tumore e riduce lo sviluppo del carcinoma a cellule squamose. La dieta chetogenica può anche sfruttare l’utilizzo preferenziale del glucosio esibito da molti tipi di cellule cancerose, “affamando” così il tumore della sua fonte primaria di carburante. Studi in vitro e su animali in una varietà di tipi di cancro hanno dimostrato che uno stato metabolico chetogenico, raggiunto attraverso la dieta chetogenica o il digiuno, può sensibilizzare le cellule tumorali alla chemioterapia e alle radiazioni conferendo un effetto protettivo alle cellule normali. Questo fenomeno recentemente descritto è noto come resistenza allo stress differenziale, ma fino ad oggi non è stato studiato nelle neoplasie dei cheratinociti o nel melanoma. È importante sottolineare che alcuni carcinomi a cellule basali e melanomi con mutazione BRAF V600E sono peggiorati durante la dieta chetogenica, suggerendo che sono necessari più dati prima che possa essere raccomandato per tutti i malati di cancro. Inoltre, altre condizioni della pelle come la prurigo pigmentosa sono state associate all’inizio della dieta chetogenica.

Dieta a basso contenuto di FODMAP

Gli oligosaccaridi, i disaccaridi, i monosaccaridi e i polioli fermentabili (FODMAP) sono carboidrati a catena corta scarsamente assorbiti, osmoticamente attivi e rapidamente fermentati dai batteri intestinali. La dieta a basso contenuto di FODMAP si è dimostrata efficace per il trattamento della sindrome dell’intestino irritabile, della proliferazione batterica dell’intestino tenue (SIBO) e di alcuni casi di malattia infiammatoria intestinale (IBD). Una dieta a basso contenuto di FODMAP può avere potenziali implicazioni per diverse condizioni dermatologiche.

La rosacea è stata associata a vari disturbi del tratto gastrointestinale tra cui sindrome dell’intestino irritabile, SIBO e IBD. Un singolo studio ha rilevato che i pazienti con rosacea avevano un rischio aumentato di 13 volte di SIBO. Il trattamento di 40 pazienti con SIBO con rifaximina ha portato alla completa risoluzione della rosacea in tutti i pazienti, senza ricadute dopo un periodo di follow-up di 3 anni. La psoriasi è stata anche associata a SIBO e IBD.  Un piccolo studio ha rilevato che l’eradicazione della SIBO nei pazienti psoriasici ha determinato un miglioramento dei punteggi PASI e dei valori colorimetrici.

Sebbene le conseguenze sulla salute a lungo termine della dieta a basso contenuto di FODMAP siano sconosciute, sono giustificate ulteriori ricerche su tali interventi dietetici per le condizioni infiammatorie della pelle, date le prove crescenti di una connessione intestino-pelle e il ruolo del microbioma intestinale nella salute della pelle.

Dieta senza glutine

Il glutine è una proteina presente in una varietà di cereali. Sebbene il ruolo del glutine nella patogenesi della malattia celiaca e della dermatite erpetiforme sia indiscutibile, gli effetti deleteri del glutine al di fuori del contesto di queste malattie rimangono controversi. Potrebbe esserci un caso convincente per eliminare il glutine nei pazienti affetti da psoriasi con sieropositività per la malattia celiaca. Una recente revisione sistematica ha rilevato un rischio aumentato di 2,2 volte di celiachia nei pazienti affetti da psoriasi. Inoltre, uno studio in aperto ha riscontrato una riduzione dei punteggi PASI nel 73% dei pazienti con anticorpi antigliadina dopo 3 mesi di dieta priva di glutine rispetto a quelli senza anticorpi; tuttavia, lo studio ha incluso solo 22 pazienti.  Diversi altri piccoli studi hanno prodotto risultati simili; tuttavia, gli anticorpi antigliadina non sono né i marcatori più sensibili né specifici della malattia celiaca e ulteriori test dovrebbero essere completati in qualsiasi paziente che possa portare questa diagnosi. Uno studio condotto dalla National Psoriasis Foundation ha rilevato che il cambiamento nella dieta associato al maggiore miglioramento della pelle è stata la rimozione del glutine e delle verdure di belladonna in circa il 50% dei 1200 pazienti con psoriasi che hanno risposto.

Segnalazioni di casi di varie condizioni dermatologiche tra cui sarcoidosi, vitiligine, alopecia areata, lichen planus, dermatomiosite, pioderma gangrenoso, eritema nodoso, vasculite leucocitoclastica, dermatosi bollosa da IgA lineari e ulcerazioni aftose sono migliorate con una dieta priva di glutine; tuttavia, questa non deve essere utilizzata come terapia primaria nei pazienti senza celiachia. Poiché le diete prive di glutine possono essere costose e difficili da seguire, dovrebbe essere presa in considerazione una valutazione formale per la celiachia prima di raccomandare questo intervento dietetico.

Dieta a basso contenuto di istamina

L’istamina è un’ammina biogena prodotta dalla decarbossilazione dell’aminoacido istidina. Si trova in diversi alimenti in quantità variabili. Poiché i batteri possono convertire l’istidina in istamina, molti alimenti fermentati e invecchiati come kimchi, crauti, formaggio e vino rosso contengono alti livelli di istamina. Gli individui che hanno una ridotta attività della diammina ossidasi (DAO), un enzima che degrada l’istamina, possono essere più suscettibili all’intolleranza all’istamina. I sintomi dell’intolleranza all’istamina sono numerosi e comprendono disturbi del tratto gastrointestinale, rinorrea e congestione nasale, cefalea, orticaria, vampate e prurito. L’intolleranza all’istamina può simulare un’allergia alimentare IgE-mediata; tuttavia, i test allergologici sono negativi in ​​questi pazienti. Sfortunatamente, non esiste un test di laboratorio per l’intolleranza all’istamina; un test alimentare in doppio cieco controllato con placebo è considerato il test standard.

Per quanto riguarda la dermatologia, una dieta a basso contenuto di istamina può svolgere un ruolo nel trattamento di alcuni pazienti con dermatite atopica e orticaria cronica spontanea. Uno studio ha riportato che 17 su 54 (31,5%) pazienti atopici avevano livelli basali più elevati di istamina sierica rispetto ai controlli. Un altro studio ha rilevato che una dieta priva di istamina ha portato a un miglioramento sia dei sintomi di intolleranza all’istamina che della gravità della malattia della dermatite atopica (SCORing dermatite atopica) in pazienti con bassa attività DAO. Nell’orticaria cronica spontanea, una recente revisione sistematica ha rilevato che in 223 pazienti sottoposti a una dieta a basso contenuto di istamina per 3-4 settimane, il 12% e il 44% hanno raggiunto rispettivamente la remissione completa e parziale. Sebbene la risposta al trattamento basata sul livello di attività DAO di un paziente non sia stata correlata, una dieta a basso contenuto di istamina può rivelarsi utile per i pazienti con dermatite atopica persistente e orticaria cronica spontanea che hanno test di allergia alimentare negativi e riferiscono esacerbazione dei sintomi dopo l’ingestione di sostanze ricche di istamina Alimenti.

Dieta mediterranea

La dieta mediterranea è stata pubblicizzata come una delle diete più salutari fino ad oggi e ampi studi clinici randomizzati hanno dimostrato la sua efficacia nella perdita di peso, nel miglioramento della sensibilità all’insulina e nella riduzione dei profili di citochine infiammatorie. Una delle principali critiche alla dieta mediterranea è che presenta una notevole ambiguità e manca di una definizione precisa a causa della variabilità di ciò che viene consumato nelle diverse regioni mediterranee. In generale, la dieta enfatizza l’elevato consumo di frutta e verdura colorata, erbe aromatiche e spezie, olio d’oliva, noci e frutti di mare, nonché modeste quantità di latticini, uova e carne rossa. Gli effetti antinfiammatori di questa dieta sono stati in gran parte attribuiti alla sua abbondanza di polifenoli, carotenoidi, acidi grassi monoinsaturi e acidi grassi polinsaturi omega-3 (PUFA).  Esempi di polifenoli includono il resveratrolo nell’uva rossa, la quercetina nelle mele e nelle cipolle rosse e la curcumina nella curcuma, mentre esempi di carotenoidi includono il licopene nei pomodori e la zeaxantina nelle verdure a foglia verde. L’acido oleico è un acido grasso monoinsaturo presente in alte concentrazioni nell’olio d’oliva, mentre l’acido eicosapentaenoico e l’acido docosaesaenoico sono PUFA omega-3 che si trovano prevalentemente nel pesce.

Sfortunatamente, non sono stati intrapresi studi clinici rigorosi riguardanti la dieta mediterranea per quanto riguarda la dermatologia. Numerosi studi osservazionali in pazienti con psoriasi hanno suggerito che una stretta aderenza alla dieta mediterranea fosse associata a un miglioramento dei punteggi PASI.  La National Psoriasis Foundation raccomanda ora una sperimentazione della dieta mediterranea in alcuni pazienti con psoriasi, sottolineando l’aumento dell’assunzione alimentare di olio d’oliva, pesce e verdure. Anche l’adesione a una dieta mediterranea è stata inversamente correlata alla gravità dell’acne vulgaris e dell’idrosadenite suppurativa; tuttavia, questi studi non hanno tenuto conto dei fattori di rischio multifattoriali associati a queste condizioni. Le diete mediterranee possono anche conferire un effetto chemiopreventivo, supportato da una serie di studi in vivo e in vitro che dimostrano l’inibizione e/o l’inversione del danno cutaneo al DNA indotto dalle radiazioni UV attraverso l’integrazione con vari fitonutrienti e PUFA omega-3. Sebbene piccoli studi caso-controllo abbiano riscontrato un ridotto rischio di carcinoma basocellulare in coloro che aderivano strettamente a una dieta mediterranea, è necessaria una ricerca clinica più rigorosa.

Dieta integrale, a base vegetale

Una dieta a base di cibi integrali e vegetali (WFPB) è un altro approccio dietetico popolare che consiste nel mangiare frutta, verdura, legumi, noci, semi e cereali nella loro intera forma naturale. Questa dieta scoraggia tutti i prodotti animali, compresa la carne rossa, i frutti di mare, i latticini e le uova. È simile a una dieta vegana tranne per il fatto che elimina tutti i carboidrati altamente raffinati, gli oli vegetali e altri alimenti trasformati. Studi clinici randomizzati hanno dimostrato che la dieta WFPB è efficace nel trattamento dell’obesità e della sindrome metabolica.

È stato dimostrato che una dieta WFPB aumenta la capacità antiossidante delle cellule, allunga i telomeri e riduce la formazione di prodotti finali di glicazione avanzata. Questi benefici possono aiutare a combattere l’invecchiamento cutaneo accelerato, tra cui una maggiore permeabilità cutanea, ridotta elasticità e idratazione, ridotta angiogenesi, ridotta funzione immunitaria e ridotta sintesi di vitamina D. L’invecchiamento cutaneo accelerato può comportare un ritardo nella guarigione delle ferite e la predisposizione a lacerazioni cutanee ed ecchimosi e può anche favorire lo sviluppo di neoplasie cutanee. Rimane una mancanza di dati clinici che studino una dieta WFPB correttamente formulata in ambito dermatologico.

Dieta Paleolitica

La dieta paleolitica (Paleo) è un modo di mangiare sempre più popolare che tenta di rispecchiare ciò che i nostri antenati potrebbero aver consumato tra 10.000 e 2,5 milioni di anni fa.  È simile alla dieta mediterranea ma esclude cereali, latticini, legumi e belladonna. Richiede inoltre l’eliminazione di zuccheri e oli altamente trasformati, nonché di additivi e conservanti chimici per alimenti. Esiste una rigida variazione della dieta per gli individui con malattie autoimmuni che esclude anche uova, noci e semi, poiché questi possono essere infiammatori o immunogeni in alcuni pazienti. Esistono altre varianti della dieta, tra cui la dieta chetogenica paleo, la dieta pegan (paleo vegana) e la dieta latto-paleo. Una critica spesso citata alla dieta Paleo è il basso apporto di calcio e il rischio di osteoporosi; tuttavia, il consumo di cibi ricchi di calcio o di integratori di calcio può risolvere questo problema.

Sebbene piccoli studi clinici abbiano riscontrato che la dieta Paleo è benefica per varie malattie autoimmuni, mancano dati clinici che valutino l’utilità della dieta per le malattie cutanee. Numerosi studi randomizzati hanno dimostrato che la dieta Paleo è efficace per la perdita di peso e per il miglioramento della sensibilità all’insulina e dei livelli di lipidi. Pertanto, la Paleodieta può servire teoricamente come un valido approccio dietetico aggiuntivo per il trattamento delle malattie cutanee associate all’obesità e allo squilibrio metabolico.

Dieta carnivora

Probabilmente la dieta più controversa e radicale è la dieta dei carnivori. Come suggerisce il nome, la dieta dei carnivori si basa sul consumo di soli prodotti animali. Una dieta carnivora adeguatamente strutturata enfatizza un approccio alimentare “dal naso alla coda” in cui vengono consumate tutte le parti dell’animale, comprese le carni muscolari, gli organi e il grasso. I sostenitori della dieta citano prove antropologiche derivanti da analisi degli isotopi fossili stabili del carbonio-13/carbonio-12, caratteristiche craniodentali e numerosi altri adattamenti che indicano un aumento del consumo di carne durante l’evoluzione umana. In particolare, molti dei primi esseri umani seguivano una dieta carnivora, ma la durata della vita era molto breve in questo momento, suggerendo che la dieta potrebbe non essere così benefica come è stato suggerito.

Nonostante l’abbondanza di prove aneddotiche a sostegno del suo utilizzo per una varietà di condizioni croniche, tra cui le malattie autoimmuni cutanee, esiste una virtuale assenza di ricerche di alta qualità sulla dieta dei carnivori.

I vantaggi presunti della dieta carnivori possono essere attribuite al consumo di carni di organi che contengono vitamine essenziali altamente biodisponibile e minerali, come ferro, zinco, rame, selenio, tiamina, niacina, acido folico, vitamina B6 , vitamina B12, vitamina A, vitamina D, vitamina K e colina.  Altri composti dietetici che hanno dimostrato benefici per la salute della pelle e si trovano prevalentemente negli alimenti animali includono carnosina, carnitina, creatina, taurina, coenzima Q10 e collagene. Tuttavia, non ci sono dati che raccomandino l’eliminazione degli alimenti vegetali ricchi di antiossidanti e micronutrienti. È necessaria una rigorosa ricerca clinica che valuti l’efficacia e la sicurezza della dieta dei carnivori nei pazienti dermatologici. Una dieta da carnivoro non dovrebbe essere intrapresa senza l’assistenza di un dietologo in grado di garantire un adeguato supporto di micronutrienti e macronutrienti.

Sommario

Il ruolo aggiuntivo della dieta nel trattamento delle malattie della pelle si sta espandendo e sta diventando più ampiamente accettato tra i dermatologi. Sfortunatamente, rimane una mancanza di studi randomizzati controllati che confermino l’efficacia di vari interventi dietetici in ambito dermatologico. Sebbene le raccomandazioni dietetiche basate sull’evidenza siano attualmente limitate, è importante che i dermatologi siano consapevoli degli interventi dietetici vari e sfumati impiegati dai pazienti.

In definitiva, le raccomandazioni dietetiche devono essere personalizzate, considerando le comorbilità del paziente, le convinzioni e le preferenze personali e la nutrigenetica. Il campo emergente della dermatonutrigenomica, lo studio di come i composti alimentari interagiscono con i propri geni per influenzare la salute della pelle, può consentire di formulare precise raccomandazioni dietetiche nella pratica dermatologica. I test genetici diretti al consumatore destinati ai pazienti dermatologici sono già sul mercato, ma la loro utilità clinica attende la convalida. Poiché la scienza della nutrizione è un campo in continua evoluzione, acquisire familiarità con queste diete popolari sarà utile sia ai dermatologi che ai loro pazienti.


Riferimenti scientifici

  1. Jaros J, Katta R, Shi VY. Dermatonutrigenomica: passato, presente e futuro. Dermatologia. 2019;235:164-166. 
  2. Paoli A, Grimaldi K, Toniolo L, et al. Alimentazione e acne: potenzialità terapeutiche delle diete chetogeniche. Skin Pharmacol Physiol. 2012;25:111-117. 
  3. Melnik BC, Schmitz G. Ruolo dell’insulina, fattore di crescita insulino-simile-1, cibo iperglicemico e consumo di latte nella patogenesi dell’acne vulgaris. Exp Dermatol. 2009;18:833-841. 
  4. Smith RN, Mann NJ, Braue A, et al. L’effetto di una dieta ricca di proteine ​​e basso carico glicemico rispetto a una dieta convenzionale ad alto carico glicemico sui parametri biochimici associati all’acne volgare: uno studio randomizzato, mascherato dallo sperimentatore e controllato. J Am Acad Dermatol. 2007;57:247-256. 
  5. Smith R, Mann N, Mäkeläinen H, et al. Uno studio pilota per determinare gli effetti a breve termine di una dieta a basso carico glicemico sui marcatori ormonali dell’acne: uno studio di alimentazione non randomizzato, parallelo e controllato. Mol Nutr Ris. Alimentare. 2008;52:718-726. 
  6. Smith RN, Braue A, Varigos GA, et al. L’effetto di una dieta a basso carico glicemico sull’acne vulgaris e la composizione in acidi grassi dei trigliceridi della superficie cutanea. J Dermatol Sci. 2008;50:41-52. 
  7. Kwon HH, Yoon JY, Hong JS, et al. Effetto clinico e istologico di una dieta a basso carico glicemico nel trattamento dell’acne vulgaris in pazienti coreani: uno studio randomizzato e controllato. Acta Derm Venereol. 2012;92:241-246. 
  8. Khandalavala BN, Do MV. Finasteride nell’idrosadenite suppurativa: una terapia “maschile” per una malattia prevalentemente “femminile”. J Clin Estet Dermatol. 2016;9:44. 
  9. Nikolakis G, Karagiannidis I, Vaiopoulos AG, et al. Meccanismi endocrinologici nella fisiopatologia dell’idrosadenite suppurativa [in tedesco]. Hautarzt. 2020;71:762-771. 
  10. Karadag AS, Ozlu E, Lavery MJ. Manifestazioni cutanee del diabete mellito e della sindrome metabolica. Clinica dermatologica. 2018;36:89-93. 
  11. Gardner CD, Kiazand A, Alhassan S, et al. Confronto tra le diete Atkins, Zone, Ornish e LEARN per il cambiamento di peso e i relativi fattori di rischio tra le donne in premenopausa in sovrappeso: lo studio sulla perdita di peso dalla A alla Z: uno studio randomizzato. JAMA. 2007;297:969-977. 
  12. Anton SD, Hida A, Heekin K, et al. Effetti delle diete popolari senza obiettivi calorici specifici sugli esiti della perdita di peso: revisione sistematica dei risultati degli studi clinici. Nutrienti. 2017;9:822. 
  13. Castellana M, Conte E, Cignarelli A, et al. Efficacia e sicurezza della dieta chetogenica a bassissimo contenuto calorico (VLCKD) in pazienti con sovrappeso e obesità: una revisione sistematica e una meta-analisi. Rev Endocr Metab Disordine. 2020;21:5-16. 
  14. Paoli A, Mancin L, Giacona MC, et al. Effetti di una dieta chetogenica nelle donne in sovrappeso con sindrome dell’ovaio policistico. J Transl Med. 2020;18:104. 
  15. Dashti HM, Mathew TC, Hussein T, et al. Effetti a lungo termine di una dieta chetogenica nei pazienti obesi. Exp Clin Cardiol. 2004;9:200-205. 
  16. Lian N, Chen M. Sindrome metabolica e malattie della pelle: potenziale connessione e rischio. Int J Dermatol Venereol. 2019;2:89-93. 
  17. Hu Y, Zhu Y, Lian N, et al. Sindrome metabolica e malattie della pelle. Endocrinolo anteriore (Losanna). 2019;10:788. 
  18. Castaldo G, Rastrelli L, Galdo G, et al. Programma aggressivo di perdita di peso con una fase di induzione chetogenica per il trattamento della psoriasi cronica a placche: uno studio clinico proof-of-concept, a braccio singolo, in aperto. Nutrizione. 2020;74:110757. 
  19. Castaldo G, Pagano I, Grimaldi M, et al. Effetto della dieta chetogenica a bassissimo contenuto calorico sui pazienti affetti da psoriasi: uno studio metabolomico basato sulla risonanza magnetica nucleare. J Proteoma Ris. 2021;20:1509-1521. 
  20. Milder J, Liang LP, Patel M. Stress ossidativo acuto e attivazione sistemica di Nrf2 da parte della dieta chetogenica. Neurobiol Dis. 2010;40:238-244. 
  21. Kubo E, Chhunchha B, Singh P, et al. Il sulforafano riattiva la difesa antiossidante cellulare inducendo l’attività di Nrf2/ARE/Prdx6 durante l’invecchiamento e lo stress ossidativo. Sci Rep. 2017;7:14130. 
  22. Pinto A, Bonucci A, Maggi E, et al. Attività antiossidante e antinfiammatoria della dieta chetogenica: nuove prospettive per la neuroprotezione nella malattia di Alzheimer. Antiossidanti (Basilea). 2018;7:63. 
  23. Youm YH, Nguyen KY, Grant RW, et al. Il metabolita chetonico β-idrossibutirrato blocca la malattia infiammatoria mediata dall’inflammasoma NLRP3. Nat Med. 2015; 21:263-269. 
  24. Kelley N, Jeltema D, Duan Y, et al. L’inflammasoma NLRP3: una panoramica dei meccanismi di attivazione e regolazione. Int J Mol Sci. 2019;20:3328. 
  25. Fomin DA, McDaniel B, Crane J. Il promettente ruolo potenziale dei chetoni nella malattia dermatologica infiammatoria: una nuova frontiera nella ricerca sul trattamento. J Dermatol Trattare. 2017;28:484-487. 
  26. Rahman M, Muhammad S, Khan MA, et al. Il recettore β-idrossibutirrato HCA 2 attiva un sottoinsieme neuroprotettivo di macrofagi. Comune nazionale 2014;5:1-11. 
  27. Lu Y, Yang YY, Zhou MW, et al. La dieta chetogenica attenua lo stress ossidativo e l’infiammazione dopo la lesione del midollo spinale attivando Nrf2 e sopprimendo le vie di segnalazione di NF-κB. Neurosci Lett. 2018;683:13-18. 
  28.  Hamarsheh S, Zeiser R. Attivazione dell’inflammasoma NLRP3 nel cancro: un’arma a doppio taglio. Immunolo anteriore. 2020;11:1444. 
  29. Bell S, Degitz K, Quirling M, et al. Coinvolgimento della segnalazione di NF-κB nella fisiologia e nella malattia della pelle. Segnale cellulare. 2003;15:1-7. 
  30. Goldminz AM, Au SC, Kim N, et al. NF-κB: un fattore di trascrizione essenziale nella psoriasi. J Dermatol Sci. 2013;69:89-94. 
  31. Laplante M, Sabatini DM. Segnalazione mTOR a colpo d’occhio. J Cell Sci. 2009;122:3589. 
  32. McDaniel S, Rensing N, Yamada K, et al. La dieta chetogenica inibisce la via del bersaglio della rapamicina nei mammiferi (mTOR). Epilessia. 2011;52: MI7-MI11. 
  33. Alter M, Satzger I, Schrem H, et al. Il cancro della pelle non melanoma è ridotto dopo il passaggio dell’immunosoppressione agli inibitori di mTOR nei riceventi di trapianto d’organo. J Dtsch Dermatol Ges. 2014;12:480-488. 
  34. Feldmeyer L, Hofbauer GF, Böni T, et al. Gli inibitori del bersaglio della rapamicina nei mammiferi (mTOR) rallentano la carcinogenesi della pelle, ma compromettono la guarigione delle ferite. Br J Dermatol. 2012;166:422-424. 
  35. Liberti MV, Localale JW. L’effetto Warburg: come giova alle cellule tumorali? Tendenze Biochimica Sci. 2016;41:211-218. 
  36. Li W. “Effetto Warburg” e metabolismo mitocondriale nel cancro della pelle. J cancerogeno mutagene. 2012:S4. 
  37. Naveed S, Aslam M, Ahmad A. Chemioterapia differenziale basata sulla fame: un nuovo approccio per il trattamento del cancro. Oman Med J. 2014;29:391-398. 
  38. Raffaghello L, Lee C, Safdie FM, et al. La resistenza allo stress differenziale dipendente dalla fame protegge le cellule normali ma non cancerose dalla chemioterapia ad alte dosi. Proc Natl Acad Sci US A. 2008;105:8215-8220. 
  39. Buono R, Longo VD. Fame, resistenza allo stress e cancro. Tendenze Endocrinolo Metab. 2018;29:271-280. 
  40. de Groot S, Pijl H, van der Hoeven JJM, et al. Effetti del digiuno a breve termine sul trattamento del cancro. J Exp Clin Cancer Res. 2019;38:209. 
  41. Hosseini M, Kasraian Z, Rezvani HR. Metabolismo energetico nei tumori della pelle: una prospettiva terapeutica. Biochim Biophys Acta Bioenerg. 2017;1858:712-722. 
  42. Feichtinger RG, Lang R, Geilberger R, et al. I tumori del melanoma mostrano una firma metabolica variabile ma distinta. Exp Dermatol. 2018;27:204-207. 
  43. Alshaya MA, Turkmani MG, Alissa AM. Prurigo pigmentosa dopo dieta chetogenica e chirurgia bariatrica: un’associazione in crescita. Rep. caso JAAD 2019;5:504-507. 
  44. Bellini M, Tonarelli S, Nagy AG, et al. Dieta a basso contenuto di FODMAP: prove, dubbi e speranze. Nutrienti. 2020;12:148. 
  45. Kwiatkowski L, Rice E, Langland J. Trattamento integrativo del gonfiore addominale cronico e del dolore associato alla crescita eccessiva di piccoli batteri intestinali: un caso clinico. Altern Ther Health Med . 2017; 23:56-61. 
  46. Hubkova T. Niente più dolore nell’intestino: approccio della medicina dello stile di vita alla sindrome dell’intestino irritabile. Sono J Lifestyle Med. 2017;11:223-226. 
  47. Schumann D, Klose P, Lauche R, et al. Dieta a bassa fermentazione, oligo-, di-, mono-saccaridi e polioli nel trattamento della sindrome dell’intestino irritabile: una revisione sistematica e una meta-analisi. Nutrizione. 2018;45:24-31. 
  48. Cox SR, Prince AC, Myers CE, et al. I carboidrati fermentabili [FODMAP] aggravano i sintomi gastrointestinali funzionali nei pazienti con malattia infiammatoria intestinale: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, cross-over, rechallenge. Colite di J Crohn. 2017;11:1420-1429. 
  49. Damas OM, Garces L, Abreu MT. Dieta come trattamento aggiuntivo per la malattia infiammatoria intestinale: revisione e aggiornamento della letteratura più recente. Curr Treat Opzioni Gastroenterolo. 2019;17:313-325. 
  50. Wang FY, Chi CC. Rosacea, germi e intestino: una revisione sulle comorbidità gastrointestinali e sull’asse intestino-pelle della rosacea. Adv. 2021; 38: 1415-1424. 
  51. Daou H, Paradiso M, Hennessy K, et al. Rosacea e microbioma: una revisione sistematica. Dermatol Ther (Heidelb). 2021;11:1-12. 
  52. Weinstock LB, Steinhoff M. Rosacea e crescita eccessiva batterica intestinale: prevalenza e risposta alla rifaximina. J Am Acad Dermatol. 2013;68:875-876. 
  53. Wu CY, Chang YT, Juan CK, et al. Rischio di malattia infiammatoria intestinale nei pazienti con rosacea: risultati di uno studio di coorte nazionale a Taiwan. J Am Acad Dermatol. 2017;76:911-917. 
  54. Egeberg A, Weinstock LB, Thyssen EP, et al. Rosacea e disturbi gastrointestinali: uno studio di coorte basato sulla popolazione. Br J Dermatol. 2017;176:100-106. 
  55. Drago F, De Col E, Agnoletti AF, et al. Il ruolo della proliferazione batterica del piccolo intestino nella rosacea: un follow-up di 3 anni. J Am Acad Dermatol. 2016;75:E113-E115. 
  56. Parodi A, Paolino S, Greco A, et al. Sovracrescita batterica dell’intestino tenue nella rosacea: efficacia clinica della sua eradicazione. Clin Gastroenterolo Hepatol. 2008;6:759-764. 
  57. Ojetti V, De Simone C, Aguilar Sanchez J, et al. Malassorbimento nei pazienti psoriasici: causa o conseguenza? Scand J Gastroenterolo. 2006;41:1267-1271. 
  58. Kim M, Choi KH, Hwang SW, et al. La malattia infiammatoria intestinale è associata ad un aumentato rischio di malattie infiammatorie della pelle: uno studio trasversale basato sulla popolazione. J Am Acad Dermatol. 2017;76:40-48. 
  59. Drago F, Ciccarese G, Indemini E, et al. Psoriasi e proliferazione batterica dell’intestino tenue. Int J Dermatol. 2018;57:112-113. 
  60. Acharya P, Mathur M. Associazione tra psoriasi e celiachia: una revisione sistematica e una meta-analisi. J Am Acad Dermatol. 2020;82:1376-1385. 
  61. Bhatia BK, Millsop JW, Debbaneh M, et al. Dieta e psoriasi, parte II: celiachia e ruolo di una dieta priva di glutine. J Am Acad Dermatol. 2014;71:350-358. 
  62. Michaëlsson G, Gerdén B, Hagforsen E, et al. I pazienti affetti da psoriasi con anticorpi alla gliadina possono essere migliorati con una dieta priva di glutine. Br J Dermatol. 2000;142:44-51. 
  63. Kolchak NA, Tetarnikova MK, Theodoropoulou MS, et al. Prevalenza degli anticorpi IgA antigliadina nella psoriasi volgare e risposta dei pazienti sieropositivi a una dieta priva di glutine. J Multidiscip Healthc. 2018;11:13-19. 
  64. De Bastiani R, Gabrielli M, Lora L, et al. Associazione tra celiachia e psoriasi: studio multicentrico italiano di cure primarie. Dermatologia. 2015;230:156-160. 
  65. Afifi L, Danesh MJ, Lee KM, et al. Comportamenti dietetici nella psoriasi: risultati riportati dai pazienti da un sondaggio nazionale statunitense. Dermatol Ther (Heidelb). 2017;7:227-242. 
  66. Loche F, Bazex J. Celiachia associata a granuloma sarcoidosico cutaneo [in francese]. Rev Med Interne. 1997;18:975-978. 
  67. Rodríguez-García C, González-Hernández S, Pérez-Robayna N, et al. Ripigmentazione delle lesioni della vitiligine in un bambino con malattia celiaca dopo una dieta priva di glutine. Dermatol pediatrico. 2011;28:209-210. 
  68. Wijarnpreecha K, Panjawatanan P, Corral JE, et al. Celiachia e rischio di sarcoidosi: una revisione sistematica e una meta-analisi. Med basata su J Evid. 2019;12:194-199. 
  69. Rodrigo L, Beteta-Gorriti V, Alvarez N, et al. Manifestazioni cutanee e mucose associate alla celiachia. Nutrienti. 2018;10:800. 
  70. Song MS, Farber D, Bitton A, et al. Dermatomiosite associata a celiachia: risposta a una dieta priva di glutine. Can J Gastroenterolo. 2006;20:433-435. 
  71. Egan CA, Smith EP, Taylor TB, et al. Dermatosi bollosa lineare IgA sensibile a una dieta priva di glutine. Am J Gastroenterolo. 2001;96:1927-1929. 
  72. Comas-Basté O, Sánchez-Pérez S, Veciana-Nogués MT, et al. Intolleranza all’istamina: lo stato attuale dell’arte. Biomolecole. 2020;10:1181. 
  73. Ring J. Concentrazioni di istamina plasmatica nell’eczema atopico. Allergia al Clin. 1983;13:545-552. 
  74. Maintz L, Benfadal S, Allam JP, et al. Evidenza di una ridotta capacità di degradazione dell’istamina in un sottogruppo di pazienti con eczema atopico. J Allergia Clin Immunol. 2006;117:1106-1112. 
  75. Cornillier H, Giraudeau B, Samimi M, et al. Effetto della dieta nell’orticaria cronica spontanea: una revisione sistematica. Acta Derm Venereol. 2019;99:127-132. 
  76. Figlio JH, Chung BY, Kim HO, et al. Una dieta priva di istamina è utile per il trattamento di pazienti adulti con orticaria cronica spontanea. Ann Dermatol. 2018;30:164-172. 
  77. Wagner N, Dirk D, Peveling-Oberhag A, et al. Un mito popolare – la dieta a basso contenuto di istamina migliora l’orticaria cronica spontanea – realtà o finzione? J Eur Acad Dermatol Venereol. 2017; 31:650-655. 
  78. Esposito K, Marfella R, Ciotola M, et al. Effetto di una dieta in stile mediterraneo sulla disfunzione endoteliale e sui marcatori di infiammazione vascolare nella sindrome metabolica: uno studio randomizzato. JAMA. 2004;292:1440-1446. 
  79. Steffen LM, Van Horn L, Daviglus ML, et al. Un punteggio modificato della dieta mediterranea è associato a un minor rischio di sindrome metabolica incidente oltre i 25 anni tra i giovani adulti: lo studio CARDIA (sviluppo del rischio dell’arteria coronaria nei giovani adulti). Br J Nutr. 2014;112:1654-1661. 
  80. Bower A, Marquez S, de Mejia EG. I benefici per la salute di erbe e spezie culinarie selezionate presenti nella tradizionale dieta mediterranea. Crit Rev Food Sci Nutr. 2016;56:2728-2746. 
  81. Bosch R, Philips N, Suárez-Pérez JA, et al. Meccanismi di fotoinvecchiamento e fotocarcinogenesi cutanea e strategie fotoprotettive con fitochimici. Antiossidanti (Basilea). 2015;4:248-268. 
  82. Katsimbri P, Korakas E, Kountouri A, et al. L’effetto della capacità antiossidante e antinfiammatoria della dieta sul fenotipo della psoriasi e dell’artrite psoriasica: l’alimentazione come strumento terapeutico? Antiossidanti. 2021;10:157. 
  83. Molina-Leyva A, Cuenca-Barrales C, Vega-Castillo JJ, et al. Aderenza alla dieta mediterranea nei pazienti spagnoli con psoriasi: benefici cardiovascolari? Dermatol Ther. 2019;32:E12810. 
  84. Barrea L, Balato N, Di Somma C, et al. Alimentazione e psoriasi: c’è qualche associazione tra la gravità della malattia e l’aderenza alla dieta mediterranea? J Transl Med. 2015;13:1-10. 
  85. Phan C, Touvier M, Kesse-Guyot E, et al. Associazione tra profilo dietetico antinfiammatorio mediterraneo e gravità della psoriasi: risultati dalla coorte NutriNet-Santé. JAMA Dermatol. 2018;154:1017-1024. 
  86. Korovesi A, Dalamaga M, Kotopouli M, et al. L’adesione alla dieta mediterranea è indipendentemente associata al rischio, alla gravità e alla qualità della vita di psoriasi: uno studio osservazionale trasversale. Int J Dermatol. 2019;58:E164-E165. 
  87. Ford AR, Siegel M, Bagel J, et al. Raccomandazioni dietetiche per adulti con psoriasi o artrite psoriasica dal consiglio medico della National Psoriasis Foundation: una revisione sistematica. JAMA Dermatol. 2018;154:934-950. 
  88. Skroza N, Tolino E, Semyonov L, et al. Dieta mediterranea e dismetabolismo familiare come fattori che influenzano lo sviluppo dell’acne. Scand J Salute pubblica. 2012;40:466-474. 
  89. Barrea L, Fabbrocini G, Annunziata G, et al. Ruolo della nutrizione e aderenza alla dieta mediterranea nell’approccio multidisciplinare dell’idrosadenite suppurativa: valutazione dello stato nutrizionale e sua associazione con la gravità della malattia. Nutrienti. 2018;11:57. 
  90. Nichols JA, Katiyar SK. Fotoprotezione cutanea da polifenoli naturali: meccanismi antinfiammatori, antiossidanti e di riparazione del DNA. Arch Dermatol Res. 2010;302:71-83. 
  91. Huang TH, Wang PW, Yang SC, et al. Applicazioni cosmetiche e terapeutiche degli acidi grassi dell’olio di pesce sulla pelle. marzo droga. 2018;16:256. 
  92. Rizwan M, Rodriguez-Blanco I, Harbottle A, et al. Il concentrato di pomodoro ricco di licopene protegge dal fotodanneggiamento cutaneo nell’uomo in vivo: uno studio controllato randomizzato. Br J Dermatol. 2011;164:154-162. 
  93. Leone A, Martínez-González M, Martin-Gorgojo A, et al. Dieta mediterranea, approcci dietetici per fermare l’ipertensione e modello alimentare pro-vegetariano in relazione al rischio di carcinoma basocellulare: uno studio caso-controllo nidificato all’interno della coorte Seguimiento Universidad de Navarra (SUN). Am J Clin Nutr. 2020;112:364-372. 
  94. Solway J, McBride M, Haq F, et al. Dieta e dermatologia: il ruolo di una dieta a base di cibi integrali e vegetali nella prevenzione e nell’invertire l’invecchiamento della pelle: una revisione. J Clin Estet Dermatol. 2020;13:38-43. 
  95. Greger M. Una dieta a base di cibi integrali vegetali è efficace per la perdita di peso: le prove. Sono J Lifestyle Med. 2020;14:500-510. 
  96. Wright N, Wilson L, Smith M, et al. Lo studio BROAD: uno studio randomizzato controllato che utilizza una dieta alimentare a base di piante nella comunità per l’obesità, la cardiopatia ischemica o il diabete. Diabete nutritivo. 2017;7:E256. 
  97. Ornish D, Lin J, Chan JM, et al. Effetto dei cambiamenti completi dello stile di vita sull’attività della telomerasi e sulla lunghezza dei telomeri negli uomini con cancro alla prostata a basso rischio dimostrato da biopsia: follow-up di 5 anni di uno studio pilota descrittivo. Lancet Oncol. 2013;14:1112-1120. 
  98. Ornish D, Lin J, Daubenmier J, et al. Aumento dell’attività della telomerasi e cambiamenti completi dello stile di vita: uno studio pilota. Lancet Oncol. 2008;9:1048-1057. 
  99. Zouboulis CC, Makrantonaki E. Aspetti clinici e diagnostica molecolare dell’invecchiamento cutaneo. Clin Dermatol. 2011;29:3-14. 
  100. Gupta L, Khandelwal D, Lal PR, et al. Dieta paleolitica nella diabete e nelle endocrinopatie: una prospettiva vegana. Endocrinolo. 2019;15:77-82. 
  101. Chassaing B, Van de Wiele T, De Bodt J, et al. Gli emulsionanti alimentari alterano direttamente la composizione del microbiota umano e l’espressione genica ex vivo, potenziando l’infiammazione intestinale. Intestino. 2017;66:1414-1427. 
  102. Thorburn Alison N, Macia L, Mackay Charles R. Dieta, metaboliti e malattie infiammatorie “stile di vita occidentale”. Immunità. 2014;40:833-842. 
  103. Katta R, Schlichte M. Dieta e dermatite: fattori scatenanti del cibo. J Clin Estet Dermatol. 2014;7:30-36. 
  104. Dhar S, Srinivas SM. Allergia alimentare nella dermatite atopica. Indian J Dermatol. 2016;61:645-648. 
  105. Birmingham N, Thanesvorakul S, Gangur V. Immunogenicità relativa di alimenti comunemente allergenici rispetto a cibi raramente allergenici e non allergenici nei topi. J Food Prot. 2002;65:1988-1991. 
  106. Yu W, Freeland DMH, Nadeau KC. Allergia alimentare: meccanismi immunitari, diagnosi e immunoterapia. Nat Rev Immunol. 2016;16:751-765. 
  107. Kowalski LM, Bujko J. Valutazione del potenziale biologico e clinico della dieta paleolitica [in polacco]. Rocz Panstw Zakl Hig. 2012;63:9-15. 
  108. Lee JE, Titcomb TJ, Bisht B, et al. Una dieta chetogenica modificata a base di MCT aumenta il β-idrossibutirrato plasmatico ma ha un effetto minore sull’affaticamento e sulla qualità della vita nelle persone con sclerosi multipla rispetto a una dieta paleolitica modificata: uno studio pilota randomizzato controllato in lista d’attesa. J Am Coll Nutr. 2021;40:13-25. 
  109. Abbott RD, Sadowski A, Alt AG. Efficacia della dieta del protocollo autoimmune come parte di un intervento multidisciplinare e supportato sullo stile di vita per la tiroidite di Hashimoto. Cureo. 2019;11:E4556. 
  110. Lindeberg S, Jönsson T, Granfeldt Y, et al. Una dieta paleolitica migliora la tolleranza al glucosio più di una dieta mediterranea in individui con cardiopatia ischemica. Diabetologia . 2007;50:1795-1807. 
  111. Jönsson T, Granfeldt Y, Ahrén B, et al. Effetti benefici di una dieta paleolitica sui fattori di rischio cardiovascolare nel diabete di tipo 2: uno studio pilota cross-over randomizzato. Cardiovasc Diabetol. 2009;8:35. 
  112. Boers I, Muskiet FAJ, Berkelaar E, et al. Effetti favorevoli del consumo di una dieta di tipo paleolitico sulle caratteristiche della sindrome metabolica: uno studio pilota controllato randomizzato. Lipidi Salute Dis. 2014;13:160. 
  113. Ghaedi E, Mohammadi M, Mohammadi H, et al. Effetti di una dieta paleolitica sui fattori di rischio di malattie cardiovascolari: una revisione sistematica e una meta-analisi di studi randomizzati controllati. Adv Nutr. 2019;10:634-646. 
  114. Mellberg C, Sandberg S, Ryberg M, et al. Effetti a lungo termine di una dieta di tipo paleolitico nelle donne obese in postmenopausa: uno studio randomizzato di 2 anni. Eur J Clin Nutr. 2014;68:350-357. 
  115. Pastore RL, Brooks JT, Carbone JW. La nutrizione paleolitica migliora le concentrazioni plasmatiche dei lipidi degli adulti ipercolesterolemici in misura maggiore rispetto alle tradizionali raccomandazioni dietetiche salutari per il cuore. Ris. nutr. 2015;35:474-479. 
  116. Otten J, Stomby A, Waling M, et al. Benefici di una dieta paleolitica con e senza esercizio supervisionato su massa grassa, sensibilità all’insulina e controllo glicemico: uno studio randomizzato controllato in individui con diabete di tipo 2. Diabete Metab Res Rev. 2017;33:E2828. 
  117. Stefanadi EC, Dimitrakakis G, Antoniou CK, et al. Sindrome metabolica e pelle: un’associazione più che superficiale. revisione dell’associazione tra malattie della pelle e sindrome metabolica e un algoritmo di decisione clinica per i pazienti ad alto rischio. Diabetolo Metab Syndr. 2018;10:9. 
  118. Mann N. La carne nella dieta umana: una prospettiva antropologica. Dietetica nutritiva. 2007;64(suppl 4):S102-S107. 
  119. Bramble DM, Lieberman DE. La corsa di resistenza e l’evoluzione dell’Homo. Natura. 2004;432:345-352. 
  120. Kuhn JE. Lancio, spalla ed evoluzione umana. Am J Orthop (Belle Mead NJ). 2016;45:110-114. 
  121. Kobayashi H, Kohshima S. Morfologia unica dell’occhio umano e suo significato adattivo: studi comparativi sulla morfologia esterna dell’occhio dei primati. J Hum Evol. 2001;40:419-435. 
  122. Cordain L, Eaton SB, Miller JB, et al. La natura paradossale delle diete dei cacciatori-raccoglitori: a base di carne, ma non aterogene. Eur J Clin Nutr. 2002;56(suppl 1):S42-S52. 
  123. McClellan WS, Du Bois EF. Calorimetria clinica: XLV. diete prolungate a base di carne con uno studio della funzione renale e della chetosi. J Biol Chem. 1930;87:651-668. 
  124. O’Hearn R. Può una dieta carnivora fornire tutti i nutrienti essenziali? Curr Opin Endocrinol Diabete Obes. 2020;27:312-316. 
  125. O’Hearn LA. Un’indagine sui miglioramenti sperimentati su una dieta carnivora rispetto alla sola restrizione di carboidrati. Sito web del forum sulla scienza aperta. Pubblicato il 12 febbraio 2019. Accesso al 17 maggio 2021. doi:10.17605/OSF.IO/5FU4D 
  126. Williams P. Composizione nutrizionale della carne rossa. Nutrizione e Dietetica. 2007;64(suppl 4):S113-S119. 
  127. Biel W, Czerniawska-Piątkowska E, Kowalczyk A. Composizione chimica delle frattaglie di vitello, manzo e agnello mantenute in sistemi di produzione biologica. Animali (Basilea). 2019;9:489. 
  128. Elmadfa I, Meyer AL. Il ruolo dello stato dei micronutrienti selezionati nel plasmare la funzione immunitaria. Bersagli farmacologici per il disturbo immunitario Endocr Metab. 2019;19:1100-1115. 
  129. Babizhayev M. Trattamento dell’invecchiamento cutaneo e del fotoinvecchiamento con forme di dosaggio orali innovative di carnosina e carcinina non idrolizzate. Int J Clin Derm Ris. 2017;5:116-143. 
  130. Danby FW. Nutrizione e invecchiamento della pelle: zucchero e glicazione. Clin Dermatol. 2010;28:409-411. 
  131. Siefken W, Carstensen S, Springmann G, et al. Ruolo dell’accumulo di taurina nell’idratazione dei cheratinociti. J Invest Dermatol. 2003;121:354-361. 
  132. Vollmer DL, West VA, Lephart ED. Miglioramento della salute della pelle: mediante somministrazione orale di composti naturali e minerali con implicazioni per il microbioma dermico. Int J Mol Sci. 2018;19:3059. 
  133. Fischer F, Achterberg V, März A, et al. L’acido folico e la creatina migliorano la compattezza della pelle umana in vivo. J Cosmet Dermatol. 2011;10:15-23. 
  134. Blatt T, Lenz H, Weber T. L’applicazione topica della creatina è multibenefica per la pelle umana. J Am Acad Dermatol. 2005;52:P32.
spot_img

Per commentare gli articoli abbonati a Myskin oppure accedi, se sei gia’  abbonato

Le idee di Myskin

In molti ci chiedete: ma che prodotti devo utilizzare? Quale solare scegliere, quale detergente? Come faccio a scegliere ciò che è più giusto per me?

Scopri la lista delle idee di Myskin!

Redazione medico-scientifica di Myskin
Articoli, studi scientifici e tecnologie per la rivoluzione digitale in Dermatologia.

Desideri gli aggiornamenti di Myskin?

Iscriviti gratuitamente alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti dei dermatologi esperti di Myskin!
Inserisci il tuo indirizzo e-mail.

spot_img