Impetigine: tutto quello che devi sapere

Pubblicato il :

Specialista in Dermatologia e Venereologia

Specialista in Dermatologia e Venereologia

Aggiornato il:

L’impetigine è un’infezione della pelle altamente contagiosa che ha maggiori probabilità di colpire bambini di età compresa tra 2 e 5 anni. I primi sintomi dell’infezione sono la comparsa di una macchia rossa con conseguente prurito.
Nell’Europa settentrionale, nel Nord America e in Canada, l’impetigine è la più comune infezione batterica della pelle nei bambini, ma può verificarsi a qualsiasi età. Il contagio è più frequente in ambienti con ampi spazi in comune come le caserme militari o in climi caldi-umidi.

L’impetigine solitamente si risolve da sola entro 2 settimane. In caso di complicazioni il medico potrebbe ritenere necessario prescrivere una crema antibiotica o antibiotici per via orale.

Impetigine: una delle più diffuse e contagiose infezioni superficiali della pelle
Impetigine: una delle più diffuse e contagiose infezioni superficiali della pelle

L’impetigine in 3 punti

  1. L’impetigine è un’infezione contagiosa della pelle molto comune nei bambini.
  2. È causata da batteri Staphylococcus aureus o Streptococcus pyogenes
  3. Normalmente i sintomi vanno via senza trattamento, ma questo dipende dal tipo di impetigine e dalla gravità dei sintomi.

Come curarla?

L’impetigine può essere curata con successo, ma senza il giusto trattamento può infettarsi e possono verificarsi delle complicanze.

Il trattamento per l’impetigine ha lo scopo di accelerare la guarigione, migliorare l’aspetto della pelle danneggiata dall’infezione, prevenendo le complicazioni e la diffusione dell’infezione.

Il tipo di trattamento dipenderà dal tipo di impetigine e dalla gravità dei sintomi.

Se l’infezione è lieve, il dermatologo può solo raccomandare di mantenere la pelle pulita.

Un’infezione più grave può ,invece, richiedere un trattamento antibiotico.

Antibiotici topici

Gli antibiotici topici vengono applicati direttamente sulla pelle. Il medico potrebbe ritenere opportuno prescrivere una crema di mupirocina sale di calcio, come il Bactroban. Prima di applicare la crema antibiotica è necessario rimuovere delicatamente le croste in modo che l’antibiotico possa penetrare in profondità nella pelle.

È importante lavare le zone interessate della pelle con acqua calda e sapone prima di applicare un antibiotico topico. Se possibile, usate sempre i guanti in lattice per applicare la crema e in ogni modo le mani dovrebbero essere lavate accuratamente dopo ogni applicazione. Questo trattamento dovrebbe risolvere l’infezione entro 7 giorni.

Antibiotici per via orale

Quando l’impetigine è più diffusa o se il paziente non ha avuto esito positivo mediante la terapia con antibiotici topici il dermatologo potrebbe prescrivere degli antibiotici per via orale; la scelta del tipo di antibiotico dipende dalla gravità, dall’infezione, dalle condizioni mediche del paziente e dalla presenza di allergie.

Un ciclo di antibiotici di solito dura circa 7 giorni. È importante completare l’intero ciclo antibiotico, anche se i sintomi si risolvono prima della fine.

Un bambino affetto da impetigine può rientrare a scuola 48 ore dopo l’inizio del trattamento antibiotico o quando le ferite sono guarite.

Rimedi naturali

L’utilizzo di Tea tree oil, olio d’oliva, aglio, olio di cocco e il miele di Manuka potrebbero essere dei buoni rimedi naturali per alleviare i sintomi dell’impetigine, ma nessun dato scientifico ne conferma l’efficacia.

Quali sono i sintomi?

I principali sintomi di impetigine sono le vesciche piene di liquido (piccole papule rosse) che in una fase successiva si rompono formando una crosticina giallastra.

I sintomi dipenderanno dal tipo di impetigine.

Impetigine sul volto

Quanti tipi di impetigine esistono?

Esistono due tipi principali di impetigine: impetigine bollosa e impetigine non bollosa.

Impetigine non bollosa

Circa il 70% dei casi di impetigine è di questo tipo.

Piccole vescicole rosse appaiono intorno alla bocca e al naso. Le vesciche rompendosi faranno fuoriuscire del liquido formando poi delle croste dorate spesse.

Quando le croste si seccano completamente lasciano un segno rosso sulla pelle che di solito guarisce senza lasciare cicatrici.

Sebbene le ferite non siano dolorose, possono essere molto pruriginose. È importante non toccarle o graffiarle per evitare che l’infezione si diffonda ad altre parti del corpo e ad altre persone.

In rari casi, i sintomi possono essere più gravi, con febbre e gonfiore delle ghiandole.

Impetigine bollosa

L’impetigine bollosa è causata da un ceppo di Staphylococcus aureus che secerne un tipo di tossina che colpisce lo strato cutaneo. Colpisce principalmente i bambini di età inferiore ai 2 anni.

La tossina attacca una proteina cellulare che contribuisce a mantenere la pelle integra, quando questa proteina cellulare viene danneggiata, i batteri possono diffondersi rapidamente.

Sul corpo, sulle gambe e sulle braccia appaiono vesciche piene di liquido delle dimensioni medio-grandi. La pelle intorno alla vescica è rossa e pruriginosa, ma non dolente. Spesso si diffondono rapidamente e alla fine scoppiano, lasciando una crosta gialla. La crosta normalmente guarisce senza cicatrici.

Le bolle non sono dolorose, ma possono essere molto pruriginose. E’ sempre consigliato di non toccarli o graffiarli.

La febbre e le ghiandole gonfie sono comuni sintomi con questo tipo di impetigine.

Immagini di Impetigine sul volto

Quali sono le cause?

L’impetigine è causata da:

  • Staphylococcus aureus (S. aureus)
  • Streptococcus pyogenes (S. pyogenes)

Lo stafilococco aureus esiste innocuo sulla pelle umana mentre lo Steptococco pyogenes è presente nella normale flora batterica della bocca. Questi due batteri possono causare infezioni quando c’è un taglio o una ferita.

L’infezione può iniziare in due modi:

Impetigine primaria: i batteri invadono la pelle normale e sana senza un sito di entrata.
Impetigine secondaria: i batteri invadono la pelle perché un’altra infezione o condizione della pelle ha danneggiato la barriera cutanea, come un eczema o la scabbia.

Come entrano i batteri nella pelle?

L’impetigine negli adulti di solito deriva da lesioni alla pelle, spesso derivante da un’altra condizione della pelle, come la dermatite o un’infiammazione della pelle.

I bambini si infettano generalmente solo dopo un taglio, un graffio o una puntura d’insetto, ma in alcuni casi l’infezione può verificarsi anche senza un apparente danno alla pelle.

Come si diffonde?

La diffusione è molto semplice: basta essere a contatto con oggetti infetti anche semplicemente lenzuola, asciugamani, giocattoli e indumenti.

I sintomi non compaiono fino a 4 a 10 giorni dopo l’esposizione iniziale ai batteri. Anche durante l’incubazione è possibile diffondere l’infezione anche perché non  si è ancora a conoscenza di essere infetti.

I bambini possono avere maggiori probabilità di contrarre l’infezione perché il loro sistema immunitario non è ancora completamente sviluppato.

Quando compaiono i sintomi, il soggetto colpito da impetigine deve restare a casa e non rientrare a scuola o al lavoro fino a quando le lesioni sono guarite con croste o dopo 48 ore dall’inizio del trattamento antibiotico.

Crosticine dovute all'impetigine
Crosticine dovute all’impetigine

L’impetigine può colpire i neonati?

L’impetigine è comune tra i bambini in età prescolare e quelli in età scolare. Può influenzare il viso, il collo, le mani e l’area del pannolino.

Danni alla pelle dovuti a tagli e/o escoriazioni possono consentire l’ingresso dell’infezione.

Può facilmente diffondersi tra i bambini. Per ridurre il rischio vale sempre la regola del lavare le mani regolarmente ed evitare di graffiare o toccare le ferite e lesioni cutanee. E’ consigliato utilizzare salviette, asciugamani, vestiti e biancheria da letto separati dal resto della famiglia per evitare il contagio.

I bambini con sintomi di Impetigine dovrebbero consultare il prima possibile il dermatologo: se le ferite non guariscono dopo 3 giorni di trattamento, o se la situazione con la febbre contatta sempre il medico!

Quale è la diagnosi?

L’impetigine è abbastanza facile da diagnosticare esaminando l’area interessata. Il medico probabilmente chiederà al paziente, al genitore o al diretto interessato se ci sono stati eventuali tagli recenti, graffi o punture di insetti nell’area colpita o se ci sono altre condizioni in corso, tipo la scabbia.

Il dermatologo potrebbe richiedere ulteriori test in caso in cui:

  • i sintomi sono gravi e si sono diffusi in molte parti del corpo
  • il paziente non risponde al trattamento
  • l’infezione ritorna spesso sullo stesso paziente anche dopo la guarigione

Il dermatologo analizzerà la zona con un tampone per vedere quale germe sta causando l’impetigine e quale antibiotico è più probabile che funzioni. Un tampone può anche aiutare a determinare se c’è un’altra infezione in corso come tinea corporisfuoco di Sant’Antonio.

Nel caso in cui il paziente ha degli episodi di impetigine ricorrenti il medico potrebbe valutare di effettuare un prelievo con tampone dal naso per determinare la presenza di batteri.

Impetigine alle labbra in uomo adulto
Impetigine alle labbra in uomo adulto

Complicazioni

Possono verificarsi delle complicazioni anche se ciò avviene molto di rado.

Le seguenti complicanze possibili sono :

  • Cellulite batterica : Se il batterio di Stafilococco Aureus si moltiplica e si diffonde negli strati più profondi della pelle l’impetigine si trasforma in cellulite batterica(ben diversa dal noto problema estetico). La pelle assume un aspetto rosso e infiammato e potrebbero presentarsi febbre e dolore.
  • Psoriasi guttata: macchie rosse e squamose di pelle infiammata si sviluppano su tutte le parti del corpo. Non è infettivo e può verificarsi nei bambini e negli adolescenti dopo un’infezione batterica, in particolare un’infezione alla gola.
  • Scarlattina: si tratta di una rara infezione batterica causata da Streptococcus pyogenes. I sintomi includono un’eruzione cutanea rosa in tutto il corpo e probabilmente nausea, vomito e dolore.
  • Batteriemia o sepsi: un’infezione batterica del sangue che porta a febbre, tachicardia, vomito, confusione e vertigini. Questa è una infezione pericolosa per la vita, potenzialmente molto grave e richiede il ricovero immediato.
  • Glomerulonefrite post-streptococcica: un’infezione dei piccoli vasi sanguigni nei reni che può essere fatale per gli adulti. Questa complicazione di impetigine è molto rara. I sintomi includono urina scura e ipertensione. Il ricovero è di solito necessario per monitorare la pressione sanguigna.

Prevenzione

Una buona igiene personale è il modo migliore per ridurre il rischio di sviluppare o diffondere l’impetigine.

Lavare immediatamente eventuali tagli, graffi, escoriazioni e punture di insetto e tenerli puliti contribuirà a ridurre il rischio.

Una corretta igiene è la migliore arma per prevenire la diffusione dell'impetigine
Una corretta igiene è la migliore arma per prevenire la diffusione dell’impetigine

Se qualcuno è affetto da impetigine è importante tenere gli effetti personali isolati dalle altre persone e seguire misure igieniche rigorose.

Quanto segue aiuterà a prevenire la diffusione dell’infezione ad altri e anche ad altre parti del corpo del paziente:

  • lavare le zone interessate con sapone neutro e acqua corrente, quindi coprire leggermente la zona con una garza
  • non toccare le ferite e scoraggiare il paziente dal farlo
  • tenere separati i vestiti, le lenzuola, gli asciugamani e altri articoli da toilette del paziente e lavarli giornalmente a 60° o ​​superiore
  • quando si applica la crema antibiotica usare i guanti e lavare accuratamente le mani dopo ogni applicazione
  • mantenere le unghie del paziente corte per ridurre i graffi
  • assicurandosi che le mani vengano lavate spesso
  • Per prevenire una recidiva, assicurarsi che qualsiasi condizione della pelle, come l’eczema, sia stata trattata correttamente.

Riferimenti scientifici

Hartman-Adams, H., Banvard, C, & Juckett, G. (2014, August). Impetigo: diagnosis and treatment American Family Physician1590, (4)

Grice, E. A., Kong, H. H., Conlan, S., Deming, C. B., Davis, J., Young, A. C., & Segre, J. A. (2009). Topographical and Temporal Diversity of the Human Skin MicrobiomeScience, 324(5931)

Redazione di Myskin
Redazione di Myskin
Notizie e aggiornamenti: studi scientifici, tecnologie e dispositivi medici per la rivoluzione digitale in Dermatologia

7 Commenti

  1. Ho avuto l’impetigine a metà ottobre, mi ha colpito entrambi i fianchi e entrambe le braccia, avevo circa 35 aloni rossi con un piccolissimo puntino bianco al centro, nessun dolore, ma alcuni mi davano bruciore specialmente quelli sui gomiti, nessuna crosta e apparentemente nessuna fuoriscita di liquido dai punti bianchi. L’ho curata con Travosept per 20 gg come mi ha detto il dermatologo e su un braccio e su un fianco è sparita completamente mentre sull’altro lato sono spariti quasi tutti i segni, ma periodicamente ne ricompariva sempre uno nuovo, come se si dessero il cambio, finito uno sul fianco ne compariva uno sul gomito così li ho tenuti trattati con il Travosept per altri 20-25 gg circa limitatamente ai soli punti residui. Poi anche su questo lato non è comparso nulla, o così mi è sembrato, per 15 giorni esatti. Adesso mentre scrivo mi è ricomparso un altro alone rosso sempre sul gomito maledetto, prude leggermente, e sembra proprio impetigine. Ammetto infine che il dermatologo mi aveva consigliato anche un antibiotico sistemico da associare a quello topico, ma viste le mille controindicazioni verificatesi in 1 caso su 10 ho preferito soprassedere e visto che il Travosept sembrava funzionare bene ho utilizzato solo quello. E’ normale che l’impetigine faccia così fatica ad andar via? E’ normale che ricompaia? Posso riprendere il Travosept? Cordiali saluti e grazie.

    • Ciao Francesco,
      quando nell’impetigine sono presenti tantissime manifestazioni come quelle da lei descritte il solo trattamento topico fa fatica a gestirle correttamente, motivo per cui da un punto di vista teorico è condivido la scelta del collega di associare anche l’antibiotico sistemico.
      Per quanto riguarda i possibili effetti collaterali si possono verificare con qualunque faramco, sia topico da applicare sulla pelle sia sistemico, ma ciò non deve precluderne a priori l’applicazione o l’assunzione.
      Gli effetti collaterali non sisgnifica che necessariamente si verificheranno e se anche ciò dovesse accadare il suo dermatologo è in grado di gestire il tutto.

  2. Buonasera,
    Le scrivo perché sono una ragazza di 21 anni e da quando sono bambina ho frequentemente degli sfoghi a livello del naso di Impetigine. Tipicamente avviene nei periodi in cui sono più debole o stressata. La diagnosi mi è stata posta quando frequentavo l’asilo e poi nel tempo è tornata frequentemente. Quando si manifesta di piccole dimensioni la tratto con Bactroban, mentre quando si estende maggiormente con antibiotici sistemici. Volevo chiederle se fosse normale avere queste Recidive, se fossero pericolose o se c’è un metodo con cui debellare questi batteri definitivamente.
    La ringrazio in anticipo

    • Ciao Cam,
      le recidive si verificano se c’è una causa scatenante, ovvero un motivo per cui questo possa succesedere.
      Per definizione quando è presente un’infezione cutanea, impetigine compresa, una volta che è stata adeguatamente trattata il problema è risolto. Se poi si dovessero verificare dei motivi per una nuova reinfezione nulla vieta che ciò si possa nuovamente manifestare.

  3. Buonasera,
    A mio figlio di 9 anni è stata diagnisticata l impetigene bollosa, anche se nelreferto tale nome non è poi stato menzionato.
    Bolle rossastre con vescicola con liquido sieroso, tipo bruciatura, non pruriginose.
    Ha fatto cura antibiotica per 7gg e cura topica con fucsina 2% fino a che le bolle si sono seccate.
    Le croste si sono staccate e la pelle rosea era piatta e liscia.
    A distanza di quasi 15gg alcune delle aree di cicatrizzazione si stanno inspessendo: completamente asintomatiche, no dolore, no prurito. Semra che sotto ci siano bozzetti duri. La pelle è rimasta rosea e ripeto, non tutte le cicatrici nostrano tale fenomeno,
    Almeno per adesso.
    Grazie

Scrivimi! Sarò lieto di risponderti (il tuo indirizzo email non sarà pubblicato)

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Per approfondire guarda anche:

dermatite seborroicavideo
L'argomento di oggi è la dermatite seborroica, ne soffre l’1-5% della popolazione ed è diffusa in tutto il mondo, tutte le razze umane sono soggette a questa patologia e gli uomini sembrano essere quelli maggiormente interessati.Come la maggior parte di voi saprà è una condizione che tende a migliorare durante l'estate per un'azione benefica del sole, poi invece tende...