L’impetigine è un’infezione della pelle altamente contagiosa che ha maggiori probabilità di colpire bambini di età compresa tra 2 e 5 anni. I primi sintomi dell’infezione sono la comparsa di una macchia rossa con conseguente prurito.
Nell’Europa settentrionale, nel Nord America e in Canada, l’impetigine è la più comune infezione batterica della pelle nei bambini, ma può verificarsi a qualsiasi età. Il contagio è più frequente in ambienti con ampi spazi in comune come le caserme militari o in climi caldi-umidi.

L’impetigine solitamente si risolve da sola entro 2 settimane. In caso di complicazioni il medico potrebbe ritenere necessario prescrivere una crema antibiotica o antibiotici per via orale.

Impetigine: una delle più diffuse e contagiose infezioni superficiali della pelle
Impetigine: una delle più diffuse e contagiose infezioni superficiali della pelle

L’impetigine in 3 punti

  1. L’impetigine è un’infezione contagiosa della pelle molto comune nei bambini.
  2. È causata da batteri Staphylococcus aureus o Streptococcus pyogenes
  3. Normalmente i sintomi vanno via senza trattamento, ma questo dipende dal tipo di impetigine e dalla gravità dei sintomi.

Come curarla?

L’impetigine può essere curata con successo, ma senza il giusto trattamento può infettarsi e possono verificarsi delle complicanze.

Il trattamento per l’impetigine ha lo scopo di accelerare la guarigione, migliorare l’aspetto della pelle danneggiata dall’infezione, prevenendo le complicazioni e la diffusione dell’infezione.

Il tipo di trattamento dipenderà dal tipo di impetigine e dalla gravità dei sintomi.

Se l’infezione è lieve, il dermatologo può solo raccomandare di mantenere la pelle pulita.

Un’infezione più grave può ,invece, richiedere un trattamento antibiotico.

Antibiotici topici

Gli antibiotici topici vengono applicati direttamente sulla pelle. Il medico potrebbe ritenere opportuno prescrivere una crema di mupirocina sale di calcio, come il Bactroban. Prima di applicare la crema antibiotica è necessario rimuovere delicatamente le croste in modo che l’antibiotico possa penetrare in profondità nella pelle.

È importante lavare le zone interessate della pelle con acqua calda e sapone prima di applicare un antibiotico topico. Se possibile, usate sempre i guanti in lattice per applicare la crema e in ogni modo le mani dovrebbero essere lavate accuratamente dopo ogni applicazione. Questo trattamento dovrebbe risolvere l’infezione entro 7 giorni.

Antibiotici per via orale

Quando l’impetigine è più diffusa o se il paziente non ha avuto esito positivo mediante la terapia con antibiotici topici il dermatologo potrebbe prescrivere degli antibiotici per via orale; la scelta del tipo di antibiotico dipende dalla gravità, dall’infezione, dalle condizioni mediche del paziente e dalla presenza di allergie.

Un ciclo di antibiotici di solito dura circa 7 giorni. È importante completare l’intero ciclo antibiotico, anche se i sintomi si risolvono prima della fine.

Un bambino affetto da impetigine può rientrare a scuola 48 ore dopo l’inizio del trattamento antibiotico o quando le ferite sono guarite.

Rimedi naturali

L’utilizzo di Tea tree oil, olio d’oliva, aglio, olio di cocco e il miele di Manuka potrebbero essere dei buoni rimedi naturali per alleviare i sintomi dell’impetigine, ma nessun dato scientifico ne conferma l’efficacia.

Quali sono i sintomi?

I principali sintomi di impetigine sono le vesciche piene di liquido (piccole papule rosse) che in una fase successiva si rompono formando una crosticina giallastra.

I sintomi dipenderanno dal tipo di impetigine.

Impetigine sul volto

Quanti tipi di impetigine esistono?

Esistono due tipi principali di impetigine: impetigine bollosa e impetigine non bollosa.

Impetigine non bollosa

Circa il 70% dei casi di impetigine è di questo tipo.

Piccole vescicole rosse appaiono intorno alla bocca e al naso. Le vesciche rompendosi faranno fuoriuscire del liquido formando poi delle croste dorate spesse.

Quando le croste si seccano completamente lasciano un segno rosso sulla pelle che di solito guarisce senza lasciare cicatrici.

Sebbene le ferite non siano dolorose, possono essere molto pruriginose. È importante non toccarle o graffiarle per evitare che l’infezione si diffonda ad altre parti del corpo e ad altre persone.

In rari casi, i sintomi possono essere più gravi, con febbre e gonfiore delle ghiandole.

Impetigine bollosa

L’impetigine bollosa è causata da un ceppo di Staphylococcus aureus che secerne un tipo di tossina che colpisce lo strato cutaneo. Colpisce principalmente i bambini di età inferiore ai 2 anni.

La tossina attacca una proteina cellulare che contribuisce a mantenere la pelle integra, quando questa proteina cellulare viene danneggiata, i batteri possono diffondersi rapidamente.

Sul corpo, sulle gambe e sulle braccia appaiono vesciche piene di liquido delle dimensioni medio-grandi. La pelle intorno alla vescica è rossa e pruriginosa, ma non dolente. Spesso si diffondono rapidamente e alla fine scoppiano, lasciando una crosta gialla. La crosta normalmente guarisce senza cicatrici.

Le bolle non sono dolorose, ma possono essere molto pruriginose. E’ sempre consigliato di non toccarli o graffiarli.

La febbre e le ghiandole gonfie sono comuni sintomi con questo tipo di impetigine.

Immagini di Impetigine sul volto

Quali sono le cause?

L’impetigine è causata da:

  • Staphylococcus aureus (S. aureus)
  • Streptococcus pyogenes (S. pyogenes)

Lo stafilococco aureus esiste innocuo sulla pelle umana mentre lo Steptococco pyogenes è presente nella normale flora batterica della bocca. Questi due batteri possono causare infezioni quando c’è un taglio o una ferita.

L’infezione può iniziare in due modi:

Impetigine primaria: i batteri invadono la pelle normale e sana senza un sito di entrata.
Impetigine secondaria: i batteri invadono la pelle perché un’altra infezione o condizione della pelle ha danneggiato la barriera cutanea, come un eczema o la scabbia.

Come entrano i batteri nella pelle?

L’impetigine negli adulti di solito deriva da lesioni alla pelle, spesso derivante da un’altra condizione della pelle, come la dermatite o un’infiammazione della pelle.

I bambini si infettano generalmente solo dopo un taglio, un graffio o una puntura d’insetto, ma in alcuni casi l’infezione può verificarsi anche senza un apparente danno alla pelle.

Come si diffonde?

La diffusione è molto semplice: basta essere a contatto con oggetti infetti anche semplicemente lenzuola, asciugamani, giocattoli e indumenti.

I sintomi non compaiono fino a 4 a 10 giorni dopo l’esposizione iniziale ai batteri. Anche durante l’incubazione è possibile diffondere l’infezione anche perché non  si è ancora a conoscenza di essere infetti.

I bambini possono avere maggiori probabilità di contrarre l’infezione perché il loro sistema immunitario non è ancora completamente sviluppato.

Quando compaiono i sintomi, il soggetto colpito da impetigine deve restare a casa e non rientrare a scuola o al lavoro fino a quando le lesioni sono guarite con croste o dopo 48 ore dall’inizio del trattamento antibiotico.

Crosticine dovute all'impetigine
Crosticine dovute all’impetigine

L’impetigine può colpire i neonati?

L’impetigine è comune tra i bambini in età prescolare e quelli in età scolare. Può influenzare il viso, il collo, le mani e l’area del pannolino.

Danni alla pelle dovuti a tagli e/o escoriazioni possono consentire l’ingresso dell’infezione.

Può facilmente diffondersi tra i bambini. Per ridurre il rischio vale sempre la regola del lavare le mani regolarmente ed evitare di graffiare o toccare le ferite e lesioni cutanee. E’ consigliato utilizzare salviette, asciugamani, vestiti e biancheria da letto separati dal resto della famiglia per evitare il contagio.

I bambini con sintomi di Impetigine dovrebbero consultare il prima possibile il dermatologo: se le ferite non guariscono dopo 3 giorni di trattamento, o se la situazione con la febbre contatta sempre il medico!

Quale è la diagnosi?

L’impetigine è abbastanza facile da diagnosticare esaminando l’area interessata. Il medico probabilmente chiederà al paziente, al genitore o al diretto interessato se ci sono stati eventuali tagli recenti, graffi o punture di insetti nell’area colpita o se ci sono altre condizioni in corso, tipo la scabbia.

Il dermatologo potrebbe richiedere ulteriori test in caso in cui:

  • i sintomi sono gravi e si sono diffusi in molte parti del corpo
  • il paziente non risponde al trattamento
  • l’infezione ritorna spesso sullo stesso paziente anche dopo la guarigione

Il dermatologo analizzerà la zona con un tampone per vedere quale germe sta causando l’impetigine e quale antibiotico è più probabile che funzioni. Un tampone può anche aiutare a determinare se c’è un’altra infezione in corso come tinea corporisfuoco di Sant’Antonio.

Nel caso in cui il paziente ha degli episodi di impetigine ricorrenti il medico potrebbe valutare di effettuare un prelievo con tampone dal naso per determinare la presenza di batteri.

Impetigine alle labbra in uomo adulto
Impetigine alle labbra in uomo adulto

Complicazioni

Possono verificarsi delle complicazioni anche se ciò avviene molto di rado.

Le seguenti complicanze possibili sono :

  • Cellulite batterica : Se il batterio di Stafilococco Aureus si moltiplica e si diffonde negli strati più profondi della pelle l’impetigine si trasforma in cellulite batterica(ben diversa dal noto problema estetico). La pelle assume un aspetto rosso e infiammato e potrebbero presentarsi febbre e dolore.
  • Psoriasi guttata: macchie rosse e squamose di pelle infiammata si sviluppano su tutte le parti del corpo. Non è infettivo e può verificarsi nei bambini e negli adolescenti dopo un’infezione batterica, in particolare un’infezione alla gola.
  • Scarlattina: si tratta di una rara infezione batterica causata da Streptococcus pyogenes. I sintomi includono un’eruzione cutanea rosa in tutto il corpo e probabilmente nausea, vomito e dolore.
  • Batteriemia o sepsi: un’infezione batterica del sangue che porta a febbre, tachicardia, vomito, confusione e vertigini. Questa è una infezione pericolosa per la vita, potenzialmente molto grave e richiede il ricovero immediato.
  • Glomerulonefrite post-streptococcica: un’infezione dei piccoli vasi sanguigni nei reni che può essere fatale per gli adulti. Questa complicazione di impetigine è molto rara. I sintomi includono urina scura e ipertensione. Il ricovero è di solito necessario per monitorare la pressione sanguigna.

Prevenzione

Una buona igiene personale è il modo migliore per ridurre il rischio di sviluppare o diffondere l’impetigine.

Lavare immediatamente eventuali tagli, graffi, escoriazioni e punture di insetto e tenerli puliti contribuirà a ridurre il rischio.

Una corretta igiene è la migliore arma per prevenire la diffusione dell'impetigine
Una corretta igiene è la migliore arma per prevenire la diffusione dell’impetigine

Se qualcuno è affetto da impetigine è importante tenere gli effetti personali isolati dalle altre persone e seguire misure igieniche rigorose.

Quanto segue aiuterà a prevenire la diffusione dell’infezione ad altri e anche ad altre parti del corpo del paziente:

  • lavare le zone interessate con sapone neutro e acqua corrente, quindi coprire leggermente la zona con una garza
  • non toccare le ferite e scoraggiare il paziente dal farlo
  • tenere separati i vestiti, le lenzuola, gli asciugamani e altri articoli da toilette del paziente e lavarli giornalmente a 60° o ​​superiore
  • quando si applica la crema antibiotica usare i guanti e lavare accuratamente le mani dopo ogni applicazione
  • mantenere le unghie del paziente corte per ridurre i graffi
  • assicurandosi che le mani vengano lavate spesso
  • Per prevenire una recidiva, assicurarsi che qualsiasi condizione della pelle, come l’eczema, sia stata trattata correttamente.

CONSULTO ONLINE

Crediamo che ogni problema di pelle debba avere la sua soluzione

NEWSLETTER

Ricevi gli aggiornamenti di Myskin

Privacy Policy

CONTATTI

Hai bisogno di aiuto? Il Servizio Clienti di Myskin è a tua disposizione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome