Cos’è la Clamidia?

La Clamidia (Chlamydia) è una delle più comuni malattie a trasmissione sessuale. Ogni anno sono circa 3.000.000 le donne e gli uomini colpiti dall’infezione.

La Clamidia è più comune tra le donne e gli uomini di età inferiore ai 25 anni.

È causata da batteri gram-negativi del genere Chlamydia, chiamati Chlamydia Trachomatis.

Questa infezione si diffonde facilmente perché spesso non provoca sintomi e può essere trasmessa inconsapevolmente ai partner sessuali, uomini e donne.

Infatti, circa il 75% delle infezioni nelle donne e il 50% negli uomini sono asintomatiche.

Le donne possono avere la Clamidia a livello della cervice, nel retto o nella gola. Gli uomini, invece, possono averla nell’uretra (all’interno del pene), nel retto o nella gola.

Qualsiasi tipo di contatto sessuale (vaginale, anale o orale) con una persona infetta può diffondere l’infezione.

Come si contrae la Clamidia?

È possibile contrarre la Clamidia durante il sesso orale, vaginale o anale con il pene, la vagina, l’ano e/o l’area rettale e la bocca dell’individuo infetto.

Occasionalmente, se gli occhi sono infetti, le secrezioni oculari possono contenere batteri trasmissibili!

La Clamidia viene trasmessa per contatto fisico diretto.

I batteri della Clamidia si diffondono facilmente.

Una donna può anche trasmettere la clamidia al suo bambino durante il parto.

Se hai avuto la Clamidia e sei stato trattato in passato, puoi contrarre nuovamente l’infezione se hai rapporti sessuali non protetti o a rischio.

Qual è il periodo di incubazione per la clamidia?

Sfortunatamente, la maggior parte degli uomini e delle donne con Clamidia non ha sintomi. Pertanto, non sanno di avere la malattia. Il periodo di incubazione per la clamidia è piuttosto variabile e può variare da giorni a mesi dopo l’esposizione iniziale.

Il tempo medio trascorso dall’esposizione allo sviluppo dei sintomi è solitamente da una a tre settimane dopo il contatto sessuale con una persona infetta.

Chi è a rischio di contrarre la Clamidia?

La Clamidia è più comune nei giovani, specialmente nelle giovani donne. È più probabile che tu la contragga, se non usi costantemente un preservativo o se hai più partner.

profilattico
L’utilizzo del profilattico riduce i rischi di infezione da Clamidia

Come faccio a sapere se ho la Clamidia? Quali sono i sintomi?

Non è facile dire se sei infetto da Clamidia poiché i sintomi non sono sempre evidenti. Ma quando si verificano, di solito si notano entro tre settimane dal contatto con un partner infetto e possono includere quanto segue:

Sintomi di Chlamydia nelle donne

  • Perdite vaginali anormali che possono avere un forte odore
  • Sanguinamento nell’intervallo tra un ciclo mestruale e il successivo
  • Mestruazioni dolorose
  • Dolore addominale con febbre
  • Dolore durante i rapporti sessuali
  • Prurito o bruciore dentro o intorno alla vagina
  • Dolore o bruciore durante la minzione

Se l’infezione si diffonde, potresti avere dolore agli addominali inferiori, dolore durante il sesso, nausea o febbre.

Sintomi di Chlamydia negli uomini

  • Piccole perdite chiare o torbide dal meato dell’uretra.
  • Sensazione di bruciore durante la minzione
  • Bruciore e prurito attorno al meato uretrale (in corrispondenza della sommità del glande)
  • Dolore e gonfiore in uno o entrambi i testicoli (anche se questo è meno comune)

Se la Clamidia infetta il retto (negli uomini o nelle donne), può causare dolore, perdite e/o sanguinamento rettale.

Come viene diagnosticata la Clamidia?

La diagnosi di Clamidia si basa su un test di laboratorio per dimostrare che l’organismo è presente, sia attraverso la coltura sia attraverso l’identificazione del materiale genetico dei batteri.
La cultura è un metodo più vecchio e più lungo in quanto richiede tempo per identificare i batteri e non viene più utilizzato di routine.

Per scopi diagnostici di routine, invece vengono comunemente utilizzati test rapidi che identificano il materiale genetico batterico. Questi sono indicati come test di amplificazione dell’acido nucleico o NAAT (nucleic acid amplification test).

Il campione per il test NAAT può essere ottenuto al momento dell’esame ginecologico eseguendo un tampone a livello della cervice, oppure può essere eseguito su campioni di urina o su tamponi vaginali auto-raccolti.

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie raccomandano che le donne sessualmente attive dovrebbero eseguire il test per la Clamidia una volta ogni anno così come le donne in gravidanza e le donne che hanno diversi partner sessuali.

Chi dovrebbe eseguire un test per la Clamidia?

Dovresti andare dal tuo medico per eseguire il test se hai sintomi della clamidia o se hai un partner che ha una malattia sessualmente trasmissibile. Le donne in gravidanza dovrebbero eseguire il test durante la loro prima visita dal ginecologo che conferma la gestazione.

Inoltre il test per la Clamidia lo dovrebbero eseguire anche:

  • le donne sessualmente attive
  • le donne anziane che hanno partner sessuali nuovi o multipli o un partner sessuale che ha una malattia sessualmente trasmissibile
  • gli omosessuali

Quali sono i trattamenti per la Clamidia?

La Clamidia può essere facilmente curata con la terapia antibiotica.

Consulto online

Risposta entro 5 ore

I protocolli di trattamento per le infezioni da Clamidia non complicate comprendono una singola dose da 1 grammo di Azitromicina orale. Un’altra opzione di trattamento è 100 mg di Doxiciclina per via orale due volte al giorno per sette giorni. Durante la gravidanza, viene spesso utilizzata l’Eritromicina o l’Amoxicillina.

Anche i partner sessuali devono essere trattati per prevenire la reinfezione e l’ulteriore diffusione della malattia.

Con il trattamento, l’infezione dovrebbe risolversi in circa una settimana o due.
È importante seguire correttamente il dosaggio di antibiotici prescritto, anche se in corso di trattamento la sintomatologia si riduce o scompare.

Potrebbe essere necessario il ricovero in ospedale per le donne con grave infezione da Clamidia, con somministrazione di antibiotici per via endovenosa e antidolorifici.

Per evitare di diffondere la malattia al tuo partner, non devi fare sesso fino a quando l’infezione non è stata curata.

Le donne dovrebbero astenersi dal rapporto sessuale durante il corso dei 7 giorni in cui assumono antibiotici o per 7 giorni dopo il trattamento con una dose singola per evitare di diffondere l’infezione ad altri.

Dopo aver assunto gli antibiotici, i pazienti dovrebbero essere nuovamente sottoposti a test dopo tre mesi per assicurarsi che l’infezione sia guarita. Questo è particolarmente importante se non si è sicuri che il o i partner abbiano ricevuto un trattamento. In ogni caso è sempre consigliato ripetere i test anche se il tuo partner è stato trattato.

Quali sono le complicazioni della Clamidia quando non viene curata?

Se la Clamidia non viene curata, si corre il rischio di incorrere in diversi problemi di salute.

Donne

Se non trattata, l’infezione da Clamidia può causare una malattia infiammatoria pelvica (PID), che può arrecare danni permanenti al sistema riproduttivo in quanto può portare al danneggiamento delle tube di Falloppio o addirittura causare infertilità. I sintomi della malattia infiammatoria pelvica includono dolore pelvico, dolore con rapporti sessuali, febbre, crampi e dolore addominale.

L’infezione da Clamidia non trattata può anche aumentare il rischio di gravidanza ectopica (quando l’ovulo fecondato si impianta e si sviluppa all’esterno dell’utero). Inoltre, la Clamidia può causare parti prematuri e l’infezione può essere trasmessa dalla madre al figlio durante il parto, causando un’infezione oculare, cecità o polmonite nel neonato.

Uomini

La Clamidia può causare una condizione chiamata Uretrite non gonococcica (NGU) – un’infezione dell’uretra oppure un’epididimite o una proctite – un’infiammazione del retto. Raramente può portare a infertilità.

Sia gli uomini che le donne possono sviluppare un’artrite reattiva a causa dell’infezione da Clamidia non trattata.

La Chlamydia non trattata può anche aumentare le possibilità di contrarre o trasmettere l’HIV / AIDS.

Come posso prevenire un’infezione da Chlamydia?

L’unico modo sicuro per prevenire la Clamidia è non avere rapporti sessuali non protetti.

L’uso corretto dei preservativi in lattice riduce notevolmente, ma non elimina, il rischio di contrarre o diffondere la clamidia.

Per ridurre il rischio di infezione da clamidia:

  • Usa il preservativo correttamente ogni volta che fai sesso.
  • Limita il numero di partner sessuali e non andare avanti e indietro tra i partner.
  • Se pensi di essere infetto, evita il contatto sessuale e consulta un medico.

Qualsiasi sintomo genitale come le perdite o il bruciore durante la minzione o un’insolita irritazione o eruzione cutanea dovrebbero essere un segnale per interrompere il rapporto sessuale e consultare immediatamente un medico.
Se ti viene diagnosticata la Clamidia o altre malattie sessualmente trasmissibili, devi informare tutti i tuoi partner sessuali recenti in modo che possano vedere un medico e essere trattati.

Poiché la clamidia spesso si manifesta senza sintomi, le persone infette possono infettare inconsapevolmente i loro partner sessuali.

Infine, molti Dermatologi raccomandano che tutte le persone che hanno più di un partner sessuale debbano eseguire regolarmente  i test per la clamidia, anche in assenza di sintomi.

Dermatologo Alessandro Martella
Sono un dermatologo ed ho pubblicato quasi 50 lavori scientifici. Ho conseguito il Master in Giornalismo e Comunicazione Istituzionale della Scienza e sono il responsabile della rivista elettronica Dermatologia Ambulatoriale 2.0, organo ufficiale di comunicazione di AIDA (Associazione Italiana Dermatologi Ambulatoriali) della quale faccio parte, quale componente del Consiglio Direttivo, dal 2013. Nel 2017 ho conseguito anche il Master in Healthcare Marketing.

LASCIA UN COMMENTO!
Nel rispetto della tua privacy ti invitiamo ad evitare la pubblicazione di informazioni sensibili che possono ricondurre alla tua persona e/o al tuo problema.
Per chiedere un parere personale e riservato ti segnaliamo il CONSULTO ONLINE CON IL DERMATOLOGO.

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome