Xantelasma: cause e trattamento

Una condizione benigna che non porta a gravi conseguenze, ma che è esteticamente fastidiosa

Xantelasma  è termine medico composto da due parole derivate dal Greco, dove “Xanthos” significa giallo e “Elesma” significa piatto.  Si tratta di un deposito semisolido giallastro,ricco di lipidi, soprattutto il colesterolo, che si trova comunemente sul lato mediale degli occhi.

Gli Xantelasmi palpebrali sono la più comune forma di Xantoma che si verifica sulle palpebre, anche con l’assenza di altre lesioni cutanee o mucose.
Essa è caratterizzata da morbide, papule e placche giallastro che si verificano più comunemente vicino al canto interno della palpebra, più spesso alla palpebra superiore.
Le lesioni sono di solito simmetriche.

Una volta che lo Xantelasma si è sviluppato, non scomparirà spontaneamente ma rimarrà la stesso o aumenterà di dimensioni.

Lo Xantelasma è una condizione benigna che non porta a gravi conseguenze, ma è esteticamente fastidioso, e la maggior parte dei pazienti, infelici della loro immagine, decidono di consultare un Dermatologo alla ricerca di soluzioni permanenti.

Le cause dello Xantelasma

Circa il 50% dei pazienti che sviluppano lo Xantelasma hanno disturbi a carico dei lipidi. E comunemente osservato nei pazienti con:

  • Tipo II iperlipidemia che include tipo IIa, noto anche come ipercolesterolemia familiare, e tipo IIb, che è comunemente indicato come iperlipidemia familiare combinata
  • Tipo IV iperlipidemia, che è noto anche come ipertrigliceridemia familiare
  • Diabete mellito
  • Ipotiroidismo
  • Quelli con bassi livelli di HDL

Gli Xantelasmi palpebrali sono osservati anche in pazienti che avevano avuto precedentemente una eritrodermia, generalizzate dermatosi infiammatorie cutanee, e nei casi di precedente dermatite da contatto. Può essere un fattore predittivo di cardiopatia ischemica, infarto miocardico, o aterosclerosi sistemica.

Epidemiologia

Lo Xantelasma è una lesione cutanea rara nella popolazione generale con un fattore di incidenza dell’1,2%. E ‘più comune nelle donne che negli uomini. L’età di insorgenza varia da 20 a 70 anni, ma si presenta più comunemente tra i 35 e i 55 anni.

Istopatologia

Negli xantelasmi palpebrali, l’epidermide è risparmiata e il derma papillare pure.

xantelasma-palpebrale
xantelasma-palpebrale

Nel derma reticolare, l’infiltrato infiammatorio è perivascolare, ed è composto da cellule miste comprendenti mono e cellule schiumose multi-nucleate entro i carichi di lipidi vacuoli citoplasmatici nel derma reticolare superficiale.
Lo strato grasso sottocutaneo è solitamente risparmiato.

Valutazione

Dal momento che un elevato numero di individui con Xantelasma hanno un disturbo a carico dei lipidi, è consigliabile la misurazione del profilo lipidico sierico.
Inoltre,può essere eseguito un test di funzionalità tiroidea, una misurazione della glicemia a digiuno, o se il paziente è diabetico, il livello di emoglobina glicata per il controllo della glicemia nel corso degli ultimi 3 mesi.

Nella maggior parte dei casi, i livelli di colesterolo e trigliceridi sono elevati, e la lipoproteina ad alta densità di livello (HDL) è ridotta. Per misurare il profilo lipidico con precisione, i pazienti devono digiunare per almeno 12 ore.

Trattamento / Gestione

Il trattamento dello Xantelasma comporta dei cambiamenti nello stile di vita

Anche se una dieta povera di grassi e le statine sono spesso raccomandati, hanno un effetto limitato sugli xantelasmi una volta che questi si sono sviluppati.

Se le lesioni sono un problema estetico, possono essere asportati con una semplice procedura chirurgica, o mediante cauterizzazione con liquido.

La chirurgia intorno alla palpebre è irta di complicazioni e può causare ectropion, retrazione palpebrale, e lesioni a l’occhio stesso. L’uso della crioterapia e la cauterizzazione chimica può invece portare a gravi cicatrici e macchie della pelle.

Altri metodi includono peeling chimici utilizzando acido tricloroacetico (TCA) in una percentuale del 50% o superiore per raggiungere alla profondità ottimale i depositi di colesterolo nel derma reticolare; sostanze simili come l’acido salicilico possono anche essere utilizzati.

Un peeling profondo può essere complicato da iperpigmentazione, soprattutto in soggetti dalla pelle scura.

I laser possono essere usati per trattare casi selezionati di Xantelasma palpebrale utilizzando erbio laser, laser argon, e Nd: YAG.
La maggior parte dei pazienti sceglie di utilizzare i trattamenti laser dal momento che non sono associati con distruzioni di tessuto, e in quanto migliore alternativa alla chirurgia.

Le complicanze della terapia laser includono:

  • dolore
  • eritema
  • pigmentazioni
  • cicatrici
  • infortuni agli occhi

YAG e / o laser CO2 frazionati sono i più comunemente utilizzati per il trattamento degli xantelasmi.

Macchine a radiofrequenza possono essere utilizzate per trattare alcuni casi di Xantelasma perché è un metodo molto sicuro rispetto ad altre modalità, ma è tuttavia meno efficace, e potrebbe risultare costoso.

Anche dopo la rimozione, le recidive sono comuni soprattutto se i livelli di colesterolo rimangono elevati.

Farmaci ipolipidemizzanti possono essere utilizzati in pazienti con alti livelli di colesterolo e trigliceridi per prevenire attacchi ischemici e ulteriori depositi.

Diagnosi differenziale

Lo xantelasma entra in diagnosi differenziale con le seguenti patologie:

  • xantogranuloma necrobiotico
  • lipogranulomas orbitali
  • xanthogranulomata giovanile
  • malattia Erdheim-Chester
  • granulomatosi di Wegener
  • proteinosi lipoide
  • amiloidosi sistemica primaria
  • necrobiosi lipoidica
  • sarcoide
  • syringoma
  • carcinoma microcistico
  • Milia
  • iperplasia sebacea
  • steatocistoma
  • tricoepitelioma
  • idrocistoma apocrino

Pianificazione del trattamento

Il piano di trattamento per qualsiasi paziente con Xantelasma dovrebbe essere interprofessionale coinvolgendo un dietista, un internista, un dermatologo ed eventualmente un chirurgo oculoplastico.

Per il paziente risulta fondamentale iniziare con un cambiamento dello stile alimentare.

Metodi di trattamento semplici e sicuri dovrebbero essere provati per prima mentre le procedure invasive, quali quelle chirurgiche, dovrebbero essere l’ultima opzione.
Sessioni di trattamento con azoto liquido sono le prime ad essere proposte ai pazienti.

Prognosi

Purtroppo, il tasso di recidiva dello Xantelasma è elevato nonostante la modalità di trattamento.

Inoltre, è importante trattare le condizioni mediche di base come iperlipidemia, epatopatie, diabete e disturbi della tiroide.

Complicazioni

Complicazioni del trattamento comprendono:

  • dolore
  • eritema
  • cicatrici
  • alterazioni della pigmentazione cutanea.

In conclusione

La valutazione di tutti i pazienti con Xantelasma inizia con una anamnesi dettagliata e con una visita medica approfondita. Una storia familiare di malattie ischemiche è importante, e potrebbe dare un indizio circa la presenza di casi di iperlipidemia in famiglia.

Una maglietta ampia o un reggiseno poco aderente può sfregare la pelle sensibile del capezzolo
L’attività fisica permette di abbassare i livelli di lipidi.

Modifiche dello stile alimentare, come la riduzione dei carboidrati e dei grassi e la sostituzione di questi con frutta e verdura contribuirà a ridurre i livelli di colesterolo e trigliceridi.

L’esercizio fisico è molto importante per abbassare il livello dei lipidi

Trattamento delle cause come il diabete, problemi della tiroide, obesità e migliorerà il risultato complessivo delle sessioni di trattamento.

- Pubblicità -

per il tuo problema

Per approfondire guarda anche:

#myskinstoriesvideo
Simona è una donna, con un sorriso coinvolgente ed una ironia unica. Simona è...