Argiria: quando la pelle diventa blu

Pubblicato il :

Specialista in Dermatologia e Venereologia

Aggiornato il:

Cos’è l’Argiria?

L’ Argiria è una rara condizione della pelle che fa assumere alla carnagione una colorazione blu o grigia.
Può interessare la pelle, gli occhi, gli organi interni, le unghie e le gengive, ma specialmente le zone del corpo esposte alla luce solare.
Questo accade quando il corpo è stato sovraesposto all’argento.
La condizione può verificarsi dopo un’esposizione a dosi elevate o un’esposizione prolungata a piccole quantità di argento.
L’argento non è necessariamente un metallo nocivo e viene usato in molte preparazioni e dispositivi medici.
Ad esempio, è utilizzato in bende, pomate e in alcuni colliri.

L’Argiria è rara e non pericolosa per la vita, ma può avere un grave impatto su di essa

Quali sono i sintomi dell’Argiria?

Il sintomo principale e più evidente è la colorazione blu-grigia della pelle. Questo potrebbe iniziare in una piccola area o con una leggera sfumatura, ma alla fine può arrivare a coprire tutto il tuo corpo.

argiria-1
Immagine: Argiria

Per alcune persone, il primo sintomo è lo scolorimento grigio o marrone delle gengive. Altre aree di iperpigmentazione possono verificarsi su:

  • letto ungueale
  • membrane congiuntivali
  • mucose

La quantità di scolorimento dipende dalla quantità di argento che è stato assorbito dal tuo corpo.

Se sei stato esposto ad un livello molto elevato di argento, l’argiria può svilupparsi abbastanza rapidamente.
Se utilizzi prodotti contenenti solo piccole quantità di argento, probabilmente progredirà lentamente. In alcuni casi, la progressione può richiedere mesi o addirittura anni.

Le aree della pelle esposte al sole possono diventare molto più scure delle aree generalmente coperte.

Cosa causa l’Argiria?

L’argento è un metallo presente in natura.
Le persone sono a contatto con bassi livelli di argento ogni giorno.
Tracce di argento infatti possono essere trovate nel cibo, nell’acqua e persino nell’aria.
L’argento viene assorbito dal tuo corpo attraverso la bocca, le mucose o la pelle.

Puoi sviluppare l’argiria se hai accumulato troppo argento nel tuo corpo.

Questo generalmente deriva da un’esposizione prolungata.
Quando l’argento raggiunge lo stomaco, avviene una reazione chimica, viene assorbito ed entra nel flusso sanguigno.

Entro una settimana, la maggior parte dell’argento che consumiamo lascia il corpo attraverso le nostre feci. Una parte di esso viene esplulso con l’urina.

Ma quando la quantità risulta eccessiva, il tuo corpo ha difficoltà a gestirlo.
Tutto l’argento che non viene scartato si deposita nella pelle e in altri tessuti, dove continua ad accumularsi.

Quando la tua pelle viene esposta alla luce, diventa blu-grigia.

Come ti ritrovi con troppo argento nel tuo corpo?

Un modo in cui potresti avere un sovraccumulo di argento nel tuo corpo è se il tuo lavoro comporta un’esposizione prolungata all’argento.

Questo potrebbe accadere se lavori nell’industria dell’argento, nell’industria della gioielleria o nell’elaborazione fotografica.

argento-colloidale
Immagine: argento colloidale

Alcuni prodotti che consumi o utilizzi sul tuo corpo possono anche contenere una discreta quantità di argento.
Tra questi:

  • tonici per la salute antimicrobica
  • farmaci contenenti sali d’argento
  • integratori alimentari di argento colloidale
  • suture d’argento usate in chirurgia
  • otturazioni dentali a base di argento

In una lista di ingredienti, l’argento può essere identificato come:

  • argento ionico
  • argento nativo
  • alginato d’argento
  • proteina d’argento
  • sulfadiazina d’argento
  • argento colloidale, o vero argento colloidale

L’uso di colliri o trucchi che contengono argento può anche causare argiria localizzata dell’occhio.

Indossare gioielli d’argento o usare utensili d’argento di solito non causa argiria.

Ma in alcuni casi, gli aghi d’argento usati per l’agopuntura o gli orecchini d’argento possono causare argirie localizzate.

Gli integratori alimentari che contengono argento possono anche interferire con la capacità del corpo di assorbire determinati farmaci, come ad esempio:

  • antibiotici chinolonici, tra cui ciprofloxacina, norfloxacina  e ofloxacina
  • antibiotici tetracicline
  • tiroxina
  • penicillamina

Chi è a rischio?

L’esposizione a quantità eccessive di argento è l’unico fattore di rischio noto per l’argiria. Ciò che non è chiaro è esattamente quanto argento o quanta esposizione può mettere a rischio.

È più probabile che tu possa sviluppare l’argiria se:

  • assumi integratori o farmaci contenenti argento
  • utilizzi regolarmente colliri o cosmetici contenenti argento
  • hai un’occupazione che comporta un’esposizione prolungata all’argento

L’esposizione sul luogo di lavoro può verificarsi in:

  • miniere d’argento
  • industrie di raffinazione dell’argento
  • creazione di gioielli
  • argenteria e produzione di leghe metalliche
  • elaborazione fotografica

Come viene diagnosticata l’Argiria?

Se noti uno scolorimento blu o grigio sulla pelle, sugli occhi o sulle unghie, consulta subito un dermatologo.

Abbiamo tutti tracce di argento nel nostro corpo e ci sono diversi modi per misurarlo.

L’analisi strumentale di campioni di sangue e di urina sono un buon modo per scoprire se sei stato sovraesposto all’argento.

Per diagnosticare l’argiria, il dermatologo dovrà eseguire una biopsia cutanea prelevando un piccolo campione di tessuto dalla pelle. L’esame microscopico delle cellule della pelle può rivelare la pigmentazione blu-grigia rivelatrice.

Una volta confermata la diagnosi, è possibile adottare misure per evitare ulteriori esposizioni all’argento.

Esiste una cura per l’Argiria?

L’Argiria non ha cure. 

Tuttavia, recenti studi con il trattamento laser, stanno dimostrando di essere promettenti per aiutare a decolorare la pelle. I benefici sono visibili già con il primo trattamento.
L’uso del laser per l’argiria è attualmente comunque limitato. E’ necessaria quindi più ricerca per determinare la sua reale efficacia.

Ecco alcuni suggerimenti che puoi seguire per prevenire ulteriori esposizioni:

  • Se devi lavorare con l’argento, copri la pelle con guanti e altri indumenti protettivi.
  • Evita gli integratori alimentari e le medicine che contengono argento.
  • Evitare cosmetici contenenti argento.
  • Poiché la luce tende ad aumentare la pigmentazione della pelle, usa filtri solari con elevato SFP.
  • Quando sei fuori al sole, copriti la pelle il più possibile.

Conclusioni

L’Argiria non è una condizione pericolosa per la vita. L’argento non è associato a cancro, problemi neurologici o riproduttivi o altri effetti negativi.

La principale preoccupazione per l’argiria è estetica. Per alcune persone, questo può avere un forte impatto emotivo e influire sulla loro qualità della vita.

Se ti senti ansioso o depresso riguardo agli effetti dell’argiria, parlane con il tuo Dermatologo il quale saprà indirizzarti a un terapista o consulente che potrà fornirti un adeguato supporto psicologico.

Redazione di Myskin
Redazione di Myskin
Notizie e aggiornamenti: studi scientifici, tecnologie e dispositivi medici per la rivoluzione digitale in Dermatologia

Scrivimi! Sarò lieto di rispondere alle tue richieste riguardanti l’articolo

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Per approfondire guarda anche:

videomicroscopia melanomavideo
Quando controllo i nei ad un paziente, e utilizzando la metodica della videomicroscopia, che, come sapete si chiama anche epiluminescenza, spesso mi viene chiesto: "dottore, ma come fa a capire se un neo è buono o cattivo?". Ovviamente la risposta più semplice che potrei dare sarebbe: "sa, sono anni e anni di studio". In realtà la curiosità del paziente è...