La piattaforma professionale di Salute Digitale dedicata alla Dermatologia

I coniugi possono aumentare la diagnosi precoce per i pazienti con melanoma

Supervisione scientifica a cura del DOTT. A. MARTELLA

Un nuovo studio afferma che i pazienti con melanoma, se sposati, tendono a essere diagnosticati in stadi precoci e più trattabili rispetto ai pazienti non sposati, o che sono vedovi o divorziati.

I coniugi potrebbero essere in grado di notare sul loro partner nevi sospetti che potrebbero essere sintomo di melanoma, il cancro della pelle più pericoloso. Ancora più importante, è il motivo motivazionale. Secondo i ricercatori, infatti, possono essere i  coniugi a spingere i propri partner a farsi controllare quei nei sospetti.

Non è chiaro perchè il matrimonio potrebbe avere un peso maggiore nella diagnosi di melanoma, dal momento che anche partner non sposati o amici potrebbero notare cambiamenti della pelle. Probabilmente, come sostengono i co-autori di questo studio, le persone sposate hanno più possibilità di notare cambiamenti sulla pelle dei propri partner e sentono di più la responsabilità di mantenerli in salute.

I ricercatori hanno analizzato 52.000 pazienti con melanoma in un database governativo degli Stati Uniti sul cancro che è stato diagnosticato dal 2010 al 2014. Dai dati si è visto che è più probabile che il melanoma, rispetto ad altri tumori della pelle, si diffonda oltre il sito tumorale iniziale verso altri organi, ma tutti i pazienti avevano una malattia localizzata.

Tra i pazienti sposati studiati, quasi il 47% ha avuto i tumori più piccoli, in fase iniziale, rispetto al 43% dei pazienti non sposati, il 39% dei pazienti divorziati e il 32% dei pazienti vedovi.

Solo il 3% dei partecipanti sposati aveva tumori più gravi rispetto a quasi il 10% dei pazienti vedovi. I pazienti sposati erano anche più propensi degli altri a sottoporsi a biopsie di linfonodi vicini, di solito raccomandate per individuare il giusto trattamento.

Lo studio, pubblicato su JAMA Dermatology, riecheggia le precedenti ricerche che hanno scoperto che il melanoma in stadio avanzato che si è diffuso ad altri organi è meno comune nei pazienti sposati.

Il melanoma appare spesso come un nevo deformato, con un diametro più grande di una gomma da matita e può assumere una colorazione con pigmenti neri, marroni, marroni chiaro o bluastri. È legato all’eccessiva esposizione al sole o ai lettini abbronzanti. È anche più comune tra le persone con pelle chiara e quelle con molti nevi.

L’American Cancer Society stima che negli USA quest’anno verranno diagnosticati circa 90.000 casi.

Ad Amanda Palmer, 37 anni, è stato diagnosticato un melanoma nella fase iniziale sette anni fa, dopo che il marito aveva notato un nevo sospetto sulla sua gamba destra e continuava a tormentarla per far si che si facesse visitare da un dermatologo. La Palmer ha riferito che l’intervento chirurgico per rimuovere il cancro e il tessuto circostante le ha lasciato una cicatrice di meno di 10 cm. Oggi si sottopone a frequenti esami della pelle e lei e suo marito eseguono controlli reciproci sulla pelle. Lui le ricorda anche di applicare una crema solare resistente ogni volta che si espone al sole.

Per commentare gli articoli abbonati a Myskin oppure accedi, se sei già abbonato

Le idee di Myskin

In molti ci chiedete: ma che prodotti devo utilizzare? Quale solare scegliere, quale detergente? Come faccio a scegliere ciò che è più giusto per me?

Scopri la lista delle idee di Myskin!

Redazione scientifica di Myskin
Redazione scientifica di Myskin
Articoli, studi scientifici e tecnologie per la rivoluzione digitale in Dermatologia

Desideri gli aggiornamenti di Myskin?

Iscriviti gratuitamente alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti dei dermatologi esperti di Myskin!
Inserisci il tuo indirizzo e-mail.