Melanociti, melanina e melanogenesi: la guida completa

I melanociti sono le cellule che producono le melanine della nostra pelle

Pubblicato il :

Specialista in Dermatologia e Venereologia

Aggiornato il:

I Melanociti sono cellule della cute che derivano dalla cresta neurale da dove migrano nell’epidermide embrionale dopo circa 50 giorni.

Il proto-oncogene c-kit, che codifca per un recettore di membrana con attività Tyr-k intriseca, induce la proliferazione, la differenziazione e migrazione dei melanoblasti che poi diveneranno Melanociti; le cellule che producono le melanine che caratterizzano il colore della pelle di ognuno, quello degli occhi e dei capelli. 

Se si verifica una mutazione a livello del proto-oncogene c-kit si verifica il Piebaldismo una condizione in cui i melanobalsti non sopravvivono per differenziarsi a liovello cutaneo in melanociti.

Dove si trovano i Melanociti?

I Melanociti si trovano a livello dello strato basale dell’Epidermide ma anche a livello delle Leptomeningi, delle ghiandole surrenali, della matrice del capello, delle ovaie e dell’orecchio interno. 

Melanociti e Cheratinociti a livello dell'epidermide
Rappresentazione schematica del Melanocita a livello dello strato basale dell’epidermide con attorno i Cheratinociti

A livello dello strato basale dell’Epidermide si ritrova in media un Melanocita ogni 36 Cheratinociti, tale rapporto viene chiamata Unità Melanica-Epidermica.

I Melanociti a livello della testa e degli avambracci sono presenti in un quantità pari a circa 2000 Melanociti/mm² mentre al resto della superficie del corpo con una densità pari a 1000 Melanociti/mm².

Che forma hanno i Melanociti?

I Melanociti hanno una forma poliedrica, stellare con prolungamenti citoplasmatici che si proiettano dallo strabo basale fin verso lo strato Malpighiano dell’Epidermide.

Hanno un citoplasma chiaro dove sono presenti i melanosomi e l’apparato di Golgi con un citoscheletro caratterizzato dalla presenza della Vimentina e l’assenza dei tonofilamenti.

Il nucleo, invece, è di forma ovale e intensamente basofilo che quando osservato con il microscopio ottico presente anche un alone perinucleare otticamente vuoto che altro non è che un artefatto.

Per osservare i Melanociti al microscopio si possono usare le seguenti colorazioni e/metodiche:

  • impregnazione argentica
  • DOPA reazione che sfrutta la proprietà del substrato melanocitario di attivarsi a contatto con la sostanza DOPA producendo la deposizione di pigmento melanico
  • Anticorpi anti S-100
  • Anticorpi anti HMB45.

I Melanociti non hanno i Desmosomi quale apparato di giunzione cellulare.

Cellula di Melanocita
Melanocita: rappresentazione schematica della sua morfologia

Cosa sonoi Melanosoni?

I melanosomi sono degli organelli citoplasmatici dedicati alla melanogenesi (sintesi di melanina) le cui dimensioni sono determinate geneticamente.

I melanosomi possono essere suddivisi in:

  • Eu-melanosomi che producono l’eu-melanina (melanina scura)
  • Feo-melanosomi che produconi la feo-melanina (melanina chiara)

Melanine: rappresentazione schematica
Rappresentazione dei diversi fototipi dovuti alle melanine chiare (Feomelanine) e a quelle scure (Eumelanine)

I melanosomi con all’interno il pigmento di melanina vengono ceduti dai Melanociti ai Cheratinociti attreverso i dendriti mediante un processo di fagocitosi che porta all’inglobamento di una parte del citoplasma del melanosoma.

Il processo di fagocitosi si svolge attraverso le seguentio fasi:

  1. fusione e rottura delle membrane plasmatiche del melanosoma e del Cheratinocita
  2. esocitosi di un singolo melanosoma
  3. endocitosi da parte del Cheratinocita del melanosoma
  4. protrusione del dendrite melanocitario

A livello dei Cheratonociti i melanosomi sono presenti come organello o aggregati in più unità, circondati da membrana oppure isolati.

Successivamente i melanosomi vengono degradati dai lisosomi dei Cheratinociti.

Cosa è la melanina?

La melanina è un polimero insolubile ad alto peso molecolare sempre legata a proteine strutturali.

Qual è la struttura e le proprietà della melanina?

Esistono 3 diversi gruppi di pigmento melanico

  1. Eu-melanine: pigmenti azotati, neri o bruni insolubili in tutti i solventi che originano dalla polimerizzazione ossidativa di intermedi a struttura indolica
  2. Feo-melanine: pigmenti contenenti azoto e zolfo, rosso-bruno e che sono solubili in alcali. Sono costituite da unità benzo-tiaziniche/tiazoliche
  3. Tricromi: sono una varietà di feo-melanine a basso peso molecolare. Hanno una struttura benzotiazinica, un alto contenuto di Zolfo (11%) ed è un cromoforo pH indipendente. Alcuni autori discutono se quest’ultimi siano realmente presenti, da quali cellule sono prodotte.

Esistono poi delle varianti minori di melanine:

  1. Ossimelanine: pigmenti rossi-gialli a basso contenuto di Zolfo che sono solubili in alcali. Somno semplici varianti strutturali delle Feo-melanine conseguenti alla loro degradazione dopo essere state sintetizzate.
  2. Melanine miste: sono pigmenti che hanno caratteristiche miste
  3. Melanine extra cutanee: sono le neuromelanine di colore nero-marrone. Sono pigmenti granulari intracellulari della Substantia Nigra.

A cosa serve la melanina?

Assorbe e riflette i raggi UV, protegge la pelle dai radicali liberi dell’Ossigeno formati dai raggi UV, in grado di provocare danni di tipo lipo-perossidico alle membrane che potrebbero essere letali per le cellule. Infine, svolge azione di scattering favorendo la dispersione e diffusione dei raggi UV.

A cosa sono dovute le differenze etniche?

Il colore diverso della pelle nelle diverse popolazioni è dovuto alle differenti dimensioni e distribuzione dei melanosomi. Ad esempio la popolazione di colore africana  ha melanosomi grandi e isolati mentre i caucasici li hannopiccoli e riuniti.

La melanogenesi: come avviene la sintesi della melanina?

La sintesi della melanina seguen diversi passaggi biochimici che portano alla produzione delle melanine chiare o di quelle scure.

Lo schema di seguito rappresenta schematicamente i diversi passaggi


Scopri i dettagli del processo della sintesi della melanina

Sintesi Melanina


Il processo di melanogenesi vede il coinvolgimento di diversi enzimi quali:

  • Tirosinasi: glicoproteina contenente Rame che catalizza le prime reazioni che portano alla formazione del Dopachinone
  • TRP (Tirosinasi related protein): che esiste di tipo 1 e tipo 2. Il tipo 1 la DHICA ossidasi ed è una proteina di membrana neutralizzante i radicali liberi e i loro prodotti che si formano nel corso del processo di melanogenesi. Il tipo 2, chiamata anche Dopacromo tautomerasi catalizza la reazione che da Dopacromo porta alla formazione del DHICA
  • Catalasi: inibiscono la sintesi di melanine eliminando perossidi di ossigeno
  • Perossidasi: favoriscono la sintesi di melanine producendo dei perossidi. E’ molto probabile che sfrutti i prossidi formati dai raggi UV per ossidare la melanina.

Che cosa stimola la sintesi di melanina?

Sono gli UV e in particolar modo i raggi UVB che stimolano la moltiplicazione dei melanociti.

Quando la pelle è esposta ai raggi UV aumenta la produzione di radicali liberi dell’ossigeno che determina l’attivazione e la sintesi dei sistemi anti-ossidativi delle cellule favorendo un aumento di disponibilità di Dopachinone e di conseguenza della melanina secondo lo schema sopra riportato.

Tale processo vede coinvolti anche i Cheratinociti, lo squalene del sebo delle ghiandole sebacee e gli ormoni quali:

  • MSHα che stimola la proliferazione dei Melanociti e la sintesi della melanina. MSHα (melanocytes stimulating hormone) deriva dal precursore Propriomelanocortina dalla cui frammentazione  derivano l’ACTH e la β-Lipoproteina. Dall’ACTH deriva MSHα
  • Estrogeni che svolgono un’azione di iper-pigmentazione
  • Idro-cortisone che diminuisce la sintesi della melanina

In che modo si verifica l’abbronzatura?

Il colore della nostra pelle è in parte geneticamente determinato (pigmentazione costitutiva) e in parte facoltativo.

Se il primo è dovuto alle caratteristiche intriseche del soggetto e che caratterizza i diversi fototipi, il secondo è indotto dai raggi UV e caratterizza la nostra abbronzatura durante e dopo l’esposizione al sole.

 


Scopri che fototipo sei

Calcola il tuo fototipo


L’esposizione ai raggi UV induce inizialmente una pigmentazione immediata che si verifica dopo pochi minuti dall’esposizione  ai raggi UV-A e poi una ritardata. 

La pigmentazione indotta immediata è maggiore nei soggetti di pelle scura ed è dovuta all’ossidazione  delle melanine pre-formate o dei precursori cutanei delle melanine che rilasciate subito dopo pochi minuti di esposizione al sole inducono una prima abbronzatura.

La pigmentazione indotta e ritardata invece è una vera e propria melanogenesi che si verifica già dopo 48-72 ore dall’esposizione ed è dovuta sia ai raggi UV-B sia agli UV-A.

L’abbronzatura delle pelle non è altro però che uno dei meccanismi che la nostra cute adotta per evitare i danni dovuti all’esposizione al sole.

In pratica, in seguito all’esposizione al sole il rilascio della melanina pre-formata (pigmentazione immediata) e di quella neo-sintetizzata (pigmentazione ritardata) a livello degli strati superficiali cutanei favorisce la formazione di uno “scudo” più o meno scuro di pigmento che si oppone alla penetrazione dei raggi UV, sia UV-A e UV-B in grado di causare danni diretti e indiretti a livello del DNA delle cellule dello strato basale dell’epidermide, in primis, ma anche del derma.

L’abbronzatura è solo uno dei meccanismi di difesa che la nostra pelle che è in grado anche di:

  • aumentare lo spessore dello strato corneo
  • aumentare la sintesi e attivazione dei sistemi anti-ossidanti per eliminare e neutralizzare i radicali liberi dell’ossigeno
  • produrre acido urocanico che ha un effetto foto-protettore oltre che immuno-soppressiva
  • riparare i danni subitio dal DNA

Approfondimento da non perdere

Il sole e la cute: interazione, danni e conseguenze. La guida completa


 

Desideri chiarimenti sul contenuto dell’articolo? Pubblica il tuo commento! Sarò lieto di risponderti.

Per approfondire guarda anche:

dermatite seborroicavideo
Le cause della Dermatite Seborroiche non sono scontate e sarebbe troppo riduttivo ridurre tutto allo stress. Già gli antichi avevano provato ad individuare i motivi responsabili della Dermatite Seborroica e provo a raccontarlo in questo video
Dott. Alessandro Martella
Dott. Alessandro Martellahttps://www.alessandromartella.it/
Laureato in Medicina e Chirurgia e Specializzato in Dermatologia e Venereologia presso l'Università di Modena e Reggio Emilia. Sono autore di oltre 50 lavori scientifici in Dermatologia. Ho conseguito il Master in Giornalismo e Comunicazione Istituzionale della Scienza presso l'università di Ferrara. Faccio parte del Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana Dermatologi Ambulatoriali (AIDA). Ricopro il ruolo di Direttore Responsabile della Rivista DA 2.0

Lascia un commento per chiedere maggiori dettagli o chiarimenti! Nel rispetto della tua privacy ti invitiamo ad evitare la pubblicazione di informazioni sensibili che possono ricondurre alla tua persona e/o al tuo problema.

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome