Come eliminare i pidocchi: la pediculosi cosa fare

Eliminare i pidocchi sembra veramente una Mission Impossible!

Se sei avvilita per i vari tentativi e rimedi naturali usati hai due sole possibilità:

  1. mollare tutto e lasciare tuo/a figlio/a con i pidocchi
  2. seguire passo passo i miei consigli da dermatologo per eliminare i pidocchi e le uova

Se, come mi auguro, hai scelto dal seconda opzione partiamo e analizziamo punto per punto cosa devi sapere, cosa fare, cosa non fare quando si verificano casi di pediculosi.

Quando sospettare i pidocchi sulla testa di tuo figlio?

Presta attenzione a queste due circostanze:

  1. la mamma di un compagno di scuola ti riferisce di aver trovato i pidocchi e le uova sulla testa di suo figlio. Ebbene, è molto probabile che anche il tuo possa averli e quindi devi assolutamente controllarlo (vedremo tra poco come)
  2. da qualche giorno tuo figlio/a si gratta insistentemente in testa e più specificamente alla nuca e dietro le orecchie. Controllalo! Potrebbe avere i pidocchi.

Come controllare se sono presenti i pidocchi sulla testa di tuo figlio/a?

Procurati un pettine a detti stretti, un panno bianco sufficientemente grande, ad esempio 60 cm X 80 cm e un’ottima illuminazione.

  1. sistema il panno bianco su un piano, ad esempio sul tavolo
  2. assicurati che il panno sia ben illuminato
  3. fai sedere tuo figlio e fagli reclinare la testa fino a toccare quasi con la fronte il panno bianco
  4. inizia a pettinare con il pettine a denti stretti i capelli partendo dalla nuca e senza mai sollevarlo compiere un movimento unico e completo fino alla fronte.
  5. alla fine di ogni passaggio pulisci il pettine a denti stretti passando prima da un lato e poi dall’altro sul panno
  6. controlla che sul panno, oltre ad alcuni capelli che potrebbero essersi staccati, non siano presenti anche i pidocchi (vedremo tra poco come riconoscerli).

Ti consiglio di usare metodo quando passi il pettine a denti stretti tra i capelli di tuo figlio/a partendo da un lato e poi alla fine del primo movimento ricominciare dalla nuca e spostarsi in avanti cercando di avere una minima sovrapposizione con la precedente area pettinata. In questo modo dopo ogni movimento riuscirai a pettinare in maniera omogenea tutta la testa fino al lato opposto da dove hai iniziato.

Quando pettini la testa di tuo figlio tirati su le maniche per evitare che con il contatto con la testa, se ci fossero i pidocchi possano passare sulla tua maglia o camicia.

Terminata questa operazione lava bene il pettine a detti stretti con acqua e sapone; va benissimo se prima lo lasci a mollo in acqua calda saponata per diversi minuti.

Cosa non fare per controllare la presenza di pidocchi sulla testa di tuo figlio

  1. Eseguire il trattamento descritto in bagno e magari con tuo figlio in piedi davanti il lavabo. Se ci fossero dei pidocchi li sparpaglieresti nell’ambiente con il rischio che altri possa essere infestati
  2. Pettinare la testa di tuo figlio con la testa reclinata sul lavabo. Anche in questo caso potresti diffondere i pidocchi nell’ambiente

Come riconoscere i pidocchi?

Eseguita correttamente la procedura per pettinare la testa di tuo figlio/a ti spiego come riconoscere il pidocchio. Ad occhio nudo, un pidocchio su un panno bianco si presenta come un piccolo puntino scuro e sono con un ingrandimento 10X è possibile osservarlo in dettaglio con il corpo allungato e i bordi frastagliati. Ad una estremità è presenta una porzione rotondeggiante sormontata da due minute strutture filiformi, disposte simmetricamente, e simili a due antenne. Al di sotto della testa, tre per lato sono disposte le zampe del pidocchio.

Pidocchio Immegine
Pidocchio immagine

Immagino che, eccezion fatta per gli entomologi, dopo aver pettinato la testa di tuo figlio/a la tua unica preoccupazione è sapere rapidamente se quel puntino piccolo e scuro presente sul panno bianco è oppure non è un pidocchio! Cosa fare? Semplice!

Devi solo schiacciarlo! Puoi farlo con la superficie dell’unghia oppure utilizzando un piccolo oggetto quale la superficie laterale di un coltello che ti permette un controllo fine della posata. Se quel puntino piccolo e scuro è un pidocchio, un volta schiacciato sentirai un chiaro e ben definito schiocco come se fosse un click!

Tale rumore è conseguente allo schiacciamento del corpo del pidocchio che è di consistenza aumentata.

E’ sufficiente la presenza di un solo pidocchio per confermare l’infestazione sulla testa di tuo figlio/a.

Hai trovato un pidocchio e adesso? Cosa fare?

Keep calm e continua a pettinare, perché se ce ne fossero altri tale rimozione meccanica con il pettine è già da considerarsi trattamento.

Terminata la fase delle pettinatura è il momento di trattare di capelli.

Quali i rimedi per eliminare i pidocchi e le uova?

L’uso improprio negli anni di shampoo e lozioni per eliminare i pidocchi ha fatto si che essi sviluppassero resistenze, motivo per cui oggi non rispondo più a tali trattamenti chimici.

Cosa fare?

Consiglio di usare spray che contengono attivi siliconi in grado di soffocare i pidocchi e le uova attraverso un meccanismo fisico e non chimico.

Spruzzare il prodotto in maniera omogenea su tutto il cuoio capelluto assicurandosi che ogni singola ciocca di capelli sia intrisa di prodotti. Per assicurasi di distribuirlo omogeneamente, una volta spruzzato, massaggiarlo come le mani sul cuoio capelluto assicurandovi di inumidire soprattutto la nuca e la regione retro-auricolare.

Lasciare in posa per 30-60 minuti.

Lavatevi le mani se avete massaggiato il cuoio capelluto.

Il prodotto a questo punto è in grado di formare una pellicola tutto intorno agli eventuali pidocchi e uova presenti soffocandoli.

Dopo 30-60 minuti dovete ripetere la stessa procedura di pettinare con il pettine a detti stretti, come avete fatto prima, la testa di vostro figlio. Se mai ce ne fossero ancora, quelli trovati saranno pidocchi morti.

Solo a questo punto è possibile lavare i capelli per rimuovere lo spray applicato. Di solito sono necessari più lavaggi  per eliminare quella sensazione di unto tipica dovuta allo spray utilizzato.

Cosa non fare per eliminare i pidocchi?

  1. usare rimedi naturali come l’aceto di mele non serve a niente. E’ solo una perdita di tempo, un lusso che non puoi assolutamente permetterti
  2. usare sistematicamente shampoo o lozioni per prevenire l’infestazione da pidocchi. Non serve a nulla! Se non hai letto bene lo riscrivo: Non serve a nulla! Tale approccio oltre ad essere inefficace nel tempo, che scritto sopra ha fatto si che i pidocchi diventassero resistenti a tali trattamenti
  3. eseguire lo shampoo e la lozione quando sono presenti i pidocchi. Non funziona per i motivi appena citati. E’ necessario seguire passo per passo i vari passaggi altrimenti tuto sarà vano.

I passaggi descritti suggerisco di reperti 1 volta al giorno per 1 settimana e poi nuovamente dopo una settimana di sospensione ancora per 7 giorni. Dovete sapere che il tempo di schiusa di una lendine (uova del pidocchio) è di 7 giorni e quindi se mai l’ultimo giorno di trattamento ne fosse sfuggita una avremmo la certezza di trattarla con il secondo ciclo di cura.

Infine, mi raccomando lavate in lavatrice il panno bianco che avete usato per controllare la presenza di pidocchi sulla testa di vostro figlio.

Adesso scusatemi ma scrivere questo post mi ha fatto venire prurito alla testa! Vado controllarmi per escludere che non li abbia anch’io!

Per commentare gli articoli abbonati a Myskin oppure accedi, se sei già  abbonato

Le idee di Myskin

In molti ci chiedete: ma che prodotti devo utilizzare? Quale solare scegliere, quale detergente? Come faccio a scegliere ciò che è più giusto per me?

Scopri la lista delle idee di Myskin!

Dott. Alessandro Martella
Dott. Alessandro Martella
Ciao, trovi le informazioni sulla mia attività di Dermatologo qui. Sono l'ideatore, fondatore e responsabile di Myskin, la piattaforma che stai consultando e autore di oltre 50 lavori scientifici in Dermatologia. Attualmente sono il Presidente dell'Associazione Italiana Dermatologi Ambulatoriali (AIDA). e il Direttore Responsabile della Rivista DA 2.0Sono anche Co-editors della Rivista Scientifica JPD.

Desideri gli aggiornamenti di Myskin?

Iscriviti gratuitamente alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti dei dermatologi esperti di Myskin!
Inserisci il tuo indirizzo e-mail.

Potrebbe Interessarti