Focus on: crema viso e corpo, sapone, shampoo, deodorante

Aggiornato il :

Pubblicato il :

Specialista in Dermatologia e Venereologia

Specialista in Dermatologia e Venereologia

Fanno parte della nostra quotidianità. Solo al mattino ne utilizziamo 5 o 6 prima di uscire di casa. Durante il giorno arriviamo ad impiegarne più di 10.

Dentifricio, sapone, deodorante, crema viso, make up, schiuma da barba, shampoo, crema corpo.

Eppure nell’immaginario collettivo sono considerati superflui, accessori, frivoli, eccessivi, poco utili, «cose da donne».

In realtà i cosmetici ci aiutano a sentirci a nostro agio con noi stessi e con gli altri (pensiamo all’importanza sociale del deodorante!), e sono preziosi alleati per la nostra salute (come il dentifricio o lo schermo solare).

Sempre più spesso accanto al termine «cosmetico», negli ultimi anni si legge il termine «cosmeceutico» oppure «dispositivo medico». Cerchiamo di vederci un po’ più chiaro e sopratutto di capire le interazioni possibili tra questi prodotti e il farmaco vero e proprio.

- Pubblicità -

Nei precedenti post abbiamo imparato a conoscere la definizione di Cosmetico secondo il Regolamento sui cosmetici dell’ Unione Europea. Esso è  definito come: «qualsiasi sostanza o miscela destinata ad essere applicata sulle superfici esterne del corpo umano (epidermide, sistema pilifero e capelli, unghie, labbra, organi genitali esterni) oppure sui denti e sulle mucose della bocca allo scopo esclusivamente o prevalentemente di pulirli, profumarli, modificarne l’aspetto, proteggerli, mantenerli in buono stato o correggere gli odori corporei».

crema tubetti

Il termine cosmeceutico (o dermocosmetico) invece, è stato inventato circa 50 anni fa in Francia da Pierre Fabre e viene impiegato per indicare un prodotto cosmetico che, secondo l’azienda produttrice, possiede una spiccata funzionalità cosmetica nel mantenere in buono stato la cute.

Non esiste una definizione giuridica dei prodotti «dermocosmetici» tuttavia ne esiste una definizione «consensuale» da decisioni della giustizia francese ed europea.

Questi prodotti cosmetici sono rivolti a persone che soffrono di specifici problemi a cute e capelli e sono prevalentemente consigliati in sedi «tecniche» come la Farmacia o l’Ambulatorio Medico. Sono prodotti per la cui vendita è necessaria la presenza di personale laureato in Farmacia o di un professionista della salute di livello universitario equipollente (in Italia si parla di Informatore Cosmetico Qualificato).

Per Farmaco si intende qualsiasi sostanza o associazione di sostanze che ha la capacità di curare o prevenire le malattie. Ha lo scopo di ripristinare, correggere o modificare funzioni fisiologiche, attraverso un’azione farmacologica. Il farmaco ha inoltre azione preventiva e profilattica.

Il dispositivo medico, invece, è qualsiasi strumento, impianto o sostanza, impiegato a scopo di diagnosi, prevenzione, controllo, terapia o attenuazione di una malattia o di un problema. A differenza del farmaco, non ha attività farmacologica.

Né per il farmaco né per il dispositivo medico esistono delle limitazioni in merito alla sede di applicazione e alla forma di somministrazione.

Vediamo nella tabella le principali caratteristiche a confronto.

COSMETICOCOSMECEUTICO O DERMOCOSMETICODISPOSITIVO MEDICO (DM)FARMACO
può essere applicato solo sulle superfici ESTERNE del corpopuò essere applicato solo sulle superfici ESTERNE del corpopuò essere applicato sia sulle superfici ESTERNE del corpo che iniettato o assunto per boccapuò essere applicato sia sulle superfici ESTERNE del corpo che iniettato o assunto per bocca
non cura, si limita a mantenere in buono stato, proteggere, pulire, profumarenon cura, serve a mantenere in buono stato, proteggere, pulire.ha azione di diagnosi, prevenzione, controllo e terapia o attenuazione di malattia o problematicaripristinare, correggere o modificare funzioni fisiologiche, azione preventiva e profilattica.  
non ha azione farmacologicanon ha azione farmacologicanon ha azione farmacologicaha azione farmacologica
può svolgere una azione preventiva di malattiapuò svolgere una azione preventiva di malattiasia preventivo che curativopreventivo, curativo
può essere venduto in normali negozi (supermercati, erboristerie, centri estetici, parrucchieri)può essere venduto in Farmacia o parafarmacia in cui sia presente personale laureato in farmacia o titoli universitari equipollenti.può essere venduto in Farmacia o parafarmacia in cui sia presente personale laureato in farmacia o titoli universitari equipollenti.venduto in Farmacia, solo alcuni tipi possono essere venduti in parafarmacia (farmaci senza obbligo di prescrizione medica)
rivolto a tutti i consumatoririvolto soprattutto a persone con particolari problematiche (allergie, dermatiti…)rivolto a persone con particolari problematiche (allergie, dermatiti…) o malattierivolto a persone affette da malattie
esempio: dentifricio comune, shampoo comune, deodorante comuneesempio: dentifricio per denti sensibili, shampoo antiprurito, deodorante astringentiesempio: filler (DM iniettabile); misuratore pressione arteriosa (DM diagnostico); creme specifiche (DM)esempio: crema cortisonica, antibiotico, compresse antivirali…

In termini ancora più semplici, ciò che distingue il cosmetico dal farmaco è che la normativa europea prevede che il farmaco sia sottoposto sia a test sull’innocuità che sull’efficacia, mentre per il cosmetico è imposto solo il test sull’innocuità. Quindi il farmaco deve essere efficace nella guarigione di una malattia, senza essere lesivo per la cute, mentre al cosmetico non è richiesta alcuna efficacia, ma solo che non sia lesivo.

- Pubblicità -

per il tuo problema

Scrivimi! Sarò lieto di risponderti (il tuo indirizzo email non sarà pubblicato)

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Per approfondire guarda anche:

Pitiriasi Rosea di Gibert - diagnosi e terapiavideo
La Pitiriasi Rosea di Gibert è una malattia comune spesso confusa...