Il concetto di gravità della Psoriasi deve tener conto secondo noi, dermatologi on line di Myskin, di due aspetti:

  • la gravità in senso stretto della malattia
  • le ripercussioni sulla qualità di vita del paziente

Per valutare l’entità della malattia, ovvero come si manifesta sulla pelle, si usa il PASI mentre per indagare la qualità della vita esistono diversi questionari, alcuni dei quali particolarmente complessi. Noi dermatologi online di Myskin abbiamo ideato il protocollo Grave per valutare l’impatto della Psoriasi a placche (Psoriasi volgare) ma anche delle altre varianti cliniche sul vissuto della persona.

Entrambi i sistemi pur basandosi su valutazioni soggettive e non riproducibili sono fondamentali per contestualizzare ogni caso di Psoriasi.

psoriasi_plantare

Cosa è il PASI?

Il PASI è l’acronimo di Psoriasis Area Severity Index e rappresenta un sistema per quantificare la Psoriasi. Per farlo il dermatologo valuta la percentuale della superficie cutanea interessata, osservando quanto è esteso l’arrossamento. Poi valuta anche l’entità della desquamazione presente e il grado di infiltrazione delle placche.

L’indice del PASI può variare da 0 (assenza di malattia) a 72 (Psoriasi grave)

Una volta quantificato il PASI è importante per monitorare nel tempo il decorso della malattia magari durante la terapia della Psoriasi.

Cosa sono i questionari sulla qualità della vita?

Sono questionari finalizzati ad indagare la qualità di vita del paziente con Psoriasi. Consistono in una serie di domande che rivolte dal medico al paziente con Psoriasi aiutano a valutare l’impatto della mallatia sulla persona.

Ne esistono diversi alcuni particolarmente complessi e articolati quando invece a nostro personale parere dovrebbero essere semplici e di facile somministrazione.

Proprio per questo abbiamo ideato e realizzato il protocollo GRAVE di Myskin.

Cosa è il protocollo GRAVE di Myskin?

Il protocollo GRAVE di Myskin mira a valutare i seguenti aspetti sulla qualità di vita del paziente con Psoriasi:

  • G – inquadramento generale della Psoriasi
  • R – impatto della Psoriasi sulle relazioni
  • A – impatto della Psoriasi sulle attività
  • V – impatto della Psoriasi sul vissuto della persona
  • E – evoluzione o storia naturale della Psoriasi

Indagando la qualità di vita di una persona con Psoriasi può emergere che l’impatto della malattia sulla persona non sempre è direttamente proporzionale all’entità e all’estensione delle macchie e delle placche cutanee presenti sul corpo.

Per questo motivo potrebbe capitare che una Psoriasi, ad esempio, diffusa su tutto il tronco e gli arti inferiori potrebbe impattare meno sulla qualità di vita del paziente, perché potrebbe nasconderla sotto i vestiti, rispetto alla presenza delle placche alle mani o al viso.

Soppesare contestualmente l’entità della malattia e il suo impatto sulla qualità della vita della persona è un compito importante del dermatologo per poter poi consigliare l’approccio terapeutico individuale più idoneo perché è stato dimostrato che, ove presente, il miglioramento delle manifestazioni cutanee migliora anche la qualità di vita della persona.

"Crediamo che
ogni problema
di pelle
debba avere
la sua soluzione"

CONSULTO ONLINE

con il dermatologo
Dermatologo Alessandro Martella
Sono un dermatologo ed ho pubblicato quasi 50 lavori scientifici. Ho conseguito il Master in Giornalismo e Comunicazione Istituzionale della Scienza e sono il responsabile della rivista elettronica Dermatologia Ambulatoriale 2.0, organo ufficiale di comunicazione di AIDA (Associazione Italiana Dermatologi Ambulatoriali) della quale faccio parte, quale componente del Consiglio Direttivo, dal 2013. Nel 2017 ho conseguito anche il Master in Healthcare Marketing.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome