Asportazione chirurgica, laser o azoto liquido? Quale il trattamento migliore per eliminare le verruche volgari?

Chi ha avuto l’esperienza di una verruca sa benissimo che la possibilità di una recidiva è dietro l’angolo. Colpa del trattamento medico incongruo precedentemente eseguito?

Sulla base di che cosa un dermatologo valuta il trattamento migliore da eseguire?

Cause responsabili della comparsa della verruca sulla pelle

La verruca volgare è un infezione virale, dovuta ad un piccolo virus delle dimensioni pari a circa un millesimo di millimetro, appartenente alla famiglia degli HPV.

Una persona contrae l’infezione solo se si verificano diverse condizioni:

  • alterazione della funzione barriera della pelle in seguito a piccole ferite o abrasioni, anche se superficiali
  • frequentazione di ambienti umidi (ad esempio piscina) che più facilmente favoriscono la macerazione della pelle
  • immunodepressione, ovvero un abbassamento delle difese cutanee, che può manifestarsi dopo un terapia antibiotica oppure in seguito ad altre patologie

La presenza di una o di poche verruche viene considerata un evento occasionale. Al contrario, quando si manifestano contemporaneamente più verruche, ad esempio diffuse su tutto il palmo o la pianta del piede oppure localizzate in diverse aree del corpo, esclusa l’autoinoculazione, deve essere indagata la presenza di malattie che possono aver compromesso la funzionalità del sistema immunitario quali l’epatite o l’infezione da HIV.

Metodo di trattamento migliore per eliminare le verruche

Qualunque sia il metodo utilizzato dal dermatologo l’obbiettivo è la cauterizzazione o la rimozione della cute infettata dal virus. Pertanto, teoricamente l’asportazione chirurgica, il laser o l’intervento con azoto liquido sono ugualmente efficaci; nella pratica quotidiana però la scelta di utilizzare una tecnica rispetto ad un’altra è determinata da:

  • Sede dell’infezione
  • Numero delle manifestazioni
  • Età del soggetto
  • Attività lavorativa della persona
  • Stato di salute del paziente

Ad esempio, un infezione di piccole dimensioni, localizzata all’angolo delle labbra, sarà rimossa con un intervento chirurgico in anestesia locale, mentre la stessa tipologia di lesione in sede palmo-plantare con l’azoto liquido. Infine, se localizzata in altri distretti corporei con il laser.

Rilevante anche l’esperienza e la familiarità del professionista con le singole metodiche nonché la disponibilità in studio di una determinata tecnica.

L’asportazione chirurgica o la cauterizzazione della verruca esita sempre con la formazione di una ferita, suturata con i punti solo in caso di intervento chirurgico, di forma circolare o ovale e dimensioni pari o leggermente superiori a quella della verruca rimossa.

Solo nel caso in cui sia stato impiegato l’azoto liquido, a distanza di qualche giorno dal trattamento compare una bolla al posto della verruca che tende a rompersi spontaneamente in seguito all’aumento della pressione interna del liquido.

Dopo la rottura della bolla, evitare di rimuovere la pelle flaccida che ricopre la ferita perché rappresenta una naturale protezione importante per prevenire eventuali infezioni.

La presenza della ferita è un chiaro ed evidente segno di alterazione morfologica e funzionale della cute che in quel punto ha una probabilità elevata di ripresentare la stessa infezione virale se non vengono rispettate alcune condizioni:

  • Medicazioni sterili
  • Evitare il contatto con l’acqua
  • Evitare di detergere con saponi

Solo quando il dermatologo accerterà la completa guarigione della ferita, ovvero il ripristino della normale integrità cutanea sarà possibile riprendere il normale stile di vita.

Consulto online

Risposta entro 5 ore

26 Commenti

  1. Buon giorno Dottore ,

    Ho avuto una verruca dolorosissima sotto il tallone che mi é stata cauterizzata, si é formato a detta del dermatologo un callo che é altrettanto doloroso, é stata fatta una asportazione “superficiale” con bisturi ma non ha risolto nulla la parte é estremamente sensibile camminare é una tortura, al tatto si sente come una sfera dura e alla pressione é molto dolorosa, quale intervento definitivo mi consiglia? Grazie

    • Ciao,
      prima di tutto è importante avere la certezza che la Verruca sia stata eliminata del tutto. Se fosse ancora presente è necessario intervenire perché la causa del dolore e dell’ispessimento descritto potrebbe essere dovuto proprio alla verruca. Invece se fosse stata eliminata del tutto può capitare che in fase di guarigione si possa formare un ispessimento che comprimendo le strutture sottostanti reac dolore e difficoltà nella deambulazione.

      Anche in questo caso è necessario intervenire per rimuoverlo e per farlo è possibile usare prodotti cheratolitici, ovvero in grado di creare un azione esfoliante direttamente o indirettamente tramite azione caustica chimica.

      Ad ogni modo in entrambi i casi ti consiglio di consultare il tuo dermatologo per avere certezza della diagnosi prima e di conseguenza suggerimenti mirati sul tipo di approccio individuale in base al tuo problema specifico.

    • Ciao Giovanni,
      prima di tutto è necessario avere la conferma che effettivamente si tratta di Verruca e non di altro.
      Poi in base all’entità del problema si possono valutare, e sono possibili, diverse possibilità che spaziano dal trattamento domiciliare, utilizzando sostanze cheratolitiche a base di Urea ad alta concentrazione, oppure Acido Salicilico o lattico, oppure un trattamento dermatologico tramite asportazione chirurgica, azoto liquido o laser

  2. Salve dottore, sto provando a togliere numerose verruche sulle mani da ormai 1 annetto e più. Ho provato con l’acido salicilico, duofilm, azoto liquido (diverse sedute) e adesso sono alla seconda seduta con il laser e sto aspettando che le ferite si rimarginano (le tengo disinfettate con il neomercuriocromo). La situazione è in pratica la stessa, si sono solo ingrandite e moltiplicate dall’inizio. Esistono altri trattamenti più efficaci? Conosco anche la possibilità di fare un vaccino (un dermatologo all’estero mi ha passato un articolo di letteratura con buoni risultati), ma qua in Italia sembra che non si faccia. Consigli?
    La ringrazio anticipatamente

    • Ciao Giammarco,
      nel tuo caso è necesario valutare attentamente le seguenti condizioni per cercare di capire la mancata risoluzione del tuo problema di Verruche:
      – capire se tutte le Verruche sono state trattate per eveitare che ne rimanga una opiù di una che poi possono infettare nuovamente le zone trattate
      – valutare se quando vengono trattate sono eliminate del tutto oppure se rimangono in parte e quindi di conseguenza di riformano
      – se le medicazioni eseguite a casa vengono fatte in maniera sterile evitando bagnare e sporcare le zone trattate
      – valutare se le Verruche sono presenti anche nelle persone che vivono insieme a te o al tuo partner

  3. Sono stata da dermatologo 2 giorni fa,e ho tolto una verruca nell’indice della mano destra. La ferita è profonda. Cosa posso fare per guarite presto la ferita? Quanto tempo ci vorrà?

  4. Buongiorno dottore, io ho I a verruca al lato del pollice del piede. Mi è stato consigliato di utilizzare come prodotto il duofilm con il penello una volta alla serata. La parte superficiale era dura Co. E u callo è con il prodotto dopo 1 settimana si è tolto ma la verruca io la vedo ancora li. Sto continuando con il prodotto ma secondo lei devo intervenire on altro modo. Mi porta poco dolore ma attorno cmq rimane anche Infiammato. Grazie Luca.

    • Ciao Luca,
      credo che dopo 1 settimana di trattamento è poco probabile che tu sia riuscito ad eliminare la Verruca mentre è molto probabile che si sia staccata solo la parte superficiale e, come anche tu hai scritto, la parte più profonda è ancora lì.

      Se così fosse, potresti continuare ad usare il prodotto che ti è stato consigliato fino a quando immagino il tuo dermatologo non ti ha fissato l’appuntamento per il controllo.

  5. Salve dottore,
    Tre giorni fa mi è stato effettuato il laser su una verruca periungueale vecchia circa 4 anni con relativa rimozione del margine. A distanza di tre giorni ho molto dolore e non riesco a portare le scarpe e sono costretta a camminare sul tallone per evitare l appoggio. Il dermatologo ha detto che avrei potuto riprendere l attività lavorativa già dal giorno dopo nonostante le scarpe antinfortunistiche. In realtà questo non mi è possibile proprio per il dolore che le ho descritto. La parte è ancora molto gonfia e arrossata. Le risulta normale tutto ciò? Voglio dire, è un decorso regolare o forse dovrei ricontattare il medico? La terapia è disinfezione e gentalyn crema.

    • Ciao Letizia,
      ho letto la tua storia ed è importante valutare se può essere una normale conseguenza dell’intervento, data la sede, oppure se per qualche motivo non è subentrata un’infiammazione e/o infezione tale da infuire con la tua qualità di vita e professionale.
      Ti suggerisco di farlo presente al tuo dermatologo che conoscendo il caso specifico, potrà prima di tutto visitarti e poi esprimere un giudizio mirato sull’accaduto.

  6. Buongiorno. Ieri ho rimosso una verruca con il laser ma alla sera si é formata una bolla d acqua. E meglio se la lascio li o magari tolgo l acqua format con un ago sterile?

    • Ciao Emanuele,
      a volte si riassorbono da sole e se non lo dovessero fare prima di provare ad usare aghi o altro sentirei sempre il parere del proprio dermatologo che eesenso intervenuto conosce dettagliatamente il tuo problema.

      Da un punto di vista teorico condivido la loro rottura ma lasciando poi il tetto della bolla a protezione della zona sottostante.

  7. Salve dottore, è da quasi 3 anni che ho molte verruche piane sulle ginocchia non mi hanno mai dato fastidio, ho provato molti trattamenti per eliminarle con creme, pastiglie per il sistema immunitario e altro, poi un giorno quest’estate sono andato in piscina e sono stato parecchio al sole mi sono quasi bruciato, da quel giorno le verruche hanno incominciato a prudermi e comunque a diventare ancora di più, finalmente mercolddì ho la seduta e il dermatologo mi ha detto che me le elimina con l’azoto liquido e volevo chiederle;
    quante verruche si posso trattare con una seduta di azoto liquido?
    Come faccio ad evitare che le verruche siano recidive?
    Grazie dottore

  8. Buonasera dottore,
    mi sono accorta di avere una verruca plantare e oggi pomeriggio mi è stata consigliata una prima visita chirurgica per la sua asportazione.
    Le volevo chiedere quanto tempo mi ci potrebbe volere per la riabilitazione e se sarebbe meglio aspettare la fine dell’estate per l’operazione, prendendo in considerazione le mie vacanze che inizieranno fra un mese ed il mio ritorno previsto per i primi di settembre.
    La ringrazio

    Francesca

    • Ciao Francesca,
      domanda legittima alla quale è possibile rispondere correttamente solo dopo aver preso visione dell’entità della verruca e di conseguenza del tempo che verosimilmente dovrebbe essere necessario per una guarigione della ferita.
      In altre parole se la verruca fosse piccola lo sarà anche la ferita che guarirà in pochi giorni mentre se fosse grande lo ssarà anche la ferita che per guarire richiederà più tempo.

      A queste valutazioni devi considerare anche tra quanto tempo di fisseranno l’appuntamento per l’asportazione.

      Ad ogni modo parlane direttamente con il tuo medico per una valutazione mirata.

  9. Salve dottore, le scrivo perchè penso di avere una verruca sul viso, vicino lo zigomo sinistra, nelle ultime 2-3 settimane sta aumentando di misura, mi può consigliare da chi farmi seguire e quale trattamento eseguire?
    Grazie anticipatamente

  10. Buon pomeriggio dottore…15 giorni fa ho tolto 5 verruche plantari… tutte vicine e una piuttosto grande… all inizio l ho curata con mercurio cromo e gentalin beta.. dietro consiglio del mio medico e guardia medica devo usare solo betadina..mi sta torturando xché posso mettere solo infradito e ancora oggi nn riesco ad appoggiare il piede a terra…le lascio immaginari i problemi con la postura e l’altro piede… diagnosi di oggi del mio medico ulcera della pianta del piede ecc ecc…ma è mai possibile che sto messa così male dopo 15 g? Sarà che il mio lavoro mi costringe a stare in piedi 8 ore? Grazie mille

    • Ciao,
      si certo può capitare!
      Nel suo caso erano presenti ben 5 verruche ed è molto probabile che in seguito al trattamento sia comparsa una ferita importante che inevitabilmente richiede del tempo per poter guarire perfettamente. A volte potrebbero necessari anche 20-30 giorni

  11. Buongiorno, ho delle verruche plantari da diversi anni non mi fanno male ma dopo aver visto il podologo e due diversi dermatologi mi consigliano di intervenire. Ho iniziato con acidi per poi passare a creme ho fatto 4 volte la crioterapia e oggi farò per la terza volta il laser. Il laser è stato l’unico trattamento un minimo efficace. Ma le verruche sono sempre lì. Le aveva anche mia figlia ma le sue con il laser sono andate via. Ho preso anche pastiglie per il sistema immunitario. Cosa posso ancora tentare?

    • Ciao Emanuela,
      prima di tutto mettiamo in chiaro che le cure per eliminare le verruche non devono essere tentate ma eseguite affinchè siano efficaci per poterle eliminare.
      Nel suo caso specifico è necessario capire come somo stati eseguiti i trattamenti e soprattutto se successivamente le medicazioni sono state eseguite in maniera tale da evitare possibili sovrainfezioni.

      Fatte queste premesse, per manifestazioni importantio come quelle che hai descritto credo che solo l’intervento del dermatologo, disposto a dedicarsi, possa essere risolutivo

  12. Salve dottore, mi sono state tolte due verruche giorno 18 Aprile 2018.. Erano entrambe nel pollice della mano destra, una era lì da circa due anni e l’altra da qualche mese.. Dopo una visita chirurgica il dottore ha deciso di fare un intervento laser e toglierle tutte e due.
    Oggi a distanza di 3 mesi sono ricompare più grandi di prima.. E quella che in principio era molto piccola adesso è più grande dell’altra! Che cosa mi consiglia di fare dato il fatto che non posso più rivolgermi al chirurgo che mi ha operato?

    • Ciao Giombattista,
      può capitare che dopo il trattamento le verriche possano recidivare e quando ciò si verifica è necessario capirne i motivi. E’ fuori dubbio che dovrai farti visitare da un dermatologo per capire cosa sia più opportuno eseguire per eliminarle

LASCIA UN COMMENTO!
Nel rispetto della tua privacy ti invitiamo ad evitare la pubblicazione di informazioni sensibili che possono ricondurre alla tua persona e/o al tuo problema.
Per chiedere un parere personale e riservato ti segnaliamo il CONSULTO ONLINE CON IL DERMATOLOGO.

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome