La piattaforma professionale di Salute Digitale dedicata alla Dermatologia

Il mistero dell’allergia ai prodotti per la cura della pelle

Supervisione scientifica a cura del DOTT. A. MARTELLA

In questo articolo la dottoressa Zoe Diana Draelos, caporedattore medico di Dermatology Times®, discute le allergie da prodotti per la cura della pelle e come prevenire le reazioni avverse.

In che modo i produttori testano i prodotti cosmetici per la dermatite da contatto irritante e allergica?

La maggior parte dei prodotti acquistati dai consumatori sarà stata testata dal produttore per possibili allergie e irritazioni. Lo Human Repeat Insult Patch Test (HRIPT) è lo standard del settore per i test sui nuovi prodotti.

Se vengono eseguiti i test, in che modo i prodotti problematici entrano nel mercato?

La risposta sta nel capire come viene condotta l’HRIPT. Un cerotto con il prodotto in esame viene posizionato sulla parte superiore della schiena di un partecipante allo studio e cambiata ogni lunedì, mercoledì e venerdì per 3 settimane. Al partecipante viene quindi concesso un periodo di riposo e una nuova fase di test. Di solito, viene applicato anche un cerotto di controllo negativo che non contiene nulla e un cerotto di controllo positivo che contiene sodio laurilsolfato posizionato sulla parte superiore della schiena del partecipante.

Sfortunatamente, questo tipo di test ha dei limiti. Ad esempio, la parte superiore della schiena ha una delle pelli più spesse e resistenti del corpo. La pelle sulla schiena potrebbe non reagire, ma la pelle intorno agli occhi può mostrare irritazione. Non è possibile eseguire il patch test intorno all’occhio, quindi la schiena funge da zona di test. Un’altra limitazione di HRIPT è la selezione del target dei tester. Nel tempo, la maggior parte dei centri di ricerca da contratto sviluppa un insieme di partecipanti con una pelle robusta. Come si può immaginare, un partecipante che ha avuto un esito negativo probabilmente non si offrirà più volontario. Inoltre, molti dei centri HRIPT si trovano vicino ai campus universitari e utilizzano giovani con pelle sana. Tutti questi fattori limitano la sensibilità dell’HRIPT e potrebbero non rivelare problemi che sorgono nella popolazione generale.

In che modo bisognerebbe testare i cosmetici per prevenire reazioni avverse?

Semplici test a casa possono prevenire problemi generali di irritazione del viso con i nuovi cosmetici.

È facile insegnare ai pazienti con pelle sensibile come condurre il test. Basterà applicare una piccola quantità di cosmetico nella fossa antecubitale per 7 notti consecutive prima di coricarsi. Se non si presentano problemi, il prodotto può essere applicato sull’orecchio posteriore per 7 notti consecutive prima di coricarsi. Se non ci sono ancora problemi, il paziente può applicare il prodotto sul viso, evitando gli occhi, per 7 notti. Se non si verificano irritazioni o allergie, il prodotto può essere applicato su tutto il viso.

In caso di problemi, il paziente può eseguire un patch test più formale sotto la direzione del dermatologo. Questo metodo di prova esamina solo le formulazioni finali e non rileverà allergie a ingredienti specifici.

Quali ingredienti nei prodotti cosmetici hanno maggiori probabilità di produrre dermatite da contatto irritante?

Gli emulsionanti sono le sostanze più irritanti presenti nei prodotti cosmetici. Si trovano in tutte le formulazioni che contengono ingredienti idrofili (che amano l’acqua) e idrofobici (che odiano l’acqua). La maggior parte dei prodotti cosmetici sono emulsioni olio in acqua in cui l’olio viene emulsionato nella fase acquosa dominante a concentrazione più elevata. Queste emulsioni tendono a lasciare meno residui sulla pelle e di conseguenza si asciugano più velocemente man mano che l’acqua evapora.

Gli emulsionanti sono fondamentalmente detergenti che impediscono la separazione dell’olio e dell’acqua. Tutti gli idratanti in emulsione olio in acqua contengono piccole quantità di detergenti che emulsionano anche i lipidi intercellulari e il sebo. È qui che si verifica la rottura della barriera e inizia l’induzione dell’irritazione. Fortunatamente, la concentrazione dell’emulsionante è solitamente piccola e accuratamente selezionata per evitare questo problema. Per le persone con pelle estremamente sensibile, è meglio consigliare una crema idratante priva di emulsionante. Queste sarebbero formulazioni di unguenti che non contengono acqua. Sebbene non siano esteticamente gradevoli come le lozioni in emulsione olio in acqua, non provocano dermatiti da contatto irritanti.

Il secondo ingrediente problematico più comune nelle creme idratanti è il conservante. Tutti gli idratanti contenenti acqua devono contenere un conservante perché l’acqua supporta la crescita microbica. I conservanti non sono ingredienti delicati sulla pelle; il loro unico ruolo è uccidere i batteri. Gli unguenti che non contengono acqua non hanno bisogno di avere alte concentrazioni di conservanti e possono aver bisogno solo di antiossidanti per prevenire l’ossidazione dei lipidi con conseguente irrancidimento. Anche in questo caso, un unguento è la scelta migliore per evitare problemi in pazienti con pelle estremamente sensibile.

spot_img

Per commentare gli articoli abbonati a Myskin oppure accedi, se sei già abbonato

Le idee di Myskin

In molti ci chiedete: ma che prodotti devo utilizzare? Quale solare scegliere, quale detergente? Come faccio a scegliere ciò che è più giusto per me?

Scopri la lista delle idee di Myskin!

Redazione medico-scientifica di Myskin
Articoli, studi scientifici e tecnologie per la rivoluzione digitale in Dermatologia.

Desideri gli aggiornamenti di Myskin?

Iscriviti gratuitamente alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti dei dermatologi esperti di Myskin!
Inserisci il tuo indirizzo e-mail.

spot_img