Nevo Displastico: monitoraggio e trattamento

I nei displastici sono molto comuni ma sono nei pericolosi?

Pubblicato il :

Aggiornato il:

Nevi displastici

Dalla loro caratterizzazione originale di Clark e colleghi nel 1978[1] i nevi displastici sono sempre al centro del dilemma se considerarli come nei pericolosi data la loro posizione nell’area grigia tra nevi melanocitari benigni e melanoma maligno. Anche la loro tipizzazione istologica è oggetto di dibattito, con alcuni patologi che preferiscono evitare il sistema di classificazione comune di atipia lieve, moderata o grave. [2]

I nevi displastici sono tumori melanocitari benigni contenenti popolazioni clonali di melanociti iperproliferativi. A rigor di termini, il nevo displastico è una diagnosi istologica, caratterizzata da disordine architettonico e atipia citologica. “Nevo atipico” è il correlato clinico, caratterizzato dai classici criteri ABCD di asimmetria, irregolarità del bordo, colore non uniforme e dimensione > 6 mm.

I nevi displastici sono comuni nelle persone di discendenza dell’Europa settentrionale, con stime di prevalenza che vanno dal 7% al 24%. [3] Anche se i nevi displastici possono progredire nel melanoma cutaneo, la maggior parte non ha le caratteristiche genetiche delle mutazioni del melanoma cutaneo, come CDKN2A, TP53, NF1, RAC1 e PTEN .[4]

La trasformazione maligna del nevo displastico nel melanoma cutaneo è rara, con uno studio che stima un tasso di trasformazione displasia nevoso-melanoma di 1 su 30.089 nevi negli uomini e 1 su 39.809 nevi nelle donne. [5] Nonostante ciò, i pazienti con nevi displastici multipli e/o una storia familiare di sindrome del nevo displasico presentano un rischio maggiore di sviluppare melanoma cutaneo, con stime relative del rischio che variano da 1,6 per individui con un nevo displastico a 10,5 per quelli con cinque o più. [6]

Data l’elevata prevalenza di nevi displastici e atipici, la maggior parte dei dermatologi sceglie di monitorare i pazienti con più nevi atipici, sottoponendo a biopsia solo quelle lesioni con segni clinici e dermatoscopici di grave atipia. Indipendentemente dalla tecnica (barba, saucerizzazione, pugno, escissione), molti dei nevi displastici mostrano margini istologici positivi, anche nei casi senza pigmentazione clinica residua.

Tutte queste lesioni dovrebbero essere riasportate per garantire l’assenza di recidive? E qual è il rischio di optare per seguire invece la ripigmentazione?

Foto dermatoscopica di Nevo Displastico ©Myskin

Sviluppo del melanoma cutaneo dai Nevi displastici asportati

Per affrontare questa preoccupazione pratica, Kim e colleghi [7] hanno condotto uno studio multicentrico retrospettivo di 467 nevi moderatamente displastici con margini istologici positivi, raccolti da 438 pazienti (193 donne e 245 uomini, età media, 46,7 anni). I pazienti sono stati seguiti per una media di 6,9 anni (range, 3,0-21,3 anni) per lo sviluppo del melanoma cutaneo in un sito di biopsia o altrove sul corpo. Questo studio non ha valutato nevi o nevi displastici gravemente parzialmente biopizzati.

Tra la coorte di studio, il 33,2% aveva una storia personale di melanoma, il 50,4% aveva almeno un nevo displastico sottoposto a biopsia e il 23,8% aveva una storia familiare di melanoma. I principali metodi di biopsia erano la saucerizzazione o l’escissione della rasatura (46,4%), l’escissione del punzone (45,3%) o l’escissione ellittica (7,7%). I risultati principali dello studio includevano:

  • Il 52,7% dei nevi displastici è stato interpretato come da lieve a moderato e il 47,3% è stato interpretato come moderato
  • L’esame istologico è risultato positivo ai margini periferici (89,9%), profondi (3,6%) e entrambi (6,5%)
  • Dopo un follow-up medio di 6 anni, nessun melanoma si è sviluppato in precedenti siti di biopsia
  • 100 pazienti (22,8%) hanno sviluppato un melanoma primitivo successivo in un sito cutaneo distante, e tre di questi pazienti hanno sviluppato un melanoma metastatico
  • I fattori di rischio del melanoma includevano una storia di melanoma (odds ratio [OR], 11.74) e due o più nevi displastici confermati dalla biopsia (OR, 2.55)

Per concludere

Questo studio di nevi moderatamente displastici con margini istologici positivi è coerente con studi precedenti [8][9] e sostiene la pratica di monitoraggio di tali siti biopsia senza riescissione. Durante un follow-up medio di 6 anni, non sono stati osservati melanomi cutanei.

Hanno anche confermato i nevi displastici come un fattore di rischio indipendente per il melanoma cutaneo, che è stato ben documentato altrove. Queste osservazioni erano specifiche per una popolazione di studio quasi esclusivamente bianca.

Una considerazione clinica che non è stata presa in considerazione è cosa fare quando la ripigmentazione si verifica all’interno o vicino alla cicatrice di un nevo displastico sottoposto a biopsia. La pigmentazione ricorrente dovrebbe essere riasportata? Fa alcuna differenza se la ripigmentazione avviene all’interno della cicatrice bioptica o si estende oltre i suoi confini clinici? Quale percentuale di queste lesioni pigmentate ricorrenti sono nevi displastici con displasia uguale o superiore?

Infine, la maggior parte dei nevi displastici sottoposti a biopsia (69,5%) in questa coorte retrospettiva erano troncali, sollevando la remota possibilità che i nevi displatici rimossi da altri siti cutanei (ad es. Acrale, facciale, genitale) con margini positivi possano rappresentare un rischio futuro di melanoma maligno(comunemente definito come neo maligno).


Riferimenti Scientifici

[1] Origin of familial malignant melanomas from heritable melanocytic lesions. ‘The B-K mole syndrome’.

[2] Dysplastic nevi. Dermatol Clin.  2012; 30(3):389-404 (ISSN: 1558-0520)

[3] Melanoma epidemiology.Hematol Oncol Clin North Am.  2009; 23(3):383-95, vii (ISSN: 1558-1977)

[4] Genomic Characterization of Dysplastic Nevi Unveils Implications for Diagnosis of Melanoma.

[5] The transformation rate of moles (melanocytic nevi) into cutaneous melanoma: a population-based estimate.

[6] Dysplastic nevi and melanoma.

[7] Risk of Subsequent Cutaneous Melanoma in Moderately Dysplastic Nevi Excisionally Biopsied but With Positive Histologic Margins.

[8] Favorable long-term outcomes in patients with histologically dysplastic nevi that approach a specimen border.

[9] Low rates of clinical recurrence after biopsy of benign to moderately dysplastic melanocytic nevi.

Sourcemedscape
Redazione di Myskin
Redazione di Myskin
Notizie e aggiornamenti: studi scientifici, tecnologie e dispositivi medici per la rivoluzione digitale in Dermatologia

Scrivimi! Sarò lieto di risponderti (il tuo indirizzo email non sarà pubblicato)

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Per approfondire guarda anche:

I nei non si toccanovideo
“I nei non si toccano dottore!” E’ vero, è quello che a volte mi sento dire dai miei pazienti quando consiglio loro l'asportazione di un neo, una neoformazione sospetta, una credenza che sussiste ancora oggi che ha delle origini lontane, dobbiamo andare indietro fino agli anni 80 per capire il perché di questa credenza. In quegli anni il dermatologo riusciva...