Il botulino contro le rughe: cosa devi sapere?

Scritto da:

Specialista in Dermatologia e Venereologia

Cos’è la tossina botulinica?

La tossina botulinica è prodotta da un batterio, il clostridium botulinum, ed è responsabile di un’intossicazione alimentare potenzialmente mortale, il botulismo, provocata dal consumo di cibo contaminato (soprattutto conserve fatte in casa e prodotti in scatola).

Il meccanismo d’azione del botulino consiste nel bloccare il rilascio di una sostanza chimica prodotta dall’organismo, l’acetilcolina, che trasmette gli impulsi nervosi ai muscoli, permettendone la contrazione e, quindi, il movimento.
Senza poter ricevere gli stimoli inviati dal sistema nervoso, i muscoli smettono di contrarsi e si rilassano fino ad arrivare alla paralisi muscolare.

Se da un lato mangiare cibi in cui sono presenti quantità elevate di tossina botulinica può avere conseguenze gravi e provocare la morte per il blocco dei muscoli della respirazione, dall’altro, piccole dosi della tossina, iniettate nei muscoli al fine di metterli temporaneamente a riposo, consentono di curare diversi disturbi collegati all’eccessiva o inadeguata contrazione muscolare.

Oggi per quali usi è autorizzata la tossina botulinica ?

Le indicazioni terapeutiche autorizzate in Italia riguardano la cura :

  • in campo oculistico dello strabismo;
  • in campo neurologico del torcicollo spastico, dei tic nervosi, degli spasmi dei muscoli della vescica che causano l’incontinenza urinaria e dell’emicrania cronica;
  • in dermatologia dell’iperidrosi, ovvero dell’eccessiva sudorazione ascellare, delle mani o dei piedi che può essere efficacemente eliminata con questo trattamento
  • in medicina estetica delle rughe di espressione del volto.

In Italia l’approvazione del Ministero della Salute all’utilizzo della tossina botulinica in medicina estetica per trattare le rughe risale al 2004.

Quali sono i medici autorizzati ad usare la tossina botulinica?

- Pubblicità -

Gli specialisti autorizzati sono il chirurgo plastico, il dermatologo, il neurologo ed il chirurgo maxillofacciale.

Esistono diversi tipi di tossina?

Esistono sette tipi di tossina botulinica (A, B, C1, D, E, F e G) derivati da ceppi selezionati in laboratorio del batterio Clostridium Botulinum. Quelli utilizzabili nell’uomo e presenti attualmente in commercio sono però il tipo A e il tipo B.

Chi è il paziente “candidato perfetto” all’uso della tossina botulinica per le rughe del volto?

Il candidato perfetto a questo trattamento è il paziente che vuole ridurre le rughe di espressione del volto.
Si tratta di quelle rughe (dinamiche) della parte superiore del viso (fronte e regione perioculare), causate dalla ripetuta contrazione dei muscoli facciali che vengono attivati, spesso in maniera inconsapevole, per manifestare le emozioni.

Agendo direttamente sui muscoli responsabili della loro formazione, la tossina botulinica consente di distendere temporaneamente le rughe d’espressione, conferendo al viso un aspetto disteso e rilassato, in modo molto naturale.

L’infiltrazione di tossina botulinica non è efficace, invece, sulle rughe provocate dall’effetto della gravità (come il rilassamento delle palpebre), né sulle rughe causate da un’eccessiva esposizione al sole.

Che età devo avere per potermi sottoporre ad un trattamento con la tossina botulinica?

In Italia l’uso della tossina botulinica non è raccomandato nei pazienti sotto i 18 e sopra i 65 anni e nelle donne in gravidanza ed in allattamento.

Cosa devo tener presente prima di sottopormi a questo trattamento?

Prima che un paziente si sottoponga a questo trattamento è necessario che ne valuti attentamente i limiti e la sicurezza. E’necessario inoltre ricordare che il suo impiego in medicina estetica è a pagamento.

Limiti:

  • l’effetto non è permanente
  • non esistono garanzie di ottenere i risultati desiderati
  • il processo di invecchiamento nelle aree del viso non trattate non viene arrestato

Sicurezza:

  • le iniezioni di tossina botulinica devono essere eseguite da medici qualificati ed esperti
  • è indispensabile che lo specialista abbia una perfetta conoscenza dell’anatomia del volto, delle caratteristiche del farmaco e delle tecniche operative, per evitare che la tossina colpisca muscoli sbagliati o si diffonda ad aree adiacenti a quelle infiltrate (come può avvenire nel caso di dosaggi eccessivi)

Quando non ci si deve sottoporre al trattamento:

  • in caso di allergia alla tossina botulinica di tipo A
  • se si è affetti da malattie croniche che interessano i muscoli
  • se si ha un’ infezione nel sito d’inoculo proposto per il trattamento.

E’utile fare una visita preliminare?

Assolutamente si!!!!

Durante la visita che precede l’infiltrazione di tossina botulinica, il medico esamina lo stato della pelle e delle rughe che si intendono eliminare, valutando se, e come, procedere sulla base dei risultati desiderati e dello stato di salute della persona.

E’necessario mettere a conoscenza il medico degli eventuali medicinali che si stanno prendendo poiché alcuni farmaci possono interferire con la tossina botulinica, alterando i risultati o provocando effetti indesiderati.

La terapia con alcuni antibiotici e farmaci miorilassanti potrebbe amplificare gli effetti della tossina botulinica, e l’assunzione di farmaci antiaggreganti e anticoagulanti che rendono più fluido il sangue (come l’aspirina e l’eparina), potrebbe favorire la comparsa di lividi nelle sedi di iniezione.

E’necessario fare l’anestesia?

Assolutamente no!!!

Il trattamento è praticamente indolore.

Ma nella pratica come avviene il trattamento?

La tossina botulinica viene iniettata in piccolissime dosi nelle regioni interessate mediante una siringa con un ago sottilissimo. Il trattamento dura pochi minuti, le iniezioni vengono effettuate all’interno dei muscoli mimici e non lasciano segni visibili.

Cosa posso e non posso fare dopo il trattamento con la tossina botulinica?

Subito dopo il trattamento è possibile riprendere le proprie abituali attività, ma vanno osservati alcuni accorgimenti:

  • non bisogna sfregare, massaggiare o comprimere l’area trattata, ad esempio indossare caschi da moto, per le 24 ore successive
  • non si deve praticare attività fisica intensa per 24/48 ore
  • bisogna evitare l’esposizione diretta al sole o a lampade UV e bisogna evitare di fare sauna e bagno turco nei 15 giorni successivi al trattamento.

Quali sono i rischi e gli effetti indesiderati (effetti collaterali)?

I rischi più comuni del trattamento comprendono:

  • sintomi di tipo influenzale e mal di testa, nelle 24 ore successive all’applicazione
    comparsa di ematomi, o lividi, nelle sedi di iniezione
  • debolezza muscolare e cedimenti del viso, come l’abbassamento della palpebra superiore, dovuti alla migrazione della tossina dalle sedi di iniezione ai muscoli adiacenti

In ogni caso, gli effetti collaterali sono, generalmente, reversibili e regrediscono nell’arco di pochi giorni o qualche settimana

Il trattamento con la tossina botulinica è reversibile?

Si, il trattamento è completamente reversibile!!

L’effetto di rilassamento dei muscoli mimici e di attenuazione delle rughe inizia dopo circa 5 giorni dal trattamento, raggiunge dopo 2-3 settimane la massima efficacia e dura in totale circa 4-6 mesi, dopodiché è possibile ripetere il trattamento periodicamente.
Un dosaggio eccessivo o troppo frequente può aumentare il rischio di formazione di anticorpi. Se l’organismo produce anticorpi contro la tossina botulinica, questi ultimi rendono inefficace il trattamento.

Al fine di limitare tale rischio, l’intervallo tra due trattamenti non deve essere inferiore ai tre mesi.

Le mie rughe peggioreranno se interrompo il trattamento?

Poiché il botulino inibisce temporaneamente la contrazione dei muscoli mimici, nel caso di interruzione del trattamento le rughe d’espressione cominceranno gradatamente a ricomparire.

Ma è vero che il trattamento con la tossina botulinica paralizza e rende innaturale il volto?

Spesso si sente dire che il Botox paralizza la muscolatura del volto in modo innaturale:

questa è una affermazione sbagliata!!!

Il medico cerca di ridurre le rughe senza però impedire l’espressività del viso.
Un trattamento fatto nel modo corretto dona un aspetto rilassato e vitale, senza rendere inespressive le pazienti. Al contrario, una dose eccessiva e mal distribuita di botulino è in grado di alterare l’espressione del volto.

Quali sono i costi del trattamento delle rughe del viso con la tossina botulinica?

La tossina botulinica ha un costo che dipende dal quantitativo di prodotto utilizzato. Il costo può variare in media dai 250 € ai 400 € circa.
Il paziente deve assicurarsi che il medico utilizzi una delle tre tossine botuliniche autorizzate per adesso in Italia che sono Vistabex, Azzalure e Bocouture.

Che differenza c’è tra botulino e i fillers?

Il botulino è indicato per il trattamento delle rughe d’espressione (rughe dinamiche) provocate dalla contrazione dei muscoli facciali.

I fillers, invece, sono utilizzati per la correzione delle rughe statiche dovute all’invecchiamento della pelle che tende con il passare del tempo a perdere la propria capacità di rigenerare il tessuto sottocutaneo creando degli avvallamenti. I fillers vengono utilizzati per riempire tali avvallamenti risollevando la cute e spianando le rughe.

- Pubblicità -

per il tuo problema

Scrivimi! Sarò lieto di risponderti (il tuo indirizzo email non sarà pubblicato)

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Per approfondire guarda anche:

video
La psoriasi è una patologia molto frequente, molto comune che può...