Assumere troppa vitamina D può aumentare il rischio di eventi avversi come fratture, cadute e formazione di calcoli renali, e ciò che i medici hanno riferito venerdì al meeting annuale dell’American Academy of Dermatology a San Diego.

I problemi di salute associati ad un’insufficienza o carenza di vitamina D hanno catturato molti titoli nei media e nei circoli medici, ha detto Martin A. Weinstock, M.D., Ph.D., specialista in dermatoepidemiologia presso la Brown University.

Tuttavia, è stata dedicata molta meno attenzione ai possibili danni derivanti da troppa vitamina D. Questo è un problema perché le persone stanno assumendo tutti i tipi di supplementi di vitamina D, che per la maggior parte va bene, ma possono esagerare

ha detto Weinstock.

L’Institute of Medicine raccomanda livelli di assunzione di 400, 600 e 800 unità internazionali (UI) al giorno,rispettivamente, per neonati, adulti sani e persone di età superiore ai 70 anni. La vitamina D può essere sintetizzata nella pelle con l’esposizione ai raggi UV, o può venire dalla dieta (naturalmente o attraverso la fortificazione alimentare) o da supplementi relativamente poco costosi, ha detto Weinstock.

“C’è un sacco di clamore su come la vitamina D possa essere d’aiuto per molti tipi di malattie, ma in linea di massima queste affermazioni non sono state dimostrate”, ha detto il dott. Weinstock.

L’unico beneficio dimostrato dalla vitamina D è nel promuovere la salute muscolo-scheletrica, ma anche questo è stato messo in discussione.

Due studi randomizzati e controllati che hanno esaminato dosi di 300.000 UI e 500.000 UI di vitamina D per un massimo di quattro anni non hanno mostrato alcuna riduzione delle fratture e delle cadute. In effetti, entrambi questi studi hanno mostrato un aumento del rischio di fratture (49% nello studio di 300.000 UI) rispetto al placebo. Lo studio di 500.000 UI ha anche mostrato un rischio maggiore di cadute (15%), che si verifica soprattutto nei primi tre mesi dopo la somministrazione.

Un anno di sperimentazione clinica con dosi mensili di 60.000 UI in pazienti di età superiore a 70 anni ha mostrato un aumento del rischio di cadute. Inoltre, lo studio Women’s Health Initiative da 36.000 pazienti ha randomizzato donne di età compresa tra 50, 60 e 70 con 400 UI di vitamina D e 1 g di calcio al giorno o placebo. E’ stata osservata un’incidenza maggiore del 17% di calcoli renali di calcio in pazienti che hanno ricevuto la supplementazione di vitamina D e calcio.

La conclusione: la vitamina D è una vitamina essenziale, le persone ne hanno bisogno in quantità adeguate, se sono basse possono integrare per ottenere una quantità adeguata

CONSULTO ONLINE

Crediamo che ogni problema di pelle debba avere la sua soluzione

NEWSLETTER

Ricevi gli aggiornamenti di Myskin

Privacy Policy

CONTATTI

Hai bisogno di aiuto? Il Servizio Clienti di Myskin è a tua disposizione

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome