Farmaci e sole: i farmaci fotosensibilizzanti e la dermatite

Scritto da:

Specialista in Dermatologia e Venereologia

I farmaci fotosensibilizzanti sono farmaci che assunti quotidianamente per vari motivi,quali ad esempio la pressione anteriosa, il diabete, un’infezione per cui è necessario assumente farmaci sistemici quali gli antibiotici, d’estate con l’esposizione al sole possono causare dermatite ed eritema solare.

Primo sole in arrivo, primi weekend in spiaggia, la voglia di scoprirsi e scaldarsi al sole è tanta. A volte non vuoi nemmeno aspettare di andare al mare, ti accontenti del parco sotto casa, o di un bel giro in bicicletta.

Ma se stai ancora curando l’acne dall’inverno, o se hai quel brutto mal di gola per il quale il medico ti ha prescritto un antibiotico, forse il sole non è il tuo migliore alleato.

Alcuni farmaci  assunti per bocca, come per esempio i farmaci per la pressione arteriosa oppure applicati direttamente sulla pelle, come alcuni profumi, cosmetici o piante medicinali possono causare fotosensibilità ed essere responsabili di dermatite fotoallergiche o dermatite fototossica e possono indurti una brutta dermatite solare, che spesso lascia delle cicatrici scure sulla pelle, molto difficili da rimuovere.

Farmaci e sole

La fotosensibilità o “allergia al sole” si verifica solitamente nelle zone fotesposte come eritema solare che può interessare il viso, il collo, le mani e gli avambracci, ma, in alcuni casi, si estendono anche ad altre parti del corpo, anche se coperte dai vestiti. In questi casi si possono associare anche ad esempio a prurito alle gambe o nelle altre zone del corpo interessate dalle reazioni allergiche da farmaci o reazioni fototossiche.

Fotosensibilità sintomi

Le reazioni dovute a fotosensibilizzazione assomigliano ad una intensa scottatura solare con rossore (eritema) ma anche puntini rossi sulle braccia (piccole papule rosse). Se poi a causa della fotosensibilità le manifestazioni diventano più gravi si accompagnano anche a gonfiore (edema),  vescicole fino a vera e propria orticaria solare.

Se l’eruzione è diffusa a diverse zone del corpo è molto probabile che sia causata da una sostanze fotosensibili assunta per bocca overro farmaci fotosensibili. E’ noto ad esempio che antibiotico e sole non vanno d’accordo perchè sono diversi gli antibiotici che appartengono al’elenco farmaci fotosensibili.

Se invece, l’eruzione è localizzata si tratta presumibilmente di una reazione di un fotosensibilizzante topico.

Quando invece, l’eruzione dovuta alla fotosensibilità è localizzata come ad esempio nel caso dell’eritema solare del viso si tratta presumibilmente di una dermatite fotoallergica o fototossica dovuta ad un topico applicato sulla pelle.

La dermatite solare cosa è?

Anche se le manifestazioni cutanee della dermatite fotoallergica e fototossica possono essere sovrapponibili si tratta di due differenti reazioni cutanee come riportato nella tabella del post Scottature solari: le cause   di seguito un ulteriore spiegazione.

La dermatite fototossica cosa è?

Le sostanze fotosensibilizzanti che assorbono la luce, come i farmaci fotosensibilizzanti,  sono responsabili della fotosensibilità generando direttamente radicali liberi e mediatori dell’infiammazione e causano un danno ai tessuti che si manifesta con dolore ed eritema (simile a scottature solari). Questa reazione può apparire in qualsiasi persona, più o meno gravemente. Questo tipo di reazione fototossica è indotta sia da farmaci “topici”  (profumi, catrame di carbone, piante contenenti furocumarine [lime, sedano e prezzemolo], farmaci utilizzati per la terapia fotodinamica) o agenti ingeriti (p.es., tetracicline, diuretici).

La dermatite fotoallergica cosa è?

La fotoallergia invece, è una risposta immunitaria cellulo-mediata. L’assorbimento della luce solare provoca dei cambiamenti strutturali del farmaco, permettendo che questi si leghi alle proteine tissutali e di agire come un aptene, formando un complesso allergenico. È necessaria una precedente esposizione all’allergene.Le cause topiche delle reazioni fotoallergiche comprendono lozioni dopobarba, schermi solari e sulfamidici.

Le cause topiche della fotosensibilità responsabili di reazioni fotoallergiche comprendono lozioni dopobarba, schermi solari e sulfamidici.

Perchè si sviluppino queste sostanze tossiche possono essere necessarie pochi minuti fino ad un massimo di 72 ore.

Elenco dei farmaci fotosensibilizzanti

[et_bloom_locked optin_id=”optin_13″]

Se un farmaco è fotosensibile può causare fotosensibilità e per questo appartiene all’elenco dei farmaci fotosensibilizzanti.

Farmaci e sole: i farmaci fotosensibilizzanti

farmaco_e_soleIl nome della confezione del farmaco che assumi è quello commerciale e per sapere se appartiene o meno ai farmaci fotosensibilizzanti che causano una dermatite fotoallergica o un eritema solare devi guardare il foglietto illustrativo all’interno della confezione, chiamato anche bugiardino.

All’interno del bugiardino trova il paragrafo relativo al principio attivo del farmaco o quella della sua famiglia di appartenenza.

Ad esempio se stai assumendo il Lasix, esso è il nome commerciale mentre il principio attivo è Furosemide.

Individuato il principio attivo del farmaco verifica che non sia presente nella tabella sottostante dove sono riportati i principali farmaci che possono causare eritema da farmaci o dermatite fotosensibilizzante (fotodermatite).

Proprio per questo sono chiamati farmaci fotosensibili perchè possono causare fotosensibilizzazione.

Fotosensibilizzazione da farmaci

Gruppo terapeuticoFARMACO: principio attivo
Contraccettivi orali (pillola)Etinilestradiolo, Desogestrel, Gestodene
CardiovascolariDiltiazem, Amiodarone
DiureticiFurosemide, Idroclorotiazide
FANS (antiinfiammatori, antidolorifici)Ketoprofene, Naprossene, Celecoxib, Salicilati
NeuroletticiImipramina, Fenotiazine
Antimicrobici (antibiotici fotosensibili)Elenco antibiotici: Tetracicline (usate per l’Acne. Esempi di nomi commerciali: Minocin, Bassado,..), Chinolonici (esempi di nomi commerciali: Ciproxin, .., Sulfonamide (usati per infezioni urinarie o respioratorie)
RetinoidiIsotretinoina (usata per l’Acne. Esempi di nomi commerciali: Isoriac, Roaccutan, …)
Farmaci citotossiciFluorouracile, Vinblastina, Dacarbazina, Procarbazina, Metotrexato (usato per la Psoriasi)
AntifunginiVoriconazolo, Ketoconazolo, Itraconazolo, Griseofulvina
Ipoglicemizzanti orali (farmaci per il diabete)Sulfoniluree (Glkipizide)

 

Se anche il tuo farmaco è presente nella tabella ed hai avuto una fotodermatite parlane direttamente con il tuo medico curante per valutare se è possibile sospenderlo o sostituirlo con un altro appartenente ad una famiglia differente.

[/et_bloom_locked]

 

Dermatite solare: la cura

Dopo aver identificato il farmaco che può causare fotosensibilità ed essere causa della dermatite, ne va sospeso l’utilizzo.

I sintomi si possono curare con corticosteroidi topici, antistaminici, antibatterici topici per prevenire le infezioni se la pelle viene danneggiata e, nei casi gravi, cortisone per bocca.

E’ indispensabile però la prevenzione! Non esporti alla luce solare diretta (anche quando il cielo è velato), tantomeno a lampade abbronzanti, durante il trattamento, oppure sostituire il farmaco con uno non fotosensibilizzante o addirittura sospenderlo, se possibile.

Se non è possibile sospendere il farmaco, è opportuno proteggere le zone esposte al sole con  abiti coprenti e cappelli a tese larghe o confezionati con tessuti anti UV, usare una crema con filtro solare (SPF 30+, 50+) e indossare occhiali da sole con filtri per UV.

Se il farmaco scatenante la dermatosi è topico (crema, gel spray, da applicare direttamente sulla pelle) è meglio lavare le mani dopo averlo toccato.

 

Bibliografia:

www.agenziafarmaco.it

www.farmacovigilanza.eu

- Pubblicità -

per il tuo problema

Per approfondire guarda anche:

dermatite seborroica e psoriasivideo
Per quanto riguarda la Dermatite seborroica oggi mi voglio soffermare solo...