Cosa sono i patch test?

Uno strumento diagnostico fondamentale per la diagnosi delle dermatiti da contatto

Il patch test allergologico viene utilizzato per esaminare le sostanze che determinano la causa di una reazione allergica cutanea.

I cerotti con diversi irritanti sospetti (allergeni) vengono applicati sulla schiena e lasciati per 48/72 ore, dopodichè si esamina visivamente la pelle per rilevare se ci sono segni di reazione di ipersensibilità.
Il patch test rileva la dermatite allergica da contatto, una reazione di ipersensibilità di tipo IV. Non è in grado di identificare la causa dell’orticaria o allergia alimentare.

Il prick test è un altro metodo utilizzato per testare un diverso tipo di allergia (tipo I) associata a febbre da fieno, asma e orticaria da contatto e consiste in una piccola puntura della pelle con un aghetto, si applicano le sostanze irritanti, in questo caso l’allergene, dopo 20 minuti può essere letta e quindi esaminata.

Quali sostanze sono testate?

I tipi di allergeni testati comprendono tinture per capelli, conservanti, cosmetici, etc.
Un set standard di allergeni, in Italia denominata serie Sidapa, approvata dalla Società Italiana di Dermatologia Allergologica e professionale, composta da allergeni, detti anche apteni, viene applicato indistintamente a quasi tutti i pazienti in quanto questi allergeni sono le cause più comuni di dermatite (85% dei casi).

Vengono anche applicati una varietà di altri composti, che sono personalizzati per l’individuo, che può portare i propri materiali da casa o dal lavoro.
La concentrazione ottimale per ciascuna sostanza è stata predeterminata, al fine di indurre una reazione allergica nella zona di pelle dove viene applicata la sostanza.

Il patch test può anche essere utile per determinare la causa e i meccanismi patofisiologici di una reazione cutanea avversa.

La rilevanza clinica dipende dal tipo di allergene e dal tipo di allergia da contatto, idealmente: eczema generalizzato, dermatite da contatto sistemica, eruzione maculopapulare, pustolosi esantematica acuta generalizzata ed eruzione da farmaco.

Circa il 32-50% dei patch test farmacologici è positivo nei pazienti che hanno sviluppato l’allergia.

La serie standard SIDAPA

Le sostanze (definite apteni) presenti nella serie SIDAPA 2016 sono:

PROFUMI  MIX II**   14 %
TIURAM MIX    1%
POTASSIO BICROMATO
BALSAMO DEL PERÙ    25%
FENILISOPROPIL P-FENILENDIAMINA    0.1%
KATHON CG
P-FENILENDIAMINA BASE    1%
LANOLINA  ALCOLI    30%
COLOFONIA    20%
NEOMICINA SOLFATO    20%
BUDESONIDE 0,01%
RESINA  EPOSSIDICA    1%
FORMALDEIDE *  1%
MERCAPTOBENZOTIAZOLO   MIX  2%
RESINA P-TER-BUTILFENOLFORMALDEIDICA   1%
NICHEL SOLFATO    5%
IDROCORTISONE 21- ACETATO   1%
PROFUMI MIX 1 – SORBITAN SESQUIOLEATO   8%
DISPERSI MIX 6
PARABENI MIX    16%
DIMETILAMINOPROPILAMINA 1%
METILSOTIAZOLINONE 2%
BENZOCAINA    5%
COBALTO CLORURO    1%
SORBITAN SESQUIOLEATO 20%
2-IDROSSIETILMETACRILATO 2%
LYRAL    5%
VASELINA  C.T.

* IN ACQUA;   **LYRAL 2.5%, CITRAL 1%, FARNESOLO 2.5%, CITRONELLOLO 0.5%, ESIL CINNAMALDEIDE 5%, CUMARINA 2.5%.

Programma dei test

Il percorso dei patch test è il seguente:

Giorno 1: vengono applicati dei cerottini  sulla parte superiore della schiena, ogni cerottino contiene delle piccole quantità di ogni sostanza, dopodichè vengono fissati con un nastro ipoallergenico per farli aderire bene alla pelle.

Dopo 48/72 ore: i cerotti vengono rimossi ed esaminata la pelle per valutare le eventuali reattività.

Dopo 96 ore: può in alcuni casi essere eseguita una seconda valutazione.

Una valutazione aggiuntiva può essere richiesta dopo 7 a 10 giorni solo per alcuni pazienti.

Valutazione dei risultati

L’interpretazione delle reazioni cutanee richiede una buona esperienza e formazione.

È importante distinguere tra irritazione e reazione allergica

La prima si verifica dopo la rimozione dei patch, ma si ridurrà dopo qualche minuto, mentre la seconda si sviluppa per diversi giorni ed è più evidente il quinto giorno piuttosto che immediatamente dopo la rimozione dei patch.

patch test
Risultato di un patch test con visibili le aree positive

I tipi di reazioni osservate possono essere:

  • Negativo – Reazione irritante, ad es. Eruzione cutanea simile a ustioni o pustole follicolari
  • Incerto, a causa della presenza di un’area rossa.
  • Debole positivo – placche rosa o rosse leggermente elevate
  • Fortemente positivo – contrassegnato da papule e vescicole
  • Estremo – con vesciche o ulcere

I patch test potrebbero non essere sempre conclusivi. Si verificano falsi negativi (nessuna reazione nonostante un’allergia di base) e falsi positivi (che indicano un’allergia quando non esiste).

I pazienti possono reagire in modo diverso alle sostanze durante un test rispetto all’esposizione quotidiana o allo stesso test eseguito in momenti diversi.

Problemi associati

Una reazione positiva provoca un’area pruriginosa, con la presenza di una dermatite attiva nel sito di applicazione del cerotto. Questo è di solito trattato con steroidi topici. Altre potenziali reazioni includono:

  • Formazione di dermatiti in altre aree al di fuori del sito di applicazione del patch
  • Sensibilità al nastro utilizzato per fissare i cerotti
  • Una irritazione diffusa nell’area di applicazione si presenza di solito nei pazienti con dermatite attiva prima dell’inizio dei test o in coloro che manifestano molte reazioni positive. Ciò si traduce in molti falsi positivi per le sostanze testate
  • Generazione di una sensibilità a un nuovo allergene (raro), che si verifica circa 10 giorni dopo il test
  • Riattivazione dell’eruzione cutanea originale
  • La pelle può sviluppare macchie scure che persistono per molte settimane / mesi

Queste complicazioni possono rendere difficile l’interpretazione dei risultati dei test

Pertanto, potrebbe essere necessario ripetere il test, a volte un allergene alla volta, per confermare i risultati.

I farmaci possono anche interferire con i risultati di un patch test.

Diversi farmaci infatti possono sopprimere il rischio di sviluppare reazioni allergiche, il che riduce la precisione del test

Questi includono: antistaminici, antidepressivi triciclici, farmaci per il bruciore di stomaco e omalizumab  per l’asma.

I pazienti potrebbero dover interrompere l’assunzione di farmaci per un massimo di 10 giorni prima di un patch test, a seconda della velocità con cui vengono eliminati dal corpo.


Riferimenti scientifici

SIDAPA – Società Italiana di Dermatologia Allergologica e professionale

https://www.dermnetnz.org/topics/patch-tests/

www.mayoclinic.org/tests-procedures/allergy-tests/about/pac-20392895

https://www.dermcoll.edu.au/atoz/allergy-patch-testing/

Barbaud A. Drug patch testing in systemic cutaneous drug allergyToxicology2005;

- Pubblicità -

per il tuo problema

Scrivimi! Sarò lieto di risponderti (il tuo indirizzo email non sarà pubblicato)

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Per approfondire guarda anche:

videomicroscopia melanomavideo
Quando controllo i nei ad un paziente, e utilizzando la metodica della videomicroscopia, che, come sapete si chiama anche epiluminescenza, spesso mi viene chiesto: "dottore, ma come fa a capire se un neo è buono o cattivo?". Ovviamente la risposta più semplice che potrei dare sarebbe: "sa, sono anni e anni di studio". In realtà la curiosità del paziente è...