La dermoscopia per diagnosticare i melanomi pediatrici

Pubblicato il :

Aggiornato il:

La dermoscopia in aggiunta ai criteri della regola ABCD consentirà di identificare precocemente il Melanoma nei bambini, ha dichiarato Cristina Carrera, MD, dell’Università di Barcellona e suoi associati.

I melanomi pediatrici costituiscono meno del 3% dei tumori pediatrici e l’1%-4% di tutti i melanomi, che si verificano più comunemente negli adolescenti rispetto ai bambini di età compresa tra 5 e 9 anni.

Data la bassa incidenza del Melanoma nei bambini è alto il rischio che la diagnosi si tradiva anche perché i criteri delle regola ABCD – asimmetria, irregolarità del bordo, colore, diametro (>6 mm) – non sempre vengono correttamente applicati per l’autocontrollo dei nei.

Per migliorare la diagnosi precoce del Melanoma nei bambinbi è stata proposta una nuova regola ABCD modificata:

  • amelanotico, ovvero assenza di pigmentazione
  • lesione rilevata sul piano cutaneo e sanguinante
  • colore uniforme
  • lesione con qualsiasi diametro

Ora, poichè la dermatoscopia è una valida metodica per la diagnosi precoce del Melanoma negli adulti, è stata utilizzata anche per lo studio e l’osservazione dei nevi nei bambini.

I ricercatori hanno esaminato i risultati clinici e dermascopici in un gruppo di casi di melanoma pediatrico.

Lo studio è stato condotto su 52 casi di melanoma pediatrico è stato condotto grazie al contributo di diversi Paesi (Australia, Belgio, Brasile, Francia, Israele, Italia, Serbia, Spagna e Stati Uniti).

L’età media dei pazienti era di 15 anni e 26 dei pazienti erano di sesso femminile. Istopatologicamente, il 28% dei melanomi pediatrici sono stati classificati come spitzoidi e il 72% come non spiztoidi.

I pazienti con un melanoma spitzoidale erano significativamente più giovani rispetto a quelli con melanoma non spitzoide (12,5 vs 16 anni, P = 0,004).

Tutti i tumori di spitzoidi erano invasivi e erano significativamente più spessi rispetto ai melanomi non spitzoidi (2,6 vs 1,2 mm, P = 0,004).

Inoltre, queste lesioni erano più frequentemente ulcerate rispetto ai melanomi non spitzoidi (29% vs 8%, P = .06).

I melanomi associati a un nevo più spesso erano tra i non spitzoidi rispetto ai melanomi spitzoidi (62% vs 27% P = 0,02), e il tipo di nevo congenito è stato collegato più spesso con melanomi non spitzoidi (25 su 27 [92,6%]), secondo quanto riferito dal dott. Carrera.

I melanomi pediatrici erano localizzati più frequentemente agli arti inferiori (31%), seguiti dalla parte posteriore (27%). Il melanoma spitzoide più spesso si è manifestato agli arti (73%); i melanomi non spitzoidi al torso (52%).

Nella maggior parte dei casi (52%), la morfologia clinica complessiva è stata considerata conforme ai criteri classici di melanoma ABCD. Le restanti lesioni che non soddisfacevano i criteri ABCD convenzionali erano denominate tumori benigni o tumori nodulari / polipoidi.

I melanomi spitzoidi più spesso erano nodulari / polipoidi (47%), mentre la maggior parte dei melanomi non spitzoidi (59%) erano melanoma-simili. Hanno notato che solo il 21% dei melanomi pediatrici soddisfaceva i criteri di melanoma ABCD modificati.

Sulla dermoscopia, che era disponibile in 49 casi, un pattern multicomponente osservato in 24 casi era per lo più associato a melanoma non spitzoide (88%, P inferiore a 03); un modello di nevo in 9 casi è stato visto solo tra i melanomi non spinaci.

Un pattern vascolare rosa tipo Spitz in sette casi era per lo più associato a melanomi spitzoidali (86%, P inferiore a 0,002). Uno schema pigmentato simile a Reed osservato in sette casi si è verificato più spesso tra i melanomi dello spitzoide, ma questo non ha raggiunto un significato statistico, hanno scritto gli investigatori.

I colori rosso e bianco, le aree rosse lattiginose, i vasi polimorfi e le strutture bianche lucide erano associati al melanoma spitzoide. Il colore marrone scuro, la rete atipica e le aree strutturate erano associate a melanomi non spitzoidi, ha fatto presente la dott.ssa Carrera.

I pattern dermoscopici che erano spitzoidi rosa o simili a Reed avevano più probabilità di essere classificati istologicamente come spitzoidi. Questi melanomi pediatrici erano legati all’età più giovane, alla presenza sugli arti e allo sviluppo del nevo. D’altra parte, i pattern dermoscopici che erano multicomponenti o del nevo erano probabilmente classificati istopatologicamente come non spitzoidi. Queste lesioni sono state collegate con l’età avanzata, il fenotipo della pelle chiara, la storia familiare di melanoma e un nevo preesistente, hanno detto i ricercatori.

“Contrariamente alle precedenti relazioni, il presente studio evidenzia il fatto che la maggior parte dei melanomi diagnosticati in pazienti di età inferiore ai 20 anni è simile ai melanomi riscontrati negli adulti. I melanomi di non spitzoidi erano associati con l’adolescenza e con la presenza di fattori di rischio di melanoma. Tutti i melanomi non spitzoidi mostravano caratteristiche dermoscopiche associate al melanoma. I melanomi spitzoidi erano associati all’età più giovane, erano localizzati agli arti e la loro  morfologia clinica nodulare / polipoide. La dermoscopia dei melanomi spitzoidi ha rivelato vasi atipici e linee bianche lucide (se amelanotiche) o un pattern asimmetrico a stelle (se pigmentato)”, ha concluso la dott.ssa Carrera.

Lo studio è stato supportato in parte attraverso una sovvenzione dal National Institutes of Health / National Cancer Institute. La ricerca presso l’unità di melanoma a Barcellona è stata parzialmente finanziata con sovvenzioni dal Fondo spagnolo di Investigaciones Sanitarias e CIBER de Enfermedades Raras dell’Istituto di Salud Carlos III, Spagna.

Sourcemdedge
Redazione di Myskin
Redazione di Myskin
Notizie e aggiornamenti: studi scientifici, tecnologie e dispositivi medici per la rivoluzione digitale in Dermatologia

Scrivimi! Sarò lieto di risponderti (il tuo indirizzo email non sarà pubblicato)

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Per approfondire guarda anche:

Dermatoporosivideo
La dermatoporosi o sindrome da insufficienza cutanea cronica cos'è, come si manifesta, chi interessa, le complicanze, come prevenirla e come trattarla