La dermoscopia in aggiunta ai criteri della regola ABCD consentirà di identificare precocemente il Melanoma nei bambini, ha dichiarato Cristina Carrera, MD, dell’Università di Barcellona e suoi associati.

I melanomi pediatrici costituiscono meno del 3% dei tumori pediatrici e l’1%-4% di tutti i melanomi, che si verificano più comunemente negli adolescenti rispetto ai bambini di età compresa tra 5 e 9 anni.

Data la bassa incidenza del Melanoma nei bambini è alto il rischio che la diagnosi si tradiva anche perché i criteri delle regola ABCD – asimmetria, irregolarità del bordo, colore, diametro (>6 mm) – non sempre vengono correttamente applicati per l’autocontrollo dei nei.

Per migliorare la diagnosi precoce del Melanoma nei bambinbi è stata proposta una nuova regola ABCD modificata:

  • amelanotico, ovvero assenza di pigmentazione
  • lesione rilevata sul piano cutaneo e sanguinante
  • colore uniforme
  • lesione con qualsiasi diametro

Ora, poichè la dermatoscopia è una valida metodica per la diagnosi precoce del Melanoma negli adulti, è stata utilizzata anche per lo studio e l’osservazione dei nevi nei bambini.

I ricercatori hanno esaminato i risultati clinici e dermascopici in un gruppo di casi di melanoma pediatrico.

Lo studio è stato condotto su 52 casi di melanoma pediatrico è stato condotto grazie al contributo di diversi Paesi (Australia, Belgio, Brasile, Francia, Israele, Italia, Serbia, Spagna e Stati Uniti).

L’età media dei pazienti era di 15 anni e 26 dei pazienti erano di sesso femminile. Istopatologicamente, il 28% dei melanomi pediatrici sono stati classificati come spitzoidi e il 72% come non spiztoidi.

I pazienti con un melanoma spitzoidale erano significativamente più giovani rispetto a quelli con melanoma non spitzoide (12,5 vs 16 anni, P = 0,004).

Tutti i tumori di spitzoidi erano invasivi e erano significativamente più spessi rispetto ai melanomi non spitzoidi (2,6 vs 1,2 mm, P = 0,004).

Inoltre, queste lesioni erano più frequentemente ulcerate rispetto ai melanomi non spitzoidi (29% vs 8%, P = .06).

I melanomi associati a un nevo più spesso erano tra i non spitzoidi rispetto ai melanomi spitzoidi (62% vs 27% P = 0,02), e il tipo di nevo congenito è stato collegato più spesso con melanomi non spitzoidi (25 su 27 [92,6%]), secondo quanto riferito dal dott. Carrera.

I melanomi pediatrici erano localizzati più frequentemente agli arti inferiori (31%), seguiti dalla parte posteriore (27%). Il melanoma spitzoide più spesso si è manifestato agli arti (73%); i melanomi non spitzoidi al torso (52%).

Nella maggior parte dei casi (52%), la morfologia clinica complessiva è stata considerata conforme ai criteri classici di melanoma ABCD. Le restanti lesioni che non soddisfacevano i criteri ABCD convenzionali erano denominate tumori benigni o tumori nodulari / polipoidi.

I melanomi spitzoidi più spesso erano nodulari / polipoidi (47%), mentre la maggior parte dei melanomi non spitzoidi (59%) erano melanoma-simili. Hanno notato che solo il 21% dei melanomi pediatrici soddisfaceva i criteri di melanoma ABCD modificati.

Sulla dermoscopia, che era disponibile in 49 casi, un pattern multicomponente osservato in 24 casi era per lo più associato a melanoma non spitzoide (88%, P inferiore a 03); un modello di nevo in 9 casi è stato visto solo tra i melanomi non spinaci.

Un pattern vascolare rosa tipo Spitz in sette casi era per lo più associato a melanomi spitzoidali (86%, P inferiore a 0,002). Uno schema pigmentato simile a Reed osservato in sette casi si è verificato più spesso tra i melanomi dello spitzoide, ma questo non ha raggiunto un significato statistico, hanno scritto gli investigatori.

I colori rosso e bianco, le aree rosse lattiginose, i vasi polimorfi e le strutture bianche lucide erano associati al melanoma spitzoide. Il colore marrone scuro, la rete atipica e le aree strutturate erano associate a melanomi non spitzoidi, ha fatto presente la dott.ssa Carrera.

I pattern dermoscopici che erano spitzoidi rosa o simili a Reed avevano più probabilità di essere classificati istologicamente come spitzoidi. Questi melanomi pediatrici erano legati all’età più giovane, alla presenza sugli arti e allo sviluppo del nevo. D’altra parte, i pattern dermoscopici che erano multicomponenti o del nevo erano probabilmente classificati istopatologicamente come non spitzoidi. Queste lesioni sono state collegate con l’età avanzata, il fenotipo della pelle chiara, la storia familiare di melanoma e un nevo preesistente, hanno detto i ricercatori.

“Contrariamente alle precedenti relazioni, il presente studio evidenzia il fatto che la maggior parte dei melanomi diagnosticati in pazienti di età inferiore ai 20 anni è simile ai melanomi riscontrati negli adulti. I melanomi di non spitzoidi erano associati con l’adolescenza e con la presenza di fattori di rischio di melanoma. Tutti i melanomi non spitzoidi mostravano caratteristiche dermoscopiche associate al melanoma. I melanomi spitzoidi erano associati all’età più giovane, erano localizzati agli arti e la loro  morfologia clinica nodulare / polipoide. La dermoscopia dei melanomi spitzoidi ha rivelato vasi atipici e linee bianche lucide (se amelanotiche) o un pattern asimmetrico a stelle (se pigmentato)”, ha concluso la dott.ssa Carrera.

Lo studio è stato supportato in parte attraverso una sovvenzione dal National Institutes of Health / National Cancer Institute. La ricerca presso l’unità di melanoma a Barcellona è stata parzialmente finanziata con sovvenzioni dal Fondo spagnolo di Investigaciones Sanitarias e CIBER de Enfermedades Raras dell’Istituto di Salud Carlos III, Spagna.

Consulto online con il dermatologo - Myskin

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome