La piattaforma professionale di Salute Digitale dedicata alla Dermatologia

I farmaci biologici per la psoriasi possono aumentare il rischio di infezione grave

I risultati di questo studio sono importanti perché i recenti agenti biologici sono stati confrontati tra loro

I risultati di uno studio di coorte su pazienti affetti da psoriasi suggeriscono che i nuovi utilizzatori di adalimumab o infliximab possono essere a maggior rischio di infezioni gravi rispetto agli utilizzatori di etanercept.

I dati hanno anche mostrato che il rischio di infezione era inferiore per ustekinumab pur rimanendo comparabile per secukinumab, ixekizumab, brodalumab, guselkumab o apremilast rispetto a etanercept.

Un team di ricercatori francesi, guidato da Laetitia Penso, MSc, ha valutato i dati dei pazienti dal National Health Data System al fine di acquisire in modo completo il rischio reale di infezioni gravi associate all’uso di farmaci biologici.

“Tutti gli adulti con psoriasi, definiti tali per aver ricevuto almeno 2 prescrizioni di un derivato topico della vitamina D entro un periodo di 2 anni, registrati nel database tra il 1 gennaio 2008 e il 31 maggio 2019, erano eleggibili”.

Includevano coloro che non avevano ricevuto o utilizzato prescrizioni di un farmaco biologico o apremilast entro l’anno precedente.

Lo studio

Gli investigatori hanno definito l’infezione grave come un’infezione che porta al ricovero in ospedale.

Pertanto, l’endpoint primario che veniva cercato era il verificarsi di un’infezione grave e il tempo alla prima comparsa. Hanno inoltre valutato gli esiti di infezioni gravi, come il sistema gastrointestinale, cutaneo, occhi, orecchio-naso-gola, muscolo-scheletrico, polmonare e nervoso, tra gli altri.

Hanno anche preso nota delle caratteristiche socio-demografiche del paziente, nonché di qualsiasi uso precedente o attuale di agenti antipsoriasici non biologici, farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e corticosteroidi sistemici.

Risultati

Un totale di 44.239 pazienti erano nuovi utilizzatori di un agente antipsoriatic biologico/biosimilare o sintetico mirato.

Di questa popolazione, a 29.618 (66,9%) è stato prescritto prima un inibitore del fattore di necrosi tumorale, 6658 (15,0%) un inibitore dell’interleuchina (IL) 12/23, 4093 (9,3%) un inibitore dell’IL-17, 526 (1,2%) un inibitore dell’IL-23 e apremilast 3344 (7,6%).

Il team di Ricerca ha individuato che si sono verificate 1656 infezioni gravi nell’intera popolazione valutata, con quelle gastrointestinali (38,9%) come tipo di infezione osservato più frequentemente, seguito da infezioni cutanee (19,6%) e polmonari (14,8%).

Il tasso di incidenza grezzo complessivo è stato di 25,0 (95% CI, 23,8-26,2) per 1000 anni-persona e il tempo mediano all’evento è stato di 9 mesi.

“Dopo l’aggiustamento per le covariabili tempo-dipendenti, il rischio di infezioni gravi era più alto per i nuovi utilizzatori di adalimumab ([hazard ratio] HR, 1,22; 95% CI, 1,07-1,38) o infliximab (HR, 1,79; 95% CI 1,49-2,16). ) vs etanercept, mentre ustekinumab era associato a un minor rischio di contrarre un’infezione grave (HR, 0,79; 95% CI, 0,67-0,94)”, hanno scritto i ricercatori.

I pazienti che hanno utilizzato guselkumab o apremilast non hanno dimostrato alcun aumento del rischio di infezioni gravi rispetto ai nuovi utilizzatori di etancercept. Tuttavia, il rischio era più alto tra quelli con uso concomitante di FANS (HR, 1,47; 95% CI, 1,25-1,73) o corticosteroidi sistemici (HR, 2,32; 95% CI, 1,95-2,76).

Conclusione

“I risultati di questo studio sono importanti perché i recenti agenti biologici, tra cui secukizumab, ixekizumab, brodalumab e guselkumab, sono stati confrontati tra loro”.

Gli studi osservazionali hanno prodotto risultati contrastanti per quanto riguarda l’uso biologico e il rischio di infezioni. Una potenziale spiegazione offerta dai ricercatori è stata la differenza tra le popolazioni di studio, vale a dire la condizione trattata dai criteri biologici e di inclusione/esclusione.

Tuttavia, hanno riconosciuto che sono giustificati ulteriori studi osservazionali per confermare questi risultati tra i pazienti affetti da psoriasi.

Per concludere:
Le infezioni gastrointestinali sono state le infezioni gravi più comuni associate ai farmaci biologici, secondo un’analisi di coorte.
spot_img

Per commentare gli articoli abbonati a Myskin oppure accedi, se sei gia'  abbonato

Le idee di Myskin

In molti ci chiedete: ma che prodotti devo utilizzare? Quale solare scegliere, quale detergente? Come faccio a scegliere ciò che è più giusto per me?

Scopri la lista delle idee di Myskin!

Redazione medico-scientifica di Myskin
Articoli, studi scientifici e tecnologie per la rivoluzione digitale in Dermatologia.

Desideri gli aggiornamenti di Myskin?

Iscriviti gratuitamente alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti dei dermatologi esperti di Myskin!
Inserisci il tuo indirizzo e-mail.

spot_img