Tanti i pazienti con Psoriasi che ormai ricorrono al fai da te per le macchie sulla pelle e che ignorano che, oggi, la Psoriasi si cura! Secondo alcuni dati, questi pazienti sarebbero circa il 50-60%.

Psoriasi: lo sconforto e la disperazione

Pazienti con Psoriasi che probabilmente hanno consultato il dermatologo una prima volta per sapere qual era il nome del problema e soprattutto per sapere come curarla.

Un cura che molto probabilmente prevedeva il cortisone da applicare sulle macchie e che inizialmente potrebbe aver contribuito a migliorarle per poi avere una ricaduta rapida della Psoriasi subito dopo la sospensione.

A quel punto perché continuare a consultare il dermatologo? Solo per sentirsi dire che non si guarisce dalla Psoriasi!

E se, invece, mi facessi visitare da un altro dermatologo come mi hanno suggerito in tanti?

La verità sappiamo qual è! Le Big Pharma non vogliono che i pazienti con Psoriasi guariscano, meglio che siano sempre ammalati!

Se anche tu soffri di Psoriasi quante volte ti sei imbattuto/a in pensieri o frasi simili?

Quasi tutti i miei pazienti con Psoriasi mi riferiscono che lo sconforto e la disperazione sono i due sentimenti quotidiani che fanno sparire la speranza di trovare una cura e polverizzano l’idea di tornare ad avere la pelle liscia e normale come una volta, come tanto e tanto tempo fa.

Non ce la faccio più ad applicare le creme due volte al giorno, mattino e sera su tutto il corpo!

Sconforto e disperazione da un lato e presunzione dall’altro.

Psoriasi: la presunzione

Una presunzione, con tutto il rispetto per i pazienti con Psoriasi, che nasce spesso proprio come conseguenza dello sconforto e della disperazione,  che porta alcuni di loro a trovare in rete la soluzione alla Psoriasi

Ho già affrontato questo problema nel post “Psoriasi: il canto delle sirene” dove il paziente si illude di trovare un rimedio al suo problema di pelle applicando l’Aloe vera o l’olio di Oliva o chissà quale altre rimedio, meglio se naturale.

Se questi rimedi da un lato possono contribuire ad idratare la pelle secca, ammorbidire le squame, le croste biancastre dei gomiti, delle ginocchia o del cuoio capelluto non significa che sono in grado di curare la Psoriasi.

Psoriasi: l’infiammazione sistemica e comorbidità

La Psoriasi come ampiamente descritto in La Psoriasi dalla A alla Z è una patologia complessa dove le manifestazioni cutanee non sono altro, se volessi semplificare al massimo il concetto, la conseguenza di un’infiammazione sistemica che si manifesta sulla pelle con le macchie e placche arrossate e crostose ma che può interessare contestualmente altri organi e apparati quali ad esempio quello cardiovascolare.

Infiammazione sistemica che si può associare a sovrappeso e a sindromi metaboliche, ovvero malattie quali il Diabete. Condizione questa nota con il termine di Comorbidità.

Non pensare erroneamente che stia scrivendo questo per fare del terrorismo ma per invitarti a farti seguire dal dermatologo!

Devi sapere che oggi molti progressi sono stati fatti nella conoscenza dei meccanismi responsabili della Psoriasi e di conseguenza anche nei trattamenti e diverse sono le novità terapeutiche di cura.

Sì, hai letto bene di cura!

Non sto parlando del solito palliativo ma di cure che potrebbero portare anche te come i miei pazienti a dire:

Ora che sto bene, capisco ancora di più quanto stavo male prima, qual era il senso di malessere!

Io che ero una megattera, piena di croste, ora mi sento una donna normale

Quando il paziente con Psoriasi sta bene, non ha più le placche te ne accorgi subito! Lo noto già quando entra in studio! I suoi occhi rifulgono di una luce diversa!

Se sei giunto a questo punto ti starai chiedendo qual è questa cura!

Psoriasi: la cura

La novità riguarda sia cure da applicare sulla pelle – decisamente molto più efficaci e in grado agire immediatamente, già dal giorno successivo, sia sul rossore delle macchie sia sul prurito; quel prurito dannato che non ti da pace e non ti fa dormire la notte – sia sistemiche, mi riferisco alle nuove terapie biologiche.

La scelta di un tipo di approccio o dell’altro dipende dal grado e dall’entità della Psoriasi e se ancora non credi a tutto quello che ho scritto fino a questo punto lascio giudicare a te il risultato del prima e dopo applicazione di un nuovo trattamento locale che si basa su un concetto innovativo di supersaturazione per favorire la veicolazione dei principi attivi sotto pelle una volta applicato sulle macchie.

Psoriasi: immagini cliniche

Psoriasi immagine di macchia rossa e crostosa
Psoriasi: placca arrossata e crostosa
Macchia rossa sulla pelle di Psoriasi
Psoriasi dopo 1 settimana di cura
Psoriasi curata immagini
Psoriasi: guarigione dopo solo 1 mese di cura
Macchia rossa e squamosa di Psoriasi
Psoriasi della gamba prima della cura: come di manifesta
Macchia rossa di Psoriasi in trattamento
Psoriasi della gamba dopo 1 settimana della cura
Foto di Psoriasi guarita
Psoriasi dopo 1 mese di cura: guarigione

Il miglioramento è eclatante ma devi sapere che per confermare la guarigione delle macchie di Psoriasi non è sufficiente giudicare ciò che hai osservato ad occhio nudo bensì quanto è osservabile in Dermatoscopia.

Psoriasi: dermatoscopia foto

Consulto online

Risposta entro 5 ore

La Dermatoscopia, la metodica normalmente utilizzata per il controllo e lo screening dei nei, è importante anche per lo studio della Psoriasi.

Durante la fase attiva della Psoriasi infatti, usando la dermatoscopia è possibile documentare all’interno delle placche la presenza di un’infiammazione tipica della malattia caratterizzata da molteplici e minuti vasi sanguigni, definiti puntiformi o glomerulari, che dopo la guarigione clinica, osservabile ad occhio nudo, scompaiono del tutto.

Psoriasi foto in dermatoscopia
Psoriasi osservata in dermatoscopia con ingradimento 20X. Evidente la presenza della crosta biancastra su tutta la superficie e l’infiammazione, caratterizzata da vasi sanguigni, che appaiono di colore rosso, puntiformi e omogeneamente distribuiti sulla macchia
Psoriasi osservata in dermoscopia dopo 1 mese di cura
Stessa placca di Psoriasi dell’immagine precedente , osservata in dermoscopia, dopo 1 mese di cura. Scomparsa sia della crosta sia dell’infiammazione puntiforme. La pelle torna liscia e normale
Psoriasi osservata in dermoscopia
Psoriasi osservata in dermoscopia con ingrandimento 20X. Evidenti la presenza della crosta, lesioni da grattamento e di un tappeto puntiforme di vasi sanguigni
Psoriasi guarita dopo 1 mese di cura
Psoriasi: immagine precedente dopo 1 mese di cura. Guarigione. La pelle torma ad avere lo stesso aspetto di quella sana

Ecco, una volta che questi vasi sanguigni tipici ed esclusivi della Psoriasi sono scomparsi è possibile confermare che la Psoriasi è stata correttamente curata.

Conclusioni

A questo punto avrai notato la macchia più chiara, rosa, rispetto alla pelle sana.

Ebbene, è una condizione momentanea e transitoria perché in quella zona la pelle, interessata dall’infiammazione della Psoriasi, non ha potuto per così dire dedicarsi anche alla melanogenesi, ovvero alla produzione della melanina.

Ora però potrà farlo e a te sarà sufficiente prendertene cura idratandola e mentre lo fai riscoprire di nuovo il piacere di accarezzare la tua pelle nuovamente liscia.

 

Dermatologo Alessandro Martella
Sono un dermatologo ed ho pubblicato quasi 50 lavori scientifici. Ho conseguito il Master in Giornalismo e Comunicazione Istituzionale della Scienza e sono il responsabile della rivista elettronica Dermatologia Ambulatoriale 2.0, organo ufficiale di comunicazione di AIDA (Associazione Italiana Dermatologi Ambulatoriali) della quale faccio parte, quale componente del Consiglio Direttivo, dal 2013. Nel 2017 ho conseguito anche il Master in Healthcare Marketing.

LASCIA UN COMMENTO!
Nel rispetto della tua privacy ti invitiamo ad evitare la pubblicazione di informazioni sensibili che possono ricondurre alla tua persona e/o al tuo problema.
Per chiedere un parere personale e riservato ti segnaliamo il CONSULTO ONLINE CON IL DERMATOLOGO.

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome