Allergia al lattice: sintomi, diagnosi, trattamento

Presente in oltre 40.000 tipi di prodotti può in alcuni casi provocare reazioni allergiche anche gravi

L’allergia al lattice si manifesta con una serie di reazioni allergiche alle sostanze presenti nel lattice naturale e generalmente si verifica a seguito del contatto con guanti in lattice producendo una serie di sintomi, alcuni dei quali possono essere gravi.

Le reazioni allergiche compaiono quando il sistema immunitario di una persona reagisce a determinate sostanze, in questo caso il lattice.
In questo articolo esaminiamo i tipi di allergia al lattice, oltre ai sintomi, alla diagnosi e al trattamento.

Che cos’è il lattice?

Il lattice è una linfa lattiginosa prodotta da alcune piante, incluso l’albero della gomma tropicale. È una miscela di acqua, zucchero e proteine.

Le piante rilasciano lattice dopo essere state incise, allo stesso modo in cui gli esseri umani sanguinano a seguito di una lesione. Queste usano il lattice come difesa contro gli insetti.

Il lattice naturale è di solito bianco ma raramente può essere anche scarlatto, arancione e giallo.
In molti prodotti moderni, il lattice viene sintetizzato, piuttosto che essere prelevato da fonti naturali.

Sebbene i guanti di gomma siano la principale fonte di reazioni allergiche al lattice, di solito si riscontra anche in un’ampia gamma di prodotti, come i preservativi e alcuni dispositivi medici.

Il lattice infatti viene utilizzato in oltre 40.000 Tipi di prodotti con usi molto diversi.

Quali sono le cause dell’allergia al lattice?

Secondo il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti, si ritiene che l’ 8-12% degli operatori sanitari abbia un’allergia al lattice, nonché fino al 68% di tutti i pazienti con spina bifida (a causa di regolari procedure chirurgiche).

Tuttavia, nel complesso, meno dell’1 % della popolazione generale è allergico.

Il sistema immunitario delle persone allergiche identificano il lattice come un agente patogeno: una sostanza o un organismo che nuoce alla salute

Il sistema immunitario innesca delle cellule del corpo per produrre anticorpi che combattono il componente del lattice.
Quindi la volta successiva che la pelle entra in contatto con il lattice, gli anticorpi lo rilevano e lo segnalano al sistema immunitario affinchè rilasci sostanze chimiche, compresa l’istamina, nel flusso sanguigno.

Più una persona sensibile è esposta al lattice, maggiore è la probabilità che si verifichi la sua reazione immunitaria – questo fenomeno si chiama sensibilizzazione.

Durante la produzione, il lattice viene spesso modificato. A volte, il prodotto non viene lavato accuratamente. Di conseguenza, sulla superficie è presente più lattice “libero”.
Questo lattice “libero” è responsabile di una percentuale significativa di allergie al lattice.

Il lattice libero si attacca facilmente alla polvere che viene spesso utilizzata nei guanti chirurgici. Durante l’uso, i guanti spesso si strappano quando vengono indossati o rimossi, questo strappo fa sì che si disperda polvere nell’aria e, il lattice inalato, può diventare un grave problema allergico.

Tipi di allergia al lattice

Diamo uno sguardo ai più comuni tipi di allergia al lattice:

Ipersensibilità al lattice (tipo 1)

Questa è una forma grave e rara di allergia che provoca una grave reazione immediata che può essere pericolosa per la vita.
Alcune persone con ipersensibilità al lattice di tipo 1 potrebbero anche reagire in modo simile alle punture di api.
I sintomi dell’ipersensibilità al lattice includono:

  • rinite – infiammazione e irritazione della parte interna del naso
  • congiuntivite – infiammazione della copertura della parte bianca dell’occhio
  • irritazione
  • forte prurito
  • spasmi
  • problemi gastrointestinali

I sintomi possono progredire verso:

• battito cardiaco accelerato ( tachicardia )
• tremori
• dolore al petto
• respirazione difficoltosa
• bassa pressione sanguigna

Le persone gravemente allergiche al lattice possono reagire a vestiti, scarpe e altri oggetti che contengono lattice di gomma naturale (elastici, guanti di gomma, preservativi, ciucci, capezzoli di biberon, palloncini, automobili).

palloncini-lattice

Le persone con questo tipo di allergia sono molto sensibili: una reazione di tipo 1 può essere scatenata dall’esposizione a particelle sospese nell’aria risultanti dall’esplosione di palloncini. Questo può accadere anche se la persona non è presente mentre i palloncini vengono gonfiati.

Dermatite allergica da contatto

Le persone con dermatite allergica da contatto hanno una reazione cutanea ritardata dopo il contatto con il lattice.

Segni e sintomi possono interessare tutta la pelle e includono:

• bruciore
• vesciche
• irritazione

La dermatite allergica da contatto è causata dagli additivi e dai prodotti chimici utilizzati per la lavorazione della gomma.
Oggi ci sono dei test che determinano a quale sostanza chimica si è allergici, in questo modo si possono quindi evitare i prodotti che vengono elaborati con quella sostanza chimica.

Dermatite da contatto irritante

Questo è il tipo di reazione più comune e anche il più lieve. Provoca aree secche, pruriginose e irritate sulla pelle.

Le lesioni che danno bruciore e gonfiore si sviluppano solitamente sulle mani

La pelle si irrita dopo l’uso dei guanti, il frequente lavaggio delle mani, l’asciugatura incompleta e l’esposizione a disinfettanti per le mani, nonché alla sostanza in polvere di cui sono rivestiti i guanti.

Chi è a rischio di sviluppare l’allergia al lattice?

Alcune persone sono geneticamente predisposte ad essere allergiche al lattice.
Tuttavia, è necessaria un’esposizione ripetuta al lattice per sviluppare un’allergia.

Le persone ad aumentato rischio sono:

  • Operatori sanitari: in ambito sanitario, il lattice è ovunque
  • Le persone che hanno avuto più procedure chirurgiche, soprattutto durante l’infanzia
  • Le persone con un difetto nelle cellule del midollo osseo
  • Pazienti che richiedono cateteri urinari regolari o continui con punta in gomma
  • Pazienti sottoposti a chirurgia spinale
  • Persone con eczema
  • Individui affetti da asma
  • Dipendenti che lavorano distribuendo o consegnando prodotti in lattice
  • Lavoratori dell’industria della gomma
  • Le persone che lavorano nelle fabbriche di pneumatici per auto
  • Chi fa regolare uso del preservativo

Inoltre, le persone con allergie hanno un rischio maggiore, specialmente quelli con allergie agli alimenti vegetali, come mango , kiwi, avocado, ananas, banana , castagne, fragola e frutto della passione.

Dove si trova il lattice?

Esempi di prodotti che possono contenere lattice:

• Cerotti
• palloncini
• polsini per la pressione sanguigna
• capezzoli di biberon
• preservativi
• cateteri
• articoli dentali, come dighe e elastici ortodontici
• diaframmi
• gomme da cancellare
• guanti di gomma
• caschi
• provette per via endovenosa
• cinturini elastici in pantaloni e biancheria intima
• ciucci
• elastici
• tappetini di gomma (usati nelle scuole e negli uffici)
• tappeti e tappetini da bagno
• scarpe
• alcuni articoli di abbigliamento
• alcuni dispositivi medici
• guanti chirurgici
• giocattoli per la dentizione
• giocattoli
• tubo del ventilatore
• cinturini per orologi

Non tutte le marche contengono lattice. Le persone con allergie dovrebbero controllare le etichette o contattare il produttore.

Che cos’è una reazione crociata?

Alcune persone allergiche al lattice possono anche essere allergiche a cibi specifici: tale situazione viene chiamata reazione crociata (cross-reactivity).

In breve, il sistema immunitario del corpo risponde a un alimento, producendo gli stessi sintomi allergici che si verificherebbero con l’esposizione al lattice.

Le reazioni crociate non sono le stesse per tutte le persone. Mentre alcune persone reagiscono a tutti gli alimenti noti per causare una reazione crociata, altri potrebbero non farlo. Allo stesso modo, se qualcuno è allergico a uno degli alimenti elencati di seguito, potrebbe anche essere allergico al lattice:

Alcuni frutti : fragole, ananas, pere, nettarine, ciliegie, frutto della passione, papaia , meloni, uva, fichi, prugne, pesche, kiwi, banane e mele.

Verdure : pomodori, avocado, sedano, carote e patate crude.

Alcune noci : nocciole e castagne.

Alcuni cereali : segale e grano.

Chiunque abbia intenzione di sottoporsi a un intervento chirurgico o a qualsiasi procedura medica dovrebbe informare il proprio medico se è allergico a uno di questi alimenti.
Esiste il rischio che possano avere una reazione crociata al lattice.

Diagnosi di allergia al lattice

Il Dermatologo può decidere di sottoporre il paziente ad eseguire i patch test per le allergie, in modo da determinare se il paziente è sensibile al lattice e ad altre sostanze simili.

Patch-Test
Patch-test

Prestare molta attenzione quando si esegue questo test perché, in alcuni casi, i pazienti possono avere una reazione molto forte.

Il Dermatologo può anche decidere di far eseguire un esame del sangue.

Trattamenti per l’allergia al lattice

Non esiste un trattamento attualmente disponibile per desensibilizzare i soggetti allergici al lattice.
In altre parole, non c’è modo di prevenire una reazione allergica se qualcuno è allergico al lattice e viene a contatto con esso.
Le reazioni allergiche sono trattate con antistaminici, adrenalina e steroidi.

Il modo più efficace per trattare questo tipo di allergia è evitare prodotti contenenti lattice

I pazienti devono imparare come identificare e stare lontano dai prodotti che potrebbero contenere lattice.

Esistono altre sostanze che possono essere utilizzate per sostituirlo, come i polimeri (nitrile, SBR, butile, vitron) e l’elastico sintetico, come l’elastan o il neoprene.

Sfortunatamente, i produttori di prodotti contenenti lattice non sono legalmente tenuti a menzionare sulle loro etichette quali sostanze chimiche sono state utilizzate nel processo di fabbricazione.

I prodotti a base di gomma naturale contenenti altre emulsioni sembrano avere un potenziale molto basso di provocare la sensibilizzazione.
In alcuni casi, la sensibilità dei pazienti è così elevata che la sostituzione di prodotti contenenti lattice con prodotti non in lattice può comunque provocare una reazione.

Questo perché quelli senza lattice sono spesso fabbricati nella stessa fabbrica dei prodotti contenenti lattice e quindi possono essere presenti ancora tracce di lattice.

Questi casi sono paragonabili a quelli che soffrono di allergie alimentari (arachidi, ad esempio) che non sono in grado di consumare altri prodotti fabbricati nella stessa azienda.

Alcuni prodotti sono etichettati “latex free” dal produttore. Ciò indica la presenza di quantità estremamente basse di lattice naturale. Tuttavia, possono comunque causare allergie al lattice.
I pazienti devono essere consapevoli di tale etichettatura.


Riferimenti scientifici

Latex allergy. (2014, April). Great Ormond Street Hospital for Children. Retrieved from

Latex allergy. (2017, February). British Association of Dermatology.

United States Department of Labor. (n.d.). Latex allergy.

- Pubblicità -

per il tuo problema

Scrivimi! Sarò lieto di risponderti (il tuo indirizzo email non sarà pubblicato)

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Per approfondire guarda anche:

macchie della pellevideo
Semplici indicazioni su cosa fare o non fare in caso di macchie della pelle