Rash maculopapulare: sintomi, tipi, cause e trattamento

Patologie come il morbillo e la sifilide sono cause comuni di questo tipo di eruzione cutanea, così come un sistema immunitario indebolito

Pubblicato il :

Aggiornato il:

Il rash maculopapulare è una malattia della pelle che appartiene alla classe delle eruzioni cutanee. Si caratterizza per la comparsa sulla cute di un’area rossa e piatta coperta da piccole papule rosse confluenti. In caso di pelle scura, l’area rossa di fondo potrebbe non essere evidente.
Il termine medico “maculopapulare” descrive macule, ossia macchie piatte, piccole e scolorite sulla superficie della pelle, e papule, che sono piccole lesioni in rilievo.

Il rash maculopapulare a volte può essere pruriginoso e può durare da 2 giorni a 3 settimane a seconda della causa e della gravità. Generalmente quando non si manifestano papule, le eruzioni maculari non richiedono un trattamento, ma se persistono per più di 2 settimane, è opportuno consultare un medico.
Patologie come il morbillo e la sifilide sono cause comuni di questo tipo di eruzione cutanea, così come un sistema immunitario indebolito.

Il rash maculopapulare nei bambini è principalmente causato da infezioni virali o batteriche. Negli adulti, i farmaci e le allergie sono le cause più comuni.
Altri termini medici utilizzati per riferirsi al rash maculopapulare sono: eruzione morbilliforme o eruzione esantematica, nota anche come esantema.

Come appare il rash maculopapulare? Quali sono i segni e i sintomi?

Nel rash maculopapulare la pelle appare arrossata o eritematosa, a causa dell’infiammazione cutanea in atto.
Le macule sono macchie piatte o scolorimenti della pelle con un diametro di 1 cm circa.
Se superano 1 cm, vengono chiamate chiazze (patch). Le papule sono lesioni rilevate che misurano meno di 1 cm di diametro.

In alcuni casi le papule possono superare 1 cm di diametro e vengono chiamate placche, ossia lesioni palpabili rilevate sulla superficie della pelle, o noduli, cioè papule più grandi e più sode significativamente in rilievo.

Quando questi si manifestano insieme allo stesso tempo identificano il rash maculopapulare

In alcuni casi (a seconda delle cause) il rash maculopapulare può manifestarsi con: pustole (papule contenenti liquido purulento), vescicole (papule contenenti liquido sieroso trasparente), bolle (simili a vescicole, ma di diametro superiore a 1 cm), o orticaria (descritta come un pomfo o un insieme di pomfi).

Le papule possono essere calde e pruriginose e possono cambiare il loro colore (dal rosso ad altri colori) a seconda della gravità e della natura della malattia, ma anche della durata della stessa.

Poiché le eruzioni maculopapulari sono principalmente causate da infezioni e da un indebolimento delle risposte immunitarie dell’organismo, possono comparire anche altri sintomi come:

  • febbre
  • mal di testa
  • nausea
  • vomito
  • problemi respiratori
  • dolore muscolare
  • pelle secca

Questi sintomi possono essere segno di un’infezione, che può essere potenzialmente contagiosa, per cui solo un dermatologo può fornire una diagnosi adeguata. Se si manifestano questi sintomi è importante prendere un appuntamento con il medico.

Classificazione dell’eruzione maculopapulare

Ci sono 2 classificazioni particolari dei rash maculopapulari

1) In base alla distribuzione sulla cute il rash maculopapulare può essere:

  • Localizzato: macule e papule sono concentrate in certe aree del corpo
  • Generalizzato: l’eruzione è distribuita sulla maggior parte delle aree del corpo o su tutto il corpo

2) Per durata, il rash maculopapulare può essere diviso in 3 gruppi:

  • Acuto: che dura meno di 4 settimane
  • Subacuto: che dura 4-8 settimane
  • Cronico: se dura per più di 8 settimane

Quali sono le cause dell’eruzione maculopapulare?

Numerose cause possono portare a rash maculopapulare. In generale, le cause più comuni sono:

  • Infezione virale
  • Infezioni batteriche
  • Infezioni da Rickettsial
  • farmaci
  • ipervitaminosi
  • Reazioni allergiche e di ipersensibilità
  • Malattie autoimmuni
  • Disturbi sistemici
  • Malattie reumatologiche
  • Indebolimento del sistema immunitario
  • Intossicazioni da arsenico
  • Infezioni virali e/o batteriche e rash maculopapulare

Diverse infezioni virali (soprattutto) e batteriche possono causare un rash maculopapulare. Tra queste, ricordiamo:

  • Infezione da virus EBV
  • Morbillo
  • Sifilide
  • Scarlattina
  • Malattia mano-piede-bocca
  • Herpes
  • Infezione da epatite B o C.
  • Virus Zika
  • Virus Ebola
  • Virus HIV
  • Roseola
  • Chikungunya Virus
  • Virus dengue
  • Parvovirus B19
  • Rickettsia rickettssi (Rocky Mountain Spotted Fever)
  • Cytomegalovirus (CMV)
  • Enterovirus
  • Treponema pallidum (sifilide secondaria)
  • Borrelia burgdorferi (malattia di Lyme)
    Rickettsia prowazekii
  • Rickettsia typhi (Murine Typhus)
  • Salmonella typhi (Febbre tifoide)
  • Chlamydia psittaci (Psittacosi)
  • Streptobacillus moniliformis (Rate-Bite Fever)
  • Spirillum minus (Rate-Bite Fever)
  • Leptospira (Leptospirosi)
  • Ehrlichia e Anaplasma (Ehrlichiosis)
  • Filovirus
  • Meningococciemia
  • Sindrome della pelle scottata da Staphylococcal (SSSS)

Infezione Rubeola (Morbillo) e rash maculopapulare

Il morbillo o Rubeola è un’infezione virale altamente contagiosa causata dal virus del morbillo (virus Morbilli).
I segni e i sintomi iniziali includono tipicamente febbre, spesso superiore a 40° C, tosse, naso che cola e occhi infiammati.
Il rash (rivelatore) è il segno distintivo della malattia. I punti di Koplik che sono piccoli punti bianchi all’interno della bocca sono il tipico segno di questa malattia e di solito iniziano 2 o 3 giorni dopo l’inizio dei sintomi.

L’eruzione maculopapulare causata dal morbillo è comune nei bambini.
Di solito inizia a comparire sulla linea dei capelli e dietro le orecchie diffondendosi attraverso il tronco e le estremità in genere 3-5 giorni dopo l’inizio dei sintomi.

I sintomi di solito si sviluppano 10-12 giorni dopo l’esposizione ad una persona infetta e durano circa 7-10 giorni.
Se l’eruzione cutanea diventa desquamata e brunastra, allora sta iniziando a svanire.
Di solito il rash svanisce nell’ordine in cui è apparso. Le macchie di Koplik scompaiono comunemente dopo l’insorgenza dell’eruzione cutanea.

Infezione da rosolia (rosolia)

La rosolia, o il cosiddetto morbillo tedesco o il morbillo di tre giorni, è un’infezione virale causata dal virus della rosolia. L’eruzione cutanea può manifestarsi circa 2 settimane dopo l’esposizione e durare per 3 giorni. L’eruzione maculopapulare causata dalla rosolia si diffonde sul corpo dal viso in giù.

L’eruzione cutanea non è vivace come nel caso della Rubeola e talvolta è pruriginosa. Spesso anche i linfonodi sono ingrossati e possono durare per alcune settimane. Possono verificarsi anche febbre, mal di gola e stanchezza.

Roseola (Exanthema Subitum)

La Roseola si verifica nei bambini di età inferiore ai 3 anni ed è causata da due herpes virus umani, HHV-6 e HHV-7, che a volte sono definiti collettivamente come Roseolovirus. L’eruzione maculopapulare nel caso di Roseola è sparpagliata anche se il viso rimane spesso indenne. L’eruzione compare di solito dopo la scomparsa della febbre.

Parvovirus B19 (Erythema Infectiosum o 5th Disease)

L’eritema infettivo, chiamato anche quinta malattia, è comunemente una condizione benigna nei bambini di 3-12 anni, caratterizzata da un tipico aspetto di “guance schiaffeggiate” e esantema “a merletto”.
È causato dall’infezione del parvovirus umano (PV) B19, che è un eritrovirus. L’eruzione maculopapulare appare di colore rosso vivo e sembra come se i bambini sono stati schiaffeggiati sul viso.

Questo è causato dalla febbre che si manifesta prima della comparsa dell’eruzione. Occasionalmente l’eruzione del parvovirus può diffondersi sul naso o intorno alla bocca. Alcuni bambini ne possono anche sviluppare una rossa e a merletto sulla parte superiore delle braccia, sul busto e sulle gambe.
L’eruzione maculopapulare dura in genere un paio di giorni e può essere pruriginosa. Raramente, può durare per diverse settimane. I pazienti di solito non sono più contagiosi una volta che l’eruzione è comparsa.

Infezione virale di Chikungunya

La chikungunya è una malattia virale trasmessa dalle zanzare infettate dal virus Chikungunya. Il virus è diffuso tra le persone da due specie di zanzare: Aedes albopictus e Aedes aegypti. Provoca febbre e grave dolore alle articolazioni. L’eruzione maculopapulare è anche una delle altre manifestazioni. L’eruzione maculopapulare appare comunemente dopo prurito e arrossamento della pelle.

Si diffonde dal tronco al viso e agli arti. L’eruzione si verifica nel 40-50% dei casi, generalmente da due a cinque giorni dopo l’insorgenza dei sintomi. In alcuni casi si possono notare anche petecchie.

Febbre Dengue

Un’altra malattia infettiva diffusa dalle zanzare è la dengue. È causata dal virus dengue e si manifesta con febbre alta, esantema e dolori articolari.

zanzara dengue
zanzara dengue

Un’eruzione si verifica nel 50-80% dei casi con sintomi iniziali denominati pelle arrossata, o successivamente, dopo 4-7 giorni come eruzione simile al morbillo.

Mononucleosi infettiva

La mononucleosi infettiva è un’infezione causata dal virus Epstein-Barr (EBV). In casi molto rari si può manifestare un rash, che di solito si verifica sulle braccia o sul tronco, e può essere maculare (morbilliforme) o papulare.
L’uso di ampicillina e amoxicillina non è raccomandato durante l’infezione acuta da virus Epstein-Barr poiché è stato dimostrato che in molti casi si è sviluppata un’eruzione cutanea diffusa.

Sifilide

La sifilide è una malattia a trasmissione sessuale causata dal batterio Treponema pallidum. Nella sifilide secondaria si verifica comunemente un’eruzione diffusa, che di solito si localizza sui palmi delle mani e sulle piante dei piedi, ma può diffondersi in tutto il corpo.

Le eruzioni maculopapulari possono essere molto gravi nei casi con sifilide

in quanto possono rompersi e formare vesciche ulcerative che possono essere molto dolorose.

Le eruzioni della sifilide possono formare lesioni ampie, piatte, biancastre, simili a verruche note come latum condilomi sulla membrana mucosa.

Infezione da HIV 1

L’infezione da HIV di tipo 1 di solito causa eruzioni maculopapulari. Questo è il motivo per cui l’eruzione maculopapulare è nota anche come rash da HIV.
In questi pazienti l’eruzione maculopapulare è presente come uno dei primi segni del virus.
È una forma primaria di infezione da HIV che si verifica in diverse parti del corpo, in particolare sul viso, sul tronco e sui palmi delle mani. Nella bocca e nei genitali, l’eruzione maculopapulare si presenta come ulcera. Dura circa 2-3 settimane.

Virus Zika

Zika è una malattia contagiosa causata dal virus Zika. Si manifesta con febbre, occhi rossi, mal di testa, dolori articolari e un’eruzione maculopapulare. La malattia di Zika è probabilmente più conosciuta a causa della sua possibilità di passare da madre a figlio durante la gravidanza causando microcefalia e altri difetti del cervello nei neonati.

L’eruzione di Zika può essere rossa e sollevata e spesso pruriginosa e fastidiosa. L’eritema inizia spesso sul viso e si diffonde. L’eruzione di Zika scompare una volta che il virus è stato curato, quindi non ci dovrebbero essere preoccupazioni per gli effetti a lungo termine.

Ebola virus

L’ebola è una febbre emorragica virale causata da ebolavirus. In circa il 50% dei casi, l’eruzione maculopapulare può manifestarsi sulla cute come un’area rossa piatta coperta da piccole papule, in genere 5-7 giorni dopo l’inizio dei sintomi.

Eruzione maculopapulare causata da allergia

Un rash maculopapulare può anche essere causato dall’esposizione ad allergeni (allergie al cibo e morsi o punture di insetto).Questo di solito si manifesta pochi minuti dopo o poche ore dopo l’esposizione all’allergene. In alcuni casi un rash maculopapulare può manifestarsi prima dell’orticaria. Una persona che sperimenta un rash maculopapulare causato da allergia può anche sviluppare altri sintomi come un aumento della frequenza cardiaca e problemi respiratori.

Malattie sistemiche e reumatologiche

Diverse malattie sistemiche o reumatologiche possono scatenare un rash maculopapulare. Le cause più comuni sono:

  • Malattia acuta del trapianto contro l’ospite (trapianto di cellule staminali o midollo osseo)
  • Malattia di Kawasaki (sindrome mucocutanea-linfonodale)
  • Malattia di Still (artrite reumatoide giovanile)
  • Eruzione maculopapulare dopo trapianti

L’eruzione maculopapulare è stata anche descritta come una condizione che si può verificare dopo il trapianto di cellule staminali ematopoietiche (trapianto di midollo osseo) ed è conosciuta come malattia del trapianto contro l’ospite (GVHD), osservabile entro 1 settimana o diverse settimane dopo il trapianto.
Nel caso della GVHD, l’eruzione maculopapulare può progredire in una condizione simile alla necrolisi epidermica tossica o sindrome di Lyell.

Eruzione maculopapulare indotta dalla niacina

Questo tipo di rash maculopapulare può essere indotto come risultato di dosi elevate di niacina (2000-2500 mg) per la gestione del colesterolo HDL basso.

Dermatite del bagnante 

L’eruzione maculopapulare può essere anche un sintomo di una condizione nota come dermatite del bagnante che colpisce di solito i nuotatori in alcune località dell’Atlantico.
È provocata da un’ipersensibilità alle punture delle larve dell’anemone di mare Edwardsiella lineate o della medusa ditale Linuche unguiculata. L’eruzione appare in sedi cutanee coperte e di solito punge e prude.

Intossicazione da arsenico

Questo tipo di eruzione cutanea può anche essere causata da un avvelenamento acuto da arsenico e compare 2 settimane dopo l’esposizione.

Eruzione maculopapulare indotta da farmaci

Farmaci come antibiotici, anticonvulsivanti, allopurinolo possono provocare un rash maculopapulare come una delle loro reazioni avverse. Uno studio ha esaminato 50.000 pazienti con eruzioni cutanee indotte da farmaci e nel 91% dei casi queste eruzioni cutanee si presentavano come rash maculopapulare. Si è visto che il rischio aumenta nei pazienti con immunosoppressione, negli anziani e nel sesso femminile.

Il rash maculopapulare è classificato come tipo IV o reazione ritardata mediata da cellule che è causata da ipersensibilità del corpo a un farmaco o al suo metabolita.

Si sospetta che il rash maculopapulare si manifesta dopo una nuova somministrazione del farmaco entro 4-12 giorni. Può essere confermato dopo la sospensione del farmaco in quanto scomparirà dopo un po’ di tempo. Riapparirà una volta che il medicinale che causa la reazione avversa viene ri-somministrato.

Rash maculopapulare indotto da penicillina (amoxicillina, ampicillina)

E’ noto che la maggior parte degli antibiotici può causare eruzioni cutanee come effetto collaterale. Tuttavia, sembra che gli antibiotici a base di penicillina come l’ampicillina e in particolare l’amoxicillina causino un’eruzione più spesso di altri. La penicillina sembra essere il farmaco più comune a cui molti pazienti sono sensibili. Circa il 10% delle persone riporta reazioni allergiche alla penicillina. Si prevede che l’incidenza sia molto più alta.

È noto che l’amoxicillina causa 2 tipi di manifestazioni cutanee: orticaria e rash maculopapulare. I pomfi dell’orticaria sono lesioni rilevate, pruriginose, bianche o rosse che compaiono dopo 1-2 dosi del farmaco, probabilmente a causa di un’allergia alla penicillina. D’altro canto, le macchie più piccole e più chiare comunemente associate a macchie rosse sulla pelle sono i segni dell’eruzione maculopapulare indotta da amoxicillina.

Si sviluppa spesso dai 3 ai 10 giorni dopo l’inizio della terapia con amoxicillina. Le ragazze sono generalmente più sensibili dei ragazzi. Inoltre, i bambini che hanno la mononucleosi e quindi assumono antibiotici possono avere maggiori probabilità di sviluppare l’eruzione cutanea.

Mentre l’orticaria è di solito causata da allergie, non si può stabilire con certezza quale sia la causa dell’eruzione maculopapulare. Se un bambino ha un’eruzione maculopapulare senza segni di orticaria o altri sintomi, non significa necessariamente che sia allergico all’amoxicillina. E’ semplicemente più sensibile all’amoxicillina senza avere una vera allergia.

Se noti che il bambino ha una reazione allergica dopo aver preso amoxicillina, contatta immediatamente il medico, poiché la reazione allergica potrebbe peggiorare. Non somministrare mai un’altra dose di questo farmaco senza parlare con il medico. Chiama il 118 se il bambino ha difficoltà a respirare o mostra segni di gonfiore dopo aver assunto amoxicillina o qualsiasi altro farmaco.

Farmaci anticonvulsivanti 

Diversi farmaci anticonvulsivanti (antiepilettici) tra cui carbamazepina, fenitoina, fosfenitoina, fenobarbital, lamotrigina e acido valproico possono causare eruzioni cutanee come effetti collaterali.

Alcuni gruppi etnici hanno dimostrato di essere particolarmente inclini agli effetti collaterali cutanei dopo l’uso di anticonvulsivanti

Per esempio, i cinesi Han e le diverse popolazioni asiatiche del sud-est che hanno un particolare allele HLA-B hanno maggiori probabilità di sviluppare gravi reazioni allergiche cutanee come la sindrome di Stevens Johnson o la necrolisi epidermica tossica dopo l’uso di anticonvulsivanti. Test genetici di laboratorio per geni particolari prima dell’uso di anticonvulsivanti possono essere utili per identificare i pazienti a rischio.

Rash maculopapulare indotto da allopurinolo

Allopurinolo (Zyloprim, Aloprim) è un farmaco usato per prevenire attacchi di gotta e calcoli renali e tratta anche diverse complicanze della chemioterapia oncologica. Le eruzioni dovute ad allopurinolo possono variare da una lieve irritazione cutanea a una reazione allergica grave. Una forma più leggera di eruzione cutanea può manifestarsi con: arrossamento, prurito o piccoli sfoghi su una piccola superficie del corpo.

Eruzioni cutanee gravi possono innescare un’eruzione cutanea diffusa caratterizzata da desquamazione, orticaria, febbre e dolori articolari. Se si sviluppa un’eruzione cutanea durante il trattamento con allopurinolo, occorre interrompere immediatamente l’assunzione del farmaco e rivolgersi al medico.

Diagnosi di eruzione maculopapulare

Seguire il diagramma diagnostico delle linee guida può essere utile per determinare la vera causa dell’eruzione maculopapulare. Questo guida gli operatori sanitari su come procedere e su cosa fare per fornire al paziente un trattamento adeguato.

Se è presente un’eruzione maculopapulare, la prima e più importante domanda a cui rispondere è se il paziente ha la febbre oppure no.
Se la risposta è sì, occorre determinare se il paziente è malato o no. In quel caso il paziente ha probabilmente eritema multiforme, malattia di Kawasaki, rubeola, dengue, febbre delle Montagne Rocciose o ehrlichiosi.

Se il paziente non sembra malato, è necessario prendere in considerazione il virus Coxsackie, la scarlattina, l’eritema infettivo, la gonorrea, la varicella, l’eruzione indotta da farmaci, il virus Epstein-Barr, la roseola, l’infezione da Mycoplasma, la sifilide secondaria o l’infezione virale.

Se il paziente non ha la febbre, dovrebbe essere determinato se l’eruzione cutanea è localizzata o generalizzata. Se è localizzata su una parte esatta del corpo, l’eruzione maculopapulare può essere causata da dermatite da contatto, scabbia, puntura d’insetto o acrodermatite papulare. Se generalizzata, occorre stabilire se è acuta o cronica. Se è cronica, il paziente può avere: pitiriasi, mollusco contagioso, pityriasis lichenoides, lichen nitidus o orticaria papulare.

Se è acuta, il paziente può avere eritema infettivo, dermatite da contatto, eritema multiforme, pitiriasi rosea, scabbia, roseola, rash indotto da farmaci, psoriasi guttata, puntura d’insetto, rosolia, infezione da Mycoplasma, sifilide secondaria o altre infezioni virali.

Ad eccezione dell’esame fisico, devono essere eseguiti test di laboratorio come: test emocromo completo, test della coltura di pustole, test della sifilide e test del liquido cerebrospinale. In generale, dovrebbe essere condotto anche l’esame di polmone, ENT, genitali, articolazioni e nervi.

Diagnosi differenziale per rash maculopapulare

L’eruzione maculopapulare può essere erroneamente chiamata macula, papula, patch, nodulo, placca, vescicola o pustola. Confusione e intenso mal di testa possono indicare gonococcemia. L’infiammazione delle articolazioni indica la meningococcemia. I problemi respiratori possono essere correlati a faringite o anafilassi. Il drenaggio uretrale purulento può anche essere associato a rash maculopapulare su parti intime del corpo.

Trattamento dell’eruzione maculopapulare

La corretta gestione dell’eruzione maculopapulare dipende dalla malattia, dalla gravità della malattia e anche dall’età del paziente. Esistono diversi metodi che possono essere utilizzati per il sollievo sintomatico dell’eruzione maculopapulare.

Fluidi per via endovenosa e reidratazione orale

I casi lievi di febbre dengue devono essere trattati con liquidi per via endovenosa e reidratazione orale. Tuttavia, i casi gravi richiedono trasfusioni di sangue. Ai pazienti infettati dal virus Epstein-Barr si consiglia di riposare e di aumentare l’assunzione di liquidi.

Antidolorifici

Gli antidolorifici come i FANS (ibuprofene, diclofenac, naprossene, ecc.) possono essere utilizzati per il trattamento del dolore associato ad eruzione cutanea, specialmente nel caso di EBV (Epstein-Barr Virus) come causa dell’eruzione maculopapulare.

Clorochina

Nel caso in cui il virus Chikungunya induca un rash maculopapulare e i test sierologici siano positivi a questo virus, può essere prescritta clorochina. Questo anti-infiammatorio aiuta a mitigare la malattia e i suoi sintomi.

Radiazioni ultraviolette e gamma

Questi 2 trattamenti tipo radiazioni possono essere l’ultima risorsa per i casi più gravi di febbre emorragica di Marburg causati da rash maculopapulare.

- Pubblicità -

per il tuo problema

Scrivimi! Sarò lieto di risponderti (il tuo indirizzo email non sarà pubblicato)

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Per approfondire guarda anche:

#myskinstoriesvideo
Simona è una donna, con un sorriso coinvolgente ed una ironia unica. Simona è una farmacista che si prende cura delle persone, ha sempre una parola gentile per tutti e la battuta pronta. Simona è una mamma, di due preadolescenti scatenati, che segue sempre con attenzione, nei compiti, alle partite di calcio e nel tempo libero (poco!).SImona è una...