12 cose che i tuoi capelli stanno cercando disperatamente di dirti

Pubblicato il :

Specialista in Dermatologia e Venereologia

Aggiornato il:

La tua spazzola è improvvisamente intasata da centinaia dei tuoi preziosi capelli? O forse stai notando che i tuoi capelli, un tempo ramati, sono pieni di ciuffi grigi?
Questi sono spesso cambiamenti innocui e fisiologici (la maggior parte delle persone normalmente perde da 50 a 100 capelli al giorno e caucasici e asiatici tendono a diventare grigi a partire dai 30 anni) ma, a volte, può esserci una causa più preoccupante.

Dalle carenze nutrizionali agli squilibri ormonali, scopri perché i tuoi capelli non sono più belli come prima.

1. Carenza di ferro

Una carenza di ferro non provoca solo affaticamento e vertigini, ma è anche strettamente legata alla caduta dei capelli.
Quando la carenza di ferro sfocia nell’anemia, manda il corpo in modalità di sopravvivenza, incanalando l’ossigeno per supportare le funzioni vitali invece di usarlo per mantenere i capelli in testa!
Coloro che soffrono di perdita di capelli a causa di una carenza di ferro saranno felici di sapere che la caduta può essere efficacemente arrestata trattando tale carenza con una integrazione per bocca.

2. Un deficit di altre vitamine e minerali

Una mancanza di alcuni nutrienti nella dieta può portare ad avere dei capelli poco sani.

Essenzialmente si verifica questo perché i capelli sono un tessuto non essenziale, quindi tali nutrienti vengono dirottati e utilizzati da organi e tessuti più importanti.
Bassi livelli di vitamina C possono portare ad avere capelli poco brillanti, mentre l’ingrigimento precoce suggerisce che potresti avere livelli suboptimali di vitamina B12 e acido folico.
Ma qualsiasi deficienza di vitamine può causare la caduta dei capelli.
Le vitamine A, B, C, D ed E sono tutte importanti per aiutare a mantenere i capelli in buona salute, così come i minerali come il selenio, rame, zinco e magnesio.
Mangiare in modo equilibrato dovrebbe bastare a soddisfare tutti i tuoi bisogni nutrizionali. Si possono usare integratori alimentari di alta qualità se senti di aver bisogno di una spinta nutrizionale in più.
Una cosa da considerare è che potresti non vedere i danni provocati da una dieta poco equilibrata fino alla fine di un tipico ciclo di crescita dei capelli (circa tre anni), anche se puoi star certo che sta causando danni. Quindi, anche quando migliori la tua dieta, sii paziente, i tuoi capelli, a lungo termine, ti ringrazieranno.

3. Non assumi abbastanza grassi buoni

Mentre molte persone rifuggono dai cibi grassi, le fonti di acidi grassi polinsaturi e monoinsaturi sono vitali per la salute dei capelli e della pelle, nonché per la vitalità e la longevità.
Un cuoio capelluto secco o i capelli danneggiati possono spesso segnalare la mancanza di questi grassi alimentari che agiscono mantenendo l’idratazione della pelle e delle cellule dei capelli, mantenendoli elastici e giovani.
I grassi alimentari aiutano anche il tuo corpo ad assorbire le vitamine liposolubili fondamentali (A, D, E e K) che sono importanti per la salute dei capelli.
Assicuratevi quindi di mangiare quotidianamente fonti di grassi essenziali, come pesci grassi, avocado, olio d’oliva, noci e semi.

4. Mancanza di proteine

I capelli sono costituiti da una proteina chiamata cheratina; da ciò si può dedurre come sia fondamentale per sostenere la crescita dei capelli un adeguato apporto proteine.
I capelli che non crescono, o che sono fragili e si rompono facilmente, potrebbero essere il sintomo dellla mancanza di proteine ​​di alta qualità.
Potresti anche notare un certo numero di capelli più corti e sottili, dovuti alla rottura di nuovi capelli che non sono abbastanza forti da resistere al calore e ai trattamenti estetici.
In questi casi potrebbe essere necessario assumere proteine ​​ad ogni pasto.
Buone fonti  proteiche includono: legumi, pesce, carne, uova, noci e semi.

5. Disidratazione

Dato che il nostro corpo è composto da circa il 60-65% di acqua, non sorprende sapere che la disidratazione può farci apparire non al nostro meglio.
Capelli molto deboli e danneggiati possono essere un segno che è necessario introdurre più acqua nel nostro regime alimentare giornaliero.
Mentre i tè alle erbe e l’acqua di cocco sono ottimi per aumentare l’idratazione complessiva del nostro corpo, limitare la quantità di alcol e caffeina è fondamentale in quanto questi possono agire come un diuretico e causare la perdita di acqua.
Ma esattamente di quanta acqua hai bisogno?
L
a vecchia regola “8 bicchieri d’acqua al giorno” non ha alcuna base scientifica. C’è un modo molto più semplice per misurare i livelli di idratazione, controlla il colore della tua urina. Un colore paglierino chiaro è l’ideale.

6. Sindrome dell’ovaio policistico (PCOS)

La Sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) colpisce tra 1 su 10 a 1 su 20 donne in età fertile.
Le donne con PCOS hanno uno squilibrio ormonale che porta a problemi come cisti ovariche, acne, aumento di peso, periodi mestruali irregolari e, in termini di capelli, un aumento della crescita sul viso e sul corpo (irsutismo) e capelli diradati sulla testa .
Se questi sintomi sembrano familiari, consultare il medico per ulteriori test.

7. Problemi alla tiroide

Una tiroide ipoattiva, nota anche come ipotiroidismo, è una condizione in cui la ghiandola tiroide non produce abbastanza ormoni, causando il rallentamento del metabolismo.
L’i
potiroidismo porta all’improvviso aumento di peso, affaticamento e sensazione di freddo.
Questa condizione può anche influenzare i capelli facendoli diventare estremamente fragili o facendoli cadere.
I capelli arruffati, fini e secchi possono anche indicare che la tiroide funziona a livelli subottimali.
Un semplice esame del sangue può determinare se soffri di ipotiroidismo.

8. Gravidanza o menopausa

La gravidanza porta una grande quantità di cambiamenti ormonali nel corpo di una donna. Elevati livelli di estrogeni provocano una maggiore crescita dei capelli portandoli ad essere più spessi, ma possono anche rallentare la naturale caduta dei capelli più vecchi rendendoli crespi.
Le donne incinte possono anche scoprire che le loro ghiandole sebacee accelerano o rallentano la produzione di sebo, facendo sì che i capelli, normalmente lisci, diventino ondulati o che i capelli precedentemente secchi diventino grassi. Per fortuna, questi cambiamenti sono solo temporanei e diminuiranno dopo la nascita.
La menopausa colpisce  invece quasi sempre i capelli, a causa del livello di estrogeno che va a diminuire, mentre contemporaneamente i livelli degli ormoni maschili aumentano.

Questa variazione ormonale può portare ad un diradamento generalizzato dei capelli o ad una recessione dell’attaccatura dei capelli sulle tempie (simile alle prime fasi della calvizie maschile).

9. Stress

Mentre la maggior parte degli scienziati ritiene che l’ingrigimento precoce sia in genere dovuto alla genetica, alcuni ricercatori ora ritengono che gli ormoni prodotti sotto stress possano bloccare il segnale che dice al follicolo di assorbire la melanina, portando ai capelli grigi.
In alcuni casi, lo stress può anche portare alla caduta dei capelli.
Lo stress quotidiano di breve durata non influisce molto sulla caduta, ma uno stress fisiologico significativo che può essere causato da una rigorosa dieta a basso contenuto calorico, una grave malattia, un intervento chirurgico o ad un’insufficiente riposo notturno prolungato nel tempo possono causare uno stress tale sull’organismo da avere ripercussioni anche sulla salute dei capelli.
Lo stress può influenzare anche i capelli in altri modi: consuma le riserve di vitamine e minerali del corpo. Per fortuna, tutti i segni di cattiva salute dei capelli a causa di carenze di minerali possono essere fermati o invertiti affrontando i fattore stressogeni e seguendo una dieta sana.

10. Malattie autoimmuni

Macchie squamose lungo l’attaccatura dei capelli e sul cuoio capelluto possono indicare la psoriasi,una condizione autoimmune comune che si verifica quando il turnover e la crescita delle cellule della pelle viene accelerato. A volte può essere confuso con la forfora, anche se uno shampoo anti-forfora certamente non curerà questa condizione.
La psoriasi si presenta spesso insieme ad altre malattie autoimmuni come il morbo di Crohn, la sclerosi multipla, il lupus e l’artrite reumatoide, quindi è saggio essere vigili se notate una spessa crosta sul cuoio capelluto.
Un altro disturbo autoimmune, l’alopecia areata, causa la caduta dei capelli in chiazze rotonde.

11. Sonno

Il sonno è vitale per consentire al corpo di riparare e rigenerare le sue cellule, comprese le cellule dei capelli.
Non dormire a sufficienza può esacerbare molte delle condizioni che portano ad avere  capelli non sani. Ad esempio, la funzione immunitaria, i livelli ormonali e i livelli di stress sono tutti sbilanciati da livelli inadeguati di sonno.
Inoltre, le persone private del sonno hanno dimostrato di essere più affamate e bramano cibi spazzatura come carboidrati, caramelle e cibi salati, il che significa che quasi certamente mancano vitamine e minerali essenziali.

12. Invecchiamento

In genere, i caucasici iniziano ad avere i primi capelli grigi a metà dei 30 anni, gli asiatici verso la fine dei 30 e gli afro-americani a metà dei 40. Nel momento in cui compiono 50 anni, il 50% di tutte le persone ha una quantità significativa di capelli grigi. Sei considerato grigio prematuramente se i tuoi capelli perdono il loro pigmento all’età di 20 anni se sei bianco o prima dei 30 se sei afro-americano.
Con l’avanzare dell’età, i capelli perdono anche parte dell’elasticità diventando più fragili, mentre i livelli di ormoni che scendono naturalmente possono portare al diradamento o alla  perdita di capelli. Inoltre, le ghiandole sebacee si restringono nel tempo e non producono sebo in modo efficiente portando ad avere capelli eccessivamente secchi.

Redazione di Myskin
Redazione di Myskin
Notizie e aggiornamenti: studi scientifici, tecnologie e dispositivi medici per la rivoluzione digitale in Dermatologia

Scrivimi! Sarò lieto di rispondere alle tue richieste riguardanti l’articolo

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Per approfondire guarda anche:

dermatite seborroicavideo
Oggi vi voglio parlare della terapia farmacologica della Dermatite seborroica, più esattamente della terapia topica, ovvero di tutto ciò che come farmaco può essere applicato sul cuoio capelluto sul volto o sul tronco nel caso in cui un adulto soffre di dermatite seborroica. La mia vuole essere solamente una esemplificazione e non dare delle indicazioni terapeutiche che rimando sempre alla scelta del dermatologo e invito fin da...