Isotretinoina, gravidanza ed esami del sangue: cosa devi sapere

Pubblicato il :

Specialista in Dermatologia e Venereologia

Aggiornato il:

L’Isotretinoina è il principio attivo di diversi farmaci il cui nome commerciale è: Isoriac, Roaccutane, Isotretinoina Difa Cooper, Aisoskin, Isdiben, il cui dosaggio può essere 5 mg, 10 mg oppure 20 mg.

E’ un farmaco indicato per il trattamento dell’Acne. Più esattamente, il farmaco non può essere utilizzato per il trattamento per tutte le forme di Acne ma come indicato in Curare l’acne con Isotretinoina è indicato solo in casi selezionati e mirati.

Così come la sua prescrizione è opportunamente regolamentata dall’AIFA come ho già avuto modo di far presente in Isotretinoina orale per l’Acne: guida alla prescrizione , dove ho riportato le informazioni che sia il dermatologo sia il farmacista devono sempre tener presente quando è necessario prescrivere l’Isotretinoina per l’Acne.

Proprio per questo, l’Isotretinoina non è un farmaco di automedicazione e peggio ancora di auto-prescrizione.
Per intenderci non puoi e non è possibile andare in farmacia per comprarlo senza che prima non ti abbia visitato un dermatologo che abbia confermato l’indicazione al trattamento.

Isotretinoina e gravidanza

Se sei una donna in età fertile e il tuo dermatologo ha consigliato l’isotretionina, saprai benissimo che dovrai attenerti al programma di prevenzione del rischio teratogeno approvato dall’AIFA nel 2005 (GU n.261/05) e pertanto evitare una gravidanza attuando, come indicato dal tuo specialista, il programma di prevenzione della gravidanza.

Ora, se è chiaro cosa fare per prevenire una gravidanza, i problemi nascono nel momento in cui una donna, alla sospensione dell’Isotretinoina, desidera una gravidanza.

Quanto tempo dopo la sospensione dell’Isotretinoina posso avere una gravidanza?

“Il dermatologo mi detto che posso avere una gravidanza sicura 6 mesi dopo la sospensione dell’isotretinoina.!”

“Il dermatologo mi ha detto che dovrò aspettare almeno due anni prima di una gravidanza!”

E’ evidente che si tratta di indicazioni estremamente divergenti.

Vediamo di fare chiarezza.

Ho sottolineato che, durante l’assunzione dell’isotretinoina, dovrai assolutamente evitare la gravidanza per il rischio che il farmaco possa indurre malformazioni fetali.

Proprio per questo anche quando dovrai iniziare ad assumere l’isotretinoina, il dermatologo deve essere certo che la sua paziente non sia già incinta, motivo per cui,

 l’anticoncenzionale deve essere assunto da almeno un mese prima dell’inizio della cura per l’Acne.

La contraccezione deve essere portata avanti durante tutto il periodo di assunzione dell’Isotretinoina ma poi ad un certo punto arriva il giorno in cui il farmaco, risolta l’Acne dovrà essere sospeso.

Sospeso il farmaco cosa succede?

Nel momento in cui si sospende l’assunzione dell’Isotretinoina, la pillola deve essere invece assunta ancora per un mese.

Quindi la pillola contraccettiva deve essere assunta almeno un mese prima e fino ad un mese dopo la sospensione dell’isotretinoina per poi essere sospesa.

A questo punto, sospesa la pillola, così come indicato, è possibile avere una gravidanza, come molte mi chiedono, sicura, nel senso senza aver paura dei possibili effetti collaterali dell’Isotretinoina sul feto.

Durante la cura con Isotretinoina devono essere eseguiti degli esami del sangue?

L’isotretinoina è un farmaco che una volta assunto viene metabolizzato dal fegato e di conseguenza può essere responsabile di alcune disfunzioni epatiche.

Proprio per questo, devono essere eseguite delle indagini per monitorare sistematicamente tale condizione che, preciso fin da subito, non necessariamente si deve sempre verificare. In altre parole, sono in tanti, uomini e donne che durante la cura con Isotretinoina non hanno avuto alcun problema al fegato ma questo non significa che non devono essere eseguiti i controlli del sangue.

esami nel sangue
Gli esami nel sangue vanno eseguiti sia prima che durante il ciclo di cura

Gli esami del sangue da eseguire sono: transaminasi (GOT, GPT, GammaGT) e colesterolo totale, HDL, LDL e Trigliceridi.

Questi esami devono essere seguiti una prima volta prima di iniziare la cura con Isotretinoina, per valutare lo stato di salute generale del paziente, e poi durante il ciclo di cura, ogni tre mesi, a meno che il dermatologo visitando il paziente in cura, non reputi la necessità di eseguirli più frequentemente.

A questo punto durante la cura con Isotretinoina di possono verificare le seguenti condizioni:

quando i valori di funzionalità epatica citati aumentano ma rimangono comunque entro il range di riferimento: si continua con la cura e i valori verranno monitorati nuovamente dopo il prelievo successivo.
Come indicato i valori della transaminasi e/o del colesterolo e Trigliceridi aumentano un pò oltre il limite massimo di riferimento.
Teoricamente, è possibile valutare la fattibilità di rimodulare il dosaggio dell’Isotretinoina, di indagare la presenza di situazioni (vedi sotto) che potrebbero concorrere a determinare una condizione di ipervitaminosi A e quindi correggerla.
Oppure è possibile continuare la cura, monitorando più frequentemente i valori alterati, per definire se, pur tendenzialmente alti, sono stabili oppure continuano a peggiorare.
Nel primo caso la cura può essere teoricamente continuata, nel secondo invece no!
Nel secondo caso l’isotretinoina deve essere sospesa se i valori del fegato sono decisamente oltre i limiti massimi di riferimento.
In particolare quando vi è un aumento incontrollato dei trigliceridi per evitare il rischio di una pancreatite.

Precauzioni durante la cura dell’Acne con Isotretinoina

Infine, ci sono una serie di indicazioni da seguire per evitare possibili effetti collaterali dovuti all’assunzione dell’Isotretinoina:

  • Evitare di assumere antibiotici come le Tetracicline durante l’assunzione dell’Isotretinoina per evitare il rischio di ipertenione endocranica
  • Non assumere integratori a base di Vitamina A o Beta-carotene per evitare l’ipervitaminosi A e di conseguenza l’aumento dei valori del fegato citati sopra
  • Non assumere altri farmaci simili all’Isotretinoina appartenenti alla famiglia dei retinoidi
  • Usare lacrime artificiali se si indossano le lenti a contatto per evitare la secchezza oculare
  • Indossare gli occhiali da sole durante la cura perché l’Isotretinoina è un farmaco fotosensibilizzante
  • Evitare di esporsi al sole senza un’adeguata protezione solare con fattore di protezione molto alta (SPF 50+).
    Personalmente, faccio sospendere l’assunzione dell’Isotretinoina durante l’estate.
  • Non applicare creme esfolianti sul corpo e non usare scrub per evitare irritazioni cutanee
  • Evitare l’attività fisica intensa, a livelli agonistici per intenderci, per evitare affaticamento muscolare e nei casi gravi veri e propri danni muscolari (Rabdomiolisi)
  • Evitare la ceretta per la depilazione perché lo strappo potrebbe causare irritazioni cutanee
  • Evitare la dermoabrasione per il rischio di possibili cicatrici o macchie che potrebbero essere più chiare o più scure rispetto al colore della pelle sana.

Conclusioni

L’isotretinoina è un farmaco eccezionale, alcuni lo considerano come la soluzione, la cura definitiva per l’Acne.

E’ un farmaco che richiede, lo ripeto ancora una volta, la gestione medica da parte del dermatologo e che non può essere assunto con leggerezza, ad esempio per una forma lieve di Acne o peggio ancora per la pelle grassa (iperseborrea).

Infine, ti invito caldamente a consultare sempre il tuo dermatologo di riferimento quando in rete ti imbatti in informazioni sulla salute e nel caso specifico sull’isotretinoina, perché anche quand’anche vere, perché pubblicate sui siti accreditati, non significa che esse siano necessariamente vere anche per te!

Per approfondire guarda anche:

rosacea videovideo
La dr.ssa Osti, Dermatologa di Myskin.it, fornisce indicazioni sulla corretta rasatura della barba se soffrite di rosacea.
Dott. Alessandro Martella
Dott. Alessandro Martellahttps://www.alessandromartella.it/
Laureato in Medicina e Chirurgia e Specializzato in Dermatologia e Venereologia presso l'Università di Modena e Reggio Emilia. Sono autore di oltre 50 lavori scientifici in Dermatologia. Ho conseguito il Master in Giornalismo e Comunicazione Istituzionale della Scienza presso l'università di Ferrara. Faccio parte del Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana Dermatologi Ambulatoriali (AIDA). Ricopro il ruolo di Direttore Responsabile della Rivista DA 2.0

Lascia un commento per chiedere maggiori dettagli o chiarimenti! Nel rispetto della tua privacy ti invitiamo ad evitare la pubblicazione di informazioni sensibili che possono ricondurre alla tua persona e/o al tuo problema.

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome