Il prurito notturno è una condizione comune, generalmente causata da processi corporei naturali, condizioni che irritano la pelle o farmaci.

Diversi rimedi casalinghi, oltre a farmaci da banco e da prescrizione, possono aiutare a ridurre i sintomi.

In rari casi, tuttavia, l’aumento dell’irritazione cutanea di notte può essere un segno di condizioni più gravi, come il cancro o l’insufficienza d’organo.

Cos’è il prurito notturno?

Circa un quarto della popolazione adulta sperimenterà il prurito cutaneo a lungo termine durante la propria vita, che viene chiamato prurito cronico.

Secondo uno studio del 2016, oltre il 90% delle persone con prurito cronico lamentano prurito notturno o aumento del prurito cutaneo di notte.

Nei casi più gravi, il prurito notturno spesso interrompe il sonno e rende difficile un buon riposo durante la notte.

Nel corso del tempo, ciò può avere un impatto negativo sul benessere emotivo, sulle prestazioni sul posto di lavoro e sulla salute generale.

Il prurito può anche causare danni alla pelle e aumentare la probabilità di infezione.

Le cause del prurito notturno

Come molte altre condizioni della pelle, il prurito può aumentare durante la notte.

Il ciclo naturale di determinati ormoni, molecole e sostanze chimiche che si verifica nel corpo durante la notte può anche causare prurito.

In alcuni casi, si avverte maggiormente il prurito durante la notte a causa della mancanza di distrazioni esterne. Ma il prurito notturno può anche essere un segno di condizioni di salute più gravi.

Le cause naturali del prurito notturno includono:

Ritmo circadiano

Il corpo regola gli ormoni e le sostanze chimiche in parte utilizzando un ritmo circadiano, che è il ciclo naturale di 24 ore del corpo.

ritmo-circadiano
Ritmo-circadiano

Il ritmo circadiano causa diverse fluttuazioni o cambiamenti nel nostro corpo che possono esacerbare il prurito durante la notte. Questi includono:

  • aumento dell’afflusso sanguigno alla pelle
  • aumento della temperatura della pelle
  • aumento delle citochine, molecole che coordinano la comunicazione cellulare durante le risposte immunitarie, che possono aumentare l’infiammazione
  • diminuzione dei corticosteroidi, ormoni che aiutano a ridurre l’infiammazione
  • aumento della perdita d’acqua dalla pelle (sudore)

Menopausa e gravidanza

Cambiamenti nel livello dell’estrogeno ormonale possono causare secchezza, prurito o pelle arrossata. Alcune donne in menopausa descrivono la sensazione di sentire come formiche che strisciano sotto la loro pelle.

Altre cause

Altre cause comuni del prurito notturno includono:

  • orticaria
  • punture di insetti, compresi quelli di cimici, pidocchi, mosche o pulci
  • reazioni allergiche a prodotti chimici, coloranti o profumi
  • pelle secca
  • scottature o bruciature
  • varicella
  • stress
  • sudorazione eccessiva
  • tic nervosi
  • farmaci, inclusi antibiotici, antifungini, statine e analgesici oppioidi (narcotici)
detersivo
Anche molti comuni detersivi possono provocare una reazione allergica nell’organismo che si scatena con prurito nelle ore notturne

In rari casi, il prurito notturno può essere un segno di condizioni più gravi o che richiedono un trattamento, come:

  • eczema, una condizione che provoca prurito a lungo termine e un’eruzione cutanea
  • psoriasi, una condizione autoimmune
  • infezioni fungine della pelle, come piede d’atleta (tigna) e infezioni da ossiuri
  • condizioni tiroidee, in particolare ipertiroidismo
  • melanoma
  • altri tumori, in particolare, tumori del sistema immunitario e delle cellule del sangue, come linfoma e leucemia
  • condizioni che influenzano il sistema nervoso, come il diabete, l’herpes zoster e la sclerosi multipla (SM)
  • HIV
  • insufficienza renale o epatica
  • anemia da carenza di ferro
  • grave depressione o ansia

Rimedi casalinghi

Esistono diversi semplici metodi per ridurre il prurito notturno senza l’uso di farmaci.

Ecco alcuni consigli per ridurre il prurito durante la notte:

  • fare il bagno in acqua fresca o tiepida prima di andare a letto, usando solo saponi idratanti senza profumo, bicarbonato di sodio o farina d’avena colloidale.
  • applicare idratanti a base di glicerina, senza olio e senza alcol prima di andare a dormire
  • usare unguenti naturali e creme con vitamina E e aloe vera
umidificatore
Accendere un umidificatore in camera da letto può aiutare ad alleviare il prurito notturno soprattutto nei casi di pelle secca
  • accendere un umidificatore in camera da letto per inumidire l’aria
  • applicare un impacco fresco, come un panno freddo e umido, sulla pelle prima di coricarsi
  • utilizzare un ventilatore per creare il flusso d’aria e il rumore di fondo come fonte di distrazione mentale
  • indossare guanti o muffole per evitare graffi, che possono peggiorare i sintomi
  • usare registrazioni o tecniche di meditazione quando ci si addormenta.
  • praticare tecniche di rilassamento, come la visualizzazione, prima di andare a letto
Ridurre lo stress è importante per ridurre i sintomi
Ridurre lo stress mediante pratiche di rilassamento è importante per ridurre i sintomi del prurito
  • tagliare le unghie per ridurre le possibilità di irritare ulteriormente la pelle grattandosi
  • indossare abiti larghi per consentire alla pelle di respirare
  • tenere fuori animali domestici dalla camera da letto
  • controllare la camera da letto per eventuali segni di cimici o altre infestazioni di insetti, tra cui pulci o formiche
  • bere una tisana a base di camomilla o menta piperita, prima di andare a letto
  • versare da 2 a 3 gocce di un olio essenziale rilassante, come la lavanda, sul cuscino prima di coricarsi.

Prevenzione

Semplici cambiamenti nello stile di vita può aiutare a ridurre il rischio di prurito notturno.

I modi per prevenire il prurito notturno includono:

  • rimanere idratati per ridurre la pelle secca
  • evitare saune e bagni o docce lunghi e caldi prima di andare a dormire per prevenire l’aumento della temperatura corporea e la perdita di umidità
  • indossare indumenti realizzati con fibre naturali, come il cotone
  • evitare cosmetici profumati o colorati, detergenti o trattamenti di bellezza prima di andare a dormire
lenzuola
Cambiare la biancheria del letto frequentemente scongiura la presenza di pulci o parassiti
  • evitare sostanze come la caffeina e l’alcol che possono aumentare l’afflusso di sangue alla pelle
  • mantenere la camera da letto fresca, o inferiore a 21°C, e assicurarsi che ci sia abbondante flusso d’aria
  • cercare di non fare attività che aumentano la temperatura corporea e il flusso di sangue alla pelle prima di coricarsi
  • cambiare la biancheria del letto regolarmente, almeno una volta a settimana
  • trattare tutti gli animali domestici che escono all’aperto con farmaci approvati dai veterinari per parassiti come pulci, zecche e tigna

Trattamento

Ci sono anche farmaci da banco o prescrivibili che possono aiutare a trattare i sintomi esistenti e impedire loro di ripresentarsi. I farmaci da banco usati per trattare e prevenire il prurito notturno includono:

  • Creme a base di corticosteroidi, come la crema di idrocortisone, che può aiutare a ridurre l’infiammazione. Cerca prodotti con un principio attivo compreso tra 1 e 2,5%.
  • Antistaminici, che possono aiutare a ridurre l’infiammazione. Questi includono difenidramina, fexofenadina e cetirizina.
  • Integratori che favoriscono il sonno, come la melatonina, un ormone naturale prodotto solo di notte.

I farmaci prescrivibili usati per trattare il prurito notturno includono:

  • Creme o pillole a base di corticosteroidi, che sono molto più potenti dei farmaci da banco e possono aiutare a ridurre il prurito causato dall’infiammazione della pelle.
  • Gli antidepressivi, come doxepin e mirtazapina  possono aiutare a ridurre il prurito causato dalla depressione e dall’ansia.
  • Gli immunosoppressori, come gli inibitori topici della calcineurina, possono aiutare a ridurre l’infiammazione.
  • Fototerapia, che utilizza lunghezze d’onda UVB per aiutare a ridurre la risposta immunitaria della pelle e ridurre l’infiammazione.
  • Gabapentin e pregabalin, che possono aiutare a curare l’insonnia e ridurre l’ansia.
  • Alcuni oppioidi, che possono aiutare a curare l’insonnia e ridurre la sensazione di prurito.
  • Terapia ormonale sostitutiva, in particolare farmaci a base di estrogeni, che possono aiutare a ridurre la secchezza cutanea e il prurito.

I casi cronici o di lunga durata di prurito notturno dovrebbero essere valutati da un dermatologo, in particolare quelli non correlati a condizioni di salute preesistenti.

Un dermatologo dovrebbe anche essere consultato ogni volta che il prurito notturno diventa fastidioso o interferisce con le attività quotidiane.

Consigliamo di rivolgersi ad un dermatologo quando è presente:

  • prurito improvviso e inspiegabile che dura per più di 2 settimane
  • prurito notturno che non migliora con l’uso di rimedi casalinghi o cambiamenti dello stile di vita
  • prurito che interferisce con la qualità del sonno
  • prurito che colpisce tutto il corpo
  • prurito accompagnato da altri sintomi, come cambiamenti della pelle, febbre, stanchezza o perdita di peso

Se anche tu soffri di prurito notturno o hai dubbi o domande, lasciaci un commento nel box qui sotto!

Consulto online

Risposta entro 5 ore

LASCIA UN COMMENTO!
Nel rispetto della tua privacy ti invitiamo ad evitare la pubblicazione di informazioni sensibili che possono ricondurre alla tua persona e/o al tuo problema.
Per chiedere un parere personale e riservato ti segnaliamo il CONSULTO ONLINE CON IL DERMATOLOGO.

Inserisci un tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome